Benvenuto Presidente!

Film 2013 | Commedia 100 min.

Regia di Riccardo Milani. Un film con Claudio Bisio, Kasia Smutniak, Beppe Fiorello, Remo Girone, Massimo Popolizio. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2013, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 21 marzo 2013 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,87 su 73 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Benvenuto Presidente! tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

In un piccolo paesino di montagna vive un uomo semplice ma dal nome impegnativo: Giuseppe Garibaldi. Un uomo che per errore diventa Presidente della Repubblica. Il film ha ottenuto 3 candidature ai Nastri d'Argento, 1 candidatura agli European Film Awards, In Italia al Box Office Benvenuto Presidente! ha incassato 8,5 milioni di euro .

Benvenuto Presidente! è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,87/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,56
PUBBLICO 2,90
CONSIGLIATO SÌ
La commedia di Milani smaschera cattivi e 'deviati' e propone al Paese un programma di rieducazione civica.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 14 marzo 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 14 marzo 2013

Peppino è un bibliotecario col vizio delle storie e della pesca alla trota. Onesto e genuino, vive in un piccolo paese di montagna sognando un futuro migliore per il suo unico figlio, venditore rampante di un articolo sportivo. A Roma intanto destra, sinistra e centro discutono le sorti del paese e l'identità del nuovo presidente della Repubblica. A sorpresa e per provocazione viene eletto Giuseppe Garibaldi. Generale, patriota e condottiero italiano naturalmente defunto il cui nome e cognome è stato però ereditato da almeno cinque italiani. Peppino si fregia di quel nome e dell'età giusta per ricoprire la carica di presidente. Eletto suo malgrado, viene prelevato dalle sponde del fiume e condotto a Roma. Pescatore di trote e di sogni, viene risolutamente invitato a rinunciare al mandato. Ma al momento di pronunciare il discorso alla Camera, Peppino Garibaldi avverte l'opportunità di fare qualcosa e di cambiare finalmente il suo Paese. Rifiutate le dimissioni e con l'aiuto di un'avvenente vice segretario ricomincerà dagli italiani.
Da qualche tempo e qualche film in Italia il cinema ha perso quel riguardo per l'autorità che relegava il 'politico' in un genere impegnato, aprendolo all'evasione, mettendolo alla berlina, criticandolo duramente e consegnandolo alla libertà della fantasia. Se Paolo Sorrentino e Marco Bellocchio hanno trasfigurato la cronaca politica trasformandola in alta meditazione poetica, il cinema medio e popolare italiano cavalca l'onda antipolitica e sceglie l'uomo comune che si ritrova per caso alla presidenza. Esauriti bipolarismi(?), contrapposizioni nord/sud, risate, tarallucci e vino, in sala e in Parlamento scendono politici improvvisati mostrati nella loro umanità e celebrati come paladini del mondo. Pacifico e tenero progressista, Claudio Bisio diventa presidente per 'un giorno' della Repubblica italiana nella nuova commedia di Riccardo Milani, che smaschera cattivi e 'deviati' e propone al Paese un programma di rieducazione civica.
La sua inventata figura presidenziale è funzionale a fare satira e critica sociale, alludendo all'esistente o puntando chiaramente l'indice. Scritto da Fabio Bonifacci, Benvenuto Presidente, alla maniera di Viva la libertà, insedia un 'impostore' al potere producendo risate e gag, qualche volta efficaci.
Il segretario di partito di Roberto Andò e il presidente di Riccardo Milani però sono tutt'altro che figurine sprovvedute che gonfiano il petto e sorridono inetti nel loro abito istituzionale. Professore l'uno, pescatore l'altro, sembrano comprendere bene quello che gli accade attorno, sciogliendo il guinzaglio dei rispettivi consiglieri.
Nonostante alcune scene indiscutibilmente retoriche come il soccorso ai senzatetto e l'animazione in ospedale, la commedia di Milani funziona soprattutto per quella grossolana innocenza diffusa nel film e incarnata da Claudio Bisio, che nel monologo sanremese 'sugli elettori impresentabili' aveva anticipato la questione del degrado morale. Questione che riguarda tutti e che è stata causata da tutti. Parafrasando De Gregori: la storia (italiana) siamo (anche) noi, nessuno si senta escluso. Controcampo del campo, abitato dal presidente Peppino Garibaldi, è allora il popolo italiano (e sovrano), seduto attorno alla tavola apparecchiata e davanti alla televisione accesa, che ripete come un mantra l'idea di una classe politica marcia.
Al Paese reale, che si sente assolto, ai nuovi 'comici', che vorrebbero distruggere tutto senza pensare a costruire un luogo altro dell'amministrazione e delle relazioni umane, Milani risponde richiamando(ci) alla responsabilità civile. Lo fa attraverso la metafora dell'uomo qualunque costretto a misurarsi con i gravosi compiti del ruolo. Metafora che non sembra essere né neutra, né ingenua, aprendo all'intervento (e alla coscienza) individuale.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
BENVENUTO PRESIDENTE!
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 29 marzo 2013
RONGIU

Sapete cosa fa' un passero di quindici chili sul ramo di un albero? - CiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiP! E, sapete cosa fa' un Bisio al Quirinale? Ci fa' un Presidente della Repubblica. O meglio, Il Presidente della Repubblica. Si, si, proprio così. Non se l'è mica cercata questa carica, lui un tranquillo cittadino, di un tranquillo paesino di montagna, si ritrova, improvvisamente a dover [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 maggio 2013
vit_accuss

Ma se non si vive inseguendo i sogni, quali proprositi potranno mai spingerci a cambiare e migliorare? E' un film leggero, allegro, a tratti esilerante, a tratti emozionante, forse in fondo molto triste, perchè tutti vorremmo essere migliori per meritarci qualcosa di meglio. Un film che mostra il lato buono della gente di cui tutti oggi si vergognano, in una società dove i valori [...] Vai alla recensione »

sabato 12 ottobre 2013
purplerain

Film politico, commedia che racconta l’ascesa al potere di un cittadino comune che diventa presidente della repubblica. Da lì comincia la scalata all’onestà del cittadino comune che decide di non dimettersi subito, come suggeritogli, ma di dare la scalata alle gerarchie e cominciare a fare piazza pulita. In tutto questo il regista ci presenta la figura del presidente, interpretato [...] Vai alla recensione »

sabato 12 ottobre 2013
purplerain

Film politico, commedia che racconta l’ascesa al potere di un cittadino comune che diventa presidente della repubblica. Da lì comincia la scalata all’onestà del cittadino comune che decide di non dimettersi subito, come suggeritogli, ma di dare la scalata alle gerarchie e cominciare a fare piazza pulita. In tutto questo il regista ci presenta la figura del presidente, interpretato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 agosto 2013
kondor17

Film carino e divertente, che affronta in parodia un tema tutt'altro che leggero. Con perfettto tempismo, quasi come i cinepanettoni l'8 dicembre, il film esce nelle sale in concomitanza con la rielezione di Napolitano a presidente, con il beneplacito ed il sospirone della vecchia casta politica. Bisio interpreta Giuseppe Garibaldi, un bibilotecario del nord con l'hobby della pesca, omonimo [...] Vai alla recensione »

sabato 1 ottobre 2016
Achab50

Ormai il cinema italiano, dopo i fasti del neorealismo e successivamente di due generazioni di grandi registi, sembra avviato a perpetuare il filone dei cinepanettoni; siccome però questo non è uscito a natale, lo possiamo tranquillamente catalogare un cinetarallo a buon titolo. L'idea iniziale non è certo un faro di originalità, tuttavia presterebbe l'occasione [...] Vai alla recensione »

martedì 15 settembre 2015
Great Steven

BENVENUTO PRESIDENTE! (IT, 2013) diretto da RICCARDO MILANI. Interpretato da CLAUDIO BISIO, KASIA SMUTNIAK, BEPPE FIORELLO, OMERO ANTONUTTI, REMO GIRONE, CESARE BOCCI, MASSIMO POPOLIZIO, GIANNI CAVINA, MICHELE ALHAIQUE, PIERA DEGLI ESPOSTI, PATRIZIO RISPO, GIGIO MORRA, FEDERICO MARIA GALANTE, PUPI AVATI, LINA WERTMULLER Giuseppe Garibaldi è per tutti Peppino, un bibliotecario/pescatore di [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 agosto 2013
Timothyfalcodissidissegna

 Immaginatevi un'Italia diversa, dove la politica non viene più considerata un qualcosa di “torbido” e un affare esclusivo dei partiti che stanno in Parlamento, ma un bene comune che sta al centro della vita di tutti noi e non contempla termini come “intrighi”, “corruzione” o “sporchi affari”.

sabato 23 marzo 2013
renato volpone

Dopo Antonio Albanese ecco un altro regista, Riccardo Milani, che ci racconta ridendo la male politica e il malcostume nel nostro Paese. Una lezione di educazione civica, uno schiaffo sonoro a politici e cittadini che incassano e glissando dicono: "senza infamia e senza lode", forse senza caprine il vero messaggio. Con grande stile vengono mostrate le facce sporche della politica italiana [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2013
Flyanto

 Film dove si racconta di un umile bibliotecario di un paesino di montagna con la passione per la pesca ma dal nome "impegnativo" Giuseppe Garibaldi (interpretato da Claudio Bisio) che per errore viene eletto alla carica di Presidente dellaRepubblica Italiana. Da qui nasceranno una serie di eventi ed equivoci a non finire che porteranno a smascherare in maniera evidente la pessima classe [...] Vai alla recensione »

martedì 26 marzo 2013
Flyanto

 Film dove si racconta di un umile bibliotecario di un paesino di montagna con la passione per la pesca ma dal nome "impegnativo" Giuseppe Garibaldi (interpretato da Claudio Bisio)  che per errore viene eletto alla carica di Presidente della Repubblica Italiana. Da qui nasceranno una serie di eventi ed equivoci a non finire che porteranno a smascherare in maniera evidente la pessima [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 aprile 2013
Conrad Landt

Da Bisio ci si aspetta molto: a parte qualche svarione ("Benvenuti al Nord" e "bar Sport" tanto per citarne uno), ha sempre accettato copioni che hanno una dignità pur se di basso profilo ("par par condicio: "Si può Fare" e il best seller "Benvenuti al Sud". Nel film è bella l'idea di partenza (chi non vorrebbe essere "IL PRESIDENTE"), ma l'inverosimiglianza con cui è trattata la narrazione rende [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 marzo 2013
francesto70

un film banalotto e senza un'anima. Bisio cosi cosi ... il resto del cast recita male. 

lunedì 1 aprile 2013
Mikiben

Erano anni che non andavo via prima della fine del film....Un film ridicolo con battute da bambini

martedì 2 aprile 2013
Giuseppe_buc

Bisio è sicuramente un attore sottovalutato sia in relazione alla sua esperienza teatrale che alla sua capacità di adattamento ai personaggi sorretta da una mimica facciale che, in quanto a bravura, ricorda quella dei grandi (Totó e Bramieri per fare due nomi). Purtroppo peró è sottovalutato, ed ecco che gli si propongono copioni come questo di Benvenuto Presidente.

sabato 30 marzo 2013
vandamme84

ridicolizzato un film che come idea poteva essere interessante

lunedì 25 marzo 2013
lucva

dopo un anno di terapia per curare i miei incubi notturni dovuti a bar sport ( il peggior film mai visto) ritorno a vedere con cauta fiducia un film con bisio che mi piace e mi diverte .Il film parte bene, alcuni episodi simpatici ,ma poi come immaginabile dato il tema paradossale ,il film scade un po' troppo nel banale , nel patetico con punti e messaggi buonisti populistici e puerili .

giovedì 28 marzo 2013
skrikkia

Il cane che si morde la coda: i politici corrotti che non ci rappresentano, il popolo che stanco si affida alle immorali promesse politiche, alimentando così la malapolitica. E'  il circolo vizioso a cui purtroppo gli italiani si sono abituati. Ma un semplice escamotage interrompe questo ciclo, ovvero l'elezione di un comune (non così comune, data la quasi innaturale [...] Vai alla recensione »

domenica 7 aprile 2013
98napoli

OTTIMO CLAUDIO BISIO.il film fa vedere a tutti noi come sta andando avanti questa italia in base economica-politica bene claudio sulle caricature quindi per me è un 8-

mercoledì 3 aprile 2013
marezia

A differenza della Gandolfi io ricordo la commedia all'italiana e la sua funzione SOCIALE e di conseguenza SO FARE I DISTINGUO che, soprattutto in questo caso, mi sembrano DOVEROSI perché LAMPANTI. Cosa mostra questo film? L'ingenuità di un pescatore di montagna? Sì. Una ingenuità grossolana quanto irrealistica? Sì. Ma cosa succede a questo sprovveduto pescatore? Una volta capito e soprattutto con [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 marzo 2013
no_data

non c'è niente da salvare. non ho riso una sola volta, mi vergognavo di essere in sala

lunedì 8 aprile 2013
lupoamedeo

bisio simpaticissimo... per un film che centra il suo obbiettivo... far passare un'oretta spensierata... la smutniak diventa sempre piu' bella o e' una mia impressione?

venerdì 3 maggio 2013
orangesalopette

un film davvero carinissimo, divertente ed originale, giustamente in tema con ciò che sta accadendo all'Italia mi ha anche fatto riflettere su alcuni problemi. recitazione un po' scadente da parte di alcuni attori ma nel contesto ben riuscito :)

martedì 26 marzo 2013
stefano73

Giuseppe Garibaldi, bibliotecario e pescatore piemontese diventa per caso presidente della repubblica. Nella sua inadeguatezza e comicità dimostra poi determinazione e rispetto di etiche morali ormai dimenticate. Qualche risatina e tante sagge osservazioni per tutti.

domenica 24 marzo 2013
Eusebio Abbondanza

Nonostante la bella idea di partenza, che però è abbondantemente ispirata a "Dave", film americano con Kevin Kline (un uomo comune, onesto e pieno di buona volontà, si trova ad essere presidente della repubblica), il film si sviluppa in un crescendo (?) di trovate decisamente banali o surreali, scivolando spesso e volentieri in scene stucchevoli o puerili.

sabato 23 marzo 2013
Thelma18

Bravissimo tutto il cast. Film godibile, divertente, senza troppe pretese, è inutile fare un'analisi politica, tutte cose trite e ritrite. Un buon modo per passare un paio d'ore.

sabato 18 gennaio 2014
Narsil

Salve a tutti i lettori, voglio dire solo qualche parola su questo film. Ritengo che nonostante venga presentato in modo leggero racchiuda all'interno un significato profondo che deve farci riflettere su cosa veramente vogliamo. Peppino ha tutto quel coraggio che basta a cambiare le cose, ma purtroppo, come sempre avviene lo appoggiano solo in pochi nella realizzazione del suo sogno, perchè [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 aprile 2013
enzo70

Vado al cinema a vedere Benvenuto Presidente il giorno dopo la rielezione di Napolitano a Presidente della Repubblica;  per l’ennesima volta una parodia della politica diventa inferiore all’incredibile situazione di quella reale. Nel film i partiti non riescono a trovare l’accordo per eleggere il Presidente della Repubblica; ed allora ognuno all’insaputa dell’altro [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 aprile 2013
MAMMUT

anche attuale, se mettiamo grillo al posto di bisio

giovedì 28 marzo 2013
ster87

A noi è piaciuto molto. Abbiamo riso dall'inizio alla fine ed il messaggio che lascia trasparire è sicuramente spunto di riflessione per molti.

mercoledì 27 marzo 2013
Sat99

Un film terribile, la trama non regge, scene banali. La storia non è credibile in nessun momento. A parte le poche risatine strappate a inizio film si cade veramente nel ridicolo.  Vuole presentarsi come un capolavoro, ma è la vittoria della mediocrità. Prima che finisse il film 2 coppie di persone se ne sono andate e sono uscite dalla sala durante la proiezione, credo [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 marzo 2013
mitzy

Eh si, accollandosi solo il costo del biglietto del cinema si ha la possibilità di ascoltare, in una sala buia e con la massima concentrazione, la ramanzina di Claudio Bisio rivolta al popolo italiano. La comicità è abbastanza spicciola, quasi da cinepanettone, salvando qualche scena. Il film non è terribile alla partenza e, per un po’, l’esasperazione della [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 luglio 2013
sirelis31

leggendo le critiche precedenti mi viene da dire che, è si una commedia molto irreale (quando mai un presidente potrebbe venir eletto x sbaglio?! e se anche fosse chi mai non si approfitterebbe di quella situazione?!) ma che coglie l'occasione x far riflettere tutti noi su questioni molto calde della politica odierna italiana. un presidente onesto e di sani principi che va incontro agli [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2013
giuseppep47

Alcune cose sono retoricamente stucchevoli e non funzionano , ma nel complesso il film si fa vedere e non mancano situazioni esilaranti . Bisio è bravo , ma forse dare più spazio ai tre politici non sarebbe stato male . Francamente G. Fiorello e non solo lui paiono sacrificati/sprecati . Della Smutniak che dire ? Come attrice continua a migliorare e poi è sempre bellissima [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 marzo 2013
Spike

Della serie "quando il cinema italiano cerca ispirazioni altrove": era stato un successo con 'Benvenuti al Sud', oggi è una stecca con questo 'Benvenuto presidente'. Notare come il furbo marketing ormai abbini la faccia di Bisio alla parola BENVENUTO/I, mi raccomando non cascate nel tranello, questo è un film da EVITARE.

giovedì 2 marzo 2017
Wilcoyote

ma in realtà graffiante ed amaro, il finale appare sconsolante: è davvero impossibile cambiare gli italiani e, di conseguenza, l'Italia?

martedì 23 febbraio 2016
Barolo

Anche se con una trama piuttosto improbabile,il film comunque è divertente senza essere banale.Claudio Bisio è l'attore giusto per interpretare questo personaggio,la sua mimica,il suo straniamento,la sua studiata goffagine lo rendono giusto per interpretare il ruolo del Presidente per sbaglio, in una commedia grottesca, ma abbastanza smaliziata e incisiva, nell'additare malcostume [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 novembre 2015
floyd80

 Un'idea carina buttata per aria. Una pellicola orribile dove tutto è già stato visto, già stato sentito e gli attori che fanno le macchiette....basta...basta sul serio. Non ne possiamo più. Peggio di una fiction e ho detto tutto.

martedì 10 dicembre 2013
ultimoboyscout

Io l'ho sempre creduto e detto, il nome nella vita è importante e se ci si chiama Giuseppe Garibaldi si può arrivare ovunque, persino al Quirinale! E al buon Peppino succede proprio questo, essere eletto neanche troppo per errore, Presidente della Repubblica Italiana, un Presidente bizzarro e atipico che non cadrà nei tranelli del potere e non si lascerà corrompere ma [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 novembre 2013
Onufrio

Per via di un pasticciaccio politico, uno dei tanti compiuti in Italia, il signor Giuseppe Garibaldi, da poco disoccupato, viene eletto a sua insaputa Presidente della Repubblica; ma basta poco per rimediare a questa curiosa vicenda, ovvero leggere una lettera di dimissioni, ma Garibaldi non ci sta e diventa così il nuovo Presidente, alla faccia dei politici che con ansia attendevano le sue [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 settembre 2013
Liuk

Ottima commedia senza troppe pretese ma sempre divertente e sarcastica. Bravo Bisio.

martedì 2 aprile 2013
Rescart

Pomodoro pachino, mozzarella di bufala e origano di Taormina. o meglio, erba per canne. Per il resto le regole per la felicità sono poche e ferree: niente raccomandazioni, niente favoritismi o nepotismi, fedeltà coniugale e fiscale. Peccato che, come ci insegna il cinema italiano degli anni ’60, gli italiani siano ineguagliabili quando si tratta di fare patacche e “sole”, come quando Totò riuscì a [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 maggio 2014
andreius98

Quando "benvenuto presidente uscì al cinema ammetto di essere stato molto incuriosito da questo film, ma non ebbi mai la possibilità di vederlo. Mi capitò tra le mani durante un volo aereo, così decisi di vederlo;bene adesso posso senz'altro dire che "benvenuto presidente" è un film decisamente sopravvalutato e pieno di luoghi comuni, come credo [...] Vai alla recensione »

domenica 23 marzo 2014
no_data

Non capisco chi scrive di aver trovato questa commedia divertente. Sembra un prodotto televisivo e neppure di qualità. 

domenica 13 ottobre 2013
Marco Santillani

un film semplice semplice per persone semplici che non chiedono troppo alla storia. Tutta la forza del film è concentrata in Bisio, vero e proprio mattatore. Tutto il resto è noia.

domenica 7 luglio 2013
amedeo gavazzi

IO HO TROVATO IL FILM,UN FESTIVAL DI BANALITA' E LUOGHI COMUNI.PER NON PARLARE DELL'ECCESSIVO,MELENSO,SEMPLICIOTTO BUONISMO DA QUATTRO SOLDI.IN QUANTO ALLA COMICITA',DOVREBBE ESSERE TRASMESSO IN UN POLLAIO,PERCHE' FA RIDERE LE GALLINE....MI DISPIACE PER BISIO,CHE E' BRAVISSIMO E ANCHE PER KASIA SMUTNIAK,CHE E' BRAVA E BELLISSIMA.

lunedì 22 aprile 2013
Alessandro Vanin

Benvenuto Presidente è una simpatica commedia, ma poteva essere molto più di una semplice commedia. La volontà di puntare solo sul grottesco e sulla comicità di Bisio nonostante l’importanza di un argomento come la grave crisi economica, politica e istituzionale che stiamo attraversando e la partecipazione di attori importanti come Omero Antonutti, Piera degli Esposti e Remo Girone ha limitato il film. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 aprile 2013
Il Laureato

Peccato, l'idea è originale e divertente. Insolita nel tema e ha il merito di farci uscire dal loop delle commedie sentimentali ad unico tema: la Coppia. Gli attori anche bravi, insoliti e graditi i "camei" , però manca il film nel complesso manca di Verve e di dialoghi accattivanti.. le gags di bisio che sembra più un cretino che un uomo comune, fanno pensare che è mancato il coraggio di separarsi [...] Vai alla recensione »

martedì 2 aprile 2013
m4anm4

Peppino Garibaldi, bibliotecario animatore, è per una fortunata coincidenza Presidente della Repubblica, rinunciatario non rinunciante il neo-presidente eserciterà i suoi poteri per risolvere i problemi del Paese in una saettante commedia all'italiana che tra intrighi e giochi di palazzo porteranno ad un inaspettato epilogo ed all'elezione del nuovo pontefice.

sabato 27 dicembre 2014
williamd

 Il film "Benvenuto Presidente!" si presentava come una classica commedia comica italiana, ma si è rivelato essere, a mio modo di vedere, un caposaldo per la riflessione su questioni umanitarie di carattere generale.   Giuseppe Garibaldi (Claudio Bisio), detto Peppino, è un allegro bibliotecario e pescatore che vive in uno sperduto paesino di montagna.

Frasi
"O forse tu, tu che punti il dito e dici "i politici sono ladri!".
E poi magari evadi le tasse, parcheggi in doppia fila, paghi in nero convinto di risparmiare un po'.
Tu che non fai il politico ma ti piacerebbe farlo, per poter aiutare i parenti, arraffare qualche cosa anche tu.
Tu che riesci a fare la tac perchè conosci il primario.
Tu che timbri il cartellino e t'imboschi.
Tu che magari sei anche onesto, ma se vedi un tuo amico che fa qualcosa che non va fai finta di niente.
Tu non ti puoi dimettere perchè non sei presidente di niente, dovresti dimettere la tua furbizia, sennò i prossimi saranno peggio di questi (parlamentari)!
Perchè questi qua sono figli nostri, il paese dove le regole non le rispetta più nessuno.
Diciamo che i disonesti sono sempre gli altri…ma gli altri chi?
Una frase di Peppino (Claudio Bisio)
dal film Benvenuto Presidente! - a cura di Davide
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Gustosissima, spiritosa commedia, che piomba come il cacio sui maccheroni sull'Italietta gonfia di rabbia antipolitica. Un film cugino di secondo grado di Mister Smith va a Washington e di Oltre il giardino, che cavalca, quasi inconsapevolmente (il copione è di tre anni prima), il disgusto del popolo elettore. Un po' di demagogia nel finale non guasta quanto seminato nell'esemplare prima parte, davvero [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Forse hanno ragione loro. Forse per tentare di risolvere i guai che attanagliano la politica italiana c'è proprio bisogno di Garibaldi. Solo che il Giuseppe Garibaldi di Benvenuto presidente! non è l'eroe dei due mondi, anzi, è un campagnolo della val di Susa, un bibliotecario che perde il lavoro per i tagli alla spesa pubblica, e si limita a pescare trote e a fare grigliate con gli amici.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Benvenuto Presidente! è la versione comica e anche un po' farsesca e favolistica di Viva la libertà di Roberto Andò che non manca di spunti ironici e di toni da commedia ma che non intende essere comico. Due film fantapolitici che entrano in sintonia con il clima del momento. E se già il primo ha trovato i suoi riscontri nel pubblico, questo diretto da Riccardo Milani (ma scritto da Fabio Bonifacci) [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Tutta materia per aggiornare il dibattito: "Sono i politici così comici di loro che i comici hanno le armi spuntate?". Ora suona così: "Sono gli antipolitici così comici di loro che i comici hanno le armi spuntate?". La risposta naturalmente è "sì", e nonostante le lodevoli intenzioni "Benvenuto Presidente!" toglie ogni dubbio (se mai l'avevate). Barboni accolti per la notte nei corridoi del Quirinale, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Benvenuti al Quirinale. Dopo Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord, non poteva mancare un'incursione comico-fiabesca nell'unico Palazzo (forse) ancora amato e rispettato dal Belpaese. Ed ecco Claudio Bisio, l'arciitaliano del cinema di questi anni, eletto addirittura Presidente della Repubblica per un caso assurdo. A Roma infatti tre parlamentari intrallazzoni per sabotare le elezioni presidenziali [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Giuseppe "Peppino" Garibaldi (Bisio) vive in un borgo montano dell'Alta Italia. Gestisce la biblioteca locale alternandosi alla pesca, sua grande passione. Lontano da quel paradiso, nei palazzi romani della politica, si deve eleggere il Presidente della Repubblica. Per una boutade di una fazione parlamentare il designato diventa "Giuseppe Garibaldi", e l'unico eleggibile in Italia con quel nome è Peppino. [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Non ci sono dubbi sul profetico tempismo del soggetto ideato tre anni fa dal produttore Nicola Giuliano, mentre ce ne sono molti sulla vena di Fabio Bonifacci che ne ha tratto la sceneggiatura. Oggi «Benvenuto Presidente!» sembra un ghiotto instant movie e il pubblico gradisce, grazie al protagonismo del simpatico Bisio e alla farsesca giocosità di qualche scena: peccato che la regia di Riccardo Milani [...] Vai alla recensione »

Vanja Luksic
Le Soir

Ormai, nel cinema italiano c'è qualcosa di profetico. Dopo Habemus papam di Nanni Moretti e Viva la libertà di Roberto Andò, è arrivata nelle sale una nuova commedia, delirante quanto la realtà politica italiana in questo momento: Benvenuto presidente di Riccardo Milani, scritta da Fabio Bonifacci. Con tanti bravissimi attori. Sembra incredibile che questa commedia, sull'elezione alla presidenza della [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Per caso, per coincidenza o per preciso calcolo, è un fatto che l'ultima stagione ha visto fiorire una serie di film che hanno come set i palazzi del potere (dalle Camere al Quirinale) e come personaggi i politici, in un'Italia che dondola dal rarefatto al kitsch: dal Bellocchio di Bella addormentata (con la sua straordinaria forza evocativa, realistica e trascesa allo stesso tempo) all'Albanese di [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
lunedì 18 marzo 2013
Annalice Furfari

L'uomo qualunque che assurge alle più alte cariche dello Stato? Fino a qualche anno addietro non ci avremmo mai creduto, ma oggi tutto sembra possibile. Persino che un semplice cittadino diventi presidente della Repubblica, proprio come accade nel nuovo [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati