Gone Baby Gone

Acquista su Ibs.it   Dvd Gone Baby Gone  
Un film di Ben Affleck. Con Casey Affleck, Michelle Monaghan, Morgan Freeman, Ed Harris, John Ashton.
continua»
Drammatico, durata 114 min. - USA 2007. - Buena Vista uscita venerdì 4 aprile 2008. MYMONETRO Gone Baby Gone * * * - - valutazione media: 3,46 su 93 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,46/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
Due investigatori privati sono alla ricerca di una bimba di quattro anni rapita nella parte più squallida dei quartieri malavitosi di Boston.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
L'esordio alla regia di Affleck è un film che va oltre il genere per riflettere su temi delicati
Giancarlo Zappoli     * * * 1/2 -

Patrick Kenzie è un bostoniano da sempre e questo gli ha consetito di conoscere così tante persone da fargli decidere di divenire detective privato. Nella professione è aiutato dalla sua compagna Angie Gennaro. Un giorno i due giovani investigatori si vedono contattare perché coadiuvino la polizia nelle ricerche di Amanda, una bambina di quattro anni scomparsa recentemente. Non è però la poco affidabile e tossicodipendente madre Helene a cercarli ma gli zii della bambina. Nonostante la contrarietà del capo della polizia locale Jack Doyle i due si mettono all'opera coadiuvati da due poliziotti che Doyle assegna loro come aiutanti. L'indagine non è facile anche perché finirà con il mettere in gioco delle complesse scelte morali.
Ben Affleck, al suo debutto dietro la macchina da presa fa subito centro con un film di genere che va oltre il genere per affrontare delicati temi legati al rapporto tra adulti e bambini. L'unica pecca del film è il titolo che, somigliando a quello di una canzone che potrebbe essere dei Bee Gees così come dei Platters, rischia di avere un contenuto diverso da quello che invece possiede. D'altronde si tratta del titolo originale di un romanzo scritto da Dennis Lehane che è (oltre che l'autore di quattro storie che hanno al centro Patrick e Angie) colui che ha scritto "Mystic River". Scusate se è poco. Si potrebbe dire che con un autore così alle spalle chiunque avrebbe potuto ottenere un buon risultato ma, purtroppo, diverse esperienze di trasposizioni non riuscite non confortano questa valutazione. Così, lo ripetiamo, onore a Ben Affleck che si è per di più assunto l'onere di offrire un ruolo importante al meno noto fratello Casey affiancandogli dei comprimari come Morgan Freeman ed Ed Harris che possono mettere in difficoltà anche attori molto più rodati di lui.
Invece Casey Affleck e Michelle Monaghan offrono il ritratto di una coppia capace di uscire dagli stereotipi di genere e capace di attraversare una città rivisitata non da troppo tempo sotto l'ottica del malaffare (The Departed) mostrando la complessità del male che si insinua non nei grandi traffici ma davvero sotto lo zerbino della porta accanto.
La stessa inflessione di Affleck nell'originale risulta un misto di determinazione e timidezza, offrendo al personaggio uno spessore insolito. Perché, se è vero che ancora una volta un romanzo di Lehane torna a scavare nell'intimo delle coscienze cercando di leggere il talvolta inestricabile groviglio tra torti e ragioni, a portarlo sullo schermo è un regista che sa scegliere gli attori. Lo si vede, al di là dei nomi citati, nell'interpretazione offerta da Amy Ryan nel ruolo della madre della bambina. Le sue dichiarazioni dinanzi alle telecamere dopo la sparizione della figlia mettono in luce, con una naturalezza difficile da raggiungere al cinema, la profonda povertà materiale e morale della donna mista alla sua ignoranza. In quel momento sembra di assistere a uno dei nostri telegiornali infarciti fino all'inverosimile di cronaca nera e dei suoi attori. Quelli, purtroppo, veri.

Premi e nomination Gone Baby Gone MYmovies
il MORANDINI
Gone Baby Gone recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Gone Baby Gone
Primo Weekend Usa: $ 6.000.000
Incasso Totale* Usa: $ 19.969.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 9 dicembre 2007
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
86%
No
14%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Gone Baby Gone

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Golden Globes
0
1
* * * * *

Spacca in due

venerdì 2 maggio 2008 di anto81

proprio non me l'aspettavo... cioè in parte sì... la locandina è stupenda, l'inizio del film lascia senza parole... con quelle immagini da ghetto ti aspetti il solito hip-op logoro e stra-abusato... invece una colonna sonora pazzesca, struggente... perché allora non me l'aspettavo? semplice. ben affleck. premetto che non ho nulla contro di lui, è stato anche premiato per una sceneggiatura anni fa insiemeall'amico di sempre matt damon. ma obiettivametne come attore non è mai stato il top, né continua »

* * * * -

Da vedere

mercoledì 27 febbraio 2008 di dagon73

Un bel noir, crudo, diretto, che scava nella dura vita reale di un sobborgo disagiato, dove tutti conoscono tutti, dove i problemi di droga e alcol sono tanti. C'è chi ne è uscito, chi no, chi ci prova e chi ormai è vittima di se stesso come la madre della piccola bimba rapita. Una trama che coinvolge fin dall prime battute con continui colpi di scena che tengono lo spettatore sempre attento. Tanti taselli che lentamente vengono poi messi a posto disegnando il disagio e i compromessi che la gente continua »

* * * * -

"go affleck go!"

giovedì 11 novembre 2010 di IvanValle90

Duro, spiazzante, travolgente, crudo, contrastante, realistico … Sono solo alcuni degli aggettivi con cui “Gone Baby Gone” può essere descritto. Una storia che riesce a creare, in ognuno di noi, conflitti interiori, sorretti da mente e anima, tra razionalità e sentimento, tra senso del dovere ed istinto, capace di lasciare un interrogativo fondamentale, l’imperativo della vita, la scelta tra il bene e il male, tra ciò che è giusto e ciò continua »

* * * - -

Gone baby gone

martedì 16 settembre 2008 di readcarpet

Trama intricata (ovviamente da non svelare!) retta senza grossi problemi da una sceneggiatura a volte un po’ troppo enfatica e pretenziosa. Sembra però avere i numeri per una carriera niente male, Affleck, soprattutto per la personalità con cui si cimenta in elucubrazioni a rischio retorica, a rischio lacrimuccia strappata, a rischio isbanalità. Rischiose. Rischi evitati, per fortuna, a parte in certi momenti, come detto, quello della retorica (nessuno è perfetto). Colpisce soprattutto la rappresentazione continua »

Patrick Kenzie (Casey Affleck)
Le cose che ti fanno diventare quello che sei sono quelle che non scegli…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Patrick Kenzie (Casey Affleck)
Mi hai mentito e non trovo un motivo abbastanza veniale da poter essere trascurato…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Remi Bressant (Ed Harris)
Decidi da che parte stare, se picchi un bambino non sei dalla mia parte, e se mi vedi arrivare scappa perché io ti ammazzo…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Gone Baby Gone

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 18 aprile 2012

Cover Dvd Gone Baby Gone A partire da mercoledì 18 aprile 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Gone Baby Gone di Ben Affleck con Casey Affleck, Michelle Monaghan, Morgan Freeman, Ed Harris. Distribuito da Eagle Pictures. Su internet Gone Baby Gone (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Gone Baby Gone

INTERVISTE | Esce in 11 copie il thriller tragico di Ben Affleck, che affronta l'incessante dialettica tra adulto e bambino.

Bambini nel tempo

giovedì 3 aprile 2008 - Marzia Gandolfi

Gone Baby Gone: bambini nel tempo Ben Affleck, dopo l'interpretazione amara e crepuscolare del Superman di Hollywoodland, affronta la regia con un thriller tragico, che cerca il proprio equilibrio tra gli stati d'animo dei personaggi, abilmente diretti e interpretati con generosità da Casey Affleck, Michelle Monaghan, Ed Harris e Morgan Freeman. Gone Baby Gone è un apologo convincente sul degrado della città e della nazione del giovane autore, è un film robusto e coerente che racconta con freddezza e rispetto le drammatiche vicende dei suoi personaggi, evitando di concedere allo spettatore indizi semplificatori per la risoluzione del mistero.

Delitti e dubbi castighi. Pedofilia, rapimenti, investigazioni sono al centro di «Gone Baby Gone», che è più di un poliziesco

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

È tutta interna a un quartiere di Boston, la vita dell'investigatore privato Patrick Kenzie (Casey Affleck). O almeno lo è all'inizio di Gone Baby Gone (Usa, 2007, 114').Con Angie Gennaro (Michelle Monaghan), sua compagna e sua socia, "appartiene" a quel piccolo universo morale: all'intrecciarsi delle sue storie di vita, alle vicende che l'attraversano e lo producono, e anche alla sua visione del mondo. Ed è proprio questa visione del mondo che all'improvviso viene contraddetta dal rapimento di Amanda, figlia di Helene McCready (Amy Ryan). »

"Gone, baby gone": la giustizia degli Affleck

di Boris Sollazzo Liberazione

Spesso la decisione giusta è quella sbagliata. E viceversa. Sulla base di questo teorema banale e allo stesso tempo lacerante, Dennis Lehane è diventato il mago del thriller moderno. Da sempre pubblicato in Italia da Piemme, a lui si deve il capolavoro letterario Mystic River poi adattato per il cinema splendidamente da Clint Eastwood, a lui adesso il compito di bagnare la prima regia di Ben Affleck, già sceneggiatore da Oscar e attore "manzo", fino alla meritata Coppa Volpi per Hollywoodland, con Gone baby gone . »

Provaci ancora Ben (Affleck)!

di Luisa Cotta Ramosino Il Domenicale

«Come si fa ad andare in paradiso con tutte le cose cattive che ci sono al mondo?» A questa domanda semplice ma decisiva, Ben Affleck, che esordisce alla regia, ma soprattutto torna alla sceneggiatura dopo l'Oscar guadagnato con Matt Damon per Will Hunting, risponde con una vicenda cupa in cui la forza della legge morale si fa strada a colpi di sacrifici sempre più duri. Nella vicenda dello strano rapimento di una bimba di 4 anni (trascurata da una madre cocainomane che fatica anche a sfoderare un dolore di circostanza per la stampa) è il giovane investigatore Patrick Kenzie (Casey Affleck, fragile, ma determinato nella ricerca di una verità scomoda) a doversi interrogare sui dilemmi morali che le brutture del mondo pongono a chi ha il coraggio di guardarle in faccia. »

Noir d'autore di Affleck tra pedofili e rapimenti

di Adriano De Carlo Il Giornale

Una giovane coppia di investigatori deve cercare una bimba di 4 anni, rapita e forse uccisa da un pedofilo. Sui labili indizi i due, non senza perplessità, agiscono con decisione, malgrado la supponenza della polizia e lo scetticismo di due agenti dell'Fbi. Rovesciando ogni ipotesi la sceneggiatura prende ogni volta direzioni imprevedibili e suggestive. Un thriller nero pece che segna il debutto eccellente alla regia di Ben Affleck. Attore punito dal pregiudizio, Affleck presenta un'opera indimenticabile, le cui suggestioni ricordano Mystic River: l'autore del romanzo è lo stesso: Dennis Lehane. »

Gone Baby Gone | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Golden Globes (1)


Articoli & News
Interviste
bambini nel tempo
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 4 aprile 2008
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità