Non aprite quella porta: l'inizio

Film 2006 | Horror 100 min.

Titolo originaleThe Texas Chainsaw Massacre: The Beginning
Anno2006
GenereHorror
ProduzioneUSA
Durata100 minuti
Regia diJonathan Liebesman
AttoriJordana Brewster, Taylor Handley, Matt Bomer, R. Lee Ermey, Andrew Bryniarski Lee Tergesen, Terrence Evans, Kathy Lamkin, Marietta Marich, L.A. Calkins, Tim de Zarn, Allison Marich, Marcus H. Nelson, Lew Temple, Cyia Batten, Diora Baird.
Uscitagiovedì 7 dicembre 2006
DistribuzioneEagle Pictures
MYmonetro 2,34 su 98 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jonathan Liebesman. Un film con Jordana Brewster, Taylor Handley, Matt Bomer, R. Lee Ermey, Andrew Bryniarski. Cast completo Titolo originale: The Texas Chainsaw Massacre: The Beginning. Genere Horror - USA, 2006, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 7 dicembre 2006 distribuito da Eagle Pictures. - MYmonetro 2,34 su 98 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Non aprite quella porta: l'inizio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Prima di partire per il Vietnam, due giovani si concedono una vacanza con le rispettive fidanzate. Durante il viaggio inizierà per loro un vero e proprio incubo. In Italia al Box Office Non aprite quella porta: l'inizio ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 1,7 milioni di euro e 994 mila euro nel primo weekend.

Non aprite quella porta: l'inizio è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,34/5
MYMOVIES 1,75
CRITICA 2,13
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO NÌ
Grande fotografia capace di rendere apprezzabile lo squallore di certe location e lo stile visivo del film.
Recensione di Andrea Chirichelli
giovedì 7 dicembre 2006
Recensione di Andrea Chirichelli
giovedì 7 dicembre 2006

Due ragazzi, in procinto di partire per il Vietnam, accompagnati dalle rispettive fidanzate, si concedono una breve vacanza: durante il viaggio, hanno però un incidente e, nel chiedere aiuto, s'imbattono in una famiglia alquanto bizzarra. Per loro inizia così un incubo senza fine.
Che l'industria americana dell'horror abbia il fiato corto lo dimostra il fatto che questo film è il "prequel di un remake". E tanto basterebbe a descriverlo. L'ennesimo tentativo di sfruttare un brand conosciuto e il richiamo di un mito del genere "slash'em all", riproponendo di fatto le stesse situazioni già viste e straviste in mille altre pellicole. Il grosso difetto di Non aprite quella porta: l'inizio è proprio la sua cronica mancanza di originalità: poco dopo l'incipit, comincia un'estenuante caccia tra gatto e topo, la cui sorte sembra già segnata in partenza e l'indicibile dose di violenza sullo schermo appare come un mero tentativo di distogliere l'attenzione dalla banalità e assoluta assenza di creatività dello script. La sceneggiatura, col passare dei minuti, spreca anche le felici intuizioni iniziali (il background dei ragazzi, in procinto di partire per la più sanguinosa delle guerre combattute dagli americani dopo il secondo conflitto mondiale) e finisce per produrre protagonisti tristemente bidimensionali (anche gli attori ci mettono del loro però...) il cui unico compito sembra essere quello di urlare, scappare, cadere e fare una brutta fine. A salvare il film dalla mediocrità concorrono però tre fattori: il fascino perverso e malvagio di Leatherface, la cui "genesi" è descritta in maniera interessante, la fotografia, capace di rendere alla perfezione lo squallore di certe location e lo stile visivo del film, che alterna effetti vintage, che richiamano l'originale degli anni '70 ad altri tipici dei videoclip attuali, creando un riuscito mix di vecchio/nuovo. Solo per appassionati del genere o fans di Leatherface.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
NON APRITE QUELLA PORTA: L'INIZIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 2 luglio 2014
andrea.bonino.97

 La saga di "Non aprite quella porta" é stata vittima di scelte infelici per anni, ma quando nel 2003 si opta per un remake, le speranze si riaccendono. Uscito nei cinema, si rivela un totale fallimento di critica, mentre il pubblico accorre nelle sale, con un incasso finale che supera i 100 milioni di dollari. Il produttore Michael Bay, decide allora di proseguire il progetto [...] Vai alla recensione »

domenica 4 ottobre 2009
wynorski guiaz '80s

Due coppie di ragazzi, in procinto di partire per il Vietnam, decidono di organizzare un viaggio distensivo in Texas. Nel frattempo il mattatoio della regione viene chiuso e i dipendenti vengono cacciati; tutti tranne Thomas, detto Leatherface che si ribella e che con la sua bizzarra famiglia di simil-cannibali comincia a mietere tutte le vittime che passano dalla strada provinciale, comprese le due [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 dicembre 2014
zero99

Stupendo. questo film è ottimo sia per quanto riguarda il lato tecnico sia per come è stata raccontata la storia, la macabra storia di questa strana famiglia di assassini/cannibali. C'è suspance, c'è tanto sangue, c'è violenza, c'è tensione, c'è tutto in questo film horror, e fare un buon prequel di un remake non era impresa [...] Vai alla recensione »

sabato 22 maggio 2010
re sole

bellissimo film però a perso l'atmosfera del predecessore con il finale scontato però sempre angosciante

sabato 11 aprile 2009
mercurio

a dire il vero preferisco "non aprite quella porta"del 2003,sarà per i personaggi,sarà per la trama ma x me è così.in questo film,a differenza dell'altro,fa veramente rabbia la famiglia Hewitt,soprattutto lo sceriffo e Leatherface,xk nn fanno mai vedere la faccia di quest'ultimo.mi da veramente fastidio il modo in cui i 4 ragazzi vengono uccisi.tra l'altro Bailey viene anche stuprata da quell orribile [...] Vai alla recensione »

martedì 7 dicembre 2010
Salvatore Vitale

non ho mai amato i remake, figuriamoci i prequel! ma penso che questa saga reboot dell'ononimo film (Non aprite quella porta degli anni '70) sia una delle migliori! il primo nonchè remake del primo veroe proprio episodio mi è piaciuto molto...sicuramente questo non è come il primo ma devo dire che mi è piaciuto tanto! direi proprio da vedere...=)

mercoledì 6 giugno 2012
ciccio benzina

così così . splatter ottimo , personaggi ben caratterizzati ma un po piatto e noioso .

domenica 17 aprile 2011
giuggy2

a me è piaciuto abbastanza.. nn mi è piaciuta la fine xk ero sicura ke la ragazza si sarebbe salvata uff ke palle nn voglio il film ke va a finire con ..e vissero felici e contenti.. dove la strega cattiva muore o.. e la principessina ke vive con il suo principe tutta contenta -_-  ma una fine decente vabbe darei a sto film un 3

sabato 1 gennaio 2011
Luca Scialo

Due fratelli, prima di partire per il Vietnam, decidono di concedersi una breve vacanza con le rispettive ragazze. Il più grande già c'è stato in quel luogo di guerra osceno, il secondo ha molte riserve nel farlo, tanto da voler bruciare la cartolina-precetto. I due in fondo, non vanno molto d'accordo. Durante il viaggio, vengono rincorsi da una rapinatrice in motocicletta, [...] Vai alla recensione »

domenica 18 settembre 2011
Diego Campari

Partiamo da alcuni dovuti presupposti: 1)L'originale di Hooper è un assoluto capolavoro del cinema che non dovrebbe essere toccato da mani inesperte. 2)Il reboot con la Biel è stato decente quanto bastava per non farsi sommergere dai fischi. 3)Dalla partecipazione di Bay, mi aspettavo qualcosa di catastrofico come dimostrato in Venerdì 13 o The Hitcher.

domenica 17 aprile 2011
giuggy2

bello ma troppo sanguinoso..

sabato 5 giugno 2010
giancojazz

Ho visto il film più che altro per curiosità, non mi aspettavo di vedere un buon film horror ma completare la visione della serie. Mi manca Non aprite quella porta II, tra gli altri invece mi sembra quello meno riuscito e svela solo in parte le curiosità che promette di rilevare. Devo anche dire che del primo mi piaceva moltissimo proprio il mistero che riusciva a creare attorno [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Nessuno ricorderà ciò che abbiamo detto stanotte, ma tutti sapranno quello che abbiamo fatto!"
Lo zio Charlie Hewitt / Lo sceriggo Hoyt (R. Lee Ermey)
dal film Non aprite quella porta: l'inizio - a cura di Nikikinki
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Il Texas, una casa cadente abitata da vecchi crudeli e da un mostro, tortura, squartamento del corpo di sconosciuti giovani e belli: è questa la formula, ispirata a un remoto fatto di cronaca texano, di tutti i Non aprite quella porta, horror americano. Adesso sono cinque: il primo diretto da Tobe Hooper nel 1974, il secondo sempre di Tobe Hooper nel 1986, il terzo sequel diretto da Clive Anderson [...] Vai alla recensione »

Pier Maria Bocchi
Film TV

Uno spunto. Thomas Hewitt, dopo un'adolescenza da macellaio freak vissuta in una famiglia di sadici assassini, diventa Leatherface indossando la pelle della faccia di un giovane guerrafondaio in procinto di ripartire per il Vietnam. Siamo nel 1969, e di lì a poco sarebbero accaduti gli eventi che tutti conosciamo, quelli messi in scena nel 1974 da Tobe Hooper (qui tra i produttori assieme a Michael [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Continua la febbre dell'horror. Quello post-11 settembre. Prima ci si divertiva con il sagace Kevin Williamson (penna di Scream). Ora si fa più sul serio. Cambiato il clima: dalle fellatio clintoniane all'Iraq. Campioni del filone post-11 settembre sono Hostel e Le colline hanno gli occhi. Più politici del cinema d'autore: americani deficienti massacrati in gita all'estero, famiglie teocon maciullate [...] Vai alla recensione »

Elisa Manisco
XL

Dopo il remake, ecco il prequel del classico horror Non aprite quella porta. Ritratto del serial killer da giovane, dove si capisce come e perché Thomas Hewitt si trasformi in Leatherface, maniaco virtuoso della sega elettrica e del ricamo su pelle umana. Nella trama, i soliti giovinastri in viaggio che capitano nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Giorgio Carbone
Libero

È il prequel di Non aprite quella porta, l'horror di Tobe Hooper che una trentina d'anni fa, nel 1974, fece, effettivamente, fare un salto qualitativo al cinema terrificante (salto verso l'alto o verso il basso, fate un po' voi). Hooper s'era ispirato a una serie di atroci delitti avvenuti negli anni Cinquanta ad opera di una famiglia di pazzoidi texani, ma aveva attualizzato la storia.

Massimo Rota
Rolling Stone

L'ennesimo capitolo della saga creata da Tobe Hooper guarda alle origini di Leatherface, della famiglia Hewitt e della loro passione per il cannibalismo. Negli anni 60 due amici, Eric e Dean, alla vigilia della partenza per il Vietnam, decidono di regalarsi un viaggio d'addio con le fidanzate. Inchiodati in un inospitale paesino del profondo Texas, affrontano una coppia di motociclisti e finiscono [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 26 marzo 2009
Edoardo Becattini

Pronti a morire (ma non in un ostello!) A due iniziatori di una "redenzione" del cinema demenziale come Peter e Bobby Farrelly spetta il compito di inaugurare la nuova settimana, apparentemente votata all'insegna della dissociazione.

NEWS
mercoledì 27 giugno 2007
Paola De Rosa

In questa seconda metà di giugno l'uscita clou è senz'altro Il grande capo di Lars von Trier. Il discusso regista danese torna a spiazzare con un esperimento di sconcertante snobismo: una commedia. Dimenticate i toni plumbei e tragici di Dogville e Manderlay [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati