Appaloosa

Acquista su Ibs.it   Dvd Appaloosa   Blu-Ray Appaloosa  
Un film di Ed Harris. Con Viggo Mortensen, Renée Zellweger, Jeremy Irons, Ed Harris, Lance Henriksen.
continua»
Western, durata 116 min. - USA 2008. - 01 Distribution uscita venerdì 16 gennaio 2009. MYMONETRO Appaloosa * * * 1/2 - valutazione media: 3,52 su 67 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,52/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
   
La storia dello sceriffo Virgil Cole e del suo vice Everett Hitch, che si sono fatti la fama di pacificatori nelle città senza legge sorte nelle terre selvagge del vecchio West.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Ed Harris si inventa l'avamposto di un (aggiornato) sogno epico, frequentato da uomini veri, da gente che non spara alle spalle
Marzia Gandolfi     * * * * -

Virgil Cole e Everett Hitch cavalcano insieme nelle terre selvagge, riportando l'ordine nelle città vessate dai fuorilegge. Cole è un self made man scontroso e riservato, Hitch, soldato congedato addestrato a West Point, è il vice di poche parole e lunghi sguardi. La loro meta è Appaloosa, una piccola cittadina nel New Mexico disarmata dal temibile Randall Bragg, ranchero col vizio del Winchester e dello scontro a fuoco. Dopo l'assassinio dello sceriffo di Appaloosa, Cole e Hitch vengono ingaggiati per difendere la città e assicurare il colpevole Bragg alla giustizia ma l'arrivo in stazione della smaliziata signorina French, appassionata frequentatrice di maschi dominanti, abbindolerà eroi e villain, alterando gli equilibri dietro la tastiera di un pianoforte e dentro le lenzuola.
Il western di Ed Harris dimostra chiaramente che c'è ancora spazio per chi voglia rileggere un genere che fa i conti con i miti ricevuti dalla tradizione e riaggiornati attraverso la mediazione dell'industria dello spettacolo. Sopravvissuto in qualche maniera negli ultimi vent'anni e splendidamente rilanciato (in America) dal serial Deadwood, il genere western ha smesso di essere demodè e cavalca di nuovo verso l'Eden originario per conquistare la Frontiera e piegare il futuro alla propria volontà.
Ispirato dal romanzo omonimo di Robert B. Parker, Appaloosa è l'avventura di due eroi che proteggono la comunità dai fuorilegge e dalle pulsioni disgregatrici che sorgono al suo interno. Cole e Hitch sono cowboy sul dorso di un cavallo, centauri custodi e giustizieri dei violenti contro il prossimo, che infondono onore ed esempio di giustizia in un mondo ingiusto. Usando parole e pallottole con eguale efficacia e cura, sceriffo e vice sono personaggi di grande carattere e non poche sfumature, che devono affrontare agguati, attacchi indiani, scontri a fuoco coi fuorilegge e a parole con la magnifica preda-lady, dentro l'ipertrofia degli spazi e sotto il grande cielo.
Ed Harris, rughe autentiche e anima romantica, infarcisce Appaloosa di rinvii sotterranei, metafilmici o espliciti del western-spaghetti, sia pure filtrati attraverso Eastwood, Costner e Walter Hill. Seminando omaggi ai registi che ama, Sergio Leone in primis, il regista tiene strette le redini e gioca con la scala dei campi e dei piani: dai campi lunghissimi al campo medio, dalla figura intera al primo piano, richiamando l'attenzione dello spettatore sul mondo fisico intorno ai personaggi o concentrandolo sulla psiche del personaggio evocato nel quadro. Cole e Hitch, sistemati "di quinta" a chiudere un lato dell'inquadratura e a permettere al nostro sguardo di scivolare in profondità verso la magnificenza degli spazi selvaggi, sono cavalieri solitari che entrano in città, la pacificano, la educano alla legalità e poi l'abbandonano. Appaloosa segnerà la perdita di una relazione definita e l'insediamento dello sceriffo nella città e in un contesto privato (la casa in costruzione). Nonostante le (sotto)tracce omoerotiche, a produrre il colpo di scena sarà una donna, apparizione divistica e agente del disordine travestita di grazia, merletti e tramonti. L'elemento femmineo, rimosso ai margini del quadro dal mito fondativo della Frontiera, farà il suo ingresso lirico in Appaloosa come la Cardinale in C'era una volta il West, diventando presenza perturbante ma sempre ironica, che non trascina più gli uomini sull'abisso della loro sessualità. Miss Allison French è un personaggio da interni che non disdegna un bagno in esterni. È una donna sola ma per nulla in balia degli eventi, decisa a insediarsi nel cuore di un uomo e in una dimensione casalinga, dove cucinare, suonare il piano, preparare il the e fare l'amore.
L'Hitch di Mortensen, vice dal cuore d'oro e dalla morale ineccepibile, è invece l'uomo del confine. Parla sulla soglia della prigione della Contea, indugia su quella del saloon, indeciso sull'ingresso a cui lo invita Cole, già dentro, già inserito. Regolati i conti col villain di Irons, anche lui integrato nel sistema, e offerta una chance allo sceriffo innamorato, dovrà ripartire "cavalcando lentamente verso ovest". Harris si inventa l'avamposto di un (aggiornato) sogno epico, dominando con fermezza un cast perfetto e funzionale dove, insieme alla sua, brilla la stella del vice Mortensen. Si inventa un film da uomini veri, da gente che non spara alle spalle.

Premi e nomination Appaloosa MYmovies
Appaloosa recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Appaloosa
Primo Weekend Italia: € 90.000
Incasso Totale* Italia: € 272.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 1 marzo 2009
Incasso Totale* Usa: $ 20.205.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 18 gennaio 2009
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
85%
No
15%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Una pistola per viggo

martedì 21 aprile 2009 di gabriella

Quando si recita con lo sguardo, quando si riducono i dialoghi all'essenziale e i movimenti lenti dei protagonisti sono ripresi in primi piani perfetti, quando a recitare c'è un cast di tutto rispetto, aggiungiamoci pure una colonna sonora azzeccata, ecco che si ottiene un risultato eccellente. I grandi spazi di frontiera, il cattivo di turno, lo sceriffo e il vice, uomini rudi, di poche parole, specie il capo, sempre ala ricerca del termine esatto, ma dalla mira precisa, la loro amicizia, un legame continua »

* * * * -

Il vecchio west non muore mai

domenica 22 febbraio 2009 di Andrea

Il western è un genere che viene dato spesso per morto,salvo poi resuscitare proponendoci grandi film come Gli Spietati, L'assassinio di Jesse Jemes ecc,Open range o Quel treno per Yuma. Appaloosa non fa eccezione a questa "regola". Harris si rivela grandioso anche come regista,proponendoci un western vecchio stampo ma ugualmente originale,soprattutto grazie alla figura della donna,rivalutata e resa importante anche più degli altri protagonisti. Ed Harris esalta nobili valori come lealtà,amicizia,amore continua »

* * - - -

Appaloosa

giovedì 22 gennaio 2009 di Jack the Rabbit

Non sono un amante del genere western, ma amo il cinema in ogni sua forma. Ci sono stati dei film western che mi sono piaciuti. Andando a memoria, olte a quelli diretti da Sergio Leone, cito titoli più o meno recenti come il remake di Quel treno per Yuma diretto da James Mangold (dello scorso anno, se non erro), Open range e Balla coi lupi diretti da Kevin Costner, Butch Cassidy per la regia di George Roy Hill e Gli spietati diretto dal dio (permettetemi l'appellativo) Clint Eastwood. Arriviamo continua »

* * * * -

Western romantico e retrò

martedì 24 febbraio 2009 di ciro

Un Western. I grandi spazi del New Mexico. Due pistoleri legati da profonda amicizia. Una donna venuta da lontano che porta scompiglio. E ancora: duelli cui si va con una sola pallottola caricata nel tamburo, uomini che sparano guardandosi negli occhi, ritmo lento e cadenzato, dialoghi scarni ed efficaci. Più che un film, un saggio di cinema americano, quello vero, “classico”, in cui i movimenti della macchina da presa sono impercettibili perché si privilegia la narrazione e la messa in scena piuttosto continua »

Virgil Cole
Hai paura di morire? No.
Bene perché sarai il primo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Virgil Cole
I sentimenti ti uccidono.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Cole a Hitch
Tu non sei meno bravo di loro per come spari, quanto sei veloce o quanto sei forte. Il tuo problema è che hai dei sentimenti.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Appaloosa oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Appaloosa

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 1 luglio 2009

Cover Dvd Appaloosa A partire da mercoledì 1 luglio 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Appaloosa di Ed Harris con Viggo Mortensen, Renée Zellweger, Jeremy Irons, Ed Harris. Distribuito da 01 Distribution. Su internet Appaloosa è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 5,99 €
Prezzo di listino: 7,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Appaloosa

APPROFONDIMENTI | Dal romanzo di Robert B. Parker.

Il film

mercoledì 14 gennaio 2009 - Pressbook

Appaloosa, il film Ambientato nel 1882 nei territori del New Mexico, Appaloosa racconta la storia dello sceriffo Virgil Cole (Harris) e del suo vice Everett Hitch (Mortensen), che si sono fatti la fama di pacificatori nelle città senza legge sorte in quelle terre selvagge. Nella piccola comunità di minatori di Appaloosa, uno spietato e potente ranchero, Randall Bragg (Irons), ha permesso alla sua banda di fuorilegge di spadroneggiare in tutta la città. Dopo l’assassinio a sangue freddo dello sceriffo di Appaloosa, Cole and Hitch vengono incaricati di assicurare il colpevole alla giustizia.

INCONTRI | Harris e Mortensen sceriffi nel villaggio di Appaloosa.

Il ritorno del western di grande respiro

sabato 25 ottobre 2008 - Gabriele Niola

Appaloosa, il ritorno del western di grande respiro L'avevano dichiarato da subito che una delle particolarità di questo Festival Del Film 2008 sarebbe stata la presenza di film di genere, e a mantenere la promessa arriva Appaloosa, il western dai toni ironici girato e interpretato da Ed Harris accanto al suo amico Viggo Mortensen. Alla sua seconda regia il veterano della recitazione continua a prediligere film in cui il fuoco è suoi personaggi e quindi sugli attori, non a caso sceglie un partner con cui sa di trovarsi bene (i due si erano conosciuti sul set di A History Of Violence) e un antagonista navigato come il sempreverde Jeremy Irons.

FOCUS | Col nuovo western Appaloosa è in atto l'ennesimo rilancio del genere.

Il western ci riprova

martedì 13 gennaio 2009 - Pino Farinotti

Appaloosa, il western ci riprova Col nuovo western Appaloosa è in atto l'ennesimo rilancio del genere. Il film è diretto da Ed Harris e presenta nomi importanti come Viggo Mortensen, Jeremy Irons e Renée Zellweger. È la storia di due uomini di legge che cercano di portare la legalità in una cittadina di minatori dominata dal cattivo. Il tema è squisitamente western e tutti ci si sono messi con impegno, ma riproporre, rigenerare, reinventare, davvero non sarà semplice. Il western, dagli anni Sessanta, cioè dal suo declino, è morto e risorto più volte: va detto che ogni resurrezione era sempre meno vitale.

Western. Sara il genere più demodé. Ma non passa ma di moda

di Marco Giusti Il Manifesto

L'anno scorso si sono cimentati Russell Crowe e Brad Pitt. Ora arriva «Appaloosa», con Viggo Mortensen e Ed Harris (che ne è anche il regista). Due sceriffi sulle tracce della grande coppia Newman-Redford di «Butch Cassidy». on incassano quanto sperato? Costano troppo? Sono un po' fuori moda? Ep pure, ogni anno si ripete il loro eterno ritorno. Ormai l'abbiamo capito. Che siano classici, mascherati, moderni, cucinati alla o in salsa australiana, il cinema non può fare a meno dei film western. Eravamo ancora freschi dell'arrivo dei due superwestern complessi della scorsa stagione, L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford del neozelandese Andrew Dominik con Brad Pitt e Quel treno per Yuma di James Mangold con Russell Crowe e Christian Bale, che ci ritroviamo a salutare il 2009 con l'arrivo di altri due titoli di prestigio. »

Il West maschio e violento di Mortensen e Irons

di Maurizio Cabona Il Giornale

L'apogeo dei western fu tra la metà anni Quaranta e i primi anni Sessanta, un quarto di secolo quando a scriverli erano gli autori anche dei noir o dei polizieschi, come per esempio Elmore Leonard. Ed Harris, che lo sa, ha scelto per soggettista del suo Appaloosa Robert Parker, il continuatore di Poodle Springs di Raymond Chandler. E sono proprio i dialoghi alla maniera di Chandler il punto di forza di Appaloosa: Ed Harris li ha preservati per lo più invariati dal romanzo omonimo: dunque sono secchi, ironici, volentieri taglienti. »

Sembra un western, forse è una storia d'amore

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Che cos'è un amico? Un amico è uno che respinge la tua donna anche se gli si getta fra le braccia. Un amico è uno che ti guarda le spalle e ti resta accanto in ogni circostanza. Ma soprattutto «un amico è qualcuno che ha abbastanza coraggio da dirti la verità anche quando non la vuoi sentire». Parola di Everett Hitch (alias Viggo Mortensen), un nome secco e sferzante come una pistolettata. Un nome da western. In un contesto moderno le massime appena esposte sarebbero perfino banali. Ma un western è un altro paio di maniche e per quanto insolito il brillante Appaloosa è proprio un western; con un piede piantato nella tradizione (amicizia virile, sparatorie, un paesino tiranneggiato dal solito possidente-bandito) e l'altro proteso a esplorare terreni meno battuti. »

Con Harris e Mortensen il West diventa mito

di Valerio Caprara Il Mattino

Una ventata d'aria fresca e un soprassalto del cuore. Ci voleva «Appaloosa» per farci viaggiare a ritroso nel tempo e tornare a quando gli schermi sapevano incendiare la fantasia. La magia si produce grazie al talento e alla passione di Ed Harris, superattore già cimentatosi con la regia («Pollock»), che traspone nel nitore anticato della fotografia di Dean Semler l'omonimo romanzo ambientato nel Far West di fine Ottocento. Va da sé che la trama fili dritta come un treno: una cittadina di frontiera è tenuta sotto scacco dai banditi; due pistoleri amici (Harris e Mortensen) sono assunti come sceriffi e cominciano a rendere la vita impossibile ai prepotenti; l'arrivo di un'avventuriera (la smorfiosissima Zellweger) rischia di mandare all'aria l'amicizia; la caccia al capo dei fuorilegge (Irons) procede intanto tra alterne vicende, fino a quando la politica corrotta sembra prendere il sopravvento. »

Appaloosa | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | gabriella
  2° | andrea
  3° | ciro
  4° | ciccio capozzi
  5° | dado1987
  6° | marco glerean
  7° | domenico rizzi
  8° | filippo catani
  9° | adler
10° | emilio58
11° | great steven
12° | floyd80
13° | jack the rabbit
Rassegna stampa
Peter Travers
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 16 gennaio 2009
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità