Figlio di nessuno

Film 2014 | Drammatico +16 97 min.

Titolo originaleNi?ije dete
Anno2014
GenereDrammatico
ProduzioneSerbia
Durata97 minuti
Regia diVuk Ršumovic
AttoriDenis Muric, Milos Timotijevic, Pavle Cemerikic, Isidora Jankovic, Igor Borojevic´, Hajrudin Basic, Draginja Voganjac, Borka Tomovic, Tihomir Stanic Ljuba Todorovic´, Branka Selic, Janko Gacic, Pavle Simovic´, Dejan Tosic, Emanuel Ajeti, Milutin Milic´evic´, Zinaida Dedakin, Goran Susljik, Bora Nenic, Ivana Zecevic, Marija Opsenica, Miodrag Jelic´, Biljana Vucic, Mihailo Laptosevic.
Uscitagiovedì 16 aprile 2015
TagDa vedere 2014
DistribuzioneCineclub Internazionale
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,27 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Vuk Ršumovic. Un film Da vedere 2014 con Denis Muric, Milos Timotijevic, Pavle Cemerikic, Isidora Jankovic, Igor Borojevic´, Hajrudin Basic, Draginja Voganjac, Borka Tomovic, Tihomir Stanic. Cast completo Titolo originale: Ni?ije dete. Genere Drammatico - Serbia, 2014, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 16 aprile 2015 distribuito da Cineclub Internazionale. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,27 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Figlio di nessuno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Siamo in Jugoslavia, prima della guerra, e un ragazzo viene trasferito a Belgrado per tentarne il recupero educativo in un istituto per orfani.

Consigliato sì!
3,27/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,63
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ
Un debutto cinematografico di grande maturità e purezza etica ed estetica.
Recensione di Paola Casella
Recensione di Paola Casella

Bosnia, 1988. Un gruppo di cacciatori trova nel bosco un bambino cresciuto in mezzo ai lupi, dei quali ha adottato le sembianze e lo stile di vita: non parla, non cammina, ringhia e morde chiunque lo avvicini. Il bambino, chiamato Haris, viene spedito in un orfanotrofio di Belgrado, dove inizialmente rifiuta ogni contatto e ogni forma di educazione, poi, grazie alla presenza di un assistente sociale e all'amicizia con Zika, un ragazzo più grande, esce gradualmente dallo stato animale per ricongiungersi con la propria natura umana. Ma il percorso di umanizzazione del bambino non è necessariamente evolutivo, né garantisce ad Haris una vita migliore di quella vissuta in mezzo ai lupi.
Il paragone fra No One's Child, opera prima vincitrice del Premio del pubblico alla Settimana della Critica e del premio FIPRESCI alla Mostra del cinema di Venezia, e Il ragazzo selvaggio di Francois Truffaut è immediato e inevitabile. Ma il regista serbo Vuk Ršumovic, basandosi su una storia vera, cala il piccolo protagonista nella contemporaneità, introducendo elementi sociopolitici che fanno un'enorme differenza nello sviluppo della storia, ad esempio l'insorgere dei nazionalismi che sarebbero sfociati nella guerra del 1992 (folgorante il momento in cui Haris scopre di essere bosniaco perché un gruppo di ragazzi serbi lo apostrofa come "sporco mussulmano").
In realtà il paragone necessario è con un altro film di Truffaut, I quattrocento colpi, non solo per lo sguardo desolato del piccolo protagonista, che anche fisicamente assomiglia al giovanissimo Antoine Doinel, ma soprattutto perché la storia è raccontata all'altezza di quello sguardo, inizialmente orizzontale, poiché Haris non ha ancora conquistato la posizione eretta, e via via sempre più verticale, ma di una verticalità distorta e fuorviante, perché distorto e fuorviante è il mondo che circonda il ragazzino. Un mondo fatto di gambe senza volto (l'inquadratura delle due ragazzine dal fondo di un sottoscala è un riferimento al Truffaut di Finalmente domenica!, che a sua volta citava L'uomo che amava le donne) e di voci senza corpo, come nella scena del colloquio con la psicologa de I quattrocento colpi.
Ršumovic riesce tuttavia a ritagliarsi un'originalità di stile grazie ad una fotografia nitida ed essenziale priva di qualsiasi sentimentalismo o di qualsiasi afflato romantico "alla Truffaut", e incastona il percorso di Haris in ambienti che paiono quinte teatrali: le stanze dell'orfanotrofio, i vicoli di una Belgrado sordida e allucinata, il cortile degradato e pieno di insidie. La cinepresa di Ršumovic racconta l'assurdità dell'odissea di Haris come coincidente con l'assurdità del conflitto nell'ex Jugoslavia, la cui devastazione identitaria rispecchia e amplifica quella del "ragazzo selvaggio". E tuttavia trova la bellezza anche nello squallore dell'esistenza del bambino perché ne è affamata quanto lui. Malgrado No One's Child sia il film di Haris (e dello straordinario Denis Muric che lo interpreta), ogni personaggio di contorno ha il suo momento, e la scelta degli attori è straordinaria: profondamente attraenti senza esserlo in modo "cinematografico", perfettamente "in parte" nella recitazione essenziale richiesta dalla storia.
No One's Child è un debutto cinematografico di grande maturità e purezza etica ed estetica, un racconto in tre atti quasi muto che utilizza la luce e l'ombra come potenti strumenti narrativi, una struttura perfettamente circolare che inizia e finisce con uno sparo e si articola intorno a un paio di scarpe: quelle che Haris rifiuta, accetta, scambia e di nuovo rifiuta, come maschere sempre inadeguate a definire il suo ruolo nel mondo.

Sei d'accordo con Paola Casella?
Il figlio di nessuno.
a cura della redazione

Nella primavera del 1988, fra le montagne della Bosnia, viene ritrovato un bambino cresciuto fra i lupi. Gli viene dato il nome di Haris e viene inviato in Serbia, all'orfanotrofio di Belgrado, dove è affidato alle cure di Ilke. Qui diventa amico inseparabile del piccolo Žika e, col tempo, impara a pronunciare le sue prime parole. Ma nel 1992, nel pieno della guerra, le autorità locali lo costringono a tornare in Bosnia, dove viene armato di fucile e spedito al fronte. E una notte, per la prima volta nella sua vita, il ragazzo prende una decisione tutta sua.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Jugoslavia, 1988. Trovato sui monti della Bosnia, dove era vissuto per anni coi lupi, e internato in un orfanotrofio di Belgrado, il piccolo Haris si costruisce gradualmente un'identità umana grazie all'amicizia con Zika, un compagno più grande. Allo scoppio della guerra serbo-bosniaca del 1992 è rimandato in patria e si ritrova combattente. Il bosniaco Ršumovi&3 esordisce con un dramma storico-antropologico di grande originalità, scrittura lucida e tesa, forte impatto emotivo, ma anche riflessivo, incardinato sulla contrapposizione tra natura benigna e civiltà maligna, sul male costitutivo della società umana. Stile personale e incisivo, con inquadrature in soggettiva ad altezza degli occhi del protagonista che, inizialmente, si muove su quattro zampe. Premio Settimana Internazionale della Critica e premio Fedeora per la sceneggiatura a Venezia 2014.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 27 giugno 2015
angelo umana

 Il film è tratto da un fatto vero: nell’88 cacciatori bosniaci trovarono nel bosco un ragazzo allevato dai lupi e cresciuto con essi. Ma è simbolico di cosa succederebbe a un essere umano cresciuto fuori dalla società, o per uno strano motivo caduto da Marte, se dovesse piombare improvvisamente in un nostro consesso sociale.

domenica 19 aprile 2015
FabioFeli

Nel 1988, quando il conflitto nella ex - Jugoslavia è alle prime  avvisaglie, durante una battuta di caccia ai lupi nei boschi della Bosnia viene ritrovato un bambino di circa 6 anni (Denis Muric) allevato dagli animali. Questi non capisce il linguaggio umano e non sa parlare; i suoi comportamenti sono animaleschi. Portato in un orfanotrofio di  Belgrado, gli danno un nome, Haris, [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 settembre 2014
Peer Gynt

Nei boschi della Bosnia, nel 1988 ancora parte della Repubblica socialista di Jugoslavia, viene trovato un ragazzo-lupo. Abbandonato da non si sa chi, cresciuto fra i lupi, mangia e si muove come i quadrupedi, non parla, è aggressivo. Portato a Belgrado, è accolto in un orfanotrofio dove, con molta fatica, un istitutore e un ragazzo ospite della struttura riescono nella difficile impresa [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

Diceva l'etologo Konrad Lorenz: «Nessun lupo fa all'altro lupo ciò che un uomo fa ad un altro uomo». Ce lo ha ricordato bene l'interessante Jean-Jacques Annaud de L'ultimo lupo (ancora in sala). Sulla stessa traccia lavora il bravo esordiente serbo Rsumovic, vincitore dell'ultima Settimana della Critica a Venezia. Il suo bel film segue l'educazione alla disumanità del ragazzo selvaggio Puciche, trovato [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Primavera 1988, Bosnia. Fra le montagne viene ritrovato un bambino: è stato allevato dai lupi. Viene ribattezzato Haris e spedito all'orfanotrofio di Belgrado, dove fa amicizia con il piccolo Zika... Da una storia vera, il debutto alla regia di Vuk Rsumovic, Figlio di nessuno, è stato pluripremiato all'ultima Mostra di Venezia, dove ha vinto la Settimana della Critica: non c'è da stupirsi, perché il [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

A parte il comune fondamento su vicende realmente accadute e a parte la comune presenza di una figura pedagogico-protettiva, l'opera prima del serbo Vuk Ršumovic Figlio di nessuno, presentato e premiato alla Settimana della critica della Mostra veneziana 2014 come No one's child , discende molto più direttamente dall'esempio del Ragazzo selvaggio di François Truffaut (1970) che non da L'enigma di Kaspar [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Goffo dramma serbo, povero di emozioni, lontano parente (li Il ragazzo selvaggio di Truffaut di 44 anni prima, che raccontava la stessa storia con altra intensità. Un bambino cresciuto tra i lupi sui monti della Bosnia finisce in un orfanotrofio di Belgrado. Ringhia, non parla e striscia. Poi, con estrema lentezza, grazie a un amico e a un insegnante, diventerà (quasi) normale.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati