Annabelle 2: Creation

Film 2017 | Horror +16 109 min.

Titolo originaleAnnabelle: Creation
Anno2017
GenereHorror
ProduzioneUSA
Durata109 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diDavid F. Sandberg
AttoriMiranda Otto, Stephanie Sigman, Lulu Wilson, Talitha Bateman, Anthony LaPaglia Alicia Vela-Bailey, Kerry O'Malley, Philippa Coulthard, Adam Bartley, Samara Lee.
Uscitagiovedì 3 agosto 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,03 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di David F. Sandberg. Un film Da vedere 2017 con Miranda Otto, Stephanie Sigman, Lulu Wilson, Talitha Bateman, Anthony LaPaglia. Cast completo Titolo originale: Annabelle: Creation. Genere Horror - USA, 2017, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 3 agosto 2017 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,03 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Annabelle 2: Creation
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Ospiti a casa di una coppia che ha perso la figlioletta anni prima, un gruppo di ragazze viene preso di mira da una bambola diabolica. In Italia al Box Office Annabelle 2: Creation ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 3,4 milioni di euro e 0 milioni di euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,03/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,07
CONSIGLIATO SÌ
Il seguito superiore al capostipite: un cast notevole al servizio di un film che cattura e non molla la presa.
Recensione di Rudy Salvagnini
venerdì 4 agosto 2017
Recensione di Rudy Salvagnini
venerdì 4 agosto 2017

Samuel Mullins è un abile costruttore di bambole e vive in letizia con la moglie Esther e la figlioletta Bee. Ha appena finito di creare un nuovo modello di bambola quando, di ritorno dalla Messa, Bee è vittima di un tragico incidente stradale. Dodici anni dopo, i Mullins aprono la loro grande casa a suor Charlotte e a un gruppo di giovani ragazze e bambine orfane, in modo da dare loro un posto dove vivere in comunità. Tra le bambine, Janice, cui la polio ha lasciato delle difficoltà nel camminare, e la sua inseparabile amica Linda: hanno giurato che staranno sempre insieme e si faranno adottare dalla stessa famiglia in modo da diventare sorelle. Samuel Mullins è cooperativo, ma taciturno e provato dai dolori dell'esistenza, mentre sua moglie vive confinata in una stanza, impossibilitata a muoversi e con una maschera che le copre una parte del viso. Il signor Mullins spiega che c'è una stanza - quella di Bee - nella quale nessuno deve entrare.
Ma, attirata da misteriosi bigliettini, una notte Janice trova la porta della stanza non chiusa a chiave e ci entra. Dentro, una meravigliosa casa di bambole e poi, chiusa in un armadio, una strana bambola, quella che noi conosciamo come Annabelle. Quando lo viene a sapere, suor Charlotte ordina a Janice di non trasgredire mai più alle regole di quella casa perché potrebbe mettere in pericolo l'avvenire suo e delle compagne. Janice promette, ma le cose vanno diversamente. La bambola conserva un terribile segreto che i Mullins conoscono, pur sperando che rimanesse nascosto e sepolto nel passato. E i guai cominciano in serie.

Seguito di Annabelle, spin-off di L'evocazione - The conjuring, il film riporta al centro dell'attenzione la malefica bambola già protagonista del primo film della serie e con essa rinvigorisce un sottogenere - quello delle evil dolls - che vanta nella storia del cinema horror illustri precedenti (vi ricordate, per citarne uno solo, Chucky, il bambolotto sboccato e assassino?).

In realtà, più che un seguito questo è un prequel perché racconta non ciò che è successo dopo il primo film, ma ciò che è successo prima. Generalmente i prequel soffrono per il fatto di raccontare avvenimenti che in qualche modo sono noti o possono essere intuiti. In questo caso, l'esito è sorprendentemente buono. La storia, nelle sue linee generali, è piuttosto semplice e prevedibile pur riportando con sagacia narrativa le cose sino a un rapido ed efficace collegamento con l'inizio del film precedente. Però il modo in cui la storia è raccontata fa la differenza.
L'esordio di David F. Sandberg alla regia di un lungometraggio (dopo una raffica di corti) era stato un horror interessante come Lights Out - Terrore nel buio. Qui Sandberg conferma le sue doti di efficace interprete della paura e di abile orchestratore di spaventi riuscendo a trarre probabilmente il massimo dalla storia. I personaggi sono descritti in modo semplice, ma efficace, soprattutto per quel che riguarda la protagonista, Janice, di cui viene mostrata con sensibilità la natura fragile e ferita, alla ricerca di un'impossibile ancoraggio di stabilità nell'amicizia con Linda, la sua amica del cuore, inerme come lei. L'ambientazione rétro conferisce un contesto suggestivo e malinconico nel quale il dramma si mantiene credibile e avvincente.

La prima apparizione della bambola è gestita con grande capacità di creare tensione con sapiente uso delle ombre e con parsimonia di effetti. Sandberg mantiene per gran parte del film questa abilità nella messa in scena, sfruttando immagini e suoni - a partire da quello del campanello con cui la signora Mullins richiama l'attenzione - per creare un'uniforme aura di macabra incertezza. Quando, in un flashback esplicativo, viene svelato il segreto della bambola le cose diventano un po' prosaiche e banali, ma è un peccato veniale e probabilmente necessario sotto il profilo narrativo: la concitata parte finale del film perde di compattezza e coerenza, ma si mantiene interessante e vivace. Il film cattura sin dall'inizio e non molla la presa sullo spettatore rivelandosi uno dei non frequenti casi di seguito superiore al capostipite.
Notevole il cast, nel quale spicca la presenza del grande caratterista Anthony LaPaglia, che offre una misurata interpretazione di grande efficacia e sensibilità, sapientemente tenuta sotto le righe. Tra le giovani attrici si rivede Lulu Wilson, già fattasi notare in Ouija - L'origine del male, ma la migliore figura la fa Talitha Bateman, molto convincente in un ruolo a due facce di non facile resa.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
Lo spin-off di Annabelle, un'icona spettrale e inquietante. Proprio il sospetto che in realtà sia "viva" le dona il fascino sinistro che possiede.
Overview di Rudy Salvagnini

Qualche volta, ma non spesso, succede che elementi per così dire laterali di un film suscitino così tanto interesse da generare uno sviluppo autonomo, uno spin-off, come si usa dire in questi casi.
L'evocazione - The Conjuring raccontava tutta un'altra storia, ma all'inizio accennava alla vicenda di una bambola posseduta da una presenza fantasmatica, che si palesava come Annabelle Higgins, una bambina di sette anni, ma che in realtà era qualcosa di ben peggiore. Perché, come ci viene spiegato, i demoni a volte usano gli oggetti per raggiungere lo scopo desiderato. James Wan, autore di L'evocazione - The Conjuring (e di molto altro nell'horror degli ultimi anni, dalla saga iniziata con Saw - L'enigmista a quella di Insidious) aveva già affrontato l'argomento (nella variante pupazzo da ventriloquo) con Dead Silence, non ottenendo particolari risultati né dal punto di vista artistico né da quello commerciale: uno dei suoi pochi (mezzi) passi falsi.

Nel caso di Annabelle, invece, le cose sono andate molto meglio. La bambola di Annabelle, un'icona spettrale e inquietante
Annabelle non è una sboccata e sarcastica caricatura, ma un'icona sottile e perversa, una rappresentazione del Male in senso metafisico.

La bambola in sé è infatti un simulacro di un essere vivente: serve per giocare, di solito, ma la fissità dello sguardo e la sua somiglianza agli esseri umani la rende anche capace di riflessi sinistri di cui il cinema horror si è spesso appropriato sia nella classica versione della bambola (Chucky a parte, si può ricordare almeno Dolls di Stuart Gordon) sia in quella, più complessa, del pupazzo da ventriloquo (magistrale l'episodio diretto da Alberto Cavalcanti nel film a episodi Incubi notturni). L'idea di dedicare un intero film ad Annabelle è stata quindi naturale, anche se la regia non è stata curata direttamente da Wan, che ha mantenuto solo il comunque cruciale ruolo di produttore: lo spin-off è partito con minori ambizioni, un basso budget e autori meno affermati, anche se molto dedicati a seguire le orme di Wan nel rivisitare i classici stilemi e luoghi comuni dell'horror. Diversamente da Chucky, il bambolotto più famoso dell'horror, Annabelle non è una sboccata e sarcastica caricatura, ma un'icona sottile e perversa, una rappresentazione del Male in senso metafisico. Non bisogna però dimenticare che John R. Leonetti, regista di Annabelle, è stato direttore della fotografia di La bambola assassina 3, appartenente alla saga di Chucky, e quindi ha portato con sé un bagaglio specifico di notevole interesse.

Il perfetto veicolo per un'entità demoniaca
Annabelle ha riportato al centro del racconto il valore iconico della bambola quale oggetto spettrale e inquietante, un'imitazione senza vita dell'essere umano utilizzata però per giochi nei quali i bambini fingono che sia viva. Ed è proprio l'immobilità di Annabelle e il sospetto che in realtà sia "viva" a darle il fascino sinistro che possiede. Il fatto che sia senza vita autonoma la rende il perfetto veicolo per un'entità demoniaca che però mira ad altro, mira a possedere un essere vivente, la sua anima, in particolare.
Come accennato, l'utilizzo macabro di una bambola non è nuovo nel cinema, ma, come già per gli altri aspetti orrorifici toccati dalla Wan Factory, quella che emerge da Annabelle è la capacità di adoperare in modo efficace gli stereotipi del genere mediante un approccio serio e concentrato sul perfetto funzionamento dei meccanismi di creazione della suspense, agendo spesso per sottrazione e per suggestione. Non si cerca di inventare, ma di usare l'esistente con efficienza. Perciò i personaggi sono tratteggiati con umanità e credibilità nei loro sentimenti e nelle loro reazioni, e la vicenda si mantiene, date per scontate le premesse "incredibili", in un ambito di adeguata logica narrativa. Pur raccontando una storia del tutto diversa, atmosfere, ambientazione e personaggi rimandano, con abilità, a un classico come Rosemary's Baby. Per l'insieme di queste cose, probabilmente, il pubblico ha premiato il film (e in genere gli altri di Wan): ha avuto quello che cercava, una storia semplice ma coinvolgente e un'adeguata quantità di spaventi.

Lo spin-off
Il seguito di Annabelle, Annabelle 2, cambia i personaggi che hanno a che fare con la bambola e permette quindi di metterla a confronto con persone diverse che poco o nulla sanno della sua pericolosità. La regia questa volta è affidata a David F. Sandberg che ha già dato buona prova di sé con Lights Out - Terrore nel buio. Alla sceneggiatura è confermato Gary Dauberman, che si è fatto le ossa con alcuni horror modesti (Caccia al ragno assassino) o peggio (Le scimmie assassine) prima di trovare la vena d'oro con Annabelle. Nel cast spicca la partecipazione dell'ottimo ed esperto caratterista Anthony LaPaglia e di Miranda Otto (La guerra dei mondi di Spielberg), ma è chiaro che il personaggio da cui ci si aspetta di più non è interpretato da un attore.
Il successo di Annabelle 2 si misurerà nella capacità di riprodurre gli elementi positivi del primo film all'interno di una nuova storia che non sia solo una riproposizione di quella originaria, ma sappia sviluppare una nuova narrazione con la stessa convinzione e capacità di coinvolgimento.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 8 agosto 2017
Pegg94

Non avevo grandi aspettative per questo secondo capitolo di Annabelle( il primo spin off della saga de "L'evocazione" non mi aveva colpito e l'avevo trovato, salvo alcune sequenze, noioso e prevedibile) invece sono rimasto sorpreso, in positivo. In primis qui la regia è veramente ottima, Sandberg è migliorato notevolmente rispetto al suo primo lungometraggio( Lights [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 agosto 2017
Nino Pellino

Un gruppo di ragazze orfane trova ospitalità presso una grande casa appartenente ad una coppia di coniugi che anni prima avevano perso la loro figlia in un incidente stradale. In una stanza segreta di tale casa si nasconde una spettrale bambola misteriosa che conserva un terribile segreto legato al passato della famiglia. Quando una delle ragazze inizia a sbirciare all'interno della casa [...] Vai alla recensione »

domenica 27 agosto 2017
Cristian

David Sandberg, dopo l’ottimo esordio in lungometraggio nel 2016 con l’horror Lights Out - Terrore nel buio, stupisce e spaventa ancora di più il pubblico con Annabelle 2, sequel del modesto Annabelle e spin-off di The Conjuring, fortunata saga iniziata dal regista James Wan (Saw - L’enigmista). Sandberg sfrutta con maestria tutti i possibili cliché del genere, riuscendo [...] Vai alla recensione »

domenica 2 aprile 2017
Inigo Lezzi

Ho visto solo il trailer! Il film uscirà ad Agosto! IMPRESSIONANTE - C'è una carica fortissima di tensione sin dalle prime immagini ! Ed una intensità già terrificante nel seguito del trailer! Si capisce che il film manterrà le sue promesse di terrore e le scariche di adrenalina volute!!! La fotografia dell' Italo Belga MAXIME ALEXANDRE è all'apice [...] Vai alla recensione »

domenica 13 agosto 2017
Alcofribas

Decisamente superiore al primo. Ritmo incalzante, suspense, nessuna scena splatter inutile (che poi è il problema di moltissimi horror), bravi gli attori. L'unico bug, se proprio si vuole fargli le pulci, è l'incidente da colui tutto ha inizio, poco credibile in quell'epoca e i quel'ambiente.  Da vedere. 

lunedì 28 agosto 2017
Massimo M.

Casa sperduta in campagna, proprietario pazzoide/disturbato, una bambola "assassina" e la figlia morta. Trama identica ad alte decine. Niente di lontanamente originale.

mercoledì 23 agosto 2017
Derbegeistert

Questo secondo film che vede come protagonista la bambola Annabelle- o per essere più precisi il demone ad essa legato - risulta decisamente migliore del suo predecessore: migliori le scene, migliori le musiche, migliore la fotografia e bravissime le bambine protagoniste. Nonostante gli spaventi creati dal film si basino per lo più sui jumpscares, il film raggiunge in pieno il suo scopo [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 agosto 2017
elpiezo

 In'un isolata casa di campagna, una presenza demoniaca si accanisce su uno sparuto gruppo di innocenti orfanelle, ospiti di una misteriosa e taciturna famiglia. Prequel del fortunato omonimo predecessore, Annabelle 2, è il classico horror contenente tutti gli stereotipi del genere, una trama essenziale ed una logorante e perpetua tensione che lo rendono un prodotto ordinario dal risultato [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
lunedì 7 agosto 2017
Elena Magnani, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

1970. Ed e Lorraine Warren, coniugi statunitensi esperti in demonologia e fenomeni paranormali, vengono assunti da una studentessa di infermieristica che racconta di aver ricevuto in dono una bambola indemoniata. Sotto la stoffa e il sorriso di porcellana vivrebbe l'entità di Annabelle Higgins, morta in un incidente all'età di sette anni. È l'inizio di un caso vero e che fece molto scalpore, ma soprattutto che consacrò definitivamente un grande tema dell'immaginario horror: il giocattolo. Il male assoluto che si annida nel bene più dolce. La minaccia più pericolosa custodita in ogni cameretta. Da Chucky de La bambola assassina al pupazzetto di Saw, la bambola, animata nella mente del bambino dalla fantasia e dall'affetto, si trasforma al cinema in un mostro custodito incosapevolmente nella famiglia, nella casa, tra le proprie braccia. Diventando un cliché. 2013. Alle ricerche dei Lorraine si ispira un film che darà inizio alla fortunata serie di The Conjuring. Tra le vicende raccontate compare anche Annabelle, e funziona così bene che nel 2014 diventa protagonista dell'omonimo spin-off. Ma non basta: ad arricchire il mosaico e sostenere l'impalcatura di una saga sempre più complessa, arriva Annabelle 2: Creation, prequel sulle origini del misterioso bambolotto.

Ma in questo nuovo capitolo di David F. Sandberg (già notevole in Lights Out - Terrore nel buio), più della trama, è proprio l'utilizzo sapiente del cliché a fare la differenza.

La grande casa abbandonata in un non-luogo, il padrone misterioso e tormentato, la moglie prigioniera della sua stanza, i corridoi bui, il pozzo, i fienili vuoti, l'arredamento vittoriano, le piccole orfane a cui viene vietato di curiosare in giro. E poi, piano piano, scricchiolano le assi del pavimento, sbattono le finestre, compaiono messaggi scritti con la grafia scomposta di un'altra bambina. Che, però, non c'è. Annabelle 2: Creation è un horror, il più classico degli horror, quasi da manuale. La notevole fotografia, la colonna sonora, il susseguirsi degli ormai attesi jumpscare: tutto si piega alla costruzione di una lenta e logorante tensione, che attende paziente di esplodere al momento giusto. Anche senza essere mostrata, la bambola è presente in ogni scena, in ogni dialogo, proprio perché in fondo la stiamo aspettando, proprio perché la storia la conosciamo. Grazie alla forza iconica di Annabelle, Sandberg vince la scommessa di consegnarci un riuscito nuovo capitolo, dimostrando che in fondo i cliché ci fanno ancora paura.

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 23 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Terzetto di testa compreso in un fazzoletto di euro, con Atomica Bionda che resiste al primo posto con 77mila euro, davanti all'immarcescibile Annabelle 2: Creation che segue con 71 e a La torre nera con 66mila euro.

BOX OFFICE
mercoledì 16 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Atomica Bionda apre al secondo posto della top ten italiana con 80mila euro, senza riuscire a scalzare The Dark Tower dal primo posto, mantenuto senza troppa fatica con 94mila euro. Completa il podio Annabelle 2: Creation con 60 mila euro ed un totale [...]

BOX OFFICE
lunedì 14 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Annabelle 2: Creation, quarto episodio del franchise di The Conjuring, apre con 35 milioni di dollari e vince comodamente il weekend USA. Deludenti sono le altre due new entry della settimana, con Nut Job 2 - Tutto molto divertente che finisce sotto [...]

BOX OFFICE
mercoledì 9 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Nessun cambiamento nella top ten italiana, dove Annabelle 2: Creation è l'unico film capace di stare sopra alla soglia dei 100mila euro. Dietro i migliori sono i soliti Spider-Man Homecoming (guarda la video recensione) e The War -Il pianeta delle scimmie [...]

BOX OFFICE
martedì 8 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Nessun cambiamento nella classifica nostrana, che vede al primo posto Annabelle 2: Creation, unico film a stare sopra i 100mila euro. Nettamente staccati ci sono i soliti Spider-Man Homecoming (guarda la video recensione), che ha raggiunto i 7,7 milioni [...]

BOX OFFICE
sabato 5 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Annabelle 2: Creation resta al primo posto della top ten italiana, con 140mila euro. L'entusiasmo del primo giorno pare essersi già spento, anche se gli altri film sono talmente esausti da non far prevedere alcun cambiamento nelle prime posizioni durante [...]

BOX OFFICE
venerdì 4 agosto 2017
Andrea Chirichelli

La fame di novità e la bontà del film portano Annabelle 2: Creation al primo posto del box office con 264mila euro pagati da oltre 35mila spettatori. La buona distribuzione del film ha aiutato parecchio, con quasi 300 sale a disposizione dell'horror, [...]

VIDEO
lunedì 3 aprile 2017
 

È tornata! Molti anni dopo la tragica morte della loro figlia, un costruttore di bambole e la moglie accolgono nella loro casa una suora accompagnata da numerose ragazze provenienti da un orfanotrofio ormai chiuso, diventando presto il bersaglio di [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati