Elle

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Elle  
Un film di Paul Verhoeven (I). Con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny, Charles Berling, Virginie Efira.
continua»
Titolo originale Elle. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 130 min. - Francia 2016. - Lucky Red uscita giovedý 23 marzo 2017. - VM 14 - MYMONETRO Elle * * * - - valutazione media: 3,17 su 49 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

FOCUS | Ci volevano Paul Verhoeven e la produzione francese per rivoluzionare il cinema borghese contemporaneo e permettersi una storia cosý pericolosa. Al cinema.

Film dinamitardo che rifonda il cinema d'autore

sabato 25 marzo 2017 - Roy Menarini

Elle, film dinamitardo che rifonda il cinema d'autore Rifondazione del cinema d'autore. ╚ chiaramente a questo compito che Paul Verhoeven lavora con il suo dinamitardo Elle. Da decenni, ormai, esiste un genere che finge di non essere un genere: di volta in volta lo possiamo chiamare cinema d'autore, cinema d'essai, film da festival, e cosý via. Allo stesso modo esistono - per fortuna - numerosi registi che non si accomodano al facile plauso del gusto medio; ma bastano i tanti altri che imbastiscono contenuti piatti e prevedibili al solo scopo di rassicurare i propri spettatori (spesso pi¨ conservatori del pubblico da blockbuster da cui pensano di distinguersi) per rovinare la festa.

FOCUS | In occasione dell'uscita del film, da oggi al cinema, ecco 10 titoli degli anni '10 che hanno trasformato il thriller in un genere capace di rielaborare le paure sociali.

Il film di verhoeven nel solco del grande thriller

giovedý 23 marzo 2017 - Gabriele Niola

Elle, il film di Verhoeven nel solco del grande thriller GiÓ a partire dall'inizio, in cui dei rumori suggeriscono qualcosa, Elle dichiara la propria appartenenza al thriller, genere che aveva conosciuto una fortissima popolaritÓ tra gli anni '80 e i '90 grazie alla forte spinta propulsiva di De Palma e delle sue trovate che modernizzavano e rilucidavano classici film di suspense hitchcockiani e grazie ad una serie di fortunati adattamenti da romanzi di autori come Grisham e Follett. Il genere Ŕ poi lentamente decaduto nei 2000, schiacciato da una nuova generazione di horror che li hanno sostituiti sul terreno della tensione e da una nuova idea di cinema di grande incasso che ha ucciso il film dal budget medio.

FOCUS | Dieci anni dopo Black Book, Paul Verhoeven torna al cinema con un thriller letale girato in Francia che sovverte gli archetipi del cinema francese. Dal 23 marzo al cinema.

Femminile dominante

martedý 21 marzo 2017 - Marzia Gandolfi

Elle: femminile dominante In principio Ŕ un gatto. Un gatto placido e sovrano in primo piano. Un gatto che osserva impassibile l'aggressione della sua padrona. Ironia, ferocia, sofisticatezza, il tono del film Ŕ dato. Niente accade accidentalmente nel thriller aspro e abrasivo di Paul Verhoeven. Proprio come un felino, l'eroina non (re)agisce mai in maniera prevedibile a quello che accade. Anzi, pi¨ apprendiamo qualcosa su elle e meno la comprendiamo. Ma impariamo molto e in fretta. Lei si chiama MichŔle, vive da sola in una grande casa borghese nella provincia parigina, dirige con autoritÓ e autorevolezza una casa editrice di video giochi, ha un ex marito, un'amante, il marito della sua socia e migliore amica, un figlio babbeo, una madre immatura che oscilla tra botox ed escort boy, e un padre mostruoso che in un passato lontano ha assassinato ventisette persone.

FOCUS | Comeback di Paul Verhoeven, Elle Ŕ il best of stordente di tutti i registri dell'interprete francese. Dal 23 marzo al cinema.

giovedý 16 marzo 2017 - Marzia Gandolfi

Isabelle Huppert: Elle ╚ sempre difficile descrivere la performance di un'attrice, dire il perchÚ e il come di una presenza. La forza di Isabelle Huppert Ŕ di donarsi completamente, in tutti i ruoli, scrupolosamente scelti, custodendo un enigma. Nelle sue interpretazioni c'Ŕ un fervore trattenuto, inquieto che la tiene a distanza. Ma Ŕ quel touche froide ad attirare irresistibilmente lo spettatore. Immobile, muta, quasi minerale, Isabelle Huppert Ŕ un'artista preziosa, magnetica che polarizza gli sguardi. Regina delle nevi o leggenda vivente, i clichÚ si sprecano ma la sua immagine resta intatta.

NEWS | Da La bella e la bestia a I Puffi, fino a Lasciati andare con Toni Servillo. Senza dimenticare la sorpresa Libere disobbedienti innamorate - In Between. Buona visione!

Pasqua al cinema. ecco i film da vedere

domenica 16 aprile 2017 - Giancarlo Zappoli

Pasqua al cinema. Ecco i film da vedere Se in queste giornate vi capiterÓ di aprire il classico uovo di Pasqua e, dopo aver scartato la carta multicolorata che lo avvolge e averlo aperto, vi troverete come sorpresa una collanina di plastica (se per femmine) o un portachiavi dall'incerta tenuta (di solito per maschi) non dovete dispiacervi pi¨ che tanto. In fondo un po' ve lo aspettavate. Quello che magari non vi attendevate invece Ŕ che al cinema in questo periodo pasquale le sorprese fossero cosý numerose e in grado di soddisfare le esigenze pi¨ diverse.

   

OSCAR | Moonlight conquista a sorpresa l'Oscar al Miglior Film. Miglior Regia per Damien Chazelle. Casey Affleck e Emma Stone vincono tra gli attori. Niente da fare per Fuocoammare di Gianfranco Rosi.

I vincitori

lunedý 27 febbraio 2017 - Tirza Bonifazi

Oscar 2017, i vincitori Dopo un primo annuncio erroneo che dava per vincitore La La Land, Moonlight si aggiudica l'Oscar come miglior film. Qualche brivido sul finale. Warren Beatty sbaglia ad annunciare il film vincitore e mentre la produzione di La La Land Ŕ intenta a dare il suo discorso di ringraziamento, viene improvvisamente congelata dall'annuncio "Moonlight vince l'Oscar, non Ŕ uno scherzo, ha vinto Moonlight". Al di lÓ di quello che per qualche attimo Ŕ sembrato un brutto scherzo, il premio dell'Accademia non Ŕ mai stato cosý politico come quest'anno, quasi come per mettere a tacere tutte le polemiche delle recenti edizioni sulla diversitÓ che imperversavano a Hollywood sugli Oscar "troppo bianchi".

PREMI | ╚ solo la fine del mondo di Xavier Dolan vince per la regia, il montaggio e il miglior attore.

I cÚsar premiano e isab huppert

sabato 25 febbraio 2017 - a cura della redazione

I CÚsar premiano Elle e Isabelle Huppert In attesa della cerimonia di consegna dei premi Oscar, ieri sera sono stati consegnati i premi del cinema francese, i CÚsar. Il premio al miglior film Ŕ andato a Elle di Paul Verhoeven, e quello per la miglior attrice alla protagonista Isabelle Huppert, giÓ in partenza per Los Angeles (Ŕ candidata all'Oscar come miglior attrice protagonista). Frantz di Franšois Ozon, candidato a 11 premi, si Ŕ aggiudicato solo il riconoscimento per la fotografia, mentre ╚ solo la fine del mondo ha vinto per la regia, il montaggio (Xavier Dolan) e il miglior attore (Gaspard Ulliel).

   

PREMI | Il film di Gianfranco Rosi in corsa come Miglior Documentario agli Oscar francesi. 11 candidature a testa per Elle e Frantz. Il 24 febbraio la premiazione.

Arriva la nomination anche ai cÚsar

mercoledý 25 gennaio 2017 - a cura della redazione

Fuocoammare, arriva la nomination anche ai CÚsar Dopo quella agli Oscar, Fuocoammare ottiene la nomination anche per i CÚsar, la massima ricompensa francese per il cinema. Nella lista diffusa oggi dall'organizzazione del premio edizione 2017, che sarÓ consegnato in una serata di gala alla Salle Pleyel di Parigi il 24 febbraio, compare anche il film di Gianfranco Rosi come candidato nella sezione "Miglior Documentario". Attraverso la Storia del dodicenne Samuele, Gianfranco Rosi racconta in Fuocoammare l'isola di Lampedusa e la tragedia delle migrazioni.

OSCAR | Il film di Gianfranco Rosi Ŕ in corsa per la conquista della statuetta. Record La La Land con 14 nomination, 8 per Moonlight e Arrival. Il 26 febbraio la premiazione.

Fuocoammare candidato come miglior documentario

martedý 24 gennaio 2017 - a cura della redazione

Oscar 2017, Fuocoammare candidato come Miglior Documentario Continua la corsa verso l'Oscar di Fuocoammare: il lavoro Ŕ tra i cinque candidati per il Miglior Documentario. GiÓ vincitore di svariati riconoscimenti - primo fra tutti l'Orso d'oro a Berlino 2016 - il film di Gianfranco Rosi racconta, attraverso la storia del dodicenne Samuele, l'isola di Lampedusa e la tragedia delle migrazioni. Come da pronostico, il film che ha conquistato il maggior numero di nomination (14, Ŕ record!) Ŕ La La Land di Damien Chazelle. Oltre che come Miglior Film, il musical con Ryan Gosling ed Emma Stone Ŕ candidato anche per Miglior Regia, Miglior Attore, Miglior Attrice e Miglior Sceneggiatura.

PREMI | Il lavoro di Damien Chazelle vince tra gli altri i premi come Miglior Film e Miglior Regia. Tra gli attori la spuntano Natalie Portman e Casey Affleck.

La la land domina con 8 premi

lunedý 12 dicembre 2016 - a cura della redazione

Critics' Choice Awards, La La Land domina con 8 premi La stagione dei premi che ogni anno caratterizza il periodo a cavallo fra l'anno vecchio e il nuovo Ŕ iniziata all'insegna di La La Land. I 22esimi Critics' Choice Awards, che si sono tenuti a Los Angeles hanno confermato il dominio del musical diretto da Damien Chazelle con Emma Stone e Ryan Gosling che giÓ ha fatto man bassa di premi (da Venezia, a Toronto ai recenti European Film Awards assegnati sabato). Il film, nelle sale italiane dal 26 gennaio, vince sia come Miglior Film che come Miglior Regista.

   

BERLINALE | Autore di lavori come RoboCop e Basic Instinct, il regista olandese era giÓ stato ospite del Festival nel 2013.

Paul verhoeven sarÓ il presidente di giuria

venerdý 9 dicembre 2016 - a cura della redazione

Berlinale 2017, Paul Verhoeven sarÓ il Presidente di Giuria Il regista e sceneggiatore olandese Paul Verhoeven sarÓ il Presidente di Giuria della 67esima Berlinale. Il direttore del Festival Dieter Kosslick ha cosý commentato la scelta: "Con Paul Verhoeven come Presidente di Giuria abbiamo un autore che si Ŕ cimentato con una varietÓ di generi sia in Europa che ad Hollywood. La sua creativitÓ, la sua audacia poliedrica e la sua volontÓ di sperimentare si riflettono in tutte le sue opere. Il Festival ha ospitato il regista giÓ nel 2013 nel suo Berlinale Talent Campus, quando, con il panel "Follow Your Instincts: Filmmaking According to Paul Verhoeven" ha illustrato al pubblico i suoi metodi di lavoro e il suo punto di vista sul panorama della produzione negli Stati Uniti e in Europa".

   

GALLERY | Accolto con ironia Elle di Verhoeven. Farhadi tra i candidati alla vittoria finale. Stasera tutti i vincitori.

I film di farhadi e verhoeven chiudono il concorso

domenica 22 maggio 2016 - a cura della redazione

Cannes, i film di Farhadi e Verhoeven chiudono il concorso In attesa di conoscere i vincitori della 69esima edizione del Festival, ieri sono stati presentati gli ultimi film in concorso a Cannes. Protagonisti della giornata sono stati Asghar Farhadi con The Salesman, e Paul Verhoeven con Elle. Farhadi si Ŕ ispirato al romanzo "Morte di un commesso viaggiatore" di Arthur Miller per delineare un ritratto dell'Iran contemporaneo visto attraverso la storia di una coppia, Emad e Rana, che si scopre meno moderna di quanto pensi. Verhoeven ha adattato il romanzo "Oh.

   

CANNES FILM FESTIVAL | Il regista ha presentato in concorso al Festival il dramma 'amore e morte' The Last Face, con la coppia Charlize Theron-Javier Bardem.

Dopo refn fischi anche per sean penn

venerdý 20 maggio 2016 - a cura della redazione

Cannes, Dopo Refn fischi anche per Sean Penn Dopo i sonori fischi per The Neon Demon di Nicolas Winding Refn, oggi un altro film del concorso di Cannes non ha avuto un'accoglienza positiva. Si tratta del dramma "amore e morte" The Last Face di Sean Penn con Charlize Theron e Javier Bardem, medici di chirurgia d'emergenza nElle guerre africane. Girato tra Liberia, Sudafrica e Sudan e Parigi il film racconta le drammatiche situazioni i quei Paesi e le contraddizioni degli aiuti occientali. Al concorso mancano ancora due film: The Salesman, diretto a Asghar Farhadi, e Elle di Paul Verhoeven.

   

CANNES FILM FESTIVAL | A pochi giorni dalla chiusura del Festival, scopriamo i 10 autori giÓ riconosciuti come maestri indiscussi in almeno uno dei grandi eventi europei o mondiali.

I registi che hanno giÓ vinto

mercoledý 18 maggio 2016 - Gabriele Niola

Cannes 69, i registi che hanno giÓ vinto Quello di Cannes Ŕ un festival di campioni pi¨ che di nuove scoperte. Chi accede al concorso ha giÓ sulle spalle vittorie, allori, riconoscimenti e premi. Con qualche eccezione sý pu˛ dire che la competizione ufficiale sia il terreno in cui Ŕ possibile vedere i cineasti, giovani o vecchi che siano, pi¨ premiati e riconosciuti del mondo, quelli che hanno creato intorno a sŔ uno status di celebritÓ del cinema autoriale anche grazie ai festival europei (Cannes in testa). Non a caso anche quest'anno almeno 10 cineasti sono stati giÓ riconosciuti come maestri indiscussi del genere in uno dei grandi eventi europei o mondiali, hanno cioŔ vittorie che parlano per loro.

Elle | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | nanni
  2░ | potassio2
  3░ |
  4░ | andrew82
  5░ | vanessa zarastro
  6░ | kimkiduk
  7░ | paolorol
  8░ | flyanto
  9░ | lbavassano
10░ | maumauroma
11░ | giorgio1.moretti
12░ | no_data
13░ | gianleo67
14░ | angelo umana
15░ | fabiofeli
16░ | evak.
17░ | marcello
18░ | mattiabertaina
19░ | mauriziomeres
20░ | francesco2
21░ | francesca
22░ | davidetiberga
23░ | goldy
Rassegna stampa
Emiliano Morreale
Premio Oscar (1)
Golden Globes (3)
Cesar (13)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità