Benedetta

Film 2021 | Biografico, Drammatico, Storico +13

Regia di Paul Verhoeven (II). Un film Da vedere 2021 con Virginie Efira, Charlotte Rampling, Lambert Wilson, Olivier Rabourdin, Daphne Patakia. Cast completo Genere Biografico, Drammatico, Storico - Francia, Paesi Bassi, 2021, Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,41 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Benedetta tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 5 maggio 2021

La vicenda di Benedetta Carlini, una mistica e suora cattolica italiana, vissuta all'epoca della Controriforma. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Cesar, Il film è stato premiato a National Board, 2 candidature a Lumiere Awards, Al Box Office Usa Benedetta ha incassato 145 mila dollari .

Consigliato sì!
3,41/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,27
PUBBLICO 2,97
CONSIGLIATO SÌ
L'olandese violento ritorna e fa la volontà delle donne in terra.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 10 luglio 2021
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 10 luglio 2021

Benedetta Carlini ha nove anni e una Madonna per bambola. Un intervento divino l'ha salvata alla nascita e promessa alla Vergine Maria. Entrata bambina nel convento di Pescia, che diventa il suo grande terreno di gioco, cresce in bellezza e 'santità'. Perché Benedetta ha straordinarie qualità affabulatorie. Le sue visioni, i suoi sogni e le stigmate le valgono il biasimo della badessa e il sostegno popolare. Tra miracoli e comete, Benedetta 'fa la volontà' di una figlia che salva dalle grinfie del padre predatore. 'Sorella' intraprendente, Bartolomea alza la posta e la introduce al piacere. Intanto gli ecclesiastici locali provano a trarre profitto da questa mistica esaltata, perché se lo scandalo minaccia l'ordine prestabilito, sovente serve gli interessi della chiesa. Da copione, il Nunzio di turno deciderà di farne un falò. Ma le strade del signore, si sa, sono infinite.

Nei film di Paul Verhoeven c'è sempre un momento di un'audacia stupefacente, impensabile per un altro regista. Benedetta è Verhoeven allo stato puro.

Adattamento di "Atti impuri. Vita di una monaca lesbica nell'Italia del Rinascimento", Benedetta è la nuova e mistica provocazione di un autore che attendiamo sempre come un messia. Perché nessuno lavora il visibile come lui, nessuno si prende il piacere di fare cinema nudo come lui, nessuno attiva il femminile come lui. Antesignana di Catherine Tramell (Basic Instinct), Rachel Stein (Black Book) e Michèle Leblanc (Elle), suor Benedetta 'surfa' sulla follia della sua epoca, già epidemica (la peste sta falciando Firenze), donando filo da torcere ai suoi inquisitori con esplosioni di piacere e blasfemia. Per le ragioni sommariamente riassunte dal titolo italiano del libro di Judith C. Brown, suor Benedetta fu oggetto di una sorveglianza costante. Sul piano della fede, le stigmate e le visioni della religiosa condussero le autorità del tempo a investigare dettagliatamente al fine di decidere l'opportunità della sua canonizzazione, sul piano personale stabilirono che Benedetta Carlini avesse una relazione sessuale regolare con un'altra sorella, Bartolomea. Verhoeven mette mano alla ricerca storiografica della Brown facendone qualcosa di enorme, che lascia (grandi) questioni in sospeso: Benedetta era una mitomane manipolatrice o una profetessa? Era una santa in contatto soprannaturale con Cristo oppure una lesbica in rapporto carnale con Bartolomea? Allergico a qualsiasi forma di manicheismo, Paul Verhoeven è esattamente dove lo aspettavamo, nelle zone d'ombra del desiderio e della fede.

E le ombre nei suoi film stimolano sempre la carne. L'oscenità provoca l'invisibilità perché mostrare è il principio stesso del cinema per un autore selvaggio e brutale, che definire morale o immorale non è sufficiente. E anche un po' vano. Benedetta non fa sconti a religiosi e bigotti, si prende grassamente gioco delle ipocrisie di un'istituzione che santifica o manda al rogo secondo i suoi umori e i suoi interessi politici, tuttavia non è lì l'essenziale ma nel desiderio di Verhoeven di fare quello che ha sempre fatto tanto bene. Vomitando, letteralmente, sublime e grottesco, incide la superfice con la complicità della sua eroina, maga, strega e sempre custode e padrona della finzione. In quel teatro della crudeltà che fu la Storia, le donne di Verhoeven, nessuna esclusa, si mettono in scena 'vestite' di un'indistinguibile miscela di sincerità e simulazione. Abitata da un misticismo furioso e letteralmente innamorata di Cristo, Benedetta non si accontenta di immaginarsi vivere un idillio carnale con degli avatar virili di Gesù nei suoi sogni più torridi ma piega la fede alla sua volontà e ai suoi desideri con Bartolomea, un giovane donna di estrazione modesta per cui prova un'attrazione irresistibile.
Alla maniera di Showgirls o di Black Book, Verhoeven conferma la spettacolarità del femminile declinato in tutti gli stati della carne: orgasmi, stigmate, secrezione, autoflagellazioni, defecazione, torture ginecologiche, necrosi, gravidanze. Insomma, estasi e tormento di un corpo femminile sempre sospettato di simulare e sempre 'costretto' a confessare la verità, con l'esorcismo o con strumenti che infliggono terribili sofferenze. Come la Rachel di Black Book, ebrea in un mondo di nazisti, Benedetta per sopravvivere deve farsi attrice potente, una 'superfemmina' che guarda gli uomini guardarla alla maniera di Sharon Stone. Poco importa sapere, come per la sua Catherine Tramell, se Benedetta è colpevole o no.
A interessarci davvero è quello che accade nel segreto della cella, una quinta nascosta agli occhi degli inquisitori di dio ma non a quelli di un'altra donna (la badessa destituita di Charlotte Rampling), dove Benedetta smette finalmente di fingere. Sotto la veste immacolata e le dita abili di Bartolomea, rivelerà al mondo la sua verità (e il piacere femminile). Nel 'rinascimento' mostruoso degli uomini, questa volta è Virginie Efira che osa il 'pensiero stupendo' e infernale. Santa e strega insieme, prende su di sé tutti i mali del mondo e si produce e riproduce nella commedia umana. Perché il suo doppio possa bruciare sul rogo e lei godere sulla terra (di Toscana). Amen.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 20 luglio 2021
Pier Maria Bocchi
Film TV

Sognato per anni, Paul Verhoeven si presenta con questo Benedetta, film tanto entusiasmante quanto potente e moderno. Tutto costruito sul principio della sospensione dell'incredulità - i miracoli e le visioni vengono da Dio o sono il frutto di una messa in scena (del cinema)? - cui è opposta la santità della carne e delle sue pulsioni. Verhoeven gioca a tutto campo, l'ironia non è rivolta mai al Mistero [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 luglio 2021
Luc Chessel
Libération

"Ogni novità è pericolosa, ogni singolarità è sospetta": questo slogan, citato in Immodest acts, il libro della storica statunitense Judith C. Brown che ha ispirato il film di Paul Verhoeven, apre il rapporto degli inviati del nunzio fiorentino al convento di Pescia, nella Toscana della Controriforma. Nel convento, suor Benedetta Carlini darà del filo da torcere agli inquisitori, sputando sublime [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 luglio 2021
Massimo Causo
Duels.it

La maschera e la carne, immagine sacraprofana di una santità che veste il corpo esattamente come la sensualità. Ecco la Benedetta di Paul Verhoeven: finalmente, dopo un anno d'attesa, in Concorso a Cannes 74. È un'icona sospesa tra mistica e mistificazione, tra falso e realtà, perfettamente coerente con la poetica di un autore per il quale da sempre la verità è la prova più pregnante della menzogna, [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Stefano Giani
Il Giornale

Benedetta Carlini è personaggio non troppo conosciuto ma è destinato a guadagnare notorietà da ieri sera quando il Festival di Cannes ha battezzato Benedetta, il nuovo film di Paul Verhoeven che, a 83 anni da compiere il giorno dopo il riavvolgimento del red carpet, ha dedicato proprio a lei. Una donna scomoda. Una suora particolarmente sensibile agli appetiti sessuali e dalle inclinazioni omosessuali. Vis [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Cristina Piccino e Eugenio Renzi
Il Manifesto

Come spesso accade al festival di Cannes, il film di apertura dà il «la» a tutta la programmazione. Carax con Annette, ha cantato il mondo dello spettacolo. Verhoeven con Benedetta lo ha celebrato innalzandolo come un' estasi di gioia sensuale. La storia ispirata alla vita vera di una monaca benedettina vissuta nell' Italia medievale e accusata di atti «bestiali» (ovvero omossessuali) diventa nella [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Emiliano Morreale
La Repubblica

In concorso "Benedetta", il nuovo film del regista di "Basic Instinct" di Emiliano Morreale CANNES - Era annunciato come l' immancabile film-scandalo del festival e in effetti, per chi si accontenta, può andare. Sesso e religione, violenze assortite, una statuetta della Madonna trasformata in dildo. Alla base c' è la vera storia di Benedetta Carlini, badessa di Pescia dal 1591, visionaria mistica processata [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

Paul Verhoeven torna a dare scandalo: cinque anni dopo «Elle», il regista olandese ha presentato sulla Croisette «Benedetta», un'altra pellicola controversa che non ha lasciato indifferenti critica e pubblico del Festival di Cannes. Il film è ispirato a una storia vera, quella della mistica Benedetta Carlini, raccontata da Judith Brown in «Atti impuri» del 1986: la giovane Benedetta, figlia di una [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Proviamo a immaginare un dildo ricavato da una piccola scultura lignea della Vergine Maria. Ma anche una grande statua della Madonna che cade sopra una bimba adagiando la mammella scoperta nella bocca dell'innocente sottostante. E ancora una giovane madre superiora mitomane che si dice incaricata da Cristo in persona di salvare il mondo. Fino, ça va sans dire, a una passione lesbica sado-masochista [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Teresa Marchesi
Huffington Post

Trash, porno-soft, iconoclasta, blasfemo: "Benedetta" di Paul Verhoeven sembra fatto per irritare svariate categorie di spettatori, non per forza bigotti. Dal libro "Immodest Acts"di Judith C. Brown, sottotitolo "La vita di una monaca lesbica nell'Italia del Rinascimento", lo scandalo annunciato di questo Festival altro non è che un lussuoso B-movie lesbo-chic-conventuale che fa sorridere, e ridere, [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Alla fine del XV secolo, un fanciulla devota alla Madonna entra nel convento di Pescia, ma l'arrivo di una pecoraia scatena una passione erotica, che porta sconquasso e rovina, mentre la peste incalza. La vita di Benedetta Carlini, mai diventata santa, dà lo spunto a Verhoeven per raccontare un mondo sostanzialmente corrotto (la Madre superiora - Charlotte Rampling - più attenta alle finanze che alle [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Pier Maria Bocchi
Cineforum

L'inizio è con i titoli di testa, che appaiono su sfondo nero con font comune, oro e bianco, ed è strano perché oggi non ci sono film con titoli di testa come questi, così scontati, così "vecchi", e già capisci che Benedetta appartiene a un'altra epoca, a un mondo che sembra non competere a questo, di mondo, ma non perché ambientato a Pescia nel Seicento, no no, perché invece è un film inadeguato, [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Raffaele Meale
Quinlan

Benedetta Carlini compie il suo primo "miracolo", o per meglio dire testimonia la sua vicinanza a Dio quando ancora bimbetta riesce a sventare il furto di una preziosa collana della madre da parte di una banda di briganti facendo defecare un uccellino sul viso di uno dei criminali. Il confine tra divino e goliardico, tra lettura di fatti casuali e dichiarazione di fede è labile fin dalla primissima [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Giampiero Raganelli
Cineclandestino

Una vecchia teoria in psicologia parla dell'orgasmo in chiave di sinestesia associabile a una forma di trance, ovvero uno stato di alterazione in cui subentra una diversa personalità. Teoria che si basa sulle esperienze di una ex-suora che sosteneva di provare durante i rapporti sessuali emozioni simili alle estasi mistiche e ascetiche della vita di convento.

venerdì 9 luglio 2021
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Scritto - con David Birke, dopo che l'abituale Gerard Soeteman ha mollato per divergenze creative, ossia "troppa sessualità" - e diretto da Paul Verhoeven, Benedetta si appoggia al saggio di Judith C. Brown Atti impuri - Vita di una monaca lesbica nell'Italia del Rinascimento per raccontare Benedetta Carlini (Virginie Efra), una suora del XVII secolo controriformista che dopo essere entrata in convento [...] Vai alla recensione »

NEWS
CANNES FILM FESTIVAL
sabato 10 luglio 2021
Marzia Gandolfi

Presentato al Festival di Cannes, il film racconta la vicenda di Benedetta Carlini. Vai all'articolo »

GALLERY
sabato 10 luglio 2021
 

Sulla Croisette della 74.ma edizione del Festival di Cannes ieri è stata una giornata tutta al femminile, sia per le storie rappresentate che per i personaggi protagonisti.  Oltre all'attesissimo Benedetta di Paul Verhoeven, tratto [...]

TRAILER
mercoledì 5 maggio 2021
 

Regia di Paul Verhoeven (II). Un film con Virginie Efira, Charlotte Rampling, Lambert Wilson, Olivier Rabourdin, Daphne Patakia. Il film sarà in concorso il 9 luglio al prossimo Festival di Cannes. Guarda il trailer »

winner
migliori film in lingua straniera
National Board
2021
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati