Il nome della rosa

Consigliato sì!
3,39/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Libera interpretazione del romanzo-fenomeno di Umberto Eco, venduto in milioni di copie in tutto il mondo.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
    * * * - -

Libera interpretazione del romanzo-fenomeno di Umberto Eco, venduto in milioni di copie in tutto il mondo. Nel XIV secolo una coppia di francescani (Connery e Slater) risolve l'intricata matassa di una serie di misteriosi delitti avvenuti in una maestosa e solitaria abbazia. Il respiro filosofico e la miriade di citazioni che caratterizzavano il romanzo si smarriscono nella sua trasposizione cinematografica, che peraltro ne conserva l'atmosfera cupa e rarefatta. Film calligrafico e dalla splendida fotografia, eccellente nella caratterizzazione di personaggi e luoghi.

Premi e nomination Il nome della rosa MYmovies
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
68%
No
32%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Il nome della rosa

premi
nomination
Nastri d'Argento
3
0
David di Donatello
5
0
* * * * *

Film capolavoro tratto da un libro capolavoro.

domenica 23 gennaio 2011 di Alex41

Tratto dal romanzo di Umberto Eco, il protagonista è Guglielmo Da Baskerville, un frate il quale quando scoprirà che in un'abbazia in Italia avvengono diversi omicidi, deciderà di trovare l'assassino insieme al suo novizio Adso. Sul loro cammino però, verranno a conoscenza di una terribile verità. Il film parla da solo: un capolavoro perfetto in tutto. La regia di Annaud è maestosa, molte inquadrature del film sono delle vere e proprie opere d'arte, e gli attori sono formidabili: Sean Connery nel continua »

* * * - -

Non eccezionale ma la visione è d'obbligo!

venerdì 16 marzo 2012 di Riccardo Leone

Medioevo. In un'abazia italiana la morte di alcuni monaci, viene attribuita al demonio. Ma Guglielmo da Baskerville, chiamato per appurare che la vera natura dei delitti sia di tipo sovrannaturale, non vi crede e indaga scoprendo molto che c'è dell'altro. Il film è scorrevole e fluido. Nonostante le ambientazioni cupe, la fotografia trova spiragli di luce per rendere chiari e visibili i volti, ma senza tutavia banalizzare, ne scadere nell'ovvietà di film per continua »

* * * * -

Un'abbazia "ricca" di sorprese

venerdì 24 giugno 2011 di dounia

Il film presenta la storia di un francescano che, insieme ad un novizio, è alla ricerca del movente e del colpevole di omicidi avvenuti in una abbazia dell'Alto Medioevo. Sean Connery, il fracescano, ha eseguito molto bene la parte. Apprezzo di più l'attore ora che anni fa. Il libro di Umberto Eco è molto più lungo e descrittivo. Il film, accentuando i punti più importanti, risulta positivo perché non è noioso e, oltre alla scenografia, alla fotografia e alla sceneggiatura molto belle, riesce ad continua »

* * * - -

Apparato filosofico rimosso

venerdì 20 maggio 2011 di mondolariano

C’è un errore gravissimo: il fatto di configurare i personaggi negativi come “cattivi” a tutto tondo, banalizzando irrimediabilmente il significato del romanzo. Eco, infatti, stempera il confine tra bene e male in quanto il male può nascere dal bene e viceversa. Il senso di smarrimento del protagonista, che alla fine si accorge di aver vinto solo per caso, nel film non si avverte. Né si avverte la tacita ammirazione che Guglielmo nutre per Jorge, preferendo mettere in primo piano l’amore per la continua »

Il frate benedettino Sean Connery
Quanto sarebbe quieta la vita senza l'amore: tanto sicura, tanto calma, tanto noiosa...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Christian Slater, Sean Connery
Voi pensate che questo sia un luogo dimenticato da dio?
Hai mai conosciuto un luogo dove dio si possa trovare a suo agio?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Christian Slater, Sean Connery
Voi pensate che questo sia un luogo dimenticato da dio?
Hai mai conosciuto un luogo dove dio si possa trovare a suo agio?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5

di Stefano Reggiani

C'era una volta un professore che aveva inventato la comunicazione, piacque molto alla gente perché era capace di portare tutti in quel purgatorio meraviglioso dove la vecchia e sospetta divulgazione diventa cultura. Ma se tutto è comunicazione, perché non raccontare il pensiero come un romanzo giallo? E perché non suggerire che la storia della cultura è effettivamente un giallo dove ogni conoscenza si misura su un adeguato numero di delitti? Il professore, Umberto Eco, scrisse Il nome della rosa, giallo medievale con frati, streghe e libri proibiti, fu un successo senza frontiere, sono uguali i meccanismi della seduzione che gli studiosi esercitano sugli aspiranti colti. »

Il nome della rosa | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | alex41
  2° | dounia
  3° | great steven
  4° | kondor17
  5° | riccardo leone
  6° | mondolariano
Rassegna stampa
Stefano Reggiani
Nastri d'Argento (3)
David di Donatello (5)


Articoli & News
Shop
DVD
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità