Kina e Yuk alla scoperta del mondo

Film 2023 | Drammatico, Film per tutti 85 min.

Titolo originaleKina et Yuk, renards de la banquise
Anno2023
GenereDrammatico,
ProduzioneFrancia
Durata85 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diGuillaume Maidatchevsky
AttoriBenedetta Rossi (III), Virginie Efira, Veronique Boileau, Sarah-Jeanne Labrosse .
Uscitagiovedì 7 marzo 2024
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 2,50 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Guillaume Maidatchevsky. Un film con Benedetta Rossi (III), Virginie Efira, Veronique Boileau, Sarah-Jeanne Labrosse. Titolo originale: Kina et Yuk, renards de la banquise. Genere Drammatico, - Francia, 2023, durata 85 minuti. Uscita cinema giovedì 7 marzo 2024 distribuito da Adler Entertainment. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 2,50 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Kina e Yuk alla scoperta del mondo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 4 marzo 2024

L'avventura segue due volpi che si preparano a diventare genitori per la prima volta in un momento in cui il riscaldamento globale sta cambiando le regole per tutti. In Italia al Box Office Kina e Yuk alla scoperta del mondo ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 256 mila euro e 179 euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,50/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,00
PUBBLICO
CONSIGLIATO NÌ
Una pura cornice di infotainment che trasla i grafici con i panorami, i dati con il vissuto animale, le angosce con la sopravvivenza.
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 1 marzo 2024
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 1 marzo 2024

Kina ha il pelo bianco, un corpo affusolato e un naso screziato da tinte rosa. Yuk è bruno, robusto e sempre in cerca di cibo. Il Grande Nord è la loro casa, la banchisa artica il loro parco giochi. Kina e Yuk sono una coppia di volpi artiche che cerca di vivere, sopravvivere e prosperare nei territori dello Yukon canadese, ma la pressione antropica e il riscaldamento globale rendono tutto più difficile ogni giorno che passa.

Un giorno Yuk rimane intrappolato su un blocco di ghiaccio che va alla deriva e i due sono costretti a separarsi. Kina si ritira nella loro tana per aspettare e sperare nel ritorno del compagno, ma una volpe rossa ne prende possesso. Ora anche Kina è costretta a spostarsi, ma c'è un problema: è incinta dei cuccioli di Yuk, e tra qualche tempo dovrà partorire.

Kina e Yuk alla scoperta del mondo non è un documentario da canale tematico né un film per bambini, quanto un'acuta sovrapposizione di più registri e forme.

Come intessere una storia di viaggi, avventure, pericoli e scoperte con la sfera istintiva animale? In che modo mettere insieme fiction e documentario? Quanto è antropomorfismo e quanto è naturale? Sono tante le domande teoriche, narrative, estetiche che si è posto Giullame Maidatchevsky, regista e co-sceneggiatore (assieme a Guillame Lonergan) di Kina e Yuk alla scoperta del mondo. Anzi, che si pone da tempo, visto che Maidatchevsky, biologo di formazione, documentarista per scelta, narratore con vocazione, è da anni che persegue un personale ibrido di sguardo umano e pulsione naturale, filmando esistenze e comportamenti di renne, gatti, babbuini, lupi. Lo ha fatto in giro per il mondo (Costa Rica, Giura svizzera, Lapponia), gliel'hanno commissionato in tanti (France 2, ARTE, National Geographic, ZDF).

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci, il precedente lavoro di Maidatchevsky - distribuito sempre da Adler Entertainment, che ha portato anche questo Kina e Yuk oltre ad apparire in co-produzione - era già un buon esempio del decalogo dell'autore francese, sempre addosso all'animale/specie protagonista ma con il propedeutico e pedagogico distacco dovuto agli studi su biologia e fauna. Lì si seguiva il cucciolo di renna Ailo dalla nascita ai primi passi in un mondo fatto di taiga, fiordi e aurora boreale, voce narrante di Donald Sutherland (da noi Fabio Volo), ottanta pagine di sceneggiatura trasformate in schemi e svolte narrative forse troppo ripetitivi e dopo un po' prevedibili. Qui con Kina e Yuk si tenta parzialmente un'altra strada, la vicenda spettacolare ha un ruolo predominante ed entra in campo anche una nuova consapevolezza.

Fin da subito viene lanciato dal commento over di Benedetta Rossi - blogger e conduttrice salita alla ribalta digitale con il suo Fatto in casa da Benedetta - la nuova caratterizzazione degli animali protagonisti: "esuli climatici". Dietro al puro motore dell'azione, infatti, si nasconde una realtà ben più preoccupante, il riscaldamento globale.

Lo Yukon leggendario di Jack London e Charlie Chaplin, delle zanne bianche e delle febbri dell'oro, è adesso una delle aree del pianeta dove il peso degli sconvolgimenti climatici si fa più vivo e pressante, nel quale l'Antropocene spinge gli uomini a trivellare sempre di più e le volpi artiche a migrare per la perdita del loro habitat. Le temperature sono sempre più alte, la banchisa si sta sciogliendo e la primavera arriva prima del dovuto - il Grande Nord sta cadendo a pezzi.

E tutto ciò si riverbera attorno alle piccole e finite esistenze di Kina e Yuk: gli orsi si avventurano maggiormente nelle acque per cacciare vista la mancanza di pack, le volpi rosse si spingono verso l'Artico grazie al caldo che permette loro di sopravvivere, gli esseri umani penetrano montagne e spezzano praterie con i loro oleodotti e le loro città. Le due volpi artiche, come anche gli ermellini, i caribou, i lemming, le martore che sfilano davanti ai nostri occhi, sono il correlativo oggettivo tangibile, razionalizzabile, emotivamente impegnato del riscaldamento globale che molti ignorano e che tutti colpirà.

Maidatchevsky, insomma, ha trovato una formula replicabile e spendibile da poter essere adattata a più contesti, occasioni, piattaforme. Una pura cornice di infotainment che trasla i grafici con i panorami, i dati con il vissuto animale, le angosce con la sopravvivenza. E questo senza rinunciare ad una messa in scena elegante e ad un interesse partecipato nei confronti dei personaggi, tanto che le sane domande dello spettatore (Come hanno girato quella scena? Come fanno gli animali ad agire in quel modo?), una volta entrati nella narrazione, vengono meno davanti alle eleganti e immersive immagini dello Yukon animalesco come di quello umano, soprattutto le sequenze dentro la finzionale Jack City (in realtà Dawson City, leggendario avamposto dei cercatori d'oro del Klondike), tutte girate ad altezza Kina, tra cani randagi e lupi della tundra. Che non sanno cosa farsene degli odori e dei fumi della città, ma costretti anche loro a stare dentro l'Antropocene per poter sopravvivere.

Sei d'accordo con Luigi Coluccio?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 13 marzo 2024
Giovanni Guidi Buffarini
Corriere Adriatico

Volpi artiche nei guai. Yuk dal pelo scuro va alla deriva su un blocco di ghiaccio che si è staccato causa riscaldamento globale. Kina, dal pelo bianco e incinta, viene scacciata dalla tana che occupava con Yuk, urge trovare un nuovo riparo. II regista è lo stesso di "Ailo - Un'avventura tra i ghiacci": il primo anno di vita di una renna. I due film funzionano allo stesso modo: ibridano il documentario [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 marzo 2024
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Kina e Yuk sono una coppia di volpi polari. Vivono ai confini dell'America Settentrionale, tra la neve, il ghiaccio e il freddo. Si amano, ma la loro storia d'amore e di amicizia è destinata a durare poco. Tutta colpa del surriscaldamento globale. Perché? Se vedrete questo film lo capirete. S'intitola Kina e Yuk alla scoperta del mondo ed è il secondo lungometraggio firmato dal francese Guillaume [...] Vai alla recensione »

martedì 5 marzo 2024
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Dopo Ailo - Un'avventura tra i ghiacci (2018), il francese Guillaume Maidatchevsky dirige una nuova opera di finzione adottando il suo consueto sguardo osservativo sostenuto da una narrazione in voice over (Virginie Efira in originale, mentre nell'edizione italiana a ricoprire questo ruolo è Benedetta Rossi, una delle più celebri youtuber culinarie: o tempora!).

NEWS
TRAILER
mercoledì 21 febbraio 2024
 

Un incredibile viaggio di una coppia di volpi polari nell'estremo Nord del Canada.  Da giovedì 7 marzo al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati