Cesare deve morire

Acquista su Ibs.it   Dvd Cesare deve morire   Blu-Ray Cesare deve morire  
Un film di Paolo Taviani, Vittorio Taviani. Con Cosimo Rega, Salvatore Striano, Giovanni Arcuri, Antonio Frasca, Juan Dario Bonetti.
continua»
Docu-fiction, durata 77 min. - Italia 2012. - Sacher uscita venerdì 2 marzo 2012. MYMONETRO Cesare deve morire * * * 1/2 - valutazione media: 3,79 su 50 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,79/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * * * -
 pubblico * * * * -
   
   
   
Una docufiction che segue i laboratori teatrali realizzati dentro il Carcere di Rebibbia dal regista Fabio Cavalli, autore di versioni di classici shakespeariani interpretate dai detenuti.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Shakespeare entra in carcere e ancora una volta si fa nostro contemporaneo
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Nel teatro all'interno del carcere romano di Rebibbia si conclude la rappresentazione del "Giulio Cesare" di Shakespeare. I detenuti/attori fanno rientro nelle loro celle. Sei mesi prima: il direttore del carcere espone il progetto teatrale dell'anno ai detenuti che intendono partecipare. Seguono i provini nel corso dei quali si chiede ad ogni aspirante attore di declinare le proprie generalità con due modalità emotive diverse. Completata la selezione si procede con l'assegnazione dei ruoli chiedendo ad ognuno di imparare la parte nel proprio dialetto di origine. Progressivamente il "Giulio Cesare" shakesperiano prende corpo.
I fratelli Taviani erano certamente consapevoli delle numerose testimonianze, in gran parte documentaristiche, che anche in Italia hanno mostrato a chi non ha mai messo piede in un carcere come il teatro rappresenti un strumento principe per il percorso di reinserimento del detenuto. Quando poi si pensa a una fusione di fiction e documentario la mente va al piuttosto recente e sicuramente riuscito film di Davide Ferrario Tutta colpa di Giuda. I Taviani scelgono la strada del work in progress utilizzando coraggiosamente l'ormai antinaturalistico (e televisivamente poco gradito) bianco e nero. L'originalità della loro ricerca sta nella cifra quasi pirandelliana con la quale cercano la verità nella finzione. Questi uomini che mettono la loro faccia e anche la loro fedina penale (sovrascritta sullo schermo) in pubblico si ritrovano, inizialmente in modo inconsapevole, a cercare e infine a trovare se stessi nelle parole del bardo divenute loro più vicine grazie all'uso dell'espressione dialettale. Frasi scritte centinaia di anni fa incidono sul presente nel modo che Jan Kott attribuiva loro nel saggio del 1964 dal titolo "Shakespeare nostro contemporaneo". Ogni detenuto 'sente' e dice le battute come se sgorgassero dal suo intimo così che (ad esempio) Giovanni Arcuri è se stesso e Cesare al contempo e la presenza del regista Cavalli e dell'ex detenuto e ora attore Striano nel ruolo di Bruto non stonano nel contesto. Ciò che purtroppo diventa dissonante (anche se non inficia alle radici il valore dell'operazione) è la pretesa di far 'dire di sé' ai detenuti. Nei momenti in cui dovrebbero uscire dalla parte per rientrare in se stessi si avverte che è proprio allora che stanno recitando un copione che parla delle loro tensioni o delle loro attese. La ricerca della verità nella finzione si trasforma in finzione che pretende di palesare delle verità. Non era necessario. Shakespeare aveva già splendidamente ottenuto il risultato.

Stampa in PDF

Incassi Cesare deve morire
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
56%
No
44%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Cesare deve morire

premi
nomination
Nastri d'Argento
2
0
David di Donatello
5
8
Festival di Berlino
1
0
* * * * -

Carcere ed arte

giovedì 8 marzo 2012 di pepito1948

Nel 1989 Nanni Loy realizzò “Scugnizzi”, film incentrato sull’allestimento di un musical presso il San Carlo di Napoli con la partecipazione di ragazzi del riformatorio di Nisida. Le prove e le scene dello spettacolo si intrecciavano con le storie personali dei protagonisti (molti attori erano presi dalla strada) mediante l’alternarsi di piani temporali diversi, fino ad una conclusione tragica e speranzosa insieme. Il film non ebbe successo, sembra perché la continua »

* * * * -

Dal foro a rebibbia

martedì 13 marzo 2012 di Writer58

Camorristi, spacciatori, detenuti condannati per omicidio, un paio di ergastolani rinchiusi nel carcere romano di Rebibbia. Questi sono gli attori che rappresentano il "Giulio Cesare" di  Shakespeare, che interpretano i ruoli di Bruto, Cassio, Decio, Marco Antonio, dello stesso Cesare. Nel farlo, rappresentano  anche la propria vita, le proprie scelte, i propri errori. Impastano un presente, fatto di celle, cancelli, porte chiuse a chiave, spioncini che guardano simmetricamente continua »

* * * * *

Strepitoso

martedì 6 marzo 2012 di Goldy

Il primo ad essere felice di questa versione del Giulio Cesare credo dobba essere proprio Shakespeare. Lui che scriveva per un pubblico popolare che si recava a teatro con lo stesso spirito con cui oggi si va  allo stadio,   credo sarebbe proprio felice di  sentire come la  raffinatezza dei suoi versi non  sia riservata al privilegio   di pochi  ma   diventino  momenti di  preziosa riflessione per tutti.  La verità  continua »

* * * * -

Piu' giovani dei giovani!

lunedì 5 marzo 2012 di cristiana narducci

Gli ottantenni fratelli Taviani dimostrano che si può essere più giovani dei giovani, se si hanno idee da proporre e se si sa come proporle! Questa pellicola non è solo arte, ma svolge anche una funzione sociale fondamentale: per chi è in carcere, scavando dentro le profondità di sé stessi in un processo di evoluzione, e per gli spettatori, trasmettendo il messaggio che persino l'individuo più distruttivo ed apparentemente reietto è pur sempre un essere umano degno di un'ulteriore possibilità. I continua »

Cosimo
"Da quando ho conosciuto l'arte, questa cella è diventata una prigione."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Cosimo Rega
"Da quando ho conosciuto l'arte, questa cella è diventata una prigione"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Cesare deve morire

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 24 luglio 2012

Cover Dvd Cesare deve morire A partire da martedì 24 luglio 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Cesare deve morire di Paolo Taviani, Vittorio Taviani con Cosimo Rega, Salvatore Striano, Giovanni Arcuri, Antonio Frasca. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Cesare deve morire (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Cesare deve morire

APPROFONDIMENTI | Cesare deve morire tra le celle di Rebibbia.

Il cinema imprigionato

domenica 4 marzo 2012 - Roy Menarini

Il cinema imprigionato Il meritato Orso d’Oro che inaspettatamente i fratelli Taviani hanno portato a casa da Berlino illumina di luce propria un film che avrebbe seriamente rischiato l’indifferenza dei media. Grazie anche alla distribuzione di Nanni Moretti, Cesare deve morire si può finalmente vedere su una quarantina di schermi in Italia. Non sono certo numeri da blockbuster, eppure basta recarsi in una di queste sale e sorprendersi dell’applauso spontaneo che sorge negli spettatori appena scorrono i titoli di coda: certamente non una claque da festival.

   

FOCUS | Cesare deve morire, Orso d'oro. Di Pino Farinotti.

Azione artistica e umana

lunedì 5 marzo 2012 - Pino Farinotti

I Taviani: azione artistica e umana Lettura in prospettiva dell'Orso ai Taviani. L'intenzione della coppia di registi è importante e virtuosa. Niente di nuovo naturalmente nell'impiegare attori non attori. Ma poi c'è la formula. E quella dei fratelli non era semplice, era piena di trappole. Affidi un testo che fa parte del più alto incanto per il mondo, il Giulio Cesare di Shakespeare, ai detenuti di Rebibbia. Il pericolo poteva essere la goliardia o l'accademia: il classico esercizio che si affida al più dotato degli allievi di un Centro Sperimentale.

   

NEWS | MYmovies.it premia la miglior opera prima italiana.

Al via le votazioni online

martedì 17 luglio 2012 - a cura della redazione

Premio Kinéo Diamanti al cinema, al via le votazioni online Il premio Kinéo Diamanti al cinema giunge alla sua decima edizione e proclama già da ora il vincitore del Premio Speciale Rai Trade al "Miglior film italiano nel mondo", Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani, già vincitore dell’Orso d’oro a Berlino, in trionfo anche ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento. Gli altri premi, che saranno assegnati lunedì 3 settembre al Lancia Cafè nell'ambito della cerimonia di premiazione di Kinéo Diamanti al Cinema sono il premio SNCCI Pubblico & Critica e gli altri Premi Speciali Rai Trade al Miglior Film Tv e alla Miglior Animazione (Cartoons on the Bay in Venice) un follow up alla Mostra del Cinema di Cartoons on the Bay, il Festival Internazionale dell’animazione e della cross-medialità organizzato dalla Rai.

   

NEWS | Il pubblico premia Diaz di Daniele Vicari.

Orso d'oro a

sabato 18 febbraio 2012 - Giancarlo Zappoli

Berlinale 2012, Orso d'oro a Cesare deve morire Era dal 1991 che un regista italiano non si vedeva assegnare l'Orso d'Oro al Festival di Berlino. Allora si trattava di un grande vecchio come Marco Ferreri con La casa del sorriso. In questa edizione di 21 anni dopo a salire i gradini del palco del Palast della Berlinale sono ancora due grandi vecchi del nostro cinema: Paolo e Vittorio Taviani. È una vittoria meritata che onora il nostro cinema ma che ci deve anche far riflettere. I Taviani tornano a far trionfare l'Italia a un festival prestigioso grazie al coraggio della sperimentazione, grazie al non essersi adagiati su comode scelte che avrebbero potuto tranquillamente compiere e che invece hanno messo da parte per andare a cercare la verità con il cinema all'interno di un luogo di pena.

GALLERY | Foto di scena e photocall del film dei fratelli Taviani. Orso d'oro a Berlino.

L'arte dietro le sbarre

venerdì 2 marzo 2012 - a cura della redazione

Cesare deve morire, l'arte dietro le sbarre Nel teatro di Rebibbia, la rappresentazione di Giulio Cesare di Shakespeare ha fine fra gli applausi. Le luci si abbassano sugli attori tornati carcerati. Vengono scortati e chiusi nelle loro celle. Tutto ha inizio sei mesi prima, quando il direttore del carcere e il regista teatrale spiegano ai detenuti il nuovo progetto: Giulio Cesare. La prima tappa è quella dei provini. La seconda l’incontro con il testo. Il percorso è lungo: ansie, speranze, gioco. Ognuno dei detenuti si porta dietro colpe da espiare.

L'oro dei Taviani Shakespeare in bianco e nero dietro le porte della galera

di Natalia Aspesi La Repubblica

Il film ha vinto il massimo premio al festival di Berlino, e noi italiani molto contenti, tanto più che è da un bel po' che il nostro cinema viene ignorato, e non per spudorata cattiveria. Brontolii invece dai giornali tedeschi e si temeva che potessero avere ragione: per fortuna no, edè con gran sollievo che si può dichiarare che Cesare deve morire ci restituisce i grandi Taviani, vuoi con berretto o senza e comunque indistinguibili, Paolo e Vittorio, ottantenni tuttora coraggiosi e geniali. I due fratelli ci hanno dato opere meravigliose, entrate nella storia del cinema, negli anni in cui qui si pullulava di registi e attori grandiosi e chi li ha visti allora ed è tuttora vegeto, è stato fortunato: belli tutti, indimenticabili San Michele aveva un gallo, Allonsanfan, Padre padrone. »

La prigione del potere

di Elisa Battistini Il Fatto Quotidiano

Shakespeare a Rebibbia, interpretato dai detenuti della sezione alta sicurezza. Il “Giulio Cesare” sembra scritto per loro, che conoscono la violenza. Che conoscono il potere. Orso d’Oro a Berlino, il film dei fratelli Taviani sembra il punto zero di molti gangster movies che raccontano l’avvicendamento delle cupole, l’eliminazione di capi scomodi, i tradimenti. “Cesare non deve morire” è (anche) la scarnificazione del cinema di genere, riportato su un palcoscenico assoluto, quello di una galera. »

Si ride sulla crisi dei padri separati e poveri

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

I Taviani e il teatro di Shakespeare. Trasformato in cinema - in un grande cinema - con la trovata geniale di far rappresentare uno dei suoi drammi più celebri, il “Giulio Cesare”, da detenuti di un carcere romano, quello di Rebibbia. Si comincia a colori. Con la ricerca fra i detenuti di quelli che potrebbero recitare in uno spettacolo che dovrà svolgersi tra le mura del carcere. Poi, in uno splendido bianco e nero esaltato dal digitale, inizia il dramma. Con i suoi interpreti che, scortati, lasciano le loro celle per partecipare alle prime prove in un palcoscenico improvvisato: le parti imparate a memoria, le battute dei primi atti, con un’altra splendida trovata, quella di lasciare che i singoli “attori” si esprimano nei loro dialetti d’origine, in maggioranza meridionali, non solo non sminuendo quel testo quasi sacro ma, anzi, dotandolo di una vitalità e di sapori di cronaca dal vero di cui doveva far sfoggio quasi soltanto quando si recitava al Globe Theatre nell’inglese del Seicento. »

Grande Shakespeare chiuso a Rebibbia

di Alberto Crespi L'Unità

Dopo i trionfi berlinesi (Orso d’oro, meritatissimo) arriva per Cesare deve morire il momento della verità: l’incontro con il pubblico. La palla passa a voi, cari spettatori: abbiate coraggio, non fidatevi dei luoghi comuni e dei cattivi consiglieri. Vi sussurreranno: Shakespeare, girato in carcere, in bianco e nero, sai che palle! Niente di più falso!!! Innanzi tutto la durata del film (76 minuti compresi i titoli di coda, poco più di un’ora) è già garanzia di capolavoro. Inoltre, ai fratelli Taviani riesce un miracolo: calare i versi del Giulio Cesare nella quotidianità dei reclusi di Rebibbia, come fossero i loro pensieri, il loro inconscio, la loro vita. »

Cesare deve morire | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (2)
David di Donatello (13)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 2 marzo 2012
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità