Qualcosa di meraviglioso

Film 2019 | Biografico, Commedia, Drammatico +13 107 min.

Regia di Pierre-François Martin-Laval. Un film Da vedere 2019 con Isabelle Nanty, Gérard Depardieu, Ahmed Assad, Mizanur Rahaman, Sarah Touffic Othman-Schmitt. Cast completo Titolo originale: Fahim. Genere Biografico, Commedia, Drammatico - Francia, 2019, durata 107 minuti. Uscita cinema giovedì 5 dicembre 2019 distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,93 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Qualcosa di meraviglioso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Costretto a fuggire dal Bangladesh, il prodigio di otto anni di scacchi Fahim arriva a Parigi con suo padre; essendo loro rifiutato l'asilo, come immigrati clandestini cadranno sempre più in basso. In Italia al Box Office Qualcosa di meraviglioso ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 181 mila euro e 79,3 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,93/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,86
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una storia vera e toccante su un tema che riguarda tutti, con un Depardieu perfettamente in parte.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 11 novembre 2019
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 11 novembre 2019

Nel maggio del 2011, Nura Mohammad lascia il Bangladesh con suo figlio in cerca di stabilità e speranza. Dietro di lui il resto della famiglia, davanti Fahim, 8 anni e un talento per gli scacchi. Padre premuroso e protettivo, Nura omette al figlio le violenze che agitano il loro paese e giustifica la loro partenza con la promessa di fargli incontrare in occidente un grande maestro di scacchi. Ma arrivati in Francia le cose non sono così semplici. A semplificare la partita e l'amministrazione francese ci pensa il vecchio Sylvain Charpentier, campione di scacchi di grande mole e saggezza. Accolto nella sua aula, Fahim imparerà rapidamente le regole del gioco e della vita.

Sette anni fa, la storia di Fahim Mohammad fece grande scalpore. Nel 2012, un ragazzino di dodici anni senza permesso di soggiorno divenne campione di Francia di scacchi under diciotto. Interrogato sulla precarietà amministrativa del giovane campione di origine bengalese, François Fillon, Primo ministro dell'epoca, conciliò il senso proprio e lo spirito della regola, accelerando la sua regolarizzazione e quella della sua famiglia.

Toccato dalla sua storia, Pierre-François Martin Laval cambia registro e firma un feel good movie su un soggetto politico, offrendo una riflessione sulla condizione disperata dei migranti, sul coraggio e l'abnegazione di cui danno prova tra esilio e adattamento al paese di accoglienza. Ma Qualcosa di meraviglioso è anche un film sulle virtù pedagogiche e universali del gioco degli scacchi, sul cameratismo rispettoso e lo spirito, di gruppo e di competizione, di una squadra di ragazzini.

Malgrado la mancanza di messa in prospettiva e l'arrotondamento degli 'spigoli', le implicazioni politiche cedono il passo alla lezione di speranza, il film non spinge mai sul pathos e sul miserabilismo. Il regista preferisce concentrarsi sull'aspetto umanistico di questa odissea con una dose misurata di buoni sentimenti e di leggerezza, Miracolosamente in equilibrio tra dramma e commedia, il risultato è un film delicato sulla difficoltà di sognare un domani migliore per sé e i propri cari. La sua forza sta nella trascrizione di una storia vera di cui osserviamo tutta la durezza: l'esilio, la complessità del sistema burocratico francese, la barriera della lingua, la separazione familiare.

Se il registro è drammatico, la sceneggiatura resta ottimista e dimostra fino a che punto possiamo provocare il destino. Un destino che qualche volta si gioca su una scacchiera. La constatazione è amara ma compensata nel film dalle relazioni umane al centro del racconto. La messa in scena accentua l'aspetto 'favolisitico' della vicenda ma è proprio il côté favola a toccare da vicino lo spettatore, a vincerne la diffidenza, a ricordargli che al di là della sua sicura vita occidentale, ci sono persone che rischiano ogni giorno la propria battendosi e rimanendo fiduciosi nel prossimo.

L'emozione che suscita il film non fa dimenticare la questione a cui si aggrappa: come leggere le leggi che regolano l'esilio e il diritto d'asilo? Dovremmo davvero interpretarle alla lettera ed espellere un bambino e suo padre? Il club degli scacchi di Sylvain Charpentier, Xavier Parmentier nella vita vera, diventa per Fahim un vero e proprio rifugio e il cuore autentico del film contro l'autenticità di facciata dell'esordio. Il 'suo meglio' si rintraccia nelle sequenze in Francia con Gérard Depardieu, maître di scacchi di finezza assoluta, 'giocato' su una corda tesa. Come se l'attore traesse una forza nuova dal confronto col giovane Assad Ahmed, che interpreta Fahim con un mélange di candore e naturalezza. Insegnante di scacchi che ha mancato il suo appuntamento con la gloria, il personaggio gli sta come un guanto perché il percorso di Depardieu esprime da sempre l'impossibilità di essere una star che fa sognare.

A immagine di Sylvain Charpentier, l'attore non smette di battersi con se stesso, coi suoi incubi, le sue tragedie e con tutto quello che gli è insopportabile. Tra i meriti di Pierre-François Martin Laval c'è quello di averlo scelto, di aver arruolato il corpo bulimico di un esploratore che sa che il mondo è finito ma può essere ancora vissuto. Un surplus di corpo che ha un supplemento d'anima. È lui il 'pezzo pesante' di una scacchiera che trema sotto i suoi colpi. Colpi di pugno che volgono in colpi di cuore. E il 'metodo Depardieu' vale da solo una stella.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 15 dicembre 2019
enzo70

Tra le tante storie di disperazione di chi cerca in Europa la salvezza da una vita nata male ci sono alcune che trovano la strada giusta. Il film è tratto da una storia vera, quella di Fahim e del padre fuggiti dal Bangladesh per arrivare in Francia. Fahim ha otto anni ed una grande passione, nella quale eccelle, il gioco degli scacchi. E l’incontro con un ex campione, interpretato dal [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 dicembre 2019
GENS UNA SUMUS

Film veramente ben fatto. L'interpretazione di Depardieu a dir poco grandiosa, magistrale.Nel film interpreta un mio amico, abbiamo fatto l'Accademia per Istruttori della Federazione Scacchistica Mondiale di Berlino insieme e ci siamo diplomati entrambi il primo Marzo 2006.Il colpo di scena finale del tutto inaspettato, condizione necessaria e sufficiente per poter considerare questo film fra i piu' [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 dicembre 2019
Emanuele 1968

2.5 bello però avevo altre aspettative, mi ricordava un pò il viaggio di yao

venerdì 6 dicembre 2019
cosimotralcio

Una storia vera che merita di essere ammirata

venerdì 6 dicembre 2019
gia6600

...un ottimo film, entusiasmante e, a tratti, commovente! andate a vederlo e portate i vs/ ragazzi….

FOCUS
FOCUS
mercoledì 4 dicembre 2019
Giovanni Bogani

Dimenticate le inquadrature leziose, i movimenti di macchina che ti lasciano a bocca aperta, le composizioni glamour dell’inquadratura. Qui ci sono volti, a volte corpi – il corpo massiccio di Gerard Depardieu, quelli esili dei ragazzini –, ci sono parole, ci sono speranze e delusioni, c’è la storia di un posto nel mondo conquistato con ostinazione, tenacia, spesso con disperazione. Ci sono gli occhi, gli occhi di Ahmed Assad, il ragazzino che interpreta Mohammad Fahim, promessa degli scacchi e sans papiers, clandestino venuto dal Bangladesh, in bilico fra diventare un campione oppure una vita in caduta libera, una vita abbandonata in un angolo, in una bidonville, un orfanotrofio, uno sbando esistenziale.
 

Qualcosa di meraviglioso (guarda la video recensione) può sembrare, in prima battuta, un film sugli scacchi. Su un bambino che sa giocare bene, e che arriva dal Bangladesh con il padre per incontrare un Grande maestro, per imparare, per provare a vincere. Ma capisci presto che è soprattutto la storia di uno che viene da un altro mondo, e prova disperatamente a trovare un posto in un Occidente dove è facile trasformarsi in un nulla, essere ricacciato fra gli Invisibili. O peggio.

È un film di verità, e di umanità. La verità dello sguardo di Ahmed Assad, che quando ha girato il film era in Francia solo da sei mesi. Ha imparato il francese un giorno dopo l’altro, proprio come lo imparava il suo personaggio. Lo vedi, che viene da un altro mondo: lo vedi anche nel modo in cui riesce a recitare con Depardieu, che interpreta – magistralmente – un maestro di scacchi vinto, trasandato, con inclinazioni al rimpianto, alla rabbia e alla malinconia. Ahmed riesce a recitare tenendogli testa, senza nessun timore, senza probabilmente pensare neppure per un attimo di essere di fronte a un monumento del cinema francese; tant mieux. 

Gli sguardi sono anche quelli di Isabelle Nanty, non famosissima da noi – era nel Favoloso mondo di Amélie, ma ha anche una sessantina di film all’attivo, e una intensa attività teatrale – che interpreta con partecipe attenzione il ruolo della direttrice/factotum di una scuola di scacchi che sembra, più che altro, una scuola di nerd e ragazzini fragili, ma come vorremmo che fossero i nostri figli, generosi e imperfetti. Ci sono momenti in cui sembra di vedere un film di Ken Loach, con Isabelle Nanty che guida il pulmino della sua piccola Armata Brancaleone di scacchisti fragili verso il torneo. C’è, come nei film di Loach – che stanno, beninteso, in un altro cerchio del Paradiso del cinema – la stessa sensazione che il gruppo, oggi come ieri, può dare forza alle singole vite; la sensazione che da quelli lasciati ai margini del vivere puoi sperare un aiuto; e che solo scintille di umanità e di solidarietà possono impedire a certe vite di perdersi. 

Può perdersi Fahim. Può perdersi suo padre, interpretato da Mizanur Rahaman con composta dignità. Un padre che cerca di portare via il figlio da un Bangladesh turbolento, di scontri e di violenze, per approdare in una Francia che non li accoglie certo a braccia aperte. Il dramma del Bangladesh, in realtà, è solo accennato nella prima parte del film; poi entriamo in scorci di vita quotidiana che ricordano altri interni bengalesi – ma sul versante indiano: quelli della “Trilogia di Apu”, i film sul ragazzino Apu realizzati negli anni ’50 da Satyajit Ray, il più grande regista indiano. Celebrato e amatissimo in Francia; e dunque non è improbabile che il regista di Qualcosa di meraviglioso, Pierre-François Martin-Laval, ne abbia subito la suggestione. 

C’è anche un’altra suggestione, o almeno sembrerebbe bello vederla, nel racconto di Fahim che non ha mai visto il mare: c’è un altro ragazzino che non ha mai visto il mare, nel cinema francese. L’Antoine dei “400 colpi” di François Truffaut. Due vite giovani e inquiete. Alla fine degli anni ’50 con i genitori distanti, che vogliono liberarsi di lui. Oggi, con una madre in Bangladesh e un padre in Francia, che non riescono a tenerlo vicino a sé; c’è sempre un pulmino a portarlo via, e lui con la faccia spiaccicata sul vetro a cercare di ricomporre quello strappo. 

In altri momenti, invece, nelle peregrinazioni di un padre e di un figlio senza lavoro, senza casa, sul filo della precarietà e della miseria, sembra di vedere il padre e il figlio di Alla ricerca della felicità di Gabriele Muccino. Lì Will Smith vendeva improbabili scatoloni per fare diagnosi mediche; qui il padre deve accontentarsi di orridi souvenir della Tour Eiffel da cercare di smerciare ai turisti. 

FOCUS
martedì 26 novembre 2019
Paola Casella

Che cosa rende il mondo degli scacchi tanto affascinante? E perché il cinema se ne è interessato più volte, facendo degli scacchi un elemento ricorrente, qualche volta di sfondo, qualche volta centro della narrazione? Infine: come mai il gioco degli scacchi è stato spesso raccontato partendo dai giocatori più giovani, come accade nel film francese Qualcosa di meraviglioso (guarda la video recensione), che vede protagonisti un prodigio scacchistico under -12, il suo insegnante e il suo circolo di coetanei?

Cominciamo dall’ultima domanda: gli scacchi sono considerati un gioco educativo per eccellenza, tant’è vero che stanno diventando sempre più spesso oggetto di insegnamento scolastico. Nel 2012 il Parlamento Europeo ha invitato le nazioni facenti parte dell’Unione a inserire gli scacchi come materia curriculare: in Spagna è già una realtà, e anche in Italia ci si sta a poco a poco arrivando. Ad esempio si è appena costituita la Rete europea degli scacchi per promuoverne l’insegnamento nelle scuole primarie europee, una cordata che unisce le forze del C.S.E.N. per l’Italia, la Federazione degli scacchi per la Catalogna, l’Accademia sport e pedagogia per la Lettonia e un dipartimento del Centro Sociale Paraolimpico per il Portogallo.
 

Gli scacchi hanno un altissimo potenziale formativo: tanto per cominciare richiedono un utilizzo sofisticato del pensiero astratto e lo sviluppo avanzato delle coordinate spaziali. Ma hanno anche un valore educativo in tema comportamentale, poiché insegnano la disciplina, l’autocontrollo, la capacità di perdere con dignità e vincere con grazia, il fair play e lo spirito di squadra.

Al cinema gli scacchi insegnati ai giovani sono stati al centro di film di formazione come In cerca di Bobby Fischer o Queen of Katwe, o di storie più problematiche come Fresh e La regina degli scacchi. In Qualcosa di meraviglioso (come in Queen of Katwe, entrambi basati su storie vere) entra in gioco anche l’elemento del riscatto, che raffigura il gioco degli scacchi come un grande equalizzatore sociale.

Fahim, il piccolo protagonista del film di Pierre-Francois Martin-Laval, è infatti un ragazzino bengalese che, fuggito in Francia insieme a suo padre, trova come principale strumento di integrazione la sua grande abilità alla scacchiera. Entrati nel Paese come clandestini senza sapere una parola di francese, padre e figlio riusciranno ad inserirsi nella società parigina grazie a quel talento naturale coltivato in Bangladesh dal padre e poi in Francia da un “padre putativo”, l’allenatore Sylvain, scorbutico e severo, ma capace di trasmettere ai più piccoli la passione e la strategia scacchistica. Non guasta che a interpretare Sylvain sia Gerard Depardieu, che presta la sua fisicità imponente e la sua maschera guascone a un personaggio eccentrico totalmente immerso nell’universo scacchistico, ma in grado di relazionarsi con bambini di ogni provenienza perché per lui conta solo la capacità di giocare, e giocare bene.

“Non c’è sport più violento degli scacchi”, dirà Sylvain al piccolo Fahim, citando il Gran Maestro Garry Kasparov. Ma proprio per questo non c’è miglior palestra di vita: tanto più che la guerra sul tavolo da gioco è combattuta lealmente, sapendo quando (e con quanto dolore) bisogna sacrificare un pezzo importante e quando dichiarare patta, come incassare una sconfitta e come affondare un colpo letale – ma poi stringere la mano all’avversario, e concludere con un: “Bella partita

Frasi
Voglio diventare campione del mondo
Una frase di Fahim (Ahmed Assad)
dal film Qualcosa di meraviglioso - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 11 dicembre 2019
Mattia Carzaniga
Vanity Fair

Basterebbe l'immenso Gérard Depardieu, favoloso maestro di scacchi sperso nel suo disordinato appartamento da scapolo (ma c'è una donna per cui si fa bello). Un personaggio che aggiunge ulteriore tenerezza a una storia già tenerissima di suo. Qualcosa di meraviglioso di Pierre-Frangois Martin-Laval (al cinema dal 5 dicembre) racconta quella, vera, di Fahim, immigrato bengalese a Parigi con papà.

domenica 8 dicembre 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Fahim (Assad Ahmed) spera sempre di diventare cittadino francese, si legge sui titoli di coda di Qualcosa di meraviglioso (Fahim, Francia, 2019, 107'). Oggi Fahim Mohammad ha diciannove anni e vive in Francia con la famiglia. Nel 2008, secondo il film nel 2011, è fuggito dalla sua Dacca, in Bangladesh, insieme con il padre Nura (Mizanur Rahaman). Arrivati a Parigi, Nura chiede inutilmente asilo politico. [...] Vai alla recensione »

domenica 8 dicembre 2019
Alberto Pesce
Giornale di Brescia

Nel 2011 Nura Mohammad espatria dall'inquietante e violento Bangladesh, senza rischi per tutta la famiglia, meglio solo in due, col figlio di 8 anni Fahim, appassionato di scacchi, congetturandogli opportunità di un grande maestro come si può trovare in Occidente, magari a Parigi. Ma, immigrati clandestini, i due paiono non farcela, Nura alle difficili prese con leggi del diritto d'asilo, barriera [...] Vai alla recensione »

sabato 7 dicembre 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

La storia è vera. Nel maggio 2012, il primo ministro francese François Fillon fu interrogato sulla sorte di Fahim, undicenne arrivato clandestino dal Bangladesh. Il ragazzino si era guadagnato le prime pagine dei giornali con la vittoria al campionato francese di scacchi under 18. Viveva con il padre alla periferia di Parigi, rischiando l'espulsione per mancanza di documenti.

sabato 7 dicembre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Come film sui confini, migrazioni e accoglienza, sacrifici e speranze, sceglie nel gioco degli scacchi una metafora non banale: la scacchiera come patria, il merito come passaporto, il diritto a giocare nel mondo come cittadinanza. Ideale, non idealista, forse un po' illusorio (ma non ideologico), d'accordo, e tarato da una sceneggiatura indulgente sugli ostacoli, con i cliché del clandestino in "dura [...] Vai alla recensione »

sabato 7 dicembre 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Sull'abnorme questione degli immigrati la politica suole contrapporsi a colpi di spranga ideologica, mentre nei territori della fiction -fatte salve le performance di registi fuori standard come Kaurismaki o Loach- per amor di quieto vivere prevalgono quasi sempre un'ottica piagnucolosa, un taglio ricattatorio e un solidarismo ipocrita perché usato come carta di credito dagli autori di scarsa personalità. [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Da una storia vera. A 8 anni Fahim Mohammad deve abbandonare il Bangladesh con il padre. Dietro ci sono motivi politici, ma il padre riesce a sfruttare la precoce passione per gli scacchi del ragazzino ("Ti piacerebbe conoscere un Grande Maestro?") per fargli lasciare (tutti sperano momentaneamente) madre e sorella senza traumi irreparabili. A Parigi però non sarà facile ottenere asilo politico; il [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Redazione
Le Figaro

Depardieu interpreta Sylvain un grande scacchista che prende sotto la sua ala protettrice Fahim (l'eccellente Assad Ahmed), un prodigio degli scacchi scappato dal Bangladesh insieme al padre senza documenti. La storia, ispirata al libro autobiografico Un roi clandestin, scritto da Fahim Mohammad insieme a Sophie Le Callennec e Xavier Parmentier, è ricca di buoni sentimenti ma molto povera di sorprese. Da [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Qualcosa di meraviglioso è la brillante storia di migrazione di un giovanissimo ragazzo del Bangladesh, Fahim, che dà il nome al film sulla scena internazionale. Fahim è un talento degli scacchi, ma le sue responsabilità si allargano presto oltre la scacchiera bianconera. In Francia, dove si trasferisce con il padre in fuga dalle difficoltà, è il primo (e unico) a imparare il francese.

giovedì 5 dicembre 2019
Anna Chiara Bertoli
Cult Week

Qualcosa di meraviglioso è una commedia drammatica francese diretta da Pierre-François Martin-Laval con Gérard Depardieu e Isabelle Nanty e racconta la storia vera di un giovanissimo giocatore di scacchi bengalese, Fahim Mohammad, arrivato in Francia come rifugiato, secondo la sua autobiografia "Il re clandestino". Costretto a fuggire dal paese dov'è nato, Fahim (Assad Ahmed) e suo padre (Mizanur Rahaman) [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Alice Sforza
Il Giornale

Tratto da una storia vera, raccontata nel libro autobiografico scritto da Fahim Mohammad, il film ha come protagonista il giovane Fahim, scappato, con il padre, dal Bangladesh per raggiungere la Francia. A Parigi, però, faticano a dar loro asilo politico, costringendoli a vivere in clandestinità. L'incontro con un burbero allenatore di scacchi (Depardieu, superbo), potrebbe essere la svolta giusta [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Ci sono due immigrati clandestini a Parigi diciamo sui generis: rifiutano l'elemosina, corrono a tutti i tornei di scacchi possibili e provengono dal Bangladesh dove papà era pompiere e figlio già campioncino di quello sport definito da Kasparov: arte. Il campione sovietico è spesso citato, insieme all' americano Bobby Fisher, in questa piacevole versione cinematografica della vera storia di Fahim [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Ispirato al libro Un re clandestino (Bompiani) scritto da Sophie Le Callennec e Xavier Parmentier, Qualcosa di meraviglioso si basa su un fatto vero, ma potrebbe essere una favola. C'era una volta Fahim, un ragazzino di Dacca dotato per gli scacchi, che un brutto giorno - era il 2008 ma il copione sposta l'anno al 2011 - è costretto a fuggire con il padre dal paese lacerato da disordini e violenze. [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Mario Turco
Sentieri Selvaggi

Qualcosa di meraviglioso di Pierre-François Martin-Laval compie un'operazione mirabile riuscendo ad unire le inevitabili necessità narrative/finzionali del cinema alle dinamiche sociali di una storia vera che correva il doppio rischio di essere banalizzata o gonfiata. Pericolo che aumentava esponenzialmente se si considera che il film è l'adattamento del libro autobiografico scritto a sei da mani da [...] Vai alla recensione »

martedì 3 dicembre 2019
Mauro Gervasini
Film TV

Qualcosa di meraviglioso, vale a dire il viaggio di un ragazzino, Fahim, in fuga dal Bangladesh dei primi anni zero insieme al padre. Una storia, la sua, che i francesi conoscono bene perché ha riempito per mesi giornali e trasmissioni televisive, è diventata un libro (Un re clandestino, Bompiani) e poi un film, realizzato dal marsigliese Pierre-François Martin-Laval (il "Pef" del gruppo comico Robins [...] Vai alla recensione »

martedì 3 dicembre 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Fahim ha talento per gli scacchi: in Bangladesh è una celebrità. Ma la guerra civile costringe suo padre a fuggire. Al figlio racconta una bugia: incontreranno un grande maestro. Non è così. Arrivati in Francia, scoprono povertà, clandestinità, disillusione. Per fortuna Fahim entra nella classe del vecchio Sylvain Charpentier (ottimo Depardieu), ex campione che sotto la scorza dura nasconde intuito [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2019
Valerio Guslandi
Ciak

Costretto a fuggire dal Bangladesh, il giovane Fahim, precoce talento scacchistico, parte con il padre alla volta di Parigi Al loro arrivo, il padre avvia la difficile procedura per l'asilo politico, con il rischio di essere espulso in qualsiasi momento, mentre Fahim incontra Sylvain, uno dei migliori allenatori francesi di scacchi. Duomo, compreso il valore del ragazzo, fa di tutto per farlo partecipare [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2019
Marcella Peruggini
VivilCinema

I doni sono fatti per svelare la meraviglia che si nasconde negli occhi di chi li riceve. E anche di chi gli sta intorno: Pierre François Martin-Laval, con Qualcosa di meraviglioso, ci regala un piccolo gioiello di emozioni. Fahim Mohammad è un bambino di 8 anni che sfida tutti a scacchi, vincendo sempre. Il padre, costretto a fuggire dal Bangladesh, intraprende con lui il viaggio della speranza: un [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 dicembre 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

Storia vera di Fahim, bambino di 8 anni profugo del Bangladesh, bravissimo a giocare a scacchi, arrivato a Parigi per seguire la scuola del burbero maestro Gérard Depardieu. Nonostante sia un sans papier, concorrerà ai campionati nazionali. Leccato fin dal prologo, invaso di musichette che sottolineano retoricamente i momenti buffi e patetici, una favoletta alla The Millionaire che è anzitutto un inno [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
venerdì 29 novembre 2019
 

Il regista ci parla del suo nuovo film, dal 5 dicembre al cinema. Guarda l'intervista »

VIDEO RECENSIONE
lunedì 25 novembre 2019
A cura della redazione

Nel 2011 Nura Mohammad lascia il Bangladesh in cerca di speranza con suo figlio Fahim, 8 anni e un talento per gli scacchi. Arrivati in Francia le cose non sono così semplici. A semplificare la partita e l'amministrazione francese ci pensa Sylvain Charpentier, [...]

TRAILER
giovedì 7 novembre 2019
 

Regia di Pierre-François Martin-Laval. Un film con Gérard Depardieu, Isabelle Nanty, Pierre-François Martin-Laval. Da giovedì 5 dicembre al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
lunedì 4 novembre 2019
 

Costretti a fuggire dal Bangladesh, Fahim e suo padre partono alla volta di Parigi. Al loro arrivo, cominciano una vera e propria corsa a ostacoli per ottenere asilo politico, con la minaccia di venire espulsi dalla Francia in qualsiasi momento.

NEWS
lunedì 16 settembre 2019
 

Costretto a fuggire dal Bangladesh, il prodigio di otto anni di scacchi Fahim arriva a Parigi con suo padre; essendo loro rifiutato l'asilo, come immigrati clandestini cadranno sempre più in basso. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati