Tornare

Film 2019 | Thriller, 107 min.

Regia di Cristina Comencini. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Vincenzo Amato, Beatrice Grannò, Clelia Rossi Marcelli, Marco Valerio Montesano. Cast completo Genere Thriller, - Italia, 2019, durata 107 minuti. Uscita cinema lunedì 15 giugno 2020 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 11 sale cinematografiche - MYmonetro 2,23 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tornare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia ambientata a Napoli tra gli anni '60 e '90 di una italo-americana, nata da un padre militare statunitense e una madre partenopea. Il film ha ottenuto 4 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Tornare ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 9 mila euro e 1,9 mila euro nel primo weekend.

Tornare è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato nì!
2,23/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,03
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO NÌ
Un viaggio-thriller nella psiche di una donna sovraccaricato da un eccessivo didascalismo.
Recensione di Paola Casella
lunedì 28 ottobre 2019
Recensione di Paola Casella
lunedì 28 ottobre 2019

Dopo una lunghissima assenza, Alice torna dagli Stati Uniti, dove è diventata una giornalista affermata, alla casa sul mare dove ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza per assistere al funerale del padre, un ufficiale americano in forza alla base Nato di Napoli. Dopo la cerimonia la donna decide di restare in quella dimora così familiare e allo stesso tempo sepolta nella sua memoria: la stessa che il padre aveva perso a poco a poco, conservando solo i ricordi più lontani. A poco a poco, a contatto con la casa paterna, anche i ricordi di Alice riaffiorano, e hanno la concretezza del presente: la donna comincia infatti a dialogare con una diciottenne che altri non è che se stessa da ragazza. Sarà l'inizio di un percorso a ritroso che la porterà a fare scoperte sconvolgenti su chi è stata e perché ha finito per andare a vivere tanto lontano.

Per definizione della stessa regista Cristina Comencini (anche sceneggiatrice con Giulia Calenda e Ilaria Macchia), Tornare è un "thriller dell'anima", ed è utile sapere che ciò che è raccontato è una sorta di percorso psicanalitico della protagonista all'interno della propria memoria, perché consente di accettare, da spettatore, parecchie svolte che in un thriller convenzionale apparirebbero prevedibili, se non insensate.

La casa di Alice è un non luogo che può essere credibile solo come prodotto della mente, e i dialoghi fra la donna quarantenne e la se stessa più giovane (oltre all'adolescente entrerà in scena anche una Alice bambina) si spiegano solo nell'ottica di quel rimosso psicanalitico caro alla regista fin dai tempi dell'altro suo thriller dell'anima, La bestia nel cuore.

In sé l'idea di raccontare la mente femminile, in particolare quella che ha subìto un evento traumatico, attraverso un incontro graduale con il proprio passato visibile allo spettatore, è poetica e coinvolgente, così come è estremamente evocativa (e commovente) l'idea, per una donna adulta, di poter tornare indietro a confortare e rassicurare la propria se stessa più giovane di fronte ad un mondo maschilista votato a censurare ogni istinto muliebre, in particolare la sessualità.

Ma proprio perché i temi in gioco sono così importanti e attuali il modo in cui vanno affrontati deve fare tutta la differenza, ed è qui che la mano di sceneggiatura e di regia di Comencini si rivela invece pesante, piena di sottolineature e simbolismi caricati e reiterati che zavorrano inutilmente la narrazione e la rendono legnosa e forzata.

La regista attinge, forse senza completa consapevolezza, a molto cinema - da Volver, citato fin dal titolo, a A letto con il nemico (vedi la somiglianza fra Vincenzo Amato e Patrick Bergin), da Il sesto senso a Mal di pietre - senza trovare una cifra originale; rappresenta corridoi ombelicali e grotte del subconscio; dà alla sua protagonista un nome da favola (e sottolinea verbalmente anche quella connessione, nel caso ce la fossimo persa); distribuisce oggetti dal significato così palese da diventare didascalico (il cane nero, la matrioska....) e sovraccarica un tono che avrebbe potuto giocare con il realismo magico, anche con l'horror, mantenendo però quella levità di tono che rafforza, invece di sabotare, il potere illusorio del cinema.

Alice non scivola nei labirinti della sua mente: li attraversa a passo marziale seguendo una segnaletica cartellonistica, sorprendendosi in modo plateale per accadimenti che lo spettatore ha già abbondantemente anticipato, accorgendosi di dettagli che già sono stati notati dal pubblico come incongruenti. E gli attori protagonisti non possono che adeguarsi a questa narrazione greve, reiterando sguardi che anticipano le svolte a venire, e comportandosi in modo innaturale e artefatto.

Sei d'accordo con Paola Casella?
TORNARE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 4 luglio 2020
Giggetto

Tornare è un film straordinario, forse il più bello tra quelli di Cristina Comencini. Lo spettatore viene attratto come una forza magnetica da un alone di mistero impercettibile e proprio per questo irresistibile. Una storia da un certo punto di vista essenziale, ma che le tre sceneggiatrici riescono a rendere perfettamente. La Napoli che si vede - palazzi e grotte vicino al mare, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 maggio 2020
Eugenio

Un’ora e mezza di un “cammino” frammentario, lucido con la consapevolezza, ahimè voluta, di fornire allo spettatore elementi simbolici che si compongono, come un mosaico, sotto gli occhi della protagonista attraversando una serie di visioni oniriche nel mistero ultimo di una giovinezza perduta.   Tutto questo è Tornare di Cristina Comencini, pianificato in [...] Vai alla recensione »

sabato 4 luglio 2020
Giggetto

Tornare è un film straordinario. Lo spettatore viene attratto come una forza magnetica da un alone di mistero impercettibile e proprio per questo irresistibile. Una storia da un certo punto di vista essenziale, ma che le tre sceneggiatrici riescono a rendere perfettamente.La Napoli che si vede - palazzi e grotte vicino al mare, teatro greco semi abbandonato, una indimenticabile fuga tra le volte della [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 maggio 2020
LUCIANO SIBIO

Una vera delusione. Film inguardabile.Fare un film basandosi su un amarcord suscitato dalla morte di un genitore e con ritorno a casa dove si manca da tempo si corre il rischio molto serio di descrivere situazioni un pò scontate che immancabilmente si verificano. Quando poi si vuole sdoganare il film dall'amarcord puro e semplice trasformando quest'ultimo,da passatempo poetico a indagine [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 27 ottobre 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Forse tre. Alice (Giovanna Mezzogiorno) non abita più lì e quando torna nei cupi Anni 90 per il funerale del padre, Napoli ha i colori lividi di un eterno giorno senza sole. I ricordi si confondono, le realtà si intrecciano (come incipit del film c'è una riflessione sul tempo del fisico Carlo Rovelli) e Alice inizia a interagire con se stessa adolescente mentre sniffava trielina a fine Anni 60 o, più [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 maggio 2020
Filiberto Molossi
Ombre Mosse

«La memoria si ricorda solo quello che si vuole ricordare». Perché il passato è così: ha la consistenza del fango. È materia molle, rischi, alla lunga, di rimanerci invischiato. Si svela già dal titolo, «Tornare»: che ha dentro il «nostos» greco, che qui è viaggio dentro di sè, come anche il «volver» spagnolo e almodovariano, in quel suo essere cinema del riavvolgersi, del riscoprirsi.

martedì 12 maggio 2020
Roberto Nepoti
La Repubblica

Doveva uscire nelle sale il 12 marzo Tornare di Cristina Comencini. Bloccato dal virus, due mesi dopo è finalmente disponibile on demand sulle piattaforme. Definito "un thriller dell'inconscio" dalla regista, rimanda alle atmosfere del suo La bestia nel cuore e si dipana come un'indagine nel profondo della protagonista, Alice, vittima di antiche rimozioni alla ricerca del proprio passato.

domenica 10 maggio 2020
Fabrizio Tassi
Cineforum

Tornare a casa, per celebrare un funerale, e magari cercare una rinascita. Tornare nel passato, dove è sepolto un trauma rimosso, un episodio brutale che ha cambiato il corso di una vita (e non solo quella). Tornare alla dinamica esistenziale de La bestia nel cuore: in quel caso la verità riaffiorava dopo un viaggio di Sabina (Giovanna Mezzogiorno) negli Stati Uniti, nella casa del fratello maggiore; [...] Vai alla recensione »

sabato 9 maggio 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Vi raggiunge sul divano di casa, saltando le sale ancora impraticabili (in Norvegia sono aperte da ieri: la Repubblica Ceca le aprirà l' 11 maggio, con cautela: la Francia punta al 2 giugno). "Non c' è passato, non c' è presente, non c' è futuro. Il tempo è solo un modo di rappresentare il cambiamento", annuncia lo scienziato Carlo Rovelli prima dei titoli di testa.

venerdì 8 maggio 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

La regista-scrittrice Cristina Comencini si è fidata, invece, troppo della sceneggiatura scritta con la figlia Giulia Calenda e Ilaria Macchi nel misurarsi con Tornare, un thriller dell' anima (la definizione è sua) incentrato sul ritorno a Napoli negli anni 90, in occasione del funerale dell' anziano padre, di una donna adulta e in carriera e sulla connessa riemersione del fattaccio occultato dal [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 maggio 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

Tornare, come rientrare in un luogo dal quale ci si è più o meno temporaneamente allontanati; tornare alla mente, come riaffiorare di memoria; tornare a essere, come ridiventare. Allude a tutti questi significati il film di Cristina Comencini che rinunciando all' uscita in sala, è già disponibile on demand sulle maggiori piattaforme digitali, da Sky Prima Fila a TimVision a Chili.

giovedì 7 maggio 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

E' prendendo a prestito le parole di Carlo Rovelli che Cristina Comencini affida l' incipit del suo Tornare, ennesimo film che ha saltato la distribuzione nelle sale per approdare, direttamente, al noleggio. Lo scorso ottobre, aveva chiuso la Festa del Cinema di Roma, con il marchio, impresso dalla stessa regista e scrittrice, di «thriller dell' anima».

giovedì 7 maggio 2020
Serena Nannelli
Il Giornale

Presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma, "Tornare", il nuovo film di Cristina Comencini, è ora disponibile on demand su Sky Primafila Premiere, Timvision, Chili, Google Play, Infinity, CG Digital, Rakuten TV. Come in altre pellicole della regista, la vicenda narrata pone l'accento sul passato, sui luoghi della memoria e sul rapporto tra consanguinei.

giovedì 7 maggio 2020
Massimo Causo
Duels.it

Nel titolo il destino: non sono pochi gli elementi già noti al cinema italiano che riemergono in Tornare, senza tuttavia avere la necessaria forza per rinnovarsi. Il nuovo film di Cristina Comencini (visto alla Festa di Roma e rilasciato direttamente in streaming on demand nel non facile frangente attuale) è un dramma psicologico femminile, in cui una donna dall'identità interrotta è posta di fronte [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 maggio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Dopo tanti anni Alice torna a Napoli da New York, nella casa che l'ha vista bambina. Oggi è una giornalista e il rientro è dovuto ai funerali del padre. Ma Alice decide di restare: tra le mura di quella villa ritroverà la memoria, facendo emergere episodi drammatici della sua vita, dall'infanzia ai giorni attuali. Comencini tenta l'ardua strada del thriller dell'anima, ma nei corridoi si perde in manierismi [...] Vai alla recensione »

martedì 5 maggio 2020
Mauro Gervasini
Film TV

Torna Cristina Comencini a scandagliare la psiche di una donna, a caccia di incubi rimossi. Come in La bestia nel cuore, forse il suo film più celebre (anch'esso sceneggiato con la figlia Giulia Calenda, qui insieme a Ilaria Macchia). Ma Tornare è meno corale, tutto racchiuso nella casa di Posillipo che Alice, giornalista italoamericana a lungo lontana, deve sbaraccare dopo la morte del padre, ufficiale [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 maggio 2020
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Anche "Tornare" doveva uscire nei cinema, come "La sfida delle mogli" o "7 ore per farti innamorare", ma si sa com'è andata a finire. E così il nuovo film di Cristina Comencini arriva "on demand" oggi 4 maggio, data per molti versi simbolica, su SkyPrimafila, TimVision, GooglePlay, Chili, RakutenTv, Infinity e CG Entertainmenmt. La regista-scrittrice, che qui firma il copione con Giulia Calenda e [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 maggio 2020
Gianni Canova
We Love Cinema

Una e trina. Appare così la protagonista di Tornare di Cristina Comencini: trasferitasi in America tanti e tanti anni prima, Alice - 50enne malinconica, con un velo di mestizia negli occhi - rientra a Posillipo, nella villa di famiglia, per partecipare ai funerali del padre. E lì, a contatto con i luoghi della sua giovinezza, non può non fare i conti con il proprio passato e con i traumi rimossi che [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 febbraio 2020
Mario Mazzetti
VivilCinema

A Napoli, negli anni '90, Alice fa ritorno alla casa di famiglia sul mare dopo tanti anni trascorsi in America. La circostanza non è piacevole: il funerale del padre, ex ufficiale alla base Nato di Bagnoli, e la necessità di svuotare casa, ormai disabitata, per metterla in vendita. Dopo aver salutato la sorella, Alice si trattiene in quel luogo che le sembra ormai estraneo, come la sua vita da ragazzina [...] Vai alla recensione »

sabato 26 ottobre 2019
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Tre donne, l'una dentro l'altra. Ovvero la stessa donna, in tre età diverse: una matrioska. E tre uomini, tutti e tre colpevoli di violenza ai danni di questa donna, anzi, di queste donne: chi la compie, chi non interviene, chi la nega. E' Tornare di Cristina Comencini, film di chiusura della XIV Festa del Cinema di Roma. Interpretata adulta da Giovanna Mezzogiorno, che con coraggio mostra, per di [...] Vai alla recensione »

sabato 26 ottobre 2019
Alessandro Aniballi
Quinlan

Napoli, anni '90. La quarantenne Alice rientra dall'America. È morto il padre. Alice si ferma nella casa di famiglia: ha deciso di venderla, e occorre svuotarla degli oggetti di una vita. Inaspettatamente, Alice scopre che la casa è abitata da una ragazza giovane e bellissima. Con lei inizia un dialogo intenso, come il legame che si crea con Marc, un uomo affascinante e gentile.

sabato 26 ottobre 2019
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

La bestia nel cuore 2, la vendetta. Stavolta non c'è il romanzo della stessa Cristina Comencini, eppure si ha l'impressione di vederlo. Assieme alle visioni della protagonista. Da Sabina del film del 2005 ad Alice di Tornare. Sempre attraverso Giovanna Mezzogiorno, qui forse nella sua interpretazione più opaca. La strada è ancora quella di un thriller sentimentale borghese.

NEWS
TRAILER
venerdì 24 aprile 2020
 

Regia di Cristina Comencini. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Vincenzo Amato, Beatrice Grannò, Clelia Rossi Marcelli, Marco Valerio Montesano. Dal 4 maggio direttamente in digitale.  Guarda il trailer »

POSTER
venerdì 14 febbraio 2020
 

Dopo una lunghissima assenza, Alice torna dagli Stati Uniti, dove è diventata una giornalista affermata, alla casa sul mare dove ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza per assistere al funerale del padre, un ufficiale americano in forza alla base Nato [...]

TRAILER
mercoledì 12 febbraio 2020
 

Regia di Cristina Comencini. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Vincenzo Amato, Beatrice Grannò, Clelia Rossi Marcelli, Marco Valerio Montesano. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

FESTA DI ROMA
lunedì 28 ottobre 2019
Paola Casella

Lo spunto è interessante ma il film è sovraccaricato da un eccessivo didascalismo. Prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 14 ottobre 2019
 

Regia di Cristina Comencini. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Vincenzo Amato, Beatrice Grannò, Clelia Rossi Marcelli, Marco Valerio Montesano. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati