Advertisement
Storia 'poconormale' del cinema: il West (3)

Una rilettura non convenzionale della storia del cinema.
di Pino Farinotti

Puntata 43
Gary Cooper (Frank James Cooper) 7 maggio 1901, Helena (Montana - USA) - 13 Maggio 1961, Los Angeles (California - USA). Nel film di Cecil B. De Mille La conquista del West [1].

venerdì 18 dicembre 2009 - Focus

Puntata 43
Il western presenta delle vere e proprie ditte, collaborazioni fra autori e attori. Sono pochissimi i registi americani, e non solo, che non hanno firmato dei western. Ma le combinazioni, le ditte che si distinguono, che hanno fatto la storia del genere, scremando l'essenziale sono queste: De Mille-Cooper, Ford-Wayne, Hawks-Wayne, Mann-Stewart, Walsh-Flynn. I temi quasi sempre coincidevano, cambiavano linguaggio, stile ed estetiche. De Mille e Cooper rappresentavano la Frontiera nella chiave epica dell'iperbole, come quando avevano messo insieme tutti i miti dell'Ovest nella Conquista del west di cui ho già detto. Un altro western di grande impatto, del tutto "demilliano" è Gli invincibili(1946). E' il titolo della dichiarazione della bellissima Virginia Grey a Gary Cooper "se ti guardo negli occhi vedo montagne...". Siamo nell'Ohaio della metà del '700, davvero agli albori di una nazione. Cooper viene a sapere che la sua amata, la Gray, appunto, ha sposato suo fratello, ricco e tranquillo proprietario di piantagioni. Non ci pensa un secondo, fa fermare la barca che li sta trasportando, è notte, prende un fucile e una bisaccia e scende a terra. Si inoltrerà nei boschi e fra i monti, nel buio misterioso e pericoloso come le avventure che lo attendono, andrà dove c'è bisogno di lui, eroe di una Frontiera che deve essere ancora definita.
Cooper, uno degli uomini più belli di Hollywood, occhi azzurri, snello, vicino ai due metri, il vero eroe-semidio, era perfetto per il cinema di De Mille, che ricostruiva tutto in studio e tutto era magnificamente finto e troppo bello, patinato. Ma, come ho già avuto modo di dire, era un grande cinema.

Europeo
Ma Cooper nel '52 si prestò per un film diverso, un b/n rigoroso, un western "europeo", e infatti era diretto da un grande viennese, Fred Zinneman, il titolo era Mezzogiorno di fuoco. Non c'era frontiera, non c'erano indiani o grandi spazi, ma una città che lascia solo il suo rappresentante della legge ad affrontare quattro assassini. Western adulto e con altre implicazioni. Era la stagione del maccartismo e molti videro Gary Cooper, nella parte dello sceriffo Kane, come il modello dell'uomo giusto abbandonato da tutti, sostenuto solo dalla giovane moglie. Cooper ebbe il suo secondo Oscar. Era un evento per un titolo western. Il sistema hollywoodiano, che pure considerava il western come la più fulgida divisa americana, era sempre stato prudente, quasi impaurito nell'attribuzione del massimo riconoscimento del cinema del mondo a qualcosa di così squisitamente autoctono. E ci vollero 63 edizioni prima che la giuria dell'Academy Awards attribuisse il premio assoluto a un western, a Balla coi lupi di Kevin Costner. E era il 1990.

Capolavori
Nei primi anni cinquanta la Universal ristrutturò il genere producendo una serie di film con James Stewart diretti da Anthony Mann. Fra questi almeno tre capolavori del genere: Là dove scende il fiume, Terra lontana e Winchester '73. Una delle caratteristiche erano gli esterni. La storia vive quasi soltanto in esterni. La natura è protagonista più degli attori: il bosco infido, le rocce impervie, i fiumi cattivi. Stewart è un eroe dolente, esegue il suo compito, ma con perdite gravi. A volte è un bandito redento, a volte un mandriano con pochi scrupoli, a volte cerca vendetta. Ma alla fine il sentimento del western, della frontiera e della nazione, non gli permette di non ravvedersi. Stewart dava corpo e volto a un westerner adulto e pensante, con contraddizioni che riusciva a sciogliere con un impegno estremo e doloroso. Ne L'Amante indiana, (Fox, 1950) di Delmer Daves, altro grande autore dell'Ovest, Stewart è il bianco dalla parte degli indiani. Diventa amico di Kociss e sposa una giovane indiana, mettendosi contro tutta la comunità bianca. Un film dalla parte dei rossi: non era roba da poco, ed era la prima volta. Forse.
"Forse" perché alla Metro, informati di quell'iniziativa tanto anomala ma che avrebbe potuto rivelarsi importante e utile, organizzarono subito la produzione de Il passo del diavolo, con Robert Taylor. Era la storia di un capo indiano, ricco proprietario terriero, divenuto eroe della guerra di civile, con tanto di medaglia d'Onore del Congresso, che tornato a casa deve affrontare la discriminazione e l'ostilità dei bianchi. Nel film l'eroe è lui. Dunque, due titoli contemporanei con gli stessi sentimenti e indicazioni. I due titoli uscirono nelle sale contemporaneamente. Hollywood, attenta ai momenti e alle evoluzioni, sapeva gestirsi con sapienza e, com'è nello spirito americano, non disdegnava la competizione.

Narratore
Raoul Walsh era un magnifico narratore. Gli interessava il racconto nella sua agilità e velocità. Non era quello che si dice un autore, gli altri nomi detti sopra potevano ritenersi anche autori. Walsh e la Warner scelsero per i western un modello strepitoso per avvenenza e dinamica, uno che non chiacchierava molto, agiva. "Andava dove tuona il cannone", come dice proprio Flynn nella parte di Custer in La storia del generale Custer. Anche Errol era un perfetto corpo da western, occhi azzurri e tutto il resto, con in più l'appeal complice del corsaro e l'eleganza sfrontata dell'emigrato irlandese. Flynn&Custer in testa al 7° cavalleggeri, con la sua giacca di pelle chiara a frange è il più bel disegno di cavaliere di tutto il libro del west. E quel Custer, era l'eroe primo, vero/non vero, nemico degli indiani cattivi, e poi ucciso dagli indiani cattivi.

Evoluzione
Flynn&Custer e gli indiani saranno una delle misure dell'evoluzione del west. Perché poi arrivò il momento, come ho già raccontato, in cui gli indiani divennero i buoni sterminati e Custer lo sterminatore. Nel Piccolo grande uomo, di Arthur Penn con Dustin Hoffman, Custer è uno psicopatico autentico che uccide indiani per diventare Presidente degli Stati Uniti. E' molto probabile che il Custer vero fosse più vicino a Penn che a Walsh, ma se Custer è nel corpo, nel volto e... nel cavallo di Flynn, ebbene non stiamo con la storia ma col cinema e lo consideriamo un eroe.

Gallery


Gary Cooper (Frank James Cooper) 7 maggio 1901, Helena (Montana - USA) - 13 Maggio 1961, Los Angeles (California - USA). Interpreta Lo sceriffo Will Kane nel film di Fred Zinnemann Mezzogiorno di fuoco.
Europeo
James Stewart (James Maitland Stewart) 20 maggio 1908, Indiana (Pennsylvania - USA) - 2 Luglio 1997, Los Angeles (California - USA). Interpreta Tom Jeffords nel film di Delmer Daves L'amante indiana.
Capolavori
Errol Flynn (Errol Leslie Thomson Flynn) 20 giugno 1909, Hobart (Australia) - 14 Ottobre 1959, Vancouver (Canada). Interpreta George Armstrong Custer nel film di Raoul Walsh La storia del generale Custer.
Narratore
Dustin Hoffman (Dustin Lee Hoffman) (83 anni) 8 agosto 1937, Los Angeles (California - USA) - Leone. Interpreta Jack Crabb nel film di Arthur Penn Piccolo grande uomo.
Evoluzione
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati