The Square

Film 2017 | Commedia drammatica +16 142 min.

Titolo originaleThe Square
Anno2017
GenereCommedia drammatica
ProduzioneSvezia, Danimarca, USA, Francia
Durata142 minuti
Al cinema16 sale cinematografiche
Regia diRuben Östlund
AttoriClaes Bang, Elisabeth Moss, Dominic West, Terry Notary, Christopher Læssø Linda Anborg, Emelie Beckius, Denise Wessman, Jan Lindwall, John Nordling.
Uscitagiovedì 9 novembre 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneTeodora Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,65 su 44 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ruben Östlund. Un film Da vedere 2017 con Claes Bang, Elisabeth Moss, Dominic West, Terry Notary, Christopher Læssø. Cast completo Titolo originale: The Square. Genere Commedia drammatica - Svezia, Danimarca, USA, Francia, 2017, durata 142 minuti. Uscita cinema giovedì 9 novembre 2017 distribuito da Teodora Film. Oggi tra i film al cinema in 16 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,65 su 44 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
The Square
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Dall'idea di un artista viene realizzato un evento in una piazza dove la regola è non avere regole. Ma qualcosa sfugge di mano. Il film è stato premiato al Festival di Cannes e ha ottenuto 1 candidatura a Golden Globes. In Italia al Box Office The Square ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 752 mila euro e 200 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,65/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 4,00
PUBBLICO 3,44
CONSIGLIATO SÌ
Östlund conferma il suo talento con un film sullo squilibrio sociale e culturale, a sua volta squilibrato, aperto alla libera interpretazione.
Recensione di Marianna Cappi
domenica 21 maggio 2017
Recensione di Marianna Cappi
domenica 21 maggio 2017

Christian è il curatore di un importante museo di arte contemporanea di Stoccolma. Una mattina, sulla strada per il lavoro, soccorre una donna in pericolo e si scopre derubato del telefono e del portafoglio. Al museo, intanto, lui e la sua squadra stanno lavorando all'inaugurazione di una mostra, che prevedere l'installazione dell'opera "The Square": un quadrato delimitato da un perimetro luminoso all'interno del quale tutti hanno uguali diritti e doveri, un "santuario di fiducia e altruismo". Su suggerimento di un collaboratore, Christian scrive una lettera in cui reclama i suoi averi rubati, innescando una serie di conseguenze che spingono la sua rispettabile ed elegante esistenza in una vertigine di caos.

Östlund riprende la riflessione, già presente in Forza maggiore, sulla difficoltà di agire realmente secondo i propri valori, ma la astrae da una condizione di emergenza, portandola nel quotidiano di un individuo di condizione privilegiata, che tende a rimandare i conti con chi non appartiene al suo milieu.

Ma si potrebbe anche dire, altrimenti, che il regista amplia l'emergenza fino a farle inglobare la condizione sociale contemporane in generale, anche e soprattutto là dove, per contrasto, assume maggior visibilità, vale a dire nella solidale e storicamente egualitaria Svezia. La crisi della responsabilità individuale, che Östlund illustra con toni "dogmatici" nella feroce scena della cena di gala - durante la quale nessuno si alza per aiutare i malcapitati di turno e tutti si chiudono in se stessi sperando che "non capiti a loro" - è un seme tematico che, piantato all'inizio del film, germoglia a più riprese, fino a sfociare nel disperato discorso di scuse di Christian a un ragazzino, che diventa sproloquio autoassolutorio, elegia del senso di colpa collettivo.
The Square non si può dire un film equilibrato: sfora nella lunghezza, sembra aprire sentieri e argomenti che non porta in fondo, però lo squilibrio è anche l'oggetto del discorso. Come l'arte che diviene arte anche in virtù della sua collocazione (si pensi al ready-made, l'oggetto comune traslato rispetto al suo contesto funzionale), così la vicenda di Christian è fatta di interruzioni imprevedibili del fuori contesto dentro il perimetro (che credeva chiuso e quadrato) della sua vita. Tic da sindrome di Tourette, che portano dentro l'inquadratura cinematografica di un film volutamente patinato, e di un mondo che fa della bellezza il suo credo, le immagini di mendicanti e povera gente, e mandano in cortocircuito eccesso e difetto, idealismo e cinismo, polpa e scheletro del film stesso.
Come l'oggetto dell'arte contemporanea, The Square è anche un film aperto all'interpretazione che il pubblico vorrà dare di lui, e questa, forse, è la sua caratteristica più preziosa.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 12 novembre 2017
kimkiduk

Ha vinto Cannes e dopo averlo visto posso dire meritatamente. Una gioia per gli occhi, finalmente un cinema nuovo, coraggioso ma che sicuramente non piacerà a tutti. E' il classico film che piacerà tanto o non piacerà a chi ama un cinema "normale" e a chi forse non lo capirà. Già la provenienza del regista è importante la Svezia la terra di [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 novembre 2017
zim

 Si entra ed esce dal quadro partendo da un presupposto: Per quale tempo e in quale spazio l'ovvio quotidiano diventa arte? L'esercizio ce lo ha insegnato Duchamp e a partire da lui nulla é risulta scontato nell'arte d'oggi. Perplessità e il dubbio di essere presi per i fondelli  minacciano la nostra spensierata contemplazione dell'arte.

lunedì 27 novembre 2017
Nanni

Il Direttore del Museo di Arte Contemporanea di Stoccolma (il bravissimo Claes Bang) è impegnato nell'allestimento dell'istallazione "The Square"......santuario di fiducia e di altruismo entro i cui confini tutti hanno uguali diritti e doveri. Si imbatterà nel frattempo in una serie di disavventure che riveleranno, invece e forse suo malgrado, la distanza tra il [...] Vai alla recensione »

sabato 11 novembre 2017
Miraj

The square è un film particolare. Mostra con originalità fresca e mai banale temi ricorrenti. Sviluppa una trama fluida, narrandola con spezzoni tra loro separati. Come un gioco di scatole cinesi - quadrate - in cui ogni spezzone tratta un tema e tutti insieme compongono il racconto. La scenografia è azzecattissima e per tutta la proiezione lo spettatore è accompagnato dalla presenza costante di immagini [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 novembre 2017
Crisalidea

 Nel 2017 escono nelle sale due film che hanno diverse cose in comune di cui una mi ha colpito particolarmente: il titolo è il nome di una figura geometrica. Un cerchio e un quadrato. Anzi il cerchio e il quadrato. Ed anche la forma assume qui un significato inaspettato: gli avvenimenti non riguardano infatti ciò che accade dentro quel quadrato, come si sarebbe portati a credere, [...] Vai alla recensione »

martedì 28 novembre 2017
Zarar

Finalmente torna un’opera in cui si respira a pieni polmoni un grande specifico filmico. L’interazione di immagini, sonoro, inquadrature, recitazione, dialogo è totale e crea una tensione e un ritmo che non ti abbandonano dall’inizio alla fine del film. Il tema riflette l’approccio etico rigoristico di stampo protestante che avevamo già apprezzato in Forza maggiore: [...] Vai alla recensione »

domenica 19 novembre 2017
toni mais

L'arte altro non è se non la rappresentazione della società che l'ha prodotta con i mezzi espressivi della propria epoca : ecco dunque che il quadrato dentro il quale si hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri è utopico e la società nel bene o nel male ( decisamente più nel male ) pulsa al di fuori di quel quadrato .

venerdì 1 dicembre 2017
robertalamonica

Il regista svedese Ruben Östlund vince la Palma d’oro al festival di Cannes con un film sorprendente, altamente simbolico e a tratti disturbante.     The Square è ‘un santuario di fiducia e amore al cui interno abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri’.    Questo l’intento filantropico dietro il lancio dell’opera [...] Vai alla recensione »

domenica 19 novembre 2017
LBavassano

Non privo di pecche, nell'esplicita volontà programmatica di spiazzare lo spettatore, ma anche, all'opposto, in certe scivolate sui luoghi comuni più triti riguardo l'arte contemporanea, e ancora nell'uso del punto di vista infantile. Coraggioso però, nell'incrociare, e far confliggere, estetica ed etica, e fatti e misfatti dei social.

venerdì 8 dicembre 2017
maumauroma

Della vita del signor Christian non conosciamo molto. Sappiamo solo che fa il curatore presso il museo di arte moderna di Stoccolma, che e' separato o divorziato, che ha due giovani figliolette, e che se la passa piuttosto bene visto che abita in una bella casa e che scorazza lungo le strade della citta' svedese a bordo della sua potente e silenziosa auto elettrica.

domenica 26 novembre 2017
L''inquilina del terzo piano

Quello di Ruben Östlund è oggi, come lo era Citizen Kane all'epoca, un vero e proprio nuovo modo di fare cinema, sconvolgente e pervasivo. È il perfetto matrimonio tra sensibilità e sperimentazione autoriali che mi fa accostare il nome di Ruben Östlund a quello di Orson Welles. The Square è un film che gioca sull'ambiguità delle cose, proprio [...] Vai alla recensione »

martedì 28 novembre 2017
francesca meneghetti

 Square: piazza o quadrato sono i significati prevalenti di questo termine inglese, che deriva dal latino quadrum e, a sua volta da quattor,quattro. Per i Pitagorici il quadrato era simbolo di giustizia: era la metaforica squadratura dell’informe e del disordine originario dell’universo. Platone, nel Timeo, attribuiva precisamente questa funzione al dio Demiurgo: grazie alla sua arte [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 novembre 2017
enrico danelli

Tematica veramente sentita a livello sociale e individuale: bisogna aiutare il prossimo, ma attenzione ad aiutare chi non se lo merita o addirittura morde la mano di chi offre aiuto. Capita di tutto al povero Christian (il nome è indicativo, rappresenta "IL" cristiano moderno che, pur con mille difetti, ha l'ambizione costante non istintiva, ma razionale di amar [...] Vai alla recensione »

domenica 26 novembre 2017
genziana

Un po' bel film, un po'incubo nordico in quello stile brillante-pubblicitario, tangente- in modo più o meno semplificato- all'arte contemporanea, che sta pervadendo il cinema di questi tempi.Pieno di cose belle e al contempo vuoto che mi pare proprio essere il paradigma della pubblicità. Quando in questo vuoto "polished" si affacciala denuncia (una cosa un po' vaga, tipo diseguaglianze di vario genere) [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 novembre 2017
alvise bittente

THE SQUARE, FILM PIAZZATO CHE NON SPIAZZA, 2017, Regia di Ruben Östlund Film sbagliato, dove centra tutta la sua presunzione sulla libera interpretazione, ma è un film recintato sull'insicurezza di un mostro/nostro umanesimo all'acqua di rose. Il quadro non è un quadrato, in cui si ricava un'inquadratura, l'arte è impietosa e comica come la vita, d'altroc [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 novembre 2017
cardclau

Non si può condividere il pessimismo cosmico di Ruben Östlund. Fin troppo facile suggerire che siamo nella merda, rivoltandosi allegramente nel proprio brago, senza usare il media filmico anche come mezzo per suggerire una via di scampo alla desolazione.  Shakespeare l'aveva affermato più nobilmente quando aveva fatto dire ad Amleto: ".

lunedì 13 novembre 2017
Lu Binetti

Splendido film, forse è un po' sovraccarico e lungo, ma splendido. Uno sguardo poetico sul mondo nonostante tutto. Fulminante lo slogan dell' attivista per i diritti umani: "vuoi salvare una vita?" a cui il passante frettoloso risponde "No grazie.", mentre lì vicino un barbone si accascia per strada e nessuno lo vede o forse lo vedono tutti. E poi la riflessione sull'utilità/ inutilità dell'arte, sul [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 dicembre 2017
no_data

 IL QUADRATO di Ruben Ostlund è il cerchio entro il quale è radicata  la nostra  Legge morale   Audace complicato intenso il film di Ruben Ostlund. Il quadrato è un’istallazione che viene montata nello spazio antistante il museo di arte moderna di Stoccolma il cui direttore è  Christian il protagonista del film, esso rappresenta [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 novembre 2017
Flyanto

 Dopo "Forza Maggiore" ritorna in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane il regista Ruben Ostlund con la sua ultima opera intitolata "The Square". Il quadrato a cui il titolo fa riferimento è il lavoro di un'artista argentina che nel film viene collocata davanti ad un museo di arte contemporanea a Stoccolma e che simboleggia un luogo ideale dove [...] Vai alla recensione »

martedì 14 novembre 2017
vanessa zarastro

Un film sicuramente inusuale per molte ragioni. Per la lunghezza di due ore e mezzo (ma mi sembra che tutti i film recenti siano molto lunghi), per essere girato prevalentemente negli interni. È una sorta di “J’accuse” perché parla di senso di colpa, accusa la civilissima Svezia di grandi diseguaglianze sociali, l’arte di essere troppo lontana dalle problematiche [...] Vai alla recensione »

domenica 12 novembre 2017
homer52

Ho conosciuto il regista Ostlund quasi per caso, vedendo il film "Forza maggiore", e mi è da subito piaciuta la sua capacità di entrare, in modo delicato ma incisivo, all'interno dell'animo umano, delle sue virtù e delle inevitabili debolezze. E' stato quindi ovvio che appena uscito il suo ultimo lavoro "The square", mi sia precipitato al cinema [...] Vai alla recensione »

martedì 14 novembre 2017
FabioFeli

Christian (Claes Berg) è il direttore del Museo di Arte Contemporanea di Stoccolma, che dirige con trovate originali, attento all’importanza della pubblicità sulle sue esposizioni. Rivela la sua cinica visione dell’Arte in una intervista ad una giovane giornalista americana (Elisabeth Moss). Un oggetto di uso personale, un ready-made come una borsa da donna, può [...] Vai alla recensione »

sabato 18 novembre 2017
udiego

 "The square", vincitore dell'ultimo festival del cinema di Cannes, ci racconta la storia di Christian. Curatore di un museo di arte contemporanea di Stoccolma, che dopo essergli stati rubati portafogli e cellulare subirà una spirale di avvenimenti che nemmeno lui avrebbe potuto prevedere. Ruben Ostlund, apprezzato regista di "Forza maggiore", porta sul grande [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 novembre 2017
goldy

Si intuisce che le intenzioni  del regista sono di stampo nobile e assolutament condivisibili ma quanta confusione narrativa! Troppa carne al fuoco nel denunciare mali europei che ci riguardano tutti ma occorre sapene scegliere  alcuni nodi e poi svilupparli in modo coinvolgente.  Quì siamo in presenza di una montagna di noia.  Classico film da festival  con 'pluritematic [...] Vai alla recensione »

sabato 11 novembre 2017
Marta73

Dicamo così: se l'intento era ridicolizzare l'arte contemporanea riesce benissimo a ridicolizzare se stesso come arte contemporanea. film ridicolo per materia ridicola. film sotto ,le righe per materia sotto le righe. per citare una vecchia opera d'arte contemporanea di Piero Manzoni  siamo davanti al massimo esempio di "merda d'artista" non in barattolo ma in [...] Vai alla recensione »

domenica 19 novembre 2017
Mario C.

Film con molte aspettative visto l'importante riconoscimento di Cannes ma nel complesso deludente. Tutto incentrato su un museo di arte contemporanea e sul suo contradditorio direttore, parte da un'affermazione forte ma scontata "Il Quadrato è un santuario di fiducia e altruismo. Al suo interno tutti dividiamo gli stessi diritti e doveri" per cercare di evidenziare le diverse contraddizioni della nostra [...] Vai alla recensione »

domenica 26 novembre 2017
VITO P.

Critica di una società individualista ed egoista dove è difficile mantenere i propri ideali . The square il santuario dove tutti hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri resta vuoto per tutte le due ore e mezzo del film. Eliminata la statua equestre segno del passato il nuovo è l'egoismo e l'individualismo  della gente, : passanti in  strada  , folla [...] Vai alla recensione »

domenica 19 novembre 2017
luca_1968

Gelo in sala alla fine delle 2 ore e 30 (!) del film... Se chi gli dà 5 stelle scrive che "La sceneggiatura non è la forza di questo film", allora non capisco proprio... si può raggiungere la perfezione senza sceneggiatura? L'idea di fondo poteva anche essere interessante, ma se ci si perde per strada nel realizzarla allora anche il giudizio dovrebbe tenerne conto... [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 dicembre 2017
Emanuele 1968

Bella la scena di quando chiede aiuto al mendicante, anche quando cercano di far ragionare il bambino, << vuoi salvare una vita? >> risposta << No grazie >> cambiano soggetti ma la sostanza e quella, molte analogie con la vita, il film e bello pero.....mah? spettatori perplessi. 

sabato 25 novembre 2017
Valter Chiappa

“The Square“, un’installazione d’arte concettuale, sostituisce un monumento equestre, simbolo di una storia e di idee decadute (letteralmente). Uno spazio di pochi metri quadri delimitato da un contorno luminoso, definito pomposamente “un santuario di fiducia e amore al cui interno abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri”.

sabato 25 novembre 2017
Manuela Zarattini

Un film che affronta vari temi in modo profondo e che porta a inevitabili riflessioni.Le opere moderne sono veramente sempre delle opere d'arte o si tratta spesso solo di un bluff?E se si tratta di opere d'arte possono essere comprese solo da pochi "eletti" illuminati o anche dalla gente comune?Ciascuno può trovare la sua risposta ma nel film traspare una certa irriverenza e scetticismo verso questa [...] Vai alla recensione »

domenica 19 novembre 2017
Elibet1

Film molto istruttivo. La superficialità può essere molto deleteria. Tutto alla fine ti torna contro. The square o ti fidi o non ti fidi della gente. Il protagonista si è fidato delle persone sbagliate perché è un uomo superficiale. Ha sottovalutato alcune e sopravvalutato altre. Perderà il lavoro, avrà un altro figlio da riconoscere e gli rimarrà [...] Vai alla recensione »

domenica 26 novembre 2017
L''inquilina del terzo piano

Quello di Ruben Östlund è oggi, come lo era Citizen Kane all'epoca, un vero e proprio nuovo modo di fare cinema, sconvolgente e pervasivo. È il perfetto matrimonio tra sensibilità e sperimentazione autoriali che mi fa accostare il nome di Ruben Östlund a quello di Orson Welles. The Square è un film che gioca sull'ambiguità delle cose, proprio [...] Vai alla recensione »

martedì 14 novembre 2017
giovanni

ottimo film, alcune intuizioni geniali sono davvero illuminanti: ai mendicanti che invocano una monetina si risponde con la carta di credito! la nostra società non pre-vede i diseredati! magnifico.

domenica 19 novembre 2017
mciril

Film con una confusione di temi descritti male e non chiusi. Lungo e con scene iperboliche senza un senso nella logica del messaggio (E si che il tema era molto promettente). Il cinismo con cui si sviluppa la sorte del protagonista-vittima lascia a bocca aperta: in nome di cosa l´accanimento? Me lo spiega qualcuno?

giovedì 9 novembre 2017
santospago

film profondo e difficile, si esce turbati.

FOCUS
FOCUS
sabato 11 novembre 2017
Roy Menarini

C'è una dimensione apocalittica nel cinema d'autore europeo di questi anni. Non è un caso che - come negli anni Sessanta di Ferreri e Kubrick - torni la figura della scimmia come simbolo di primordiale esibizione di sé, in un mondo sempre più sospeso tra formalismo ed esplosioni di violenza. In Vi presento Toni Erdmann era proprio il costume da gorilla a riguadagnare papà e figlia all'affetto travolto dallo stress contemporaneo. Mentre in questo The Square il direttore del museo svedese, pronto a far l'amore con la bella giornalista straniera, improvvisamente vede comparire una scimmia, che caracolla per la stanza come se fosse a casa sua. Ma pensiamo anche all'arte contemporanea, gli scimmioni giganti di Damien Hirst nell'ormai celeberrima mostra Treasures from the Wreck, o alle scimmie di Jeff Koons, messe a fianco di celebrità e icone mediatiche. È come se alcuni autori, tra cui Ruben Ostlund, tornassero a interrogare direttamente l'uomo e il suo posto nella società, se non nel mondo. O a studiarlo come un animale in cattività, in virtù di una oggettività quasi scientifica che permette la massima efficacia a costo di qualche rischio di freddezza.

Arte contemporanea e cinema d'autore, dunque. Sono due mondi che si parlano? Sono universi osmotici? O non c'entrano nulla l'uno con l'altro? Chissà. Certo è che il mondo delle esposizioni artistiche è sbarcato al cinema ormai da tempo, grazie a quei cosiddetti eventi che stanno salvando le sale cinematografiche nei giorni feriali (e non solo), come dimostra il recente caso di Loving Vincent.

The Square parla anche di questo, sebbene possa passare per una lunga e talvolta sfinente satira sulle ipocrisie del mondo dei musei e dell'arte d'élite. In verità, il progetto di Ostlund è ben più ampio. Il ragionamento, se dovessimo riassumerlo un po' rozzamente, è questo: l'arte contemporanea è accusata di essere a uso e consumo di pochi, e di non sapersi esprimere universalmente di fronte a una comunità; per superare l'impasse è necessario far uscire le contraddizioni del nostro presente, e a provarci è proprio un film, che conosce così bene il proprio oggetto da provare a sfidarlo sul suo terreno.

Frasi
Il nostro museo non deve assolutamente avere alcun timore di osare.
Una frase di Il critico d'arte (Jan Lindwall)
dal film The Square - a cura di MYmovies.it
Il quadrato è un santuario di fiducia e amore al cui interno abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri.
Il critico d'arte (Jan Lindwall)
dal film The Square - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 9 novembre 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Non è un film facile, eppure ci si sta comodi. Il quadrato del titolo, qualche metro di filo luminoso in una piazza, è l'opera attesa e celebrata voluta in esposizione al museo d'arte contemporanea dal sovrintendente Christian. Chi entra ha il compito della solidarietà, "perimetro di fiducia e altruismo". Ma la vita è fuori, dove Christian affronta la sua e l'altrui ipocrisia, simulazione, indifferenza, [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 novembre 2017
Claudio Trionfera
Il Messaggero

Like A Rolling Stone. Come una pietra che rotola, nella constatazione del vecchio Bob Dylan davanti al naufragare ruzzolante e decadente del suo soggetto (femminile) scivolato in disgrazia. How does it feel? Come ci si sente? Bisognerebbe chiederlo a Christian, divino curatore di un museo d'arte contemporanea di Stoccolma. Che ha gli stessi destini della poveraccia tracciata nella canzone, la faccia [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 novembre 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Delirante, barbosa commedia svedese, una sbobba intellettualoide da svenimento. A Stoccolma il curatore di una galleria d'arte contemporanea Christian è perplesso: piacerà la nuova mostra? Il pezzo forte è The Square, un grande quadrato pieno di sabbia dal perimetro luminoso. Eppure la giuria di Cannes, presieduta dal mattacchione Pedro Almodovar, gli ha dato la Palma d'oro.

giovedì 9 novembre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Palma d'oro a Cannes, The Square è un film che per via del suo ironico sguardo sul mondo mercificato e vacuo dell'arte contemporanea poteva rischiare la trappola dell'intellettualismo; e invece è una commedia umana intelligente, inquietante e spiritosa. Lo spunto della storia nasce da un'installazione, The Square del titolo, creata nel 2014 in quel di Varnamo, Svezia, dal regista stesso Ruben Ostlund: [...] Vai alla recensione »

NEWS
PREMI
domenica 10 dicembre 2017
 

The Square (guarda la video recensione) di Ruben Östlund, già vincitore della Palma d'oro all'ultimo Festival di Cannes, trionfa agli European Film Awards, gli "Oscar" del cinema europeo, giunti quest'anno alla 30a edizione e assegnati ieri, sabato [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 13 novembre 2017
 

Christian è il curatore di un importante museo di arte contemporanea di Stoccolma. Una mattina, sulla strada per il lavoro, soccorre una donna in pericolo e si scopre derubato del telefono e del portafoglio.

TRAILER
giovedì 12 ottobre 2017
 

Christian è il curatore di un importante museo di arte contemporanea di Stoccolma, nonché padre amorevole di due bambine. Nel museo c'è grande fermento per il debutto di un'installazione chiamata "The Square", che invita all'altruismo e alla condivisione, [...]

CANNES FILM FESTIVAL
domenica 28 maggio 2017
 

Vince la 70esima edizione del festival The Square di Ruben Östlund, un film sullo squilibrio sociale e culturale, a sua volta squilibrato, aperto alla libera interpretazione. Diane Kruger riceve il premio come miglior attrice e a Joaquin Phoenix va invece [...]

GALLERY
domenica 21 maggio 2017
 

Ieri è stata una giornata movimentata al 70° Festival di Cannes a causa di un allarme, poi rientrato, che ha costretto le forze dell'ordine a far evacuare il Palazzo del Cinema. Nonostante il panico la manifestazione è proseguita con la presentazione [...]

winner
palma d'oro al miglior film
Festival di Cannes
2017
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati