Volevo solo dormirle addosso

Film 2004 | Drammatico 97 min.

Regia di Eugenio Cappuccio. Un film con Giorgio Pasotti, Giuseppe Gandini, Elizabeth Fajuyigbe, Massimo Molea, Eleonora Mazzoni, Antonino Bruschetta. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2004, durata 97 minuti. - MYmonetro 3,07 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Volevo solo dormirle addosso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 4 maggio 2009

Un manager trentenne accetta una sfida: licenziare in tempi brevissimi 25 dipendenti dell'azienda per cui lavora.Dall'omonimo romanzo di Massimo Lolli. In Italia al Box Office Volevo solo dormirle addosso ha incassato 507 mila euro .

Powered by  
Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,13
CONSIGLIATO SÌ
Dall'omonimo romanzo di Massimo Lolli, un film attuale e riuscito sul taglio dei posti di lavoro.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Marco Pressi, giovane formatore del personale di una multinazionale, si ritrova dinanzi a una sfida che accetta: deve riuscire, in un arco di tempo ridottissimo, a far uscire dalla produzione 25 dipendenti di vario livello senza creare tensioni visibili. Se ce la farà avrà un avanzamento e otterrà un cospicuo riconoscimento in denaro. In caso contrario lo attende un portasigarette. Da quel momento la vita di Pressi (già definito "il muerto", ovunque tranne che a letto, dalla fidanzata) cambia. Dovrà attrezzarsi per convincersi che lo slogan "People First" che caratterizza la sua azienda non è altro che falsità. Lui non può e non deve provare compassione per nessuno. Dopo Risorse umane e Mobbing (per non citare che due titoli) non era facile essere originali su un tema aspro e quantomai attuale come quello dei tagli dei posti di lavoro. Eugenio Cappuccio c'è riuscito concentrandosi sull'evoluzione del protagonista che diventa lupo progressivamente sino al soprassalto dell'ultim'ora. Trova una valida collaborazione nel cast e in Pasotti in particolare. Dall'omonimo romanzo di Massimo Lolli.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Trentenne manager che si occupa di selezione e formazione nella filiale milanese di una multinazionale, Marco Pressi ha il compito di eliminare, strappandone il consenso, un terzo (25) dei dipendenti nel giro di poche settimane. Se ci riuscirà, sarà promosso con aumento di stipendio. A costo di segare anche gli amici e di disgustare sé stesso. Da un romanzo (2004) di Massimo Lolli, che l'ha sceneggiato con Alessandro Spinaci, un film italiano sul mondo del lavoro. Qui, però, non c'è scontro di classi sociali: anche il protagonista è un precario come le sue vittime. È un film sui rapporti di forza tra le persone, sulla mobilità e la precarietà del lavoro, sull'egemonia del profitto, insomma sull'Italia del primo 2000. Senza manicheismo né ricorso alla mozione degli affetti né moralismo deprecatorio. 2ª regia di Cappuccio: scrittura secca, un brio disincantato che verso la fine sfocia nel sarcasmo, competente direzione degli attori tra cui un Pasotti che evita di rendere odioso il suo personaggio.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 20 gennaio 2011
paride86

"Volevo solo dormirle addosso" racconta la vita di Marco Pressi, giovane manager perso nel gorgo di un lavoro odioso e opprimente. Fin quando il film verte sul piano lavorativo, e dunque sociale, funziona piuttosto bene; la parte privata, invece, è mal tratteggiata e appesantisce la storia. In definitiva si tratta di un film che ha il coraggio di affrontare, anche con una certa ironia, [...] Vai alla recensione »

Frasi
I complenti generano benessere e motivazione
Una frase di Marco Pressi (Giorgio Pasotti)
dal film Volevo solo dormirle addosso - a cura di Stefano Barbini
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Leonardo Jattarelli
Il Messaggero

L’apparenza inganna. Quel giovane stanco, dalla cravatta perennemente allentanta, che si rintana ogni notte nel suo appartamento letamaio perchè non gliene frega niente di pulire e poi non ha tempo, alla luce del giorno è uno spietato killer della forza lavoro tirato a lucido. Il suo nome è Pressi, Marco Pressi, terrore della multinazionale Mti con licenza di “bruciare” venticinque esuberi per fare [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Il cinema italiano, a poca distanza da un altro caso rilevante e per parecchi versi contiguo come era Mi piace lavorare di Francesca Comencini con Nicoletta Braschi, torna nel mondo del lavoro. Non quello operaio caro alla scuola britannica, ma quello dei colletti bianchi. Ispiratore di Volevo solo dormirle addosso di Eugenio Cappuccio è Massimo Lolli che a un certo punto della vita ha deciso di [...] Vai alla recensione »

Bruno Fornara
Film TV

Mondo del lavoro e del non lavoro. Lo scattante quasi manager Marco Pressi (bravo Giorgio Pasotti) fa il formatore dei venditori, a Milano, in una multinazionale francese il cui bugiardissimo motto è «People first». II motto di Marco è altrettanto fasullo e deprimente: «Mai progetti, solo desideri e obiettivi». Scelgono lui per disboscare l’azienda.

Simonetta Robiony
La Stampa

La vicenda è singolare, sfaccettata, complessa. L’ha scritta Massimo Lolli, un manager della Marzotto da anni autore di libri sull’universo del lavoro e adesso, sempre con la sua collaborazione, il libro Volevo solo dormirle addosso sta per diventare l’omonimo film per volontà di Claudio Vecchio che ne comprò i diritti nel 1998, appena uscito il romanzo.

Priscilla del Ninno
Il Secolo d’Italia

Troppo spesso il cinema italiano si chiude in una dimensione artigianale e autoreferenziale, indugiando in un atteggiamento di auto-compiacimento. Volendo essere gentili possiamo dire che si “piange addosso”. Un tema su cui questo atteggiamento assume una dimensione quasi patologica è quello dei “lavoro” a cui alcuni autori, con scarso successo, si sono rivolti per sfuggire alla dimensione intimista. [...] Vai alla recensione »

Cristina Lomazzi
Film Tv

Dal camerino di un’esclusiva boutique in via della Spiga a Milano esce una ragazza di colore dalla bellezza prorompente, che indossa un elegante abito in pizzo. Mentre la ragazza si specchia, il giovane che è con lei consegna la sua carta di credito alla commessa. Lui è Giorgio Pasotti e siamo sul set di Volevo solo dormirle addosso, film girato tra una Milano “post-da bere” e gli studi cinematografici [...] Vai alla recensione »

Oscar Cosulich
Il Mattino

Marco Pressi è un manager trentenne, particolarmente benvoluto dai colleghi. Il suo compito, nella filiale italiana di una multinazionale, è quello di selezionare e formare il personale, lavoro in cui un complimento può sostituire l'incentivo economico e il «rapporto umano» è considerato un valore aggiunto. Un giorno, però, i vertici della società lo convocano per fargli una proposta inquietante: in [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Lamento greco, striato di acido umorismo nero, sugli angoscianti problemi personali, di lavoro, di sesso, di amore, di insonnia, di uno schiavo dei modi di produzione vigenti. Gaudioso, Nunziata e Cappuccio erano un po', all'epoca del Caricatore, il nostro trio Zucker-Abrahams-Zucker, gli sfasciacarrozze lazzaroni della commedia rottamabile all'italiana.

Oscar Cosulich
il Mattino

Roma. Catherine e Bernard sono una coppia della borghesia medioalta: sposati da 25 anni conducono la piatta vita di tanti matrimoni, fino a quando lei, ascoltando un messaggio sul telefono cellulare di lui, scopre che il marito la tradisce. Passato il primo momento di smarrimento e le inevitabili richieste di chiarimenti, Catherine elabora un'insolita strategia difensiva: sceglie una prostituta, la [...] Vai alla recensione »

Antonio Valenzi
L'Indipendente

Sgombriamo subito il campo da un equivoco: il film di Cappuccio non è un capolavoro. Anzi, sembra riuscito a metà, nel senso che se la storia principale è ben congegnata (un giovane dirigente deve riuscire a licenziare 25 dipendenti senza creare intoppi coi sindacati) quelle satellitari non lo sono altrettanto. E quanto al nome del film ci sarebbe da scrivere un saggio sulla titolistica della produzione [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Basata sull'omonimo romanzo del manager-scrittore Massimo Lolli (Limina Edizioni, 1998), che lo ha sceneggiato con Alessandro Spinaci, «Volevo solo dormirle addosso» è una commedia di costume ambientata nel mondo aziendale di oggi, dominato dalla logica spietata del marketing. Ma per una volta raccontato nell'ottica, e questo è il tratto originale del film, non di una classica vittima delle vessazioni [...] Vai alla recensione »

NEWS
CELEBRITIES
martedì 3 febbraio 2009
Stefano Cocci

Bella e brava, eterna adolescente Bella è bella, e ha lo sguardo limpido di una gioventù che non accenna a finire. Certo, ad appena 29 anni, non si può certo affermare che Cristiana Capotondi stia sfiorendo ma il suo è un volto che il pubblico televisivo [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati