•  
  •  
Apri le opzioni

Dany Boon

Dany Boon è un'attrice francese, regista, produttrice, scrittrice, sceneggiatrice, è nata il 26 giugno 1966 ad Armentières (Francia). Dany Boon ha oggi 56 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Giù al Nord con Dany

A cura di Fabio Secchi Frau

Il suo nome d'arte è ispirato parzialmente al pioniere americano del XVIII-XIX secolo Daniel Boone, conosciuto per essere anche un eroe della letteratura europea e per aver ispirato una serie televisiva omonima. Nato da una famiglia modesta a Nord, da padre algerino ex boxeur e madre cattolica, cresce assieme ai suoi due fratelli Alexis e Philippe. Non ha parlato francese fino all'età di 12 anni. La sua lingua prima di allora era stato il dialetto chtimi, profondamente legato all'antica lingua d'oïl. Arrivato a Parigi nel 1989 in cerca di fortuna, comincia a lavorare come mimo nelle strade della capitale per guadagnarsi qualche soldo, riuscendo a entrare in un secondo tempo nella compagnia del Théâtre Trévise. Grazie alla sua enorme ironia e al suo spiccato umorismo si impone come uno dei più importanti one-man-show del teatro parigino. Nel 1993, il produttore Patrick Sébastien decide di puntare tutto su di lui e investe denaro nei suoi spettacoli costituiti da monologhi all'interno dei quali racconta le sue disavventure, ma anche sketches ispirati a situazioni quotidiane: le interminabili file agli uffici postali, gli incidenti multipli stradali, la depressione, lo shopping, il culturismo e lo sport e altre cose di questo genere. Ma non si limita solo a questo, emerge anche come un bravissimo musicista e cantante. È sua una versione di "Piensa en mi" (interpretata da Luz Casal nella pellicola Tacchi a spillo di Pedro Almodóvar) e anche "Le Blues du 'tiot poulet".

Il debutto cinematografico come attore
Il cinema arriva dopo un cortometraggio firmato da Philippe Troyon dal titolo La flache (1995) e dopo un episodio del telefilm Navarro (1995) di Marc Angelo. Si tratta di Le grand blanc de Lambaréné (1995) di Bassek Ba Kobhio, nel quale recita accanto a Marisa Berenson. Andrà avanti a recitare in pellicole francesi per molto tempo, alternando la recitazione cinematografica (Bimboland, 1998, con Gérard Depardieu) a tournée teatrali ("La Vie de chantier", "La Maison du bonheur"). Il cinema gli offre la notorietà grazie alla quale riesce a ottenere anche qualche ruolo in spot pubblicitari, come quello per le caramelle Kiss Cool e per la McDonald's.

Il passaggio a regista
Nel 2004 passa alla sceneggiatura e alla regia di un film. Lo fa accanto a Christian Auxéméry con la trasposizione cinematografica di una piéce nella quale aveva già lavorato: La vie de chantier (2004). Soddisfatto dell'esperienza porterà al cinema altri suoi lavori teatrali con estremo successo in Francia, Belgio, Germania, Svizzera, Portogallo, Italia, Polonia, Australia, Canada e Lussemburgo. All'apice del suo successo, viene invitato a partecipare alla pellicola Joyeux Noël - Una verità dimenticata dalla storia (2005), all'interno della quale usa la cadenza del suo dialetto regionale per vestire i panni di Ponchel, riuscendo quasi a strappare il César come miglior attore non protagonista. Stesso risultato con la pellicola Una top model nel mio letto (2006).

Il successo di Giù al Nord
Dopo Il mio migliore amico (2006), arriva il grande successo con la commedia Giù al Nord (2007) da lui scritta, diretta e interpretata assieme a Kad Mérad, Zoé Félix, Philippe Duquesne e Line Renaud. La storia è quella di un direttore postale della Provenza che viene mandato a lavorare a Bergues, nel Nord-Pas de Calais, che rappresenta l'inferno per un uomo pieno di pregiudizi come lui. Eppure, col tempo, imparerà che si può vivere bene anche al Nord. Il film ha un successo travolgente e inatteso, merito della perfetta congiunzione fra il divertimento con umanità e un messaggio non didascalico e Dany Boon viene definito per questo la personalità dell'anno 2008 da un sondaggio realizzato da RTL e dal quotidiano LE PARISIEN, nonché il secondo personaggio preferito dai francesi nell'anno 2008. A confermare questo piovono nomination ai César per la sceneggiatura, all'Audience Award per il miglior film e ai Goya. Il film andrà così bene che ne sarà realizzata una versione italiana dal titolo Benvenuti al Sud (2010), all'interno della quale Boon avrà un cameo.

Altri film
Dopo un successo del genere, la sua carriera continua spedita verso il cinema. Recita in Sarà perché ti amo (2008), accettando il ruolo di Hugo solo dopo tre giorni dall'arrivo del copione e solo perché ammaliato dall'idea di poter interpretare (con la benedizione del regista Pascale Pouzadoux) la parte del marito di Sophie Marceau, diventa il protagonista di L'esplosivo piano di Bazil (2010) e poi produce e diventa il regista di Jérôme Commandeur. Nel 2011 torna come protagonista di un'altra esilarante commedia degli equivoci: Niente da dichiarare, che ha inoltre diretto e sceneggiato. Nel 2012 è protagonista insieme a Diane Kruger della commedia Un piano perfetto e nel 2014 dirige e interpreta Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute. Sarà poi diretto da Julie Delpy nella commedia Lolo - Giù le mani da mia madre (2015) e da Fred Cavayé nella commedia Un tirchio quasi perfetto.

La vita privata
Per quanto riguarda la sua vita privata, Boon ha avuto un figlio Mehdi, da una precedente unione. Poi ha sposato la sua collega attrice Judith Godrèche, che aveva conosciuto sul set di Bimboland (1998) e dalla quale avrà un figlio, Noé. Il matrimonio però si è concluso con un divorzio. Divorzio che ha spinto Boon fra le braccia dell'attrice Yaël Harris, sposata il 26 dicembre 2003 secondo un rito ebraico. A tal proposito, il cattolicissimo Boon si è convertito alla religione della moglie, aggiungendo ai suoi due figli, altri tre bambini: Eyan, Élia e Sarah.

Ultimi film

Focus

INCONTRI
venerdì 10 dicembre 2010
Edoardo Becattini

Alieni e burattini. Asociali e sognatori. Vagabondi e freaks. Nei favolosi mondi virati a seppia di Jean Pierre Jeunet vige una sola regola: la fantasia al potere. Tutto il resto è rimandato alle sorprese del caso e del destino, agli intricati sentieri del fato e della sorte, cui ci si può opporre solo attraverso sterzate di creatività. Così, dopo Il favoloso mondo di Amélie e Una lunga domenica di passioni, è ancora una volta il fato a determinare la nuova avventura di Jeunet: L'esplosivo piano di Bazil

INCONTRI
lunedì 20 ottobre 2008
Tirza Bonifazi Tognazzi

Un successo (al profumo di pomodoro e basilico) Il cinema francese non aveva mai esplorato le differenze (e i cliché) dei nordisti e sudisti del paese. Non solo. Sono pochi i film francesi ambientati al nord che non calcano la mano mostrando uno scenario deprimente e cupo. A colmare questa lacuna arriva Giù al nord, una commedia tutta da ridere che sfrutta i luoghi comuni per far riflettere su quanto siano fuori luogo

News

Le Lion con Dany Boon debutta con 1,7 milioni di euro e si piazza al terzo posto dietro 1917 e Bad Boys for Life.
Risparmiate su tutto, ma non sulle risate! Il nuovo film di Fred Cavayé sarà al cinema dal 16 marzo.
Dany Boon e Laurence Arné sono i protagonisti di una commedia sul risparmio, l'avarizia e sul prezzo da pagare ai...
Le foto del film, la nuova storia di frontiera di Dany Boon.
Jeunet dirige una satira sul commercio delle armi.
Il terzo episodio de Le cronache di Narnia, Megamind e Natale in Sudafrica.
Il creatore di Amélie e Delicatessen racconta la sua ultima avventura.
In Francia un box office da record.
In Francia il film di Dany Boom ha battuto il record di Titanic. Il regista spiega il segreto del suo successo.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati