Advertisement
Ti stramo, il film-esperimento di Pino Insegno e Gianluca Sodaro

Ho voglia di riderci su.
di Marianna Cappi

La parodia dei teen-movie all'italiana
Carlotta Tesconi (32 anni) 4 gennaio 1988, Roma (Italia) - Capricorno. Interpreta Bambi nel film di Pino Insegno, Gianluca Sodaro Ti stramo - Ho voglia di un'ultima notte da manuale prima di tre baci sopra il cielo.

martedì 25 novembre 2008 - Incontri

La parodia dei teen-movie all'italiana
Inizia sulla falsa riga di Come tu mi vuoi, continua mutuando un furto di benzina da Ho voglia di te e una fisioterapista sexy da Manuale d'amore, improvvisa una corsa clandestina con i carrelli della spesa che strizza l'occhio a Tre metri sopra il cielo e quando la sorella della protagonista, una ragazzona sovrappeso che rimorchia come una velina, non riesce a ricordare il nome della sua ultima conquista, la sceneggiatura le mette in bocca la fatidica battuta: "scusa, ma ti chiamo amore"... Che cos'è, una presa in giro? Beh, sì. È Ti Stramo, film-esperimento di Pino Insegno e Gianluca Sodaro che prende di mira i teen-movie all'italiana. Nel caso il sottotitolo -"Ho voglia di un'ultima notte da manuale prima di tre baci sopra il cielo"- non bastasse ad esaurire la presentazione del progetto, ecco cosa dicono i protagonisti:

Com'è nata l'idea di fare una parodia dei recenti fortunati film italiani per ragazzi?
Pino Insegno: Ho visto che in Italia stava nascendo un genere, era un avvenimento nuovo e importante per cui ho deciso di seguirlo da vicino, in vista di una parodia. Ne ho parlato con il produttore Guido De Angelis che a sua volta ne ha parlato con la Mikado. Il problema è che io volevo fare Stramarcio, il protagonista, ma quando l'ho detto al produttore lui mi ha preso da parte e mi ha detto: "Pino, sei un doppiatore straordinario e un amico, però...hai cinquant'anni e Stramarcio ne ha trenta di meno...perché non fai il regista?" Ho accettato ma per fortuna –visto che per me fino all'altro giorno il 35 non era un obiettivo fotografico ma un tram- mi hanno affiancato un vero regista, Gianluca Sodaro. Poi ci sono stati tre/quattro mesi di provini per scegliere gli attori più adatti, cinque/sei stesure di sceneggiatura con Francesca Braghetti, mia collega storica nella Premiata Ditta, le partecipazioni straordinarie di Raoul Bova, Corinne Cléry, Franco Nero... alla fine volevano partecipare tutti. Mi ha chiamato Alex Britti che voleva una parte, ma gli ho dovuto dire che non ce l'avevo.

Quanto vi siete fatti influenzare, nella regia, dai modelli che parodiate? Com'è stata l'esperienza della co-regia?
Sodaro: Prima di venire contattato per questo lavoro non avevo visto i film di riferimento, li ho visti solo dopo, ma la sceneggiatura di Ti Stramo mi ha divertito e convinto fin dall'inizio, perché si tratta di un vero film e non di una serie slegata di sketch. Per quel che riguarda la forma filmica non abbiamo girato in modo paradossale o esagerato: la parodia è nel tessuto narrativo, non nei modi. Non abbiamo fatto Scary Movie, per intenderci.
Con Pino Insegno tutto è andato nel migliore dei modi fin dall'inizio. In effetti stiamo ancora aspettando di litigare: ci manca.

Il personaggio di Stram è un'evidente presa in giro dello Step di Tre Metri sopra il cielo. Come l'ha presa Riccardo Scamarcio?
Insegno: Non abbiamo avuto notizia di sue reazioni, non so se ha visto il film. In ogni caso si imitano le cose che funzionano, per cui deve solo essere contento. Forse denuncerà Marco Rulli perché è più bello di lui? In ogni caso non abbiamo preso in giro l'attore ma il personaggio e siamo stati in generale molto educati nei toni, non c'è una sola parolaccia in tutto il film.

Rulli: Io ho vissuto il genere dei film in questione perché mi riguarda anagraficamente, anche se non mi sono mi sentito particolarmente rappresentato, ma ribadisco che non ho parodiato Scamarcio bensì Step. Per questo non è stato difficile.

Tesconi: Io ho amato i film che prendiamo in giro, specie qualche anno fa, quando ero un po' più giovane. Il mio personaggio, comunque, non è la copia di una delle protagoniste dei film di Moccia/Brizzi ma ha qualcosa di ognuna, i tratti salienti.

Nella colonna sonora si risente la vecchia "Sandokan" remixata dagli Almamegretta. Una scelta di casa De Angelis?

Guido De Angelis: Veramente è stato Gianluca Sodaro a chiedermelo, ma sono orgoglioso –lo ammetto- di aver fatto una canzone che, dopo ben 35 anni, funziona ancora benissimo.

Perché la Mikado, che storicamente ha tutt'altra linea editoriale ha scelto di distribuire questo film ?
Alessandro Usai (CEO della Mikado film, ndr): Perché siamo una produzione indipendente e questo significa anche prendersi dei rischi, fare cose diverse. Oggi il limite del mercato è proprio questo: le produzioni rischiano poco ma anche il pubblico sembra non cercare altro che sequel, prequel, film tratti dai fumetti o dai libri di successo. Noi, essendo operatori più piccoli di altri, siamo costretti ad inventarci qualcosa di nuovo e questa operazione ci è sembrata interessante. È la presa in giro di un genere importante perché ha riportato il cinema giovane in sala per vedere il cinema italiano dopo anni di latitanza. È un esperimento, un rischio, ma sono contento di averlo corso e faremo una distribuzione il più ampia possibile, compatibilmente con il periodo prenatalizio: 150 copie nelle sale di migliori qualità.

E voi non pensate ad un sequel/prequel/newquel?
Insegno: io no, vorrei sterzare, magari lasciare il testimone di Ti Stramo ad una serie televisiva, sarebbe straordinaria.
De Angelis: io sì, se il film funziona io vorrei fare Ti Stramo2, Ti Stramo3 e Ti Stramo4.

Il film vede la partecipazione straordinaria di Patrizia Pellegrino come interprete, nel ruolo della madre di Stram, e come produttrice. Come nasce la sua partecipazione?
Pellegrino: Mi ero proposta a De Angelis come attrice e come "allieva" produttrice ed è arrivata questa occasione. Sono contenta di aver partecipato perché è un film che, anche quando non fa ridere a crepapelle, fa almeno sorridere e ne abbiamo tanto bisogno in questo periodo.
Insegno: anche se per quello basta andare in banca…

Gallery


Quanto vi siete fatti influenzare, nella regia, dai modelli che parodiate? Com'è stata l'esperienza della co-regia?
Nella colonna sonora si risente la vecchia "Sandokan" remixata dagli Almamegretta. Una scelta di casa De Angelis?
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati