Prima la musica, poi le parole

Un film di Fulvio Wetzl. Con Anna Bonaiuto, Amanda Sandrelli, Gigio Alberti, Jacques Perrin, Barbara Enrichi.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 99 min. - Italia 1998. MYMONETRO Prima la musica, poi le parole * * * 1/2 - valutazione media: 3,60 su 32 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,60/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * * -
Anna Bonaiuto
Anna Bonaiuto (67 anni) 28 Gennaio 1950 Interpreta Marina
Amanda Sandrelli
Amanda Sandrelli (52 anni) 31 Ottobre 1964 Interpreta Clara
Gigio Alberti
Gigio Alberti (61 anni) 19 Giugno 1956 Interpreta Roberto
Jacques Perrin
Jacques Perrin (76 anni) 13 Luglio 1941 Interpreta Lanfranco
Barbara Enrichi
Barbara Enrichi (56 anni) 14 Aprile 1961 Interpreta Elena
Andrej Chalimon
Andrej Chalimon (27 anni) 1 Giugno 1990 Interpreta Giovanni
Un bambino viene allevato dal padre che lo isola dal mondo e anche dalla figura materna. Alla morte del genitore si troverà solo ad affrontare una rea...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
Giancarlo Zappoli     * * - - -

Un bambino viene allevato dal padre che lo isola dal mondo e anche dalla figura materna. Alla morte del genitore si troverà solo ad affrontare una realtà che non lo comprende. Infatti il genitore gli ha insegnato a parlare con un codice linguistico del tutto particolare. Toccherà a una psicologa, che si prende a cuore il suo caso, cercare di scoprirne la chiave d'accesso. Film anomalo nel panorama italiano. Si avvale di una buona idea di sceneggiatura anche se poi alcuni attori (Sandrelli e Chalimon in testa) non risultano in parte. All'estero è piaciuto. Vincitore del Castello d'argento al Festival di Bellinzona.

Stampa in PDF

Premi e nomination Prima la musica, poi le parole

premi
nomination
Festival di Giffoni
0
1
* * * * *

Bisogna solo imparare ad ascoltarlo

mercoledì 1 agosto 2012 di albenedetti

 "Prima la musica poi le parole" ci cattura in un vortice di emozioni in cui è facile riconoscersi quando si soffre il peso dell'incomprensione: non solo quella che si subisce quando non si è capiti ma anche quella che si fa patire all'altro quando non si riesce a capirlo o non si vuole capirlo, perché magari ci costa sacrificio. Basti pensare all'esperienza del significato e del significante della parola "relazione": ci si può sforzare continua »

* * * * *

Un thriller dell'anima

domenica 24 febbraio 2008 di Federica Arnolfo

"Un thriller dell'anima". Così il regista Fulvio Wetzl definisce questo piccolo gioiello della cinematografia italiana che, per non si sa bene quale motivo, non riesce a trovare una distribuzione regolare. Sì, è un thriller dell'anima, ma c'è molto di più. Attraverso le vicissitudini di un bambino in età scolare che si esprime per mezzo di un linguaggio all'apparenza incomprensibile (la prima impressione è quella che declami i versi di qualche poesia poco conosciuta) il regista ci offre infatti continua »

* * * - -

Un bambino. solo, diverso dagli altri

sabato 23 febbraio 2008 di Dario D'Amato

UN BAMBINO. SOLO, DIVERSO DAGLI ALTRI, con le immagini delicate che tendono a isolarlo ancora di più, se possibile, il paesaggio, nella prima parte del film suo unico compagno. Il piccolo vaga, disperato, abbandonato, nella campagna toscana, finché qualcuno lo ritrova, ma in realtà non sa bene come comportarsi con lui. Perché Giovanni, pur essendo carino e intelligente, come la maggior parte dei suoi coetanei, è diverso da loro, perché parla, però usa un linguaggio del tutto personale. Sicuramente continua »

* * * * -

La logica nascosta dietro le strambe frasi

domenica 1 marzo 2009 di albertofar

A me e' piaciuto parecchio. Un po' freddo, d'accordo: ma il bello per me stava nel gioco enigmistico, e nello scoprire solo a poco a poco quale sia la logica nascosta dietro alle strambe frasi del bambino. L'ho visto, insomma, come un giallo... col gusto di capire che diavolo succedeva, piu' che di affezionarmi ai personaggi. L'idea di fondo mi sembra talmente ricca di implicazioni da far dimenticare qualche difettuccio (per lo piu' nella descrizione all'inizio del rapporto fra Perrin e la Sandrellina). continua »

Marina Moltedo
Siamo noi che dobbiamo entrare nel suo linguaggio e impararlo, non lui
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Il piccolo attore russo già interprete dell´Oscar-film «Kolja», Andrej Chalimon, è protagonista di «Prima la musica, poi le parole» di Fulvio Wetzl, film visto e premiato in numerosi festival internazionali: una storia di amori o segreti e insieme una lezione sul linguaggio e sulla solidarietà, un´analisi seria e specifica sugli strumenti del comunicare basata sul «Quartetto per archi N. 2» Di Bach e sullo strutturalismo di Ferdinand de Saussure. In una villa isolata della campagna toscana muore d´infarto Jacques Perrin. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Un bambino vagabondo per la campagna, che parla in un modo incomprensibile, è il protagonista d'un film diverso da tutti. Una storia di amori o disamori; e insieme un'analisi seria e specifica sugli strumenti del comunicare, quindi sulle maniere degli esseri umani di rapportarsi gli uni agli altri; e insieme una lezione sul linguaggio e sulla solidarietà. Il bambino è lo stesso, russo, che interpretò l'Oscar-film céco Kolja, ed è straordinariamente espressivo; Anna Bonaiuto è la psicologa che per prima riesce a comprendere il bambino, e che lo sottrae all'influenza benintenzionata e devastante delle terapie convenzionali con l'aiuto dell'infermiera Barbara Enrichi; Amanda Sandrelli è la mamma che ha abbandonato il bambino, e Jacques Perrin è il padre che senza volerlo l'ha fatto ammalare; Gigio Alberti è l'uomo della psicologa, un musicista grazie al quale s'arriverà a cogliere il legame tra le parole inintelligibili pronunciate dal bambino e la musica, e a decifrare gli enigmatici discorsi del piccolo. »

di Michele Anselmi L’Unità

Che cos'è il linguaggio? «Una convenzione arbitraria», suggerisce Saussure, ma a prenderlo in parola, come fa il professore Lanfranco, padre autoritario e linguista fanatico, si rischia di provocare dei danni. Curioso film, Prima la musica, poi le parole, che Fulvio Wetzl, cineasta padovano trapiantatosi in Toscana da anni, ha girato un po' come fosse un giallo, magari con un occhio all'insuperabile modello rappresentato da Anna dei miracoli. Qui non c'è una bambina cieca alla quale far conoscere il mondo col tatto, bensì un bambino ritrovato mentre vaga solitario nella campagna toscana dopo la morte del padre-padrone: Giovanni parla uno strano italiano che nessuno sa decifrare, dice «ruzzolare» per dormire, «volpe» per acqua; «abbaino» per zucchero, sorride, ascolta, ma i medici non sanno come comportarsi, con l'eccezione della psicologa infantile Marina e dell'infermiera Elena. »

di Roberto Nepoti La Repubblica

Secondo Ferdinand de Saussure, i segni linguistici sono arbitrari: il significante "cavallo", la parola, non ha nulla a che fare con l'animale alla cui idea rimanda. Ma Lanfranco (Jacques Perrin), intellettuale anzianotto e antipatico decide di verificare le teorie del linguista svizzero. Si fa partorire un bambino da Amanda Sandrelli e gli insegna un vocabolario che scambia i significanti italiani di uso corrente con altri (volpe è l'acqua, lotteria è l'orologio...). Poi muore d'infarto. Il bimbo, che si chiama Giovanni, ha sette anni e non è mai uscito dalla villa paterna, si ritrova solo e senza possibilità di comunicare. »

Prima la musica, poi le parole | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Rassegna stampa
Michele Anselmi
Pubblico (per gradimento)
  1° | albenedetti
  2° | federica arnolfo
  3° | dario d'amato
  4° | ezioleoni
  5° | filmup
  6° | federica
  7° | federica
  8° | albertofar
  9° | martina meucci
10° | fabriziocolamartino
Festival di Giffoni (1)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Poster | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 23 agosto
Amityville: Il risveglio
Overdrive
giovedì 17 agosto
Atomica bionda
sabato 12 agosto
Monolith
giovedì 10 agosto
La torre nera
Diario di una schiappa - Portatemi...
giovedì 3 agosto
Annabelle 2: Creation
Angoscia
giovedì 27 luglio
La fuga
martedì 25 luglio
Motori ruggenti
giovedì 20 luglio
CHiPs
Savva
Operation Chromite
Ultime notizie dal cosmo
mercoledì 19 luglio
USS Indianapolis
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità