Advertisement
Elegia Americana, american dream a tinte malinconiche

Ron Howard continua a parlare di temi universali affidandosi a un gioco delle parti. Su Netflix. 
di Sara Gelao, Vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

venerdì 4 dicembre 2020 - Scrivere di Cinema

Elegia Americana avrà anche un titolo generico, ma sicuramente azzeccato. Il film è infatti tipicamente elegiaco nelle tinte malinconiche color pastello che compiangono una  realtà infelice.  

Si tratta della trasposizione cinematografica dell’autobiografia di J.D. Vance, di un uomo  ora riscattato ed emancipato dalla sua realtà natale. La sua, come per molti, era quella di  una madre eroinomane, preda di un malessere che distorce lo sguardo di suo figlio sul  mondo. Un mondo amaro e tossico nel quale è immerso fin oltre il collo.  
 


Lo scenario è allora un déjà-vu a cui il recente cinema americano sembra essere  instancabilmente affezionato. Esempi recenti e apprezzati sono stati Honey Boy e Beautiful Boy (guarda la video recensione), dal titolo simile ma dai ruoli rovesciati: il primo più aderente all’Elegia, se  non altro per la parte genitoriale violenta e tossicodipendente che inquina le esistenze dei rispettivi figli; il secondo, invece, mette in scena una comunicabilità padre-figlio  intermittente, minata sì dall’uso di droghe, ma questa volta assunte non dal genitore.  

In Elegia Americana tutto ci viene raccontato allegandoci stralci di un’infanzia traumatica e  insana. La trama non è una narrazione drammatica diluita in un tempo lineare, ma un viluppo di flashback ed episodi indelebili, una testimonianza lunga due ore di una  inequivocabile disfunzione familiare. Ma è anche la prova che il passato non è prescrittivo, che non per forza riduce i suoi protagonisti a mere vittime da stigmatizzare. Il messaggio forte, seppure dato sottovoce, è che questa non è una storia vera, ma è la storia vera: è l’american dream di una generazione dopo l’altra, nonché la rivincita di intere comunità hillbilly ––quelle montanare del mid-west–– nello svincolarsi da contesti sociali e  familiari castranti ed emergere, piuttosto, in quelli dominanti del capitalismo e perbenismo bianco.  
Una questione dalle ovvie implicazioni socio-politiche dalle quali, però, il regista del film pare discostarsi, soprattutto rispetto al libro da cui è tratto, pubblicato nel 2016 e forse non casualmente proprio nell’anno dell’elezione di Trump. Il sottotitolo di Hillbilly Elegy, “A  Memoir of a Family and Culture in Crisis”, faceva dunque molta più eco all’opinione  pubblica dei “bianchi poveri” statunitensi (decisivo bacino elettorale per, l’ormai ex,  presidente) di quanto ci riesca adesso il suo rifacimento netflixiano. 

Questo, allora, l’innesco principale di una sequela di critiche aspre e impietose abbattutasi su Elegia Americana, in principio, invece, immaginato come un papabile candidato per gli Oscar.  
 


CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati