Mia Martini - Io sono Mia

Film 2019 | Biografico +13 130 min.

Regia di Riccardo Donna. Un film con Serena Rossi, Maurizio Lastrico, Lucia Mascino, Dajana Roncione, Antonio Gerardi. Cast completo Genere Biografico - Italia, 2019, durata 130 minuti. Uscita cinema lunedì 14 gennaio 2019 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,67 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mia Martini - Io sono Mia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ci sono artisti che, come pochi, hanno saputo esprimere lo spirito del proprio tempo e, anzi, persino anticiparne il corso. Tra questi c'è Mia Martini.

Consigliato nì!
2,67/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,83
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Una sintesi libera e drastica della parabola di Mia Martini, all'insegna di un nuovo lustro alle sue hit.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 11 gennaio 2019
Recensione di Raffaella Giancristofaro
venerdì 11 gennaio 2019

Domenica Berté detta Mimì è quel tipo di artista che gli anglofoni definiscono unsung hero (ops, heroine): un talento non adeguatamente riconosciuto e sostenuto dall'industria discografica e di conseguenza anche dal pubblico. Sacrosanto e meritorio, quindi, che la RaiFiction di Eleonora Andreatta abbia voluto portare al grande pubblico la sua biografia: parziale, simbolico risarcimento alla vittima di un pregiudizio mortificante e fatale, ma anche veicolo di divulgazione di un modello femminile indipendente e anticonvenzionale.

Io sono Mia sulla carta condensa due decenni di attività (i '70 e gli '80, con rapidi flashback di turbolento clima familiare a Bagnara Calabra) e punta ad essere più cose: "evento" cinematografico sull'onda del successo di Fabrizio De André - Principe libero (2018) richiamato, anche graficamente, nel poster; opera pop e rassicurante che incontri il gusto della platea televisiva; tributo musicale, al contempo anche reviviscenza, nuovo sfruttamento del repertorio dell'interprete.

Sceneggiato da Monica Rametta (La kryptonite nella borsa e Un bacio di Ivan Cotroneo, con cui ha firmato anche le fiction tv Tutti pazzi per amoreTutti pazzi per amore, Una grande famiglia, Sirene), Io sono Mia può contare sulla consulenza di Loredana e Olivia Berté ma sconta le assenze pesanti di due personaggi cardine nella vita della Martini: l'amico Renato Zero e il compagno Ivano Fossati (che non hanno aderito al progetto), qui sublimati parzialmente sia per motivazioni che fisionomia nel compagno di uscite Toni (Daniele Mariani) e nel partner fotografo Andrea (Maurizio Lastrico).

La scelta di alternare realtà e invenzione, creando la compresenza di discografici dai nomi reali e altri inventati e neppure accreditati (come Tino Notte, l'impresario che sarebbe alla fonte della maldicenza nei confronti di Mia) in sé non sarebbe un demerito, se ciò non andasse a scapito della definizione dei caratteri, che spesso poggia su dialoghi iper esplicativi, da narrativa rosa più popolare, e abbozzi caricaturali dei personaggi di contorno. Come se in una prima fase Io sono Mia fosse stato pensato come una serie in più episodi per poi venire "ridimensionato" a lungometraggio. E se non venissero drasticamente esclusi gli aspetti problematici: il tentato suicidio nella breve esperienza di carcere, i rapporti tesi con i familiari e i colleghi, il sodalizio, creativo ma anche competitivo, con Fossati, le circostanze del decesso. Una compressione inevitabile, considerato lo sforzo di ridurre in un paio d'ore anche due decenni determinanti per l'emancipazione femminile (che non fa capolino se non tramite una battuta di Loredana, l'appropriata Dajana Roncione).

Un procedimento che insomma isola e ritaglia la protagonista dal contesto, come una di quelle figure da libri in 3D, che balzano in primo piano per restarci. Risulta presto evidente, infatti, che la regia di Riccardo Donna (veterano della fiction RAI) sia concentrata a enfatizzare le performance musicali, girate come degli "a parte", estremamente curate, in termini di prestazione canora, qualità musicale, montaggio e ricostruzione d'epoca. Da un'ampia discografia (diciassette album) il film seleziona solamente cinque brani, tutte hit: 'Padre davvero', 'Piccolo uomo', 'Minuetto', 'E non finisce mica il cielo', 'Almeno tu nell'universo'. In un arco che va dal '71 all'89, ovvero dall'inizio della carriera sotto il nome di Mia Martini all'emozionante interpretazione sanremese del brano di Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio. Si tratta di nuove incisioni, prodotte da Mattia Donna e La Femme Piège (già autori delle colonne sonore delle fiction Come fai sbagli, La strada di casa) interpretate da Serena Rossi (Un posto al soleUn posto al sole, Ammore e malavita), la cui poliedricità e somiglianza fisica con "Mimì", nonché il trionfo nello show tv Tale e quale, deve aver verosimilmente costituito l'innesco del progetto.

Se la Rossi dà diligentemente tutta se stessa per far brillare un'interprete così rilevante della nostra canzone, è anche vero che la sua solarità innata non sempre combacia con l'indole contraddittoria e ribelle e lo stile interpretativo asimmetrico e chiaroscurale di "Mimì". Di lei ripetutamente si evidenziano le tensioni romantiche (come nel riuscito scambio di affinità con Franco Califano / Edoardo Pesce) o le difficoltà date dall'ostilità dell'ambiente professionale, ma senza mai approfondire le asperità caratteriali.

Ricostruzione prevalentemente mimetica, oltremodo semplificatoria ed ecumenica, Io sono Mia trova il proprio ritmo ed equilibrio grazie a un solido escamotage di scrittura: l'invenzione dell'intervista alla cantante ad opera della giornalista Sandra Neri (Lucia Mascino, con Antonio Gerardi nel ruolo dell'impresario Crocetta la più convincente e misurata del cast). Il personaggio "terzo", neutro, rispetto a tutti gli altri, a cui Mia affida la propria verità, in un lampo di solidarietà di genere. Non è casuale che a lei spetti la battuta che rende giustizia all'artista scomparsa nel 1995: "non c'è vocazione o talento che sopravviva alla mancanza di successo e non c'è torto maggiore che privare qualcuno della possibilità di esprimersi".

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 19 gennaio 2019
M. Giambrone

Si doveva scegliere tra l’omaggio alla grande persona ed artista Mia Martini ed il documento biografico. Si è optato per il primo. Mimì ce l’ha fatta ad emergere, trionfare, decadere e ri-trionfare. Con la sua voce, la sua caparbietà e grazie ai grandi autori che hanno creduto in lei.Si capisce subito, tuttavia, che il “film della vita” della cantante sia estremamente edulcorato.

mercoledì 16 gennaio 2019
Fabiana Cambi

Grande emozione !!! Film molto bello , ben fatto, interpretato in maniera egregia .  Non condivido la critica di my movie .  Quando sarà trasmesso in Rai lo riguarderò e lo consiglio caldamente .  Bello !!! Mi ha regalato grande emozione e rinnovata amarezza per la cattiveria e stupidità umana . 

mercoledì 16 gennaio 2019
Danielaaa

Film bellissimo ed emozionante che ricostruisce la carriera di una grande artista e di un periodo storico della musica italiana con passione e precisione. Sceneggiatura encomiabile e protagonista che spiazza per la bravura. Poco altro da dire.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 14 gennaio 2019
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

Il racconto della vita di Mia Martini prende piede da una fittizia intervista, fatta partire 48 ore prima il suo ritorno sulle scene, nell'edizione sanremese 1989 in cui vinse il premio della critica con il brano Almeno tu nell'universo, in cui la cantante (interpretata da Serena Rossi) ripercorre i momenti salienti della sua carriera ad una giornalista (Lucia Mascino) che inizialmente la snobba (è [...] Vai alla recensione »

martedì 15 gennaio 2019
Alice Cucchetti
Film TV

Dopo il successo di Fabrizio De André - Spirito libero, RaiFiction tenta il bis con un film su Mia Martini, scritto dalla sceneggiatrice tv Rametta. Un Bohemian Rhapsody nostrano, verrebbe da dire, perché la biografia della cantante è semplificata (attorno a cinque brani: Padre davvero, Piccolo uomo, Minuetto, E non finisce mica il cielo e Almeno tu nell'universo) e edulcorata (droga: non sia mai). [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 gennaio 2019
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

1989, Festival di Sanremo. Dopo sei anni di assenza forzata, Mia Martini torna sul palco dell'Ariston, in gara con Almeno tu nell'universo. È la grande rentrée di una tra le voci italiane più incredibili del secolo scorso, vergognosamente messa ai margini dall'industria e dal circo di nani e ballerine dei vari palinsesti televisivi con l'infamante diceria che portasse sfortuna.

NEWS
TRAILER
martedì 18 dicembre 2018
 

Io sono Mia si apre a Sanremo, nel 1989, quando un'esile figura femminile percorre i corridoi che portano al palco del teatro Ariston. È Mia Martini al suo rientro sulle scene dopo anni di abbandono: "Sai la gente è strana prima si odia poi si ama" è [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati