MYmovies.it
Advertisement
Marcello Fonte prima di Dogman: ecco dove lo avevamo già visto

Dai film per la TV alle comparsate per registi come Ettore Scola e Martin Scorsese. Fino alla vittoria della Palma d'Oro con Matteo Garrone.
di Francesca Ferri

Marcello Fonte (39 anni) 7 novembre 1978, Melito Porto Salvo (Italia) - Scorpione. Interpreta Marcello nel film di Matteo Garrone Dogman.
venerdì 1 giugno 2018 - News

Eroe perdente di Dogman, attore ignorato in Italia, star a Cannes. Marcello Fonte è la dimostrazione che le strade per il cinema sono infinite e, imprevedibile, è la propria storia. "La mia vita è il cinema", ha detto allo scorso Festival di Cannes ritirando, emozionato, la Palma d'oro per il miglior attore in Dogman di Matteo Garrone. Dovevamo aspettare il festival francese per riconoscere il talento che non eravamo riusciti a vedere. E quel momento Marcello Fonte se l'è goduto fino in fondo. Dopo l'urlo di Benigni, «Marcellooo!», l'attore ha esitato un istante prima di salire sul palco. «Pensavano che non avessi capito ma invece io volevo godermelo. La vita è piena di cose brutte. "Facciamolo durare un po' di più" mi sono detto. E ho contato fino a tre», racconta il piccolo grande Dogman. Un traguardo non solo per la sua carriera, ma una ricompensa e un incoraggiamento a un uomo dalla ferrea determinazione che è arrivato a troneggiare tra predecessori come Marlon Brando, Marcello Mastroianni, Gian Maria Volonté, fino a Joaquin Phoenix. La sua storia però non è solo quella di una lunga gavetta nella scalata al successo, ma un percorso di resistenza morale a una vita che non sempre gli ha sorriso.

Ultimo di cinque fratelli, Marcello Fonte ha vissuto la sua infanzia ad Archi, periferia nord di Reggio Calabria. "Vivevamo nelle baracche - ha ricordato sul palco di Cannes - e quando pioveva la pioggia sulle lamiere mi faceva venire in mente gli applausi".
Francesca Ferri

Con un passato da scout, Marcello all'età di 10 anni ha imparato a suonare il rullante per la banda musicale del suo paese. Un'esperienza che nel 2015 rielaborerà nel film Asino vola, da lui scritto, interpretato e co-diretto insieme a Paolo Tripodi, presentato infine al Locarno Festival. Lì Marcello diventa Maurizio, parla con asini e galline, come lui da piccolo faceva con il cagnetto Bechi e con i cani di cui si prende cura in Dogman. Cresciuto, come lui, in una discarica, salvato da un'immaginazione che gli ha permesso di riscrivere la realtà. «Chi l'ha detto che gli asini non volano? Se ci credi li vedi». 

A 19 anni si è trasferito a Roma e ha fatto qualsiasi mestiere, sarto, imbianchino, barbiere e infine comparsa. Appena arrivato nella capitale non sapeva nemmeno se voleva fare l'attore, poi per caso, al Teatro Valle dove lavorava come custode, spinto anche dal fratello scenografo, si è creato un ruolo vacante e lui non ci ha pensato due volte a prenderlo. Marcello così si è appassionato alla recitazione e ha ottenuto piccole parti in produzioni televisive e cinematografiche, tra cui il programma tv Stracult, la serie tv Don Matteo e l'ultimo, La mafia uccide solo d'estate, la serie diretta da Luca Ribuoli e tratta dall'omonimo film diretto e interpretato da Pif. Le comparse, con gli anni, sono diventate sempre più importanti, portandolo a lavorare per grandi registi tra cui Ettore Scola per Concorrenza sleale, Martin Scorsese per Gangs of New York e Alice Rohrwacher per Corpo celeste.


CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati