Imprevisti Digitali

Film 2020 | Drammatico, 106 min.

Regia di Benoît Delépine, Gustave Kervern. Un film Da vedere 2020 con Blanche Gardin, Denis Podalydès, Corinne Masiero, Vincent Lacoste, Benoît Poelvoorde. Cast completo Titolo originale: Effacer l'Historique. Titolo internazionale: Delete History. Genere Drammatico, - Francia, 2020, durata 106 minuti. Uscita cinema giovedì 15 ottobre 2020 distribuito da Officine Ubu. Oggi tra i film al cinema in 38 sale cinematografiche - MYmonetro 3,29 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Imprevisti Digitali tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Nei guai per via della loro inettitudine con le nuove tecnologie, tre vicini di casa si lanceranno in una disperata battaglia contro i giganti di internet. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, In Italia al Box Office Imprevisti Digitali ha incassato 19,5 mila euro .

Consigliato sì!
3,29/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,07
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una piacevole commedia in cui ognuno può riconoscersi, e può ridere di sè e della propria quotidianità.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 25 febbraio 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 25 febbraio 2020

In un quartiere periferico seguiamo le vicende di tre vicini di casa alle prese con il mondo dei social media. Marie, che vive da sola dopo che il figlio adolescente è andato a vivere con l'ex marito, si trova coinvolta nel tentativo di far cancellare dalla rete un video che la riprende in attività sessuale. Bertrand, che non sa resistere alle chiamate di una certa Miranda che chiama da un call center, al contempo cerca di proteggere la figlia che è vittima di cyberbullismo. Christine, che ha perso il lavoro a causa della sua dipendenza dalle serie tv, si è messa ora nel giro del trasporto Uber ma ritiene che la valutazione che le viene attribuita sia nettamente inferiore alla qualità delle sue prestazioni come autista. Da soli hanno poca speranza di ottenere risultati positivi. Ma se si coalizzassero?

La sinossi potrebbe dare l'impressione che questo film, frutto della coppia Delépine-Kerven, sia una sorta di film drammatico apocalittico dove gli individui in lotta contro le multinazionali della comunicazione mettono in atto terribili vendette. Non è così.

Siamo dinanzi a una piacevolissima commedia in cui ognuno, almeno in parte, può riconoscersi nella propria quotidianità. I due registi/sceneggiatori hanno di fatto portato alle estreme (e ahimè reali) conseguenze una situazione che avevano proposto nel loro Mammuth. Là un Depardieu in età di pensionamento cercava di ricostruire le contribuzioni versate dalla diverse realtà aziendali presso cui aveva lavorato in età giovanile.

Giunto in una di queste ditte si sentiva rispondere da un addetto che per ottenere soddisfazione ai propri quesiti doveva "andare sul sito". La replica di Depardieu era: "Ma io ci sono sul sito". La virtualità (eravamo nel 2010) iniziava già a contare più della presenza fisica. I tre protagonisti di un decennio dopo si ritrovano a lottare contro mulini a vento la cui collocazione reale è quasi ipotetica e comunque molto lontana e (quasi) irraggiungibile.

Quanto è difficile far cancellare un video per il quale si è stati ricattati e c'è 'qualcuno' a cui potersi rivolgere? La persona la cui voce ti ha affascinato e che ti chiama ogni giorno sarà mai fisicamente incontrabile? Perché le valutazioni che ricevi in rete contrastano con la consapevolezza della tua buona condotta lavorativa mentre sei consapevole che ci sono organizzazioni che influenzano a pagamento i giudizi? (In "Bacio feroce" ad esempio Roberto Saviano spiega come la camorra possa far salire o scendere le valutazioni di un esercizio pubblico).

Se chi legge conosce la serie Black Mirror sa che in quella sede si è preso in considerazione il presente e si è andati un passo in là. A Delèpine e Kerven questo non è necessario: gli basta guardarsi intorno nell'attualità già più sufficientemente assuefatta e seguire con affetto i loro personaggi per farci ridere. Talvolta di loro ma spesso anche di noi stessi rendendoci con quel riso un pochino più consapevoli di vivere in un davvero pazzo mondo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 16 ottobre 2020
Sara Del Corona
Marie Claire

La dipendenza da notifiche, lo spettro del ricatto sessuale, l'ansia dei like, le insidie dei bulli sui social, gli acquisti online con pacchi che girano il mondo e ritorno, le cose fotografate prima ancora di essere state viste... Siamo tutti sulla stessa barca che va a mille giga all'ora, e l'unica cosa da fare sarebbe allontanarci un po', iniziare a guardare e giocare a chi comincia a ridere prima. [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2020
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Un gruppo di villette simula un benessere da middle-class. Invece ci si imbatte nella povertà di tre quarantenni d'aspetto trasandato e del tutto inetti. Dapprima è Marie (Blanche Gardin), che abbandonata dal marito e dal figlio, senza un'esperienza lavorativa, campa vendendo quel che resta dei mobili di casa, bevendo dove capita, servendosi di notte nel frigorifero dell'ex marito.

domenica 18 ottobre 2020
Francesco Bernardini
Avvenire

Ci sono film che sembrano paradossali, per l'assurdo che mettono in scena, ma che in realtà raccontano di noi, e dei tempi che viviamo, molto di più di quanto pensiamo. È il caso del francese «Imprevisti digitali», presentato con successo all'ultimo Festival di Berlino. Tre vicini di casa nella periferia di Arras si ritrovano a essere in qualche modo «vittime della Rete» loro malgrado.

sabato 17 ottobre 2020
Nicolò Barretta
La Voce di Mantova

In un quartiere della provincia francese, si intersecano le vicende di tre vicini di mezza età alle prese con la tecnologia che incide massicciamente sulle loro esistenze. Tra social media, sex tape, serie televisive e intelligenze artificiali ingannevoli, il confine tra realtà e mondo virtuale si fa sempre più sottil e rischia di condurre i personaggi sull'orlo di una crisi di nervi.

venerdì 16 ottobre 2020
Nicola Falcinella
La Provincia di Como

I francesi Benoit Delépine e Gustave Kervern sono una coppia di registi che dal 2004, con il loro esordio "Aaltra", si è fatta conoscere per una serie di commedie eccentriche e surreali, delle quali solo alcune ("Louise-Michel" o "Mammuth") sono uscite in Italia. Ora arriva, dopo aver vinto l'Orso d'argento al Festival di Berlino dello scorso febbraio, "Imprevisti digitali" che traduce il più preciso [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2020
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Cosa succede se tre vittime della tecnologia e del suo cattivo uso si uniscono e reagiscono in un modo quasi luddistico? Lo mostra «Imprevisti digitali» dei francesi Benoit Delépine e Gustave Kervern, premiato con l'Orso d'argento al Festival di Berlino dello scorso febbraio. Il titolo adatta il più preciso originale «Effacer l'historique», letteralmente «cancellare la cronologia», riferito alla memoria [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2020
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Al centro di «Imprevisti digitali», Orso d'Argento alla Berlinale 2020, ci sono tre vicini di casa di un'anonima periferia francese che, per motivi diversi, sono vittime dei social media. Marie è una quarantenne svampita, ricattata per un video hard girato a sua insaputa durante una nottata ad alto tasso alcolico; Bertrand un vedovo indebitato fino al collo per gli acquisti compulsivi che effettua [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2020
Luc Chessel
Libération

Anche se parla quasi esclusivamente di cloud, smartphone, intelligenza artificiale, sextape, hotline e data center, il film è realizzato in 16 millimetri, scritto e recitato in "bassa definizione". Una forma di resistenza a tutto ciò che è alta definizione, alta (e falsa) fedeltà, tutto ciò che è alto, che ci arriva dall'alto. Imprevisti digitali è una commedia, ma è anche un film a suo modo duro e [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2020
Alessandro Lanfranchi
Cineforum

Non è sempre facile trattare al cinema il tema della comunicazione digitale e dei possibili danni collaterali di internet. Molti autori ci hanno provato: da The Social Network di Fincher a Pulse di Kiyoshi Kurosawa passando per Lo and Behold di Herzog e Disconnect di Rubin, il tentativo è sempre stato quello di analizzare una delle caratteristiche del mondo del web provando a coglierne gli aspetti [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2020
Eugenio Arcidiacono
Famiglia Cristiana

Chi non è mai andato nel panico più totale perché, mentre ha fretta, non riesce a ricordare una delle decine di password che usa? Oppure è rimasto anche ore attaccato al telefono ad ascoltare una musichetta irritante interrotta da una voce registrata ancora più insopportabile che continua a ripetere ci scusiamo per il protrarsi dell'attesa? Per questo è impossibile non solidarizzare con i tre vicini [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2020
Stefano Giani
Il Giornale

Una commedia in cui si troverà a immedesimarsi chi non è particolarmente pratico di nuove tecnologie. Una donna cerca di cancellare un video erotico compromettente. Un uomo si innamora di una donna di un call center, ma senza averla mai vista. Una autista di Uber vorrebbe aumentare le stellette di gradimento. La quotidianità portata, con simpatia, sullo schermo.

giovedì 15 ottobre 2020
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Sulla qualità del cinema di Benoit Délepine e Gustave Kervern non c' è consenso. La comicità sottoproletaria e un po' punk della coppia belga inebria gli uni e fa storcere il naso agli altri, chi li considera radicali da un lato e chi invece li trova cinici, per non dire opportunisti. In queste pagine, abbiamo elogiato il loro Touise-Michel (2008), in cui Yolande Moreau (Louise) e Bouli Lanners (Michel) [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2020
Giulia Bianconi
Il Tempo

Oggi la vita digitale sembra essere diventata più importante di quella reale. Ne sanno qualcosa tre amici e vicini di casa di un sobborgo francese. Marie ha paura di perdere il rispetto di suo figlio a causa di un sex tape finito su internet, Bertrand si invaghisce della voce di una centralinista e cerca di proteggere la figlia dal cyberbullismo e, infine, Christine, che ha perso il marito a causa [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 ottobre 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Tre vicini di casa di un sobborgo francese partono lancia in resta, come dei nuovi Don Chisciotte, contro lo strapotere di Internet. Uno è innamorato della voce di un call center, un'altra, che abbocca a ogni fake news e beve un po' troppo, vuole far togliere dal web un video porno che la vede protagonista, la terza (succube di serie tv) ha una figlia vittima di cyberbulli.

giovedì 15 ottobre 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

In un'epoca che magnifica al massimo le nuove tecnologie, un film come Imprevisti digitali, che delle nuove tecnologie mostra ironicamente le derive più perverse, potrebbe apparire in controtendenza, ma non è così. Pur se smartworking e altro si sono dimostrati di fondamentale aiuto, nell'emergenza Covid non abbiamo forse riscoperto l'importanza del fattore umano e del contatto ravvicinato? Che è proprio [...] Vai alla recensione »

martedì 13 ottobre 2020
Alberto Pezzotta
Film TV

No, non è una commediola francese di equivoci sentimentali. Molto meglio il titolo originale, Effacer l'historique - "Cancellare la cronologia" - ma poi chi andava a vederlo? È un film che parla di video di gattini. Cyberbulli. Pacchi tracciabili. Compravendita dei like. Mercato dell'usato su internet. Call center. Numeri verdi a pagamento. Sextortion.

lunedì 12 ottobre 2020
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

"Porca vacca è morta Kim Kardashian". "Non è vero, è una fake". Benvenuti in uno dei film più dissacranti e divertenti dell'anno. S'intitola Imprevisti digitali, anche se in originale fa Effacer l'historique, ovvero dare una pulitina alla cronologia del pc, ed è diretto dai francesi Benoit Delepine e Gustave Kervern. Una coppia di comici satirici irriverenti che ha costruito negli ultimi vent'anni [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Simone Soranna
Duels.it

Tradotto letteralmente dal francese, Effacer l'historique significa cancellare la storia. Eppure, il titolo del film non si riferisce tanto alla Storia studiata sui banchi di scuola, quanto alla cronologia delle nostre ricerche online. Il nuovo lavoro della scanzonata coppia di registi formata da Gustave Kervern e Benoît Delépine racconta infatti le tragicomiche avventure di tre amici di mezza età [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Raffaele Meale
Quinlan

In un sobborgo di provincia, tre vicini vengono a patti con le conseguenze del nuovo mondo dei social media. Marie, che vive dell'assegno di famiglia di suo marito, ha paura di perdere il rispetto di suo figlio a causa di un sex tape registrato a sua insaputa. Bertrand non riesce dire di no alle telefonate pubblicitarie e sta lottando per proteggere sua figlia, vittima di bullismo online.

martedì 25 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Tre personaggi vittime di social media: c'è chi ha sempre il cellulare in mano, chi non riesce a evitare le telefonate commerciali, chi è dipendente delle serie tv. In due ore la surreale, frenetica scrittura di chi, attraverso una specie di isterismo comico, spinge al massimo della demenzialità il paradigma della persona ingabbiata dalla civiltà contemporanea, come se in Ken Loach fosse esplosa l'idea [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Luca Pacilio
Film TV

Le storie di tre adulti - abitanti dello stesso sobborgo,nella provincia francese - le cui radici culturali sono affondate nell'era analogica e che si scoprono vittime di new technology, internet e reti sociali: districandosi tra paradossi e contraddizioni dei media contemporanei, alla fine si ribelleranno (come possono) al loro perverso, invisibile controllo.

martedì 25 febbraio 2020
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Sulla comicità sottoproletaria e un po' punk Benoit Délepine e Gustave Kervern non c'è consenso tra chi li considera radicali e chi invece li trova cinici. Ma nessuno spirito anarchico è rimasto indifferente al loro Louise -Michel (2008) in cui Yolande Moreau (Louise) e Bouli Lanners (Michel) s'imbarcavano in un'avventura picaresca col nobile intento di ammazzare un padrone.

martedì 25 febbraio 2020
Simone Porrovecchio
La Rivista del Cinematografo

Il film francese nella competizione della Berlinale Effacer l'historique (Cancella la cronologia) funzionerebbe anche col titolo Tre francesi in lotta contro le insidie di Internet. Una città di provincia da qualche parte nel nord della Francia, case a schiera come da catalogo, e persone che combattono contro le insidie della vita digitale quotidiana.

martedì 25 febbraio 2020
Matteo Galli
Close-Up

Più o meno a metà di un concorso fin qui non esattamente entusiasmante e soprattutto sorprendentemente poco politico, fatto piuttosto strano per la Berlinale (ma chissà, magari è proprio questo lo Chatrian touch?), arriva forse il film più politico di tutti. Curioso è il fatto che il film più politico sia un film esageratamente comico che come tutti i film comici non potrà fare a meno di polarizzare [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 febbraio 2020
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

I protagonisti dei film della coppia Delépine e Kervern sono sempre delle figure rimaste indietro rispetto agli altri. Poco rispettate, con una situazione difficile alle spalle, ma con una voglia di fuga e di riscatto. In Effacer l'historique ci sono tre personaggi dipendenti, praticamente ricattati, dai social media. Marie ha sempre il telefono in mano e ha paura di perdere il rispetto del figlio [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 9 ottobre 2020
 

Travolti dalle conseguenze di alcune loro azioni sulla rete, tre vicini di casa decidono di farsi giustizia da soli. Premiato alla Berlinale e dal 15 ottobre al cinema. Guarda l'inizio »

TRAILER
martedì 22 settembre 2020
 

Sconfitti dalle nuove tecnologie, tre vicini di casa si lanciano in una battaglia contro i giganti del web. Dal 15 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
lunedì 7 settembre 2020
 

Il racconto dei media da chi ne è stato vittima. Vai all'articolo »

NEWS
martedì 3 marzo 2020
 

La nuova commedia della coppia di registi è stata premiata con l’Orso d’argento alla 70esima edizione della Berlinale. Vai all'articolo »

BERLINALE
martedì 25 febbraio 2020
Giancarlo Zappoli

La coppia Delépine e Kerven firma un film in cui ognuno può riconoscere la propria quotidianità. Presentato alla Berlinale. Vai all'articolo »

winner
orso d'argento
Festival di Berlino
2020
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati