Espèces menacées - Specie in pericolo

Film 2017 | Drammatico +13 105 min.

Titolo originaleEspèces menacées
Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia, Belgio
Durata105 minuti
Regia diGilles Bourdos
AttoriAlice Isaaz, Suzanne Clément, Vincent Rottiers, Pauline Etienne, Frédéric Pierrot Eric Elmosnino, Damien Chapelle, Grégory Gadebois.
DistribuzioneMovies Inspired
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Gilles Bourdos. Un film con Alice Isaaz, Suzanne Clément, Vincent Rottiers, Pauline Etienne, Frédéric Pierrot. Cast completo Titolo originale: Espèces menacées. Genere Drammatico - Francia, Belgio, 2017, durata 105 minuti. distribuito da Movies Inspired. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Espèces menacées - Specie in pericolo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una coppia felice, una donna incinta e un uomo stralunato sono i protagonisti di un film che intreccia tre storie per parlare d'amore.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Tre storie intime s'intrecciano per caso in un racconto violento e dalla cifra stilistica decisa.
Recensione di Olivia Fanfani
giovedì 31 agosto 2017
Recensione di Olivia Fanfani
giovedì 31 agosto 2017

Una delirante prima notte di nozze, offuscata da alcool e fumogeni, introduce tre storie distanti tra loro ma profondamente unite dal fil-rouge dello scontro tra padri e figli. Josephine e Tomas, giovani sposini, sono apparentemente molto felici. Melanie è una giovane studentessa rimasta incinta di un professore universitario e non sa come affrontare la questione col padre, molto più giovane del compagno. La madre di Anthony viene rinchiusa in un ospedale psichiatrico dopo esser stata abbandonata dal marito fedifrago, mentre il figlio studia lingue straniere all'università ed è a sua volta reduce da una storia finita male che lo porta a rivalutare il suo rapporto con le donne.

Tre storie intime e familiari che s'incontrano per caso, sfiorandosi nel parcheggio di un centro antiviolenza o negli stretti corridoi di una libreria universitaria.

L'atmosfera ovattata e l'isolamento funereo dei protagonisti si accompagnano a una regia che si affida spesso ai particolari di una messa in scena di stampo teatrale. Gilles Bourdos costruisce un racconto corale carico di violenza, stabilendo un clima oppressivo e claustrofobico che è corrispondenza esatta dell'inquietudine dei protagonisti. In egual misura mostra il fulcro di tutte e tre le storie per poi scinderlo sul piano dello svolgimento. Un accumulo di situazioni che si dilatano e convergono nell'escalation di brutalità che è costretta a subire Josephine, nei suoi genitori che non sanno come aiutarla quando la scoprono costretta ad annullarsi nell'uomo che ama.

Al limite del patologico, l'incontro casuale con la coppia ormai alla deriva sarà la chiave, per il padre di Melanie, utile a rileggere la sua fermezza nella condanna della scelta della propria di figlia. Il tema della sottomissione che ritorna costantemente tra Josephine e suo marito Tomas, Anthony e sua madre, legami familiari complessi in cui l'uno si aliena nell'altro, sono strutturati in frammenti e immagini di un gioco simmetrico di piani e luci, ispirato dalla continua ricerca di un rapporto formale che dia un senso ad una realtà caotica e sfuggente.

Una cifra stilistica decisa sottolinea i particolari delle linee sinuose di case Liberty o delle simmetrie fredde di edifici popolari, riuscendo a non cadere nel tranello della maniera. Una rara ambizione formale compone l'inquadratura come fosse una tela impressionista, la luce densa dei lampioni la traccia accecante del pennello. La camera slitta senza sforzo e con continuità da un mondo all'altro, descrive le relazioni e i rapporti familiari nel loro percorso continuamente in bilico tra ragione e follia, accettazione e diniego.

Sei d'accordo con Olivia Fanfani?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 2 febbraio 2018
Oksek

 Come in “Under the tree”, l’altro film presentato in concorso nella Sezione Orizzonti di Venezia 74 nella giornata del 31 agosto, anche il francese “Espéces Menacèes” (Specie in via d’estinzione) riflette sulla crisi familiare e sulla disgregazione della coppia.

lunedì 4 settembre 2017
IlCirro

I destini di tre strane coppie si incrociano sulle strade della vita. Un marito violento e una moglie terrorizzata; un padre sull'orlo della separazione che apprende dalla figlia che presto si sposerà con un suo ex professore molto più anziano di lei; una madre iper-possessiva sull'orlo della schizofrenia e un figlio ormai plagiato che non riesce a concludere nulla.

sabato 2 settembre 2017
mtonino

Tre storie di genitori e figli ambientate in una Nizza colorata e solare. Il film comincia con la strana prima notte di nozze di Josephine e Tomas che introduce e accenna al tema portante del film. Dopodiché si passa a Melanie che annuncia telefonicamente  al padre che aspetta un bambino e di volersi sposare con un suo ex professore sessantenne.

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati