Mad City - Assalto alla notizia

Film 1997 | Drammatico +13 115 min.

Titolo originaleMad City
Anno1997
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata115 minuti
Regia diCosta-Gavras
AttoriDustin Hoffman, Alan Alda, Mia Kirshner, John Travolta, Bill Nunn, Raymond J. Barry Kyla Pratt.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,14 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Costa-Gavras. Un film con Dustin Hoffman, Alan Alda, Mia Kirshner, John Travolta, Bill Nunn, Raymond J. Barry. Cast completo Titolo originale: Mad City. Genere Drammatico - USA, 1997, durata 115 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,14 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mad City - Assalto alla notizia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 18 agosto 2010

Max Brackett (Hoffman), giornalista televisivo bravo e spregiudicato, relegato in provincia e in perenne attesa dello scoop che lo riporterà in auge, ... Al Box Office Usa Mad City - Assalto alla notizia ha incassato 8,5 milioni di dollari .

Consigliato sì!
3,14/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,28
CONSIGLIATO SÌ

Max Brackett (Hoffman), giornalista televisivo bravo e spregiudicato, relegato in provincia e in perenne attesa dello scoop che lo riporterà in auge, si trova in un museo proprio mentre Sam (Travolta), un guardiano licenziato, si barrica dentro con una scolaresca. Ha un fucile e della dinamite, rivuole il suo posto di lavoro. Sam non è un criminale, né un violento, è solo alterato e sprovveduto, e abusa di pillole di caffeina. Incidentalmente gli parte un colpo e ferisce un'altra guardia (che poi morirà), fuori dal museo. Max prende l'occasione al volo, organizza una diretta, intervista l'uomo, ne fa un personaggio. Pilota l'opinione pubblica, prima favorevole al poveretto poi sfavorevole. Fuori naturalmente c'è il finimondo. FBI, polizia, network. Arriva anche il grande anchor man (Alda) da New York, che stravolge di nuovo tutto. Anche Max alla fine è travolto: il meccanismo è sfuggito anche a lui che lo aveva messo in piedi. E Sam si suicida, non prima di aver detto "la televisione è bella". Costa Gavras porta i suoi ragionamenti sul ruolo abnorme e terribile dei media. Non esiste la verità: la tv può manipolare come vuole, e la gente le crede. La tesi era straconosciuta, fin dai tempi dell' Asso nella manica di Wilder, 1951, che aveva lo stesso impianto (là c'era l'uomo imprigionato nel cuore della montagna). Tutto già visto e conosciuto, ma Gavras merita sempre credito.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Per riottenere il posto di guardiano, Sam Bailey (J. Travolta), folle più che violento, penetra nel museo dove prestava servizio armato di fucile e dinamite, sequestra una scolaresca, la maestra, la direttrice e un cinico giornalista TV (D. Hoffman) che ne approfitta per fare uno scoop sensazionale. Mass media in fibrillazione. Scritto da Tom Matthews e diretto dal colto e impegnato Costa-Gavras (1933), è un altro attacco allo strapotere manipolatore della TV, alla sua invadenza e schizofrenia, all'isterica stupidità della cosiddetta opinione pubblica. Retorico? già visto? un po' inverosimile? schematico? Tutto vero o quasi. Ma anche efficace, ben costruito, spinto da una sincera urgenza comunicativa. Contrariamente a J. Travolta, D. Hoffman è in forma. Apparizione a sorpresa di John Landis.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 26 agosto 2013
Filippo Catani

Un giornalista "retrocesso" a una amittente locale si reca ad un museo per realizzare un pezzo sul licenziamento di alcuni dipendenti. Mentre si trova in bagno, una ex guardia giurata prende in ostaggio la direttrice e una scolaresca per protestare contro il suo licenziamento. Lo scopo di Costa Gravas è alto e nobile: mostrare come al giorno d'oggi il potere dei mass media sia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 ottobre 2011
Gianni Lucini

Dustin Hoffman, entusiasta di tornare a vestire i panni di un giornalista, dopo Tutti gli uomini dei Presidente, si prepara con la consueta metodica cura. Per giorni e giorni guarda centinaia di servizi televisivi recuperati su sua richiesta dalla produzione presso vari network. A differenza di altre volte questo lavoro di ricerca e perfezionamento non è un esercizio solitario.

mercoledì 5 ottobre 2011
Gianni Lucini

Inizialmente pensato per essere girato con pochi soldi e attori sconosciuti Mad City – Assalto alla notizia, grazie anche a un cast di tutto rispetto, suscita reazioni contraddittorie. Poco amato negli Stati Uniti ottiene grandi consensi in Europa. La spiegazione è probabilmente da ricercare nella difficoltà di pubblico e critica statunitense ad accettare una critica che assomiglia [...] Vai alla recensione »

martedì 23 febbraio 2010
Luca Scialo

Un uomo licenziato dal suo lavoro di guardiano presso un Museo prossimo alla chiusura, entra nello stesso e con un fucile tiene in ostaggio una scolaresca e la direttrice del Museo, rea a suo dire di averlo licenziato. Un cronista cinico e senza scrupoli pur di ottenere delle notizie esclusive, si trova sul posto per una semplice intervista e diventerà il conduttore del dramma; anzi, finirà [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Il limite non va spostato. O viene oltrepassato o no!"
Una frase di Max Brackett (Dustin Hoffman)
dal film Mad City - Assalto alla notizia - a cura di sara
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati