Urlo

Film 2010 | Drammatico 90 min.

Regia di Rob Epstein, Jeffrey Friedman. Un film Da vedere 2010 con James Franco, Todd Rotondi, Jon Prescott, Aaron Tveit, David Strathairn. Cast completo Titolo originale: Howl. Genere Drammatico - USA, 2010, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 27 agosto 2010 distribuito da Fandango. - MYmonetro 2,91 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Urlo
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Nella San Francisco del 1957 il capolavoro della lettaratura americana "Howl" fu portato sul banco degli imputati: il film racconta del processo e della riabilitazione del giovane autore Allen Ginsberg. In Italia al Box Office Urlo ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 227 mila euro e 37,1 mila euro nel primo weekend.

Urlo è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,91/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 3,00
PUBBLICO 3,18
CONSIGLIATO SÌ
Ricostruzione "ipertestuale" del celebre poema di Allen Ginsberg, a tratti suggestiva e a tratti freddamente didattica.
Recensione di Edoardo Becattini
sabato 13 febbraio 2010
Recensione di Edoardo Becattini
sabato 13 febbraio 2010

Nel 1955 alla Six Gallery di San Francisco, il giovane poeta Allen Ginsberg recita per la prima volta in pubblico quello che diventerà il manifesto poetico dell'intera cultura Beat americana: "Howl". Nel suo ululato lamentoso e lacerante risiedono gran parte delle esperienze biografiche dell'autore e tutta la forza immaginifica della sua forma poetica. Qualche anno dopo, in seguito alla pubblicazione del poema da parte del City Light Bookstore, l'editore Lawrence Ferlinghetti e l'"ululato" di Ginsberg sono sotto accusa da parte della comunità americana per i contenuti osceni e il dubbio valore letterario.
Dopo essersi incrociati a distanza nel ricordo della figura di Harvey Milk, i nomi di Gus Van Sant e Rob Epstein (autore del documentario che ha dato vita al film con Sean Penn) si uniscono in un'opera che ha ancora una volta come sfondo il fermento culturale di San Francisco. Le quattro parti del lamento poetico e allucinato di Allen Ginsberg si convertono in altrettanti stili e formati all'interno di un'opera che somma alla passione letteraria, un biopic sugli anni giovanili del più importante poeta beat, un pamphlet storico-critico sulla libertà d'espressione e l'intenzione di contenere in immagini suggestive l'essenza dei versi poetici. I due documentaristi Epstein e Friedman utilizzano gli strumenti di ricerca del documentario a fini finzionali e costruiscono la struttura del loro lavoro su frammenti discontinui e paralleli, alternando così una messa in scena dal taglio documentaristico per ricostruire il celebre reading della Six Gallery e le interviste a Ginsberg, con una drammatizzazione del processo all'editore e delle dichiarazioni dei vari critici letterari intervenuti e una serie di sequenze animate.
La patina glamour e intellettualmente sommessa del Sundance Festival servirebbe a dare unità al progetto, ma né essa né la fotografia vintage di Edward Lachman (capace di adattarsi tanto alle esigenze del documentario, come ai tempi di Lampi sull'acqua di Wenders, che ai più recenti progetti "filologici" di Todd Haynes), riescono a dare una certa omogeneità al fluire dei frammenti. Fra i quali sono soprattutto le sequenze animate a ridare spirito ai versi del giovane Ginsberg attraverso una sorta di Fantasia che viaggia a tempo di metrica e fluisce fra le note di Gershwin e di Carter Burwell, muovendosi fra la terra e il cielo, fra gli amplessi e il dolore, fra il buio e la luce.
Ma nel complesso, l'impressione è quella di trovarsi davanti ad un ipertesto multimediale che sviscera in modo analitico il poema, cercando un dialogo virtuale con lo spettatore che non riesce ad andare oltre la didattica e la pedagogia.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
URLO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 19 settembre 2010
Paola Di Giuseppe

Howl fu per Ginsberg una traduzione in versi delle lunghe frasi di sassofono ascoltate nei club di jazz, “una enorme, triste commedia di fraseggi selvaggi, di immagini senza significato per la bellezza di poesia astratta ininterrotta che creavano combinazioni maldestre come il procedere di Charlie Chaplin, lunghi versi come ritornelli al sassofono di cui sapevo che Kerouac avrebbe sentito il suono”. [...] Vai alla recensione »

martedì 31 agosto 2010
goldy

E' un bel film. Di quelli che ti prendono ignorante e ti lasciano arricchiti dando senso e significat0 a versi incomprensibili a una prima lettura. Così credibili le motivazioni che spingono Ginsberg a scrivere quello ha scritto in uno stile così scostante e apparentemente privo di logica. E invece dietro quell'affastelarsi di parole in libertà si nasconde una logica ferrea, profetica che sgomenta [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 agosto 2010
renato volpone

Il film traspone un poema del beat generation in versione cinematografica...per la prima volta, credo, l'emozione di un poema recitato al cinema, emozione accompagnata da figure animate, da suoni, da musica...bellissimo...toccante. E' la storia del processo al libro per oscenità (la descrizione del processo è un po' di parte)....accompagnata dalle parole dell'attore che interpreta il poeta che raccontano [...] Vai alla recensione »

martedì 31 agosto 2010
Cobradevivo

"Santo, santo,santo..oh santo Keruoac, santo Cassady..." recita Ginsberg nel'57 in un reading a San Francisco. Recita "Howl" il testo manifesto della Beat-Generation, la quale lo stesso Ginsberg ammetterà non esistere, bollandola come "Un gruppo di ragazzini che vogliono essere pubblicati". Siamo nell' America perbenista degli anni ''50, in pieno Maccartismo, in quell'America che ancora non riesce [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 dicembre 2011
osteriacinematografo

Si narra dell’Urlo di Allen Ginsberg, innovativo poeta americano, e del processo che ne scaturì, per il tramite delle parole del poeta e di disegni allucinati che ne accompagnano i versi. La liberazione del linguaggio da ogni ipocrisia, la stigmatizzazione dello Stato/Moloch, la modernità espressiva a confronto con l’America degli anni 50, la poesia riletta accidentalmente lungo un percorso multiplo [...] Vai alla recensione »

martedì 28 settembre 2010
Nalipa

che nel 1955 scosse la letteratura americana. Film sullo scrittore beat Allen Ginsberg, accusato di oscenità . Ricostruzione del processo alla poesia Howl (L'urlo). James Franco,  bravissimo,  interpreta Ginsberg durante un'intervista e le suggestive animazioni danno forma onirica ai versi letti. Davvero interessante!

martedì 26 maggio 2015
Neikos

Questo film narra di tre vicende legate alla vita del geniale scrittore Allen Ginsberg, facente parte della " "beat generation" termine da lui spiegato come "un gruppo di scrittori in cerca di un autore". le tre vicende che si intrecciano al'interno della pellicola sono: -Lui che parla della sua vita, profondamente segnata dalla situazione della madre, andante e venente continuamente da ospedali psichiatric [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 gennaio 2011
paride86

Non sono un fan della beat generation, e forse questo mi rende di parte; posso dire però, con una certa obiettività, che questo film sia poco riuscito, indipendentemente dalle tesi che porta avanti. La storia è costituita dal processo che subì l'opera di Ginsberg "Urlo", ed è inframezzato da parti animate che tentano - con scarso rsultato, a mio parere [...] Vai alla recensione »

martedì 26 maggio 2015
Neikos

Questo film narra di tre vicende legate alla vita del geniale scrittore Allen Ginsberg, facente parte della " "beat generation" termine da lui spiegato come "un gruppo di scrittori in cerca di un autore". le tre vicende che si intrecciano al'interno della pellicola sono: -Lui che parla della sua vita, profondamente segnata dalla situazione della madre, andante e venente continuamente da ospedali psichiatric [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 ottobre 2010
Domenico A

Abbiamo visto “ L’urlo “ diretto da Rob Epstein, Jeffrey Friedman. Finalmente un buon film, ottima sceneggiatura, originale regia, montaggio creativo, splendida fotografia, ottime la scenografie e i costumi, perfetto il cast. Film che si basa in fin dei conti sulla poesia di Allen Ginsberg “"Howl " ( Ho visto le migliori menti della mia generazione distrutte da pazzia, [...] Vai alla recensione »

domenica 26 settembre 2010
galaxyofbubbles.blogspot.com

America 1955..Allen Ginsberg uno tra i poeti e letterati di punta della Beat Generation lesse per la prima volta il suo poema Howl nella Six Gallery di San Francisco. Calorosamente accolto dalle giovani generazioni che si rispecchiavano nelle esperienze di vita dell'autore e dalla parte di intellettuali che ne colsero, almeno in parte, il valore sociale e letterario, il poema ottenne un'enorme [...] Vai alla recensione »

domenica 5 settembre 2010
algernon

una buona mescolanza di letture, scene processuali, ed animazioni. un film per avvicinarsi ad Allen Ginsberg

domenica 15 gennaio 2012
molenga

Sicuramente quando si pensa a cinema e beat generatiuon non si può prescindere da "sulla strada": "urlo", però, è qualcosa di diverso, è la ricostruzione attraverso sequenze animate e grande musica del poema che fu il manifesto di tutta una sezione di quel confuso quanto rivoluzionario movimento che fu la beat generation, appunto" urlo" di allen [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 agosto 2010
gigis

il film non l'ho ancora visto,anche se ho intenzione di andarlo a vedere.Ho però letto il libro in cui è scritto che alan fu condannato per oscenità non tanto per il sesso etero come scritto qui nella recensione, ma per il sesso omosessuale perchè in quegli anni l'omofobia era molto diffusa.

mercoledì 30 novembre 2011
Mr.Slapstick

Ben recitato e molto approfondito sul piano posicologico. E bellissime le sequenze animate, che riescono a far sì che lo spetatore non si accorga che gli stanno leggendo TUTTO QUANTO un piccolo poema. Perchè alla fine del film lo si è sentito tutto, senza che il ritmo del film ci rimetta troppo. 

lunedì 17 ottobre 2011
Francesco2

E' senza dubbio un film imperfetto, forse persino un pò autocompiaciuto quando non ha tantissimo di cui autocompiacersi. Ma secondo me avrebbe anche meritato, perlomeno qui in Italia,un pò più di attenzione. Al di là di certi schematismi (nel mostrare le fasi processuali), e di una certa, paradossalmente, disomogeneità nel raccontare le fantasie di Ginsberg resta un manifesto contro i perbenismi, un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 settembre 2010
Spike

Un film per gli appassionati di Beat Generation, può essere faticoso da seguire per chi non conosce la materia. Buone interpretazioni e regia. Interessanti le animazioni che accompagnano la lettura della poesia.

sabato 11 settembre 2010
toffolina

Mosso dalla curiosità di rivedere, quello che era considerato l'emblema americano del Movimento, anzi ricordo pure di averlo visto alla fine anni 60 sperchè soggiornò in Riviera Ligure, io ero poco più che un ragazzo..Il film a mio parere una grande delusione, e verso la metà un fuggi fuggi generale, strenuamente sono rimasto fino alla fine....ero solo.

FOCUS
FOCUS
lunedì 11 ottobre 2010
Pino Farinotti

Un unicum sacrale Il padre di Allen Ginsberg era poeta e insegnante, la madre era un'ebrea russa, comunista militante, ospite permanente di ospedali psichiatrici, lobotomizzata, morta suicida. Allen si scoprì omosessuale. Tutte premesse per un destino che non poteva che essere il suo, diventare un poeta che attaccava e ribaltava, stravolgeva regole e codici. Scioccava. E poi quegli amici, poeti e scrittori, come Kerouac e Burroughs.

Frasi
Il vero significato della parola profezia è capire e intendere qualcosa che qualcuno capirà fra cent'anni...
Allen Ginsberg (James Franco)
dal film Urlo - a cura di Cassandra
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un terzo di dramma giudiziario, un terzo di biografia, un terzo di cinema d'animazione. Il tutto impacchettato dentro l'iconografia arcinota di una delle epoche più mitizzate (e vendute, in ogni sua forma) del secondo 'Novecento: la San Francisco fine anni 50, quella che vide nascere e fiorire la controcultura beat in piena Guerra Fredda (con i suoi corollari: incubo atomico, segregazione razziale, [...] Vai alla recensione »

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Scelto come film d'apertura all'ultimo Sundance, Howl è finalmente in Italia ed è il film della settimana. Robert Redford evocò, presentandolo, una notte di tanti anni fa a San Francisco quando, sedotto dai suoni di quello che credeva un jazz club di jazz, si trovò invece in una libreria di nome City Lights, dove Gary Snider, Gregory Corso e Allen Ginsberg stavano declamando le loro poesie.

Davide Turrini
Liberazione

Se c'è un'epoca storica che ci indigna, quasi automaticamente, per il suo bigottismo, il suo reazionarismo, la sua sfregola censoria, questa è l'America degli anni '50. Ma se Howl , il poema chilometrico, testa d'ariete della beat generation, invece che nel 1955 fosse stato scritto da Allen Ginsberg oggi, quali effetti provocherebbe nell'opinione pubblica? Versi come "che si lasciavano fottere in culo [...] Vai alla recensione »

Antonio Gnoli
La Repubblica

Ogni volta che il cinema affronta un testo letterario, si apre la difficile questione del "tradimento". Quasi mai gli autori amano veder violata la propria creatura, anche quando il passaggio da un linguaggio all' altro avviene con le migliori intenzioni. Prendete Howl - poema che tutti ormai masticano come un chewingum, grazie alle sue battute iniziali: «ho visto le menti migliori della mia generazione...» [...] Vai alla recensione »

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Ci manca molto il parere della Pivano su questo film che riassume un momento fondamentale della beat generation, il processo per oscenità nella San Francisco 1957 della Donna che visse due volte, contro Allen Ginsberg. Il film di Epstein e Friedman gioca su più fronti in eccezionale sintonia, da una parte in aula, dall' altra ascoltando un' intervista dello scrittore (James Franco) e con alcuni cartoon. [...] Vai alla recensione »

NEWS
LIBRI
mercoledì 29 settembre 2010
Fabio Secchi Frau

La recensione ***** Rischia di suonare, poeticamente, sorpassato questo "Urlo & kaddish", forse perché Allen Ginsberg, autentica roccia della Beat Generation, nel frattempo pare essere stato accantonato, dimenticato dall'Italia di Fernanda Pivano [...]

VIDEO
giovedì 5 agosto 2010
 

La storia di Allen Ginsberg Dopo il primo teaser trailer, è finalmente arrivato anche il trailer ufficiale italiano de L'Urlo – Howl, il film diretto da Rob Epstein e Jeffrey Friedman sulla storia di Allen Ginsberg.

NEWS
lunedì 1 febbraio 2010
Marlen Vazzoler

I Film Fuori Competizione A metà dicembre era stato comunicato che Shutter Island di Martin Scorsese e L'uomo nell'ombra di Polanski facevano parte dei sette film in Competizione alla sessantesima edizione del Berlino International Film Festival diretta [...]

NEWS
martedì 9 giugno 2009
Marlen Vazzoler

Il premio Oscar Rob Epstein per il documentario The Times of Harvey Milk dirigerà Howl, il film sul processo del 1957 sull'oscenità, nato per la pubblicazione del poema in tre parti scritto da Allen Ginsberg, che parla dell'uso di droga e di sesso etero [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati