Dilili a Parigi

Film 2018 | Animazione Film per tutti 95 min.

Titolo originaleDilili à Paris
Anno2018
GenereAnimazione
ProduzioneFrancia
Durata95 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diMichel Ocelot
AttoriPrunelle Charles-Ambron, Enzo Ratsito .
Uscitamercoledì 24 aprile 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneMovies Inspired
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,93 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michel Ocelot. Un film Da vedere 2018 con Prunelle Charles-Ambron, Enzo Ratsito. Titolo originale: Dilili à Paris. Genere Animazione - Francia, 2018, durata 95 minuti. Uscita cinema mercoledì 24 aprile 2019 distribuito da Movies Inspired. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,93 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Dilili a Parigi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due amici cercano di capire chi è che rapisce le ragazze di Parigi. Insieme vivranno una straordinaria avventura. Ha vinto un premio ai Cesar, In Italia al Box Office Dilili a Parigi ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 221 mila euro e 79,7 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,93/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,86
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Bellezza, intelligenza e ironia per un imperdibile tour in un'altra stagione della storia e dell'anima.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 8 aprile 2019
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 8 aprile 2019

Dilili è una piccola kanak meticcia, che arriva a Parigi, a fine Ottocento, imbarcandosi di straforo sulla nave che riporta in Francia, dalla Nuova Caledonia, l'insegnante anarchica Louise Michel, di cui diviene discepola. Nella capitale stringe amicizia con Orel, un facchino affascinante e gentile, che conosce tutto il mondo culturale e artistico della Belle Époque. Insieme a lui, scarrozzerà per tutta Parigi alla ricerca dei cosiddetti Maschi Maestri, una banda di malfattori che terrorizza la città, svaligiando le gioiellerie e rapendo le bambine.

Quanta bellezza, intelligenza e ironia, in questo Dilili a Parigi, che sembra assommare i precedenti lavori di Ocelot (l'incipit richiama esplicitamente Kirikou, altre scene strizzano l'occhio a Azur e Asmar) e rinnovare ancora una volta l'arte dell'animazione cinematografica.

Con la consueta, straordinaria abilità, Ocelot fonde l'intento educativo con un'immaginazione galoppante, la realtà, del paesaggio parigino, e dei tanti personaggi illustri chiamati a raccolta, con la freschezza di uno sguardo nuovissimo, che non teme il confronto con le icone, perché possiede in quantità gentilezza e coraggio.

Esattamente come la protagonista di questo film, Dilili: un personaggio che pare uscito da un classico della letteratura per l'infanzia, ma è portatore di una consapevolezza contemporanea, straordinariamente matura e cristallina. Una nuova Zazie, che fa rivivere cinematograficamente la capitale francese come non accadeva da tempo, esplorandola in ogni dove, dalle fogne al cielo, per celebrarla, infine, con una sequenza tra sogno e spettacolo.

Ocelot risponde al richiamo delle urgenze politiche e sociali contemporanee, e all'oscurità culturale di questo inizio di millennio, ambientando i peggiori spettri dell'attualità, misoginia e terrorismo, al tempo del progresso (Gustave Eiffel), delle invenzioni futuristiche (Alberto Santos-Dumont, i Lumière), delle scoperte scientifiche (Marie Curie), dei capolavori dell'arte (Toulouse Lautrec, Renoir, Picasso, Rodin, Camille Claudel) e della letteratura (Proust).

È un confronto impietoso ed eloquente, che passa anche e soprattutto dal piano delle immagini, senza bisogno di commenti aggiuntivi: nella bellezza dei palazzi Art Nouveau, dei manifesti di Mucha e dei costumi dei Sarah Bernhardt brilla un'idea di vita e di socialità che sta all'opposto dell'idea di sottomissione e copertura che anima la setta di villains del film, e nella ricerca tecnica e visiva di Ocelot riecheggia lo spirito di quelle imprese e l'emozione della meraviglia.

"Non si vede una cosa finché non se ne vede la bellezza", diceva Oscar Wilde, e Ocelot pare invitarci a questo tour di un'altra stagione della storia e dell'anima, in compagnia della più intraprendente e simpatica piccola donna che la sua fantasia potesse partorire, proprio per ricordarlo alle nostre pigre menti e dar loro un'iniezione di elettricità.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 29 aprile 2019
francesca meneghetti

Chi non vorrebbe visitare Parigi (con la guglia integra di Notre Dame) e ritrovare la città e i suoi personaggi nel magico periodo della Belle Epoque? Senza auto, moto, bus e metrò. Salire in cima alla tour Eiffel, appena inaugurata, chicchierare con il suo progettista e contemplare l'infinita distesa di tetti e comignoli (niente antenne!).

giovedì 14 marzo 2019
Gisella

delizioso film di animazione ...un gioiellino...gioioso e profondo per piccoli e ultranovantenni!!

FOCUS
FOCUS
giovedì 25 aprile 2019
Roy Menarini

Che ruolo ha l'animazione nel gigantesco serbatoio della produzione audiovisiva contemporanea? Domanda non peregrina, se si pensa a quanto il mercato sfrutti il potenziale di questo mezzo espressivo, principalmente perché considerato tra le poche certezze d'incasso in un'industria da alto rischio economico. Ma se la Disney, con la Pixar, e le altre major del cartoon globale hanno dato vita a una rivalità che ha rischiato di saturare l'orizzonte e portare agli spettatori troppi film rispetto a quanti è lecito vederne in un anno per una famiglia media, si è aperto simultaneamente un universo di animazione "altra", suggestiva e sorprendente.

Che l'ambito dell'animazione sia sempre stato un luogo di creatività e tecniche mai uguali a se stesse (da Karel Zeman a Norman McLaren, da Bruno Bozzetto a Hayao Miyazaki) non è certo una scoperta. Tuttavia, la disseminazione delle competenze artistiche e creative, la passione dei singoli autori e il sostegno di molte produzioni nazionali hanno fatto sì che in questi ultimi anni la "bio-diversità" delle immagini disegnate o costruite si sia evoluta a tutte le latitudini e a livelli di eccellenza.

Qualche nome? Le bidimensionalità trasognante di Tomm Moore, lo sguardo folk-futurista di Alessandro Rak, la docu-animazione di Ancora un giorno, i lavori sospesi tra avanguardia e mainstream della Aardman Animations, i pupazzi malinconici di Anomalisa, via via fino all'esperimento di arte animata di Loving Vincent.

Michel Ocelot è ormai un veterano dell'animazione alternativa, ma ha sempre mostrato di voler comunicare ai piccoli lavorando ai fianchi i pregiudizi degli adulti, esaltando lo sguardo candido del piccolo spettatore e dei piccoli protagonisti. Se opere come Kirikù e la strega Karabà valevano come immersione nelle potenzialità dell'iconografia africana (e in altri casi dialogavano con altre tradizioni, arabe e classiche), con Dilili a Parigi l'autore francese torna al repertorio della sua patria, e in particolare al pantheon della cultura parigina del XIX secolo e della Belle Epoque.

Dilili è al tempo stesso descritto come un'estranea e un'osservatrice pura, a seconda di come noi spettatori la guardiamo. La ricchezza compositiva dei quadri - con la consueta attenzione alla staticità, mai però interpretata come limite alla fluidità delle inquadrature - permette a Ocelot di rispettare la tradizione artistica francese e di rileggerla attraverso gli occhi stupiti di Dilili.

FOCUS
domenica 21 aprile 2019
Marzia Gandolfi

Il messaggio è potente e dialoga col mondo attuale. A sei mese dalla consegna del Nobel per la Pace a Nadia Murad, attivista irachena abusata dai soldati dell'Isis, e a Denis Mukwege, il dottore che 'ripara' le donne vittime di stupro, esce in sala il film di animazione di Michel Ocelot. Un 'gioiello culturale' lanciato contro l'oscurantismo e la misoginia. Dilili a Parigi è un film di animazione impegnato che si rivolge soprattutto ai futuri adulti. Il papà di Kirikù e la strega Karabà, il primo lungometraggio di Michel Ocelot divenuto film di culto, lo realizza dopo dodici anni di lavoro tenace sui temi che da sempre gli stanno a cuore: la civiltà, l'arte, l'umanesimo. Dietro ai disegni, una volta ancora, si solleva l'artista in collera contro la stupidità, le superstizioni, il razzismo e le troppe ingiustizie fatte alle donne. Perché Dilili a Parigi è una parabola femminista, un elogio del femminile e più specificamente umanista come sottolinea il (gran) finale: fino a quando veglieremo con spirito critico il male non potrà pronunciarsi e lo vinceremo.

Diversamente da Kirikù e la strega Karabà, il male non è giustificato. Se Kirikù trovava una spiegazione alla cattiveria della strega in una spina conficcata nella schiena che la faceva atrocemente soffrire, in Dilili a Parigi il male non ha scuse, il male è, avanza e bisogna mettersi al riparo.

Come indica il titolo, la capitale francese, negli anni della Belle Époque, è al cuore di un intrigo e di un discorso politico. Dilili a Parigi è una promenade folcloristica e un'indagine poliziesca che conducono alla celebrazione della cultura, dello scambio e della liberazione femminile, incontrando gli spiriti più belli del debutto del XX secolo. Un piccolo manifesto dai colori brillanti per insegnare al pubblico più giovane che le donne non devono mai mettersi 'in ginocchio'.

All'epicentro di un mistero che scuote la città, una fanciulla indaga con l'aiuto delle straordinarie pioniere di una società patriarcale (Emma Calvé, Sarah Bernhardt, Louise Michel, Marie Curie, Camille Claudel), che incarnano magnificamente e ciascuna alla sua maniera un'idea della causa femminista. Dilili, piccola kanak meticcia abbigliata come una bambola, è stata 'spedita' a Parigi per figurare in un "villaggio indigeno", offerto allo sguardo dei parigini alla ricerca di un po' di esotismo. Nel tempo libero la bambina, che ha avuto Louise Michel come istitutrice in Nuova Caledonia, vuole scoprire le bellezze di Parigi. E Orel, un giovane uomo bello come un principe e libero come l'aria, le propone di scorrazzarla in giro sulla sua tricicletta. Ma quando una setta sotterranea di cattivi anonimi e malefici (i Maschi-Maestri) comincia a rapire le bambine ad ogni angolo della capitale con lo scopo di ridurle in schiave, il giro turistico volge in inchiesta.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 5 maggio 2019
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Tante superdonne e una superbambina. Siamo ancora nella Parigi della Belle Epoque, come in Cyrano mon amour, ma questa volta il punto di vista è tutto al femminile. E, soprattutto, la ricostruzione della capitale francese è affidata alla magia dell'animazione (davvero per tutti, piccoli, più grandicelli e grandi "finiti"). Nella metropoli percorsa in lungo e in largo, ricostruita con cura e perfezione [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Quanto pittura, musica e letteratura primi '900, tra Monet, Debussy, Claudel, Toulouse-Lautrec, c'è nell'avventura parigina della piccola meticcia Dilili e del gentile amichetto, il facchino Orel a caccia del rapitore di bambine (ma questo è più vicino all'espressionismo tedesco di M di Lang). Quanta delicata esperienza pittorica Belle Époque, con notazioni culturali, etniche, di genere e sui diritti [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

La piccola "canaque" Dilili arriva a Parigi a fine Ottocento e si trova catapultata nel pieno del fermento della Belle Epoque: guidata dal fattorino Orel, farà conoscenza di Toulouse Lautrec e Edgar Degas, dell'aspirante scrittore Marcel Proust e ammirerà le opere d'arte di Monet, Renoir e le sculture di Rodin. Tra Montmartre e la Tour Eiffel, però, scoprirà anche un mondo sotterraneo dove i Maestri [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2019
Sara Del Corona
Marie Claire

Da Kirikù e la strega Karabà in poi, Michel Ocelot ha inventato una forma di cinema che non si può chiamare cartone animato. Potremmo definirla favola cinetica, o magari narrazione magica, in ogni caso è arte, che si libra al di sopra di ispirazioni molto reali e concrete. Quindi eccoci a Parigi nei suoi anni migliori, quelli della Belle Époque. A scoprirne le meraviglie è Dilili, una bambina canaca, [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 aprile 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Nella Parigi della Exposition Universelle (1899, quella della costruzione della Torre Eiffel), la giovanissima ed educatisisma kanaka Dilili, che parla un francese così forbito da stupire, stringe amicizia con il bel garzone Orel che con il suo triciclo la porta a conoscere la città. Nel contempo la Ville Lumière è teatro di una serie di angosciosi rapimenti di bambine e di altri crimini ad opera dei [...] Vai alla recensione »

sabato 27 aprile 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Animazione di gran classe, la Parigi della Belle Epoque dà il suo meglio nei disegni di Michel Ocelot. Nei film precedenti - "Kiriku e la strega Karabà", "Azur e Asnar" - aveva raccontato nel primo una fiaba africana, e nell'altro l'amicizia tra un principino francese e il figlio della nutrice araba, cresciuti con lo stesso latte e ascoltando le stesse favole (il principe padre non tollera l'amicizia, [...] Vai alla recensione »

sabato 27 aprile 2019
Thomas Martinelli
Il Manifesto

La pacata spettacolarità delle raffinate immagini colorate, sempre esaltate dalla proiezione su grande schermo, e l'atmosfera di fiaba che circonda anche la più realistica delle ambientazioni sono aspetti costanti del cinema d'animazione di Michel Ocelot. L'autore francese, dallo stile narrativo sobrio e dalla messinscena magica, presenta un filo di continuità riconoscibile seppur ogni sua opera sia [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 aprile 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Originaria della Nuova Caledonia, la piccola Dilili arriva a Parigi come figurante in un villaggio indigeno dell'Expo internazionale. Con l'aiuto del fattorino Orel, virtuoso del triciclo, la ragazzina si propone di sventare un losco traffico di bambine che oscura la Ville Lumière. Poiché i rapimenti sono opera di una setta di cattivi maestri, Dilili avrà bisogno di aiutanti.

giovedì 25 aprile 2019
Claudia Ferrero
La Stampa

Nella Parigi della Belle Epoque le donne indossavano abiti lunghi che le facevano sembrare principesse, regine e fate. Non c'erano soltanto abiti meravigliosi, ma anche personaggi d'eccezione»: da Toulouse-Lautrec a Marie Curie il regista Michel Ocelot li elenca tutti in Dilili a Parigi, un gioiello prezioso e coloratissimo per parlare di parità dei sessi e disuguaglianze.

giovedì 25 aprile 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Dilili è una piccola kanak meticcia, arrivata, a fine Ottocento, a Parigi. Viene coinvolta, dal facchino Orel, in una strana indagine, alla ricerca dei Maschi Maestri, una banda che rapina gioiellerie e rapisce bambine. Ocelot dipinge un'opera d'arte educativa, conducendo il pubblico, più piccolo, ma non solo, attraverso il mondo culturale e artistico della Belle Epoque.

giovedì 25 aprile 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

La storia inizia da qualche parte di un'Africa «ricreata» sotto la Tour Eiffel per gli occhi dei visitatori che nei parchi delle «meraviglie» del secolo scorso imparavano a scoprire l'esotismo dell'altrove. In un lungo istante Dilili, ragazzina «africana» di questa messinscena scopre lo sguardo azzurrissimo di Orel, un ragazzo francese che le parla come in un brutto doppiaggio di Via col vento, a cui [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 aprile 2019
Fabiana Sargentini
Close-up

Il film apre su una scena di routine domestica tribale: una famiglia africana affetta e prepara il pasto con ruoli stabiliti come in catena di montaggio - tagliare, mettere sul fuoco, cucinare i prodotti della natura che verranno mangiati. La inquadratura si allarga e non siamo altro che in uno zoo, lo spettacolo è a favore di un pubblico di occidentali curiosi, gli attori dei migranti addestrati per [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 aprile 2019
Marina Visentin
Cult Week

Dilili, che dà il titolo al nuovo film cartoon di Michel Ocelot, è una piccola canaca sbarcata nella Parigi di fine '800 dopo un rocambolesco viaggio in nave dalla Nuova Caledonia, al seguito di un'insegnante anarchica da cui ha imparato le buone maniere e un francese impeccabile, fin troppo forbito. Dopo aver stretto prontamente amicizia con un gentile fattorino di nome Orel, si rende ben presto conto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Nel cuore della Parigi della Belle Époque vive Dilili, una piccola mulatta originaria della Nuova Caledonia, dotata di gentilezza, umorismo e un'intelligenza vivacissima. Con l'aiuto di un giovane fattorino, che la trasporta sul risciò per i luoghi iconici della Ville Lumiere, si trova a indagare sui misteriosi rapimenti di alcune ragazzine. Dal maestro francese della fiaba contemporanea un nuovo, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2019
Paula Frederick
Sentieri Selvaggi

Siamo nella Parigi animata della Belle Epoque. Dietro il glamour, le luci lampeggianti e i colori della magia parigina, in pieno fulgore artistico, pittorico e letterario, si nasconde un buio mistero: la rapina sistematica di piccole ragazze per mano di un'organizzazione criminale, detta "I Maestri del Male", che cercano di fermare, attraverso le nuove generazioni, l'eminente emancipazione delle donne. Com [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2019
Fabrizio Tassi
Cineforum

Come fosse il controcampo di Kirikù, il nuovo film di Michel Ocelot parte da un villaggio indigeno, un esotismo finto, ricostruito, offerto allo sguardo curioso della Parigi di inizio Novecento. Uno zoom all'indietro scavalca il confine tra i due mondi e finisce per ribaltare la prospettiva: non siamo più noi a osservare un mondo lontano, con l'occhio stanco di chi ha già visto tutto, messo di fronte [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2019
Gianni Canova
We Love Cinema

Ci ha lavorato per 12 anni. Tanti ne sono passati dal suo ultimo capolavoro, Azur e Asmar (2006). Ma il tempo non ha scalfito il talento di Michel Ocelot e Dilili a Parigi conferma ora in pieno tutte le sue doti di incantatore e poeta. Perché anche questo suo ultimo film, come tutti i precedenti, a cominciare dal notissimo Kirikù e la strega Karabà (2001), è un piccolo gioiello: un film cesellato più [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2019
Fiaba Di Martino
Film TV

In Dilili, piccola canaca nella Parigi di début du siècle (il Novecento), indomita, arguta, curiosa, si riconosce il carattere moderno di tutti i bambini illuminati di Michel Ocelot e delle sue Mille e una notte attraverso il mondo, le culture, le etnie, le religioni. Da 40 anni sfoglia in tableau stroboscopici la Storia giapponese, mediorientale, africana, egiziana, per attraccare qui nella Belle [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2019
Enrico Azzano
Quinlan

Nella Parigi della Belle Époque, con l'aiuto di un giovane fattorino, la piccola franco-canaca Dilili indaga su una serie di rapimenti misteriosi in cui sono coinvolte alcune bambine. Nel corso delle indagini incontreranno personaggi straordinari che li aiuteranno fornendo loro gli indizi necessari per scoprire il covo segreto dei Maestri del Male, i responsabili dei rapimenti.

lunedì 1 aprile 2019
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Già in Kirikù e la strega Karabà Michel Ocelot sottolineava l'importanza di un rapporto paritario tra uomo e donna. In Principi e principesse aveva riletto le fiabe tradizionali in chiave femminista. Questa volta si spinge ancora più avanti nella difesa delle donne. La nostra eroina combatte un mondo dove i cattivi non vogliono che le bambine prendano potere.

NEWS
VIDEO RECENSIONE
martedì 16 aprile 2019
A cura della redazione

Nella Parigi della Belle Époque, la piccola Dilili indaga, con l'aiuto di un giovane fattorino, su una serie di rapimenti misteriosi. Quanta bellezza, intelligenza e ironia in questo Dilili a Parigi, che sembra assommare i precedenti lavori di Ocelot [...]

GUARDA L'INIZIO
mercoledì 17 aprile 2019
 

Dilili è una piccola kanak meticcia, che arriva a Parigi, a fine Ottocento, imbarcandosi di straforo sulla nave che riporta in Francia, dalla Nuova Caledonia, l'insegnante anarchica Louise Michel, di cui diviene discepola.

CELEBRITIES
lunedì 15 aprile 2019
Fabio Secchi Frau

Dalle avventure di un prodigioso bambino africano a quelle di due fratelli di latte che vanno a caccia di creature magiche per deserti e minareti. Il regista francese Michel Ocelot, uno degli autori di lungometraggi animati più gratificati al botteghino, [...]

POSTER
giovedì 4 aprile 2019
 

Nella Parigi della Belle Époque, con l'aiuto di un giovane fattorino, la piccola canaca Dilili indaga su una serie di rapimenti misteriosi in cui sono coinvolte alcune bambine. Nel corso delle indagini incontreranno personaggi straordinari che li aiuteranno [...]

TRAILER
martedì 2 aprile 2019
 

Nella Parigi della Belle Époque, con l'aiuto di un giovane fattorino, la piccola canaca Dilili indaga su una serie di rapimenti misteriosi in cui sono coinvolte alcune bambine. Nel corso delle indagini incontreranno personaggi straordinari che li aiuteranno [...]

NEWS
mercoledì 6 febbraio 2019
 

Nella Parigi della Belle Epoque, il piccolo Kanak Dilili, in compagnia di un ragazzo che fa le consegne in motorino, indaga sul misterioso rapimento di un gruppo di ragazze. Incontreranno uomini straordinari e donne che vogliono aiutarli.

winner
miglior film d'anim.
Cesar
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati