Il Re Leone

Film 2019 | Avventura, Drammatico Film per tutti 118 min.

Titolo originaleThe Lion King
Anno2019
GenereAvventura, Drammatico
ProduzioneUSA
Durata118 minuti
Al cinema758 sale cinematografiche
Regia diJon Favreau
AttoriMarco Mengoni, Elisa, Edoardo Leo, Beyoncé Knowles, Luca Ward, Massimo Popolizio Toni Garrani, Donald Glover, Stefano Fresi, James Earl Jones, Billy Eichner, Seth Rogen, Chiwetel Ejiofor, Keegan-Michael Key, Alfre Woodard, John Oliver, Eric André.
Uscitamercoledì 21 agosto 2019
DistribuzioneWalt Disney
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 2,58 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jon Favreau. Un film con Marco Mengoni, Elisa, Edoardo Leo, Beyoncé Knowles, Luca Ward, Massimo Popolizio. Cast completo Titolo originale: The Lion King. Genere Avventura, Drammatico - USA, 2019, durata 118 minuti. Uscita cinema mercoledì 21 agosto 2019 distribuito da Walt Disney. Oggi tra i film al cinema in 758 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 2,58 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi




oppure

La trasposizione live action de Il re Leone. Il Re Leone è 1° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 2.478.254,00 e registrato 371.297 presenze.

Consigliato nì!
2,58/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,65
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Una qualità tecnica altissima per un'immersione nelle meraviglie della savana. Genera però più domande che entusiasmo.
Recensione di Marianna Cappi
martedì 16 luglio 2019
Recensione di Marianna Cappi
martedì 16 luglio 2019

Simba è il futuro re, il cucciolo di Mufasa, sovrano temuto e rispettato, che non cerca la guerra e sa stare entro gli ampi confini del proprio regno. Ma qualcuno trama nell'ombra per sovvertire l'ordine costituito e le promesse future: è Scar, l'invidioso fratello minore di Mufasa, pronto a macchiarsi del più atroce delitto e a prendere il potere con l'inganno. Esiliato e convinto a torto di essere responsabile della fine dell'amato padre, Simba cresce lontano dalla Rupe dei Re finché il passato non torna a cercarlo e a domandargli di assumersi le sue responsabilità.

La trama del Re Leone è nota, come lo sono le sue famosissime canzoni, le scene clou, le battute di spirito. Non si troverà nulla di diverso nella versione aggiornata e fotorealistica di Jon Favreau, che del calco dell'originale fa un volano ma anche, involontariamente, un boomerang.

Se La Bella e la Bestia in live action e CGI si è presentato come una valida alternativa al suo corrispettivo animato, se il remake de Il libro della Giungla, ad opera dello stesso Favreau, è un'ottima rivisitazione, con un tono specifico e una personalità propria, nessuna delle due cose, sfortunatamente, si può dire del nuovo Il Re Leone, che suscita più domande retoriche che sincero entusiasmo.

Sebbene, sulla carta, l'idea di un'immersione quanto più realistica possibile nelle meraviglie della Savana e delle sue creature sembrasse una scommessa vinta in partenza, l'uso straordinario della CGI penalizza il film, interrogando il senso generale di un remake di questo tipo. Gli animali appaiono sfruttati per esclusivi fini antropo-simpatetici, imboccati con un linguaggio che non appartiene loro, ripuliti nei suoni e nella loro natura tout court, senza che il filtro della stilizzazione, che era proprio dell'animazione, intervenga nel mezzo per farci sorridere dell'operazione. E il fatto che il film non preveda presenza umana alcuna (non c'è un Mowgli, per intenderci) amplifica ulteriormente la sensazione di artificiosità.

Dopo aver lavorato per un secolo per far sembrare vivi i disegni animati, la Disney sembra impegnarsi qui per "cartonare" gli animali vivi, ammaestrandoli a tutti i costi a replicare le inquadrature e i labiali di una fantasia animata. Le poche aggiunte alla sceneggiatura originale riguardano principalmente l'epurazione dei movimenti paranazisti delle iene sulla musica di "Sarò Re", l'introduzione di maggiori battibecchi di coppia, e qualche approfondimento per allungare la durata, che s'impone però senza leggerezza su un film già tra i più pedagogici del cosiddetto Rinascimento Disney.

"Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere", recita l'Amleto, attorno al cui archetipo si sviluppava la favola immaginata nel '94 da Allers e Minkoff. Ora sappiamo anche che Il Re Leone avrebbe potuto restare serenamente quel che era: questo suo doppio difficilmente lo scalzerà dal trono.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Il ritorno al cinema di una delle storie più amate di sempre.
Overview di Martina Ponziani
mercoledì 19 dicembre 2018

Nella Terra del Branco si festeggia la nascita del leoncino Simba, figlio di Mufasa e Sarabi, futuro erede di tutto il regno. Questo scatena la gelosia dello zio Scar che mesi dopo pianifica la sua vendetta: con uno stratagemma mette Simba in pericolo e quando il padre accorre per salvarlo, sacrifica il fratello dando poi la colpa al piccolo cucciolo di leone. Simba scappa così dalla sua terra ed incontra Timon e Pumbaa, due simpatici animali con i quali cresce nella natura selvaggia finché il suo destino non lo richiamerà a casa. 

La trama di questo classico Disney è nota, così come la sua grande fortuna. Uscito nel 1994, è considerato uno dei più grandi successi della casa di Topolino, sia per l'intreccio ispirato a quello del capolavoro shakespeariano Amleto, sia per l'intramontabile colonna sonora.

Ora, per l'anniversario dei 25 anni, il mito sta per tornare, rispondendo alla colossale operazione Disney di riportare in auge tutte le sue vecchie glorie. Ma mentre per altri progetti è stato più facile virare verso una nuova versione in live action, in questo Re Leone la missione è stata assai più complicata.

Non potendo fare affidamento su nessun personaggio in carne ossa, infatti, il rifacimento si è dovuto basare su una complicata animazione computerizzata che ha reso il film di fatto un remake dell'originale. E chi meglio di Jon Favreau poteva accettare la sfida? Il regista, dopo aver portato con successo sul grande schermo un progetto simile con la versione aggiornata di Il libro della giungla (2016), si è aggiudicato anche questo non facile compito che sa di nostalgia. 

Si tratta infatti di una vera e propria operazione vintage. L'uscita del trailer ha confermato come la Disney voglia mirare con questo film a ricreare le stesse emozioni di mezzo secolo fa, puntando sugli spettatori ormai adulti. Le scene sembrano essere ricalcate passo passo dall'originale, con l'aggiunta di una straordinaria tecnologia che pare rendere gli animali molto simili agli umani. Solo queste prime sequenze hanno scatenato l'effetto voluto dalla produzione: il trailer è diventato in pochi giorni il più visto tra quelli realizzati dalla Disney ed il secondo più visualizzato nella storia nell'arco di ventiquattro ore.

A rendere ancora più interessante questo anomalo ritorno al passato è il cast vocale. Per doppiare i protagonisti nella versione originale sono stati infatti scelti interpreti tra i migliori del nuovo panorama hollywoodiano. Si tratta di Donald Glover per il ruolo di Simba, Beyoncé Knowles-Carter per quello di Nala, Chiwetel Ejiofor darà la voce a Scar, mentre Seth Rogen e Billy Eichner saranno Pumbaa e Timon.

Sei d'accordo con Martina Ponziani?

IL RE LEONE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 22 agosto 2019
C.Ronaldo7

Nuova pellicola della collection "live action" di casa Disney, forse la più attesa: Il Re Leone. Il Re Leone è forse il classico Disney più amato dal pubblico e probabilmente una delle migliori pellicole mai realizzate dalla casa di Topolino. Non ricordiamo qui l'altissimo livello tecnico e artistico che ha caratterizzato la prima pellicola: trama, personaggi, [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 agosto 2019
Leandro

Il film segue passo passo il cartone ma ciò nonostante riesce a emozionarti. Una nuova versione che, per certi versi, può essere all'altezza del film animato ma di certo non si nota molto la magia del classico animato. Nel complesso il nuovo RE LEONE riesce ad rallegrarti e a entusiasmarti.

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
venerdì 23 agosto 2019
Giovanni Chessari, vincitore del premio Scrivere di Cinema

Nel 1966, in seguito alla morte del padre fondatore Walt Disney, l'omonimo studio di animazione conosce un periodo di forte disorientamento, con risultati ancora discreti al botteghino ma un entusiasmo degli addetti ai lavori decisamente più modesto rispetto a quello rivolto alle produzioni precedenti. La crisi raggiunge il suo apice nel 1985, quando arriva in sala Taron e la Pentola Magica: il film è una ventata di sana e orgogliosa ambizione in un tempo però scelleratamente sbagliato, finendo per detenere ancora oggi il primato per l'incasso più irrisorio per un lungometraggio animato, nonostante l'indiscutibile portata artistica del prodotto in sé.

È soltanto nel 1989 che inizia la ripresa economica di Casa Disney, quando La Sirenetta inaugura il fortunato decennio del cosiddetto "Rinascimento Disney". Ed è in questo clima di rinnovata fiducia di un pubblico riconquistato che nel 1994 si distingue Il Re Leone, destinato a diventare antilogia finanziaria di Taron, ovvero il maggiore incasso mai registrato nella storia della casa produttrice.

Adesso, questa seconda trasposizione sembra collocarsi in un periodo non solo altrettanto felice in termini economici (a giudicare dai risultati su scala mondiale nelle prime settimane di programmazione), ma anche cruciale nel nuovo corso di recupero classico intrapreso dalla Disney.

E se da una parte è innegabile che questo genere di usato sicuro rappresenti una via ormai più furba che coraggiosa, dall'altra è pur vero che gli spettatori paganti sembrano condonare ai produttori d'oltreoceano, quando non richiedere esplicitamente, quelle mancanze di innovazione spesso imputate a prescindere a realtà cinematografiche come quella italiana.

Ecco allora che la versione de Il Re Leone (guarda la video recensione) di Jon Favreau, già regista dell'adattamento in live-action de Il Libro della giungla, sembra obbedire ad un tacito e pacifico accordo con i fruitori di riferimento: non opta per dare all'antico significante un significato attuale, non maneggia la sostanza narrativa del passato in vista di un riflesso davvero significativo sul presente, non rivisita la materia bensì si limita a rieditarla.

Quel che cambia è la tecnica adoperata, che non rientra nelle modalità degli ultimi live-action (anche perché qui la presenza umana è appunto assente), ma che contempla un'accurata ricostruzione faunistica e naturalistica in CGI, strategia che aspira con successo a dissimulare l'operazione grafica di un mondo ricostruito ad arte nell'utopia di un'impossibile ripresa diretta dello stesso.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 22 agosto 2019
Simone Soranna
Duels.it

Da sempre il cinema guarda al mercato, all'industria, ai profitti e alle strategie di marketing, dialogando al tempo stesso con la creatività, le emozioni, i ricordi, le sensazioni indelebili. Nei suoi anni migliori, Disney è riuscita a imporsi sulla concorrenza proprio perché capace di intrecciare alla perfezione questi due aspetti. Da qualche tempo, però, ha deciso di rispolverare il passato per [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 agosto 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Dopo due ore di visione de Il Re Leone, nella versione CGI, inutile chiedersi il perché di una simile operazione. La risposta ovvia sta nel botteghino. Il film, in America, ha incassato tantissimo, come ogni cosa che tocca «Re Mida» Disney. Milioni di dollari in cassa e chi si è visto si è visto. La parte artistica? Non fondamentale. E così, anche un blockbuster capolavoro come quello di Simba è stato [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 agosto 2019
Fulvia Caprara
La Stampa

Il grande ritorno del Re Leone, epica avventura di formazione del leoncino Simba, sullo sfondo del cuore africano selvaggio e incontaminato, apre un quesito molto più importante della storia e dei personaggi, sempre avvincenti, esattamente come lo erano nel vecchio film. A 25 di distanza da quel successo clamoroso, Disney sceglie di creare un clone puntando su tecnologie sofisticate, non un semplice [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 agosto 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Dopo la magistrale versione live action de Il libro della giungla (2016), Jon Favreau continua a sperimentare con il cartoon capolavoro del 1994, Il Re Leone, per una versione più adulta. Scar è uno zio sfregiato e sgradevole, le iene fanno ribrezzo e la parabola di Simba, autoesiliatosi dalle Terre del Branco dopo la morte del padre Mufasa, sa essere inquietante anche durante il balletto di Hakuna [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 agosto 2019
Gianmarco Bonelli
Sentieri Selvaggi

Venticinque anni fa, illuminato dalla calda luce di una storica ed inconfondibile alba rossa, nasceva un leone destinato a cambiare la storia del cinema e di intere generazioni. Il re leone, il più celebre e maestoso classico della Walt Disney Pictures, ha avuto un'importanza indiscutibile nel suo presente, quello del 1994, in cui stabiliva solide radici e nel futuro in cui esse si sarebbero e si sono [...] Vai alla recensione »

martedì 20 agosto 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

Nel Nuovo ordine mondiale Disney è fondamentale formare il gusto del pubblico, ma anche mantenerlo aggiornato. Un tempo c'erano le riedizioni dei classici animati, oggi, in un'offerta multipiattaforma articolata, meglio rifarli, tecnologicamente riveduti e corretti, per riacchiappare gli spettatori di allora e coinvolgere quelli di oggi. Sotto quindi con i remake live action (come Aladdin) o in CGI [...] Vai alla recensione »

martedì 20 agosto 2019
Giovanna Branca
Il Manifesto

«Sarò re» cantava il leone Scar, accompagnato da un coro di iene, nel classico Disney del 1994: Il re leone. Il suo ruolo di usurpatore shakespeariano, a tratti terrificante per i bambini, specialmente nella scena in cui getta il fratello - e legittimo re - Mufasa giù da un dirupo, era anche attraversato da una profonda ironia. Scar era pieno di sé, pavido (anche se non quanto il principe Giovanni [...] Vai alla recensione »

martedì 13 agosto 2019
Marco Minniti
Quinlan

Il giovane leone Simba, erede al trono della foresta, ha fretta di crescere e diventare re; questa sua smania viene sfruttata da suo zio Scar, crudele e ambizioso, per provocare la morte di suo padre Mufasa e incolparne Simba, salendo così al trono al suo posto. Simba, esiliato, cresce divorato dal senso di colpa, finché l'incontro con una vecchia conoscenza non lo convincerà a reclamare quel trono [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 luglio 2019
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Nell'universo Disney esistono due tipi di "realtà": quella figlia dell'immaginario e quella che ci viene riproposta. Con i remake in salsa live action, tornano a vivere i classici di un tempo, che hanno accompagnato intere generazioni. Il successo è assicurato, i bambini di oggi non smettono di sognare e quelli di una volta si commuovono. L'effetto nostalgia fa la sua parte.

NEWS
BOX OFFICE
venerdì 23 agosto 2019
Andrea Chirichelli

Dopo aver settato il record come miglior esordio di sempre per un film ad agosto ed il quinto in assoluto nel mercato italiano, Il Re Leone (guarda la video recensione) prosegue la sua marcia trionfale e chiude la giornata di ieri con 2,4 milioni di euro, [...]

BOX OFFICE
giovedì 22 agosto 2019
Andrea Chirichelli

Ruggisce Il Re Leone (guarda la video recensione), che debutta con quasi 3 milioni di euro, portando al cinema ad agosto ben 432mila spettatori, un dato incredibile che pone il film come serio contendente per il secondo posto assoluto di questa stagione [...]

BOX OFFICE
sabato 3 agosto 2019
Andrea Chirichelli

AladdinSpider-ManIl Re LeoneToy Story 4 superano tutti i 350 milioni di dollari. È record. Vai al Box Office

VIDEO RECENSIONE
martedì 30 luglio 2019
 

Una qualità tecnica altissima per un'immersione nelle meraviglie della savana. Genera però più domande che entusiasmo. Recensione di Marianna Cappi, legge Gaia Petronio. Guarda la video recensione »

BOX OFFICE
giovedì 25 luglio 2019
Andrea Chirichelli

Spider-Man: Far from home (guarda la video recensione) prende il largo e grazie ai 208mila euro incassati ieri vola a 9 milioni complessivi con oltre 1,3 milioni di spettatori. Il suo ingresso nella top ten assoluta stagionale è questione di giorni e [...]

BOX OFFICE
sabato 20 luglio 2019
Andrea Chirichelli

Spider-Man: Far From Home (guarda la video recensione) incassa 317mila euro, si avvicina agli 8 milioni , che dovrebbero essere superati oggi e si prepara a vincere il suo secondo weekend consecutivo.

TRAILER
mercoledì 10 aprile 2019
 

Dopo il successo della trasposizione in live-action de "Il libro della giungla", Jon Favreau realizza, con la stessa tecnica, The Lion King.

TRAILER
lunedì 25 febbraio 2019
 

Dopo il successo della trasposizione in live-action de "Il libro della giungla", Jon Favreau realizza, con la stessa tecnica, The Lion King.

TRAILER
venerdì 23 novembre 2018
 

Dopo il successo della trasposizione in live-action de Il libro della giungla, Jon Favreau realizza, con la stessa tecnica, Il re leone. Il film sarà al cinema da agosto 2019 distribuito da Disney.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati