Third Person

Film 2013 | Drammatico +16 130 min.

Titolo originaleThird Person
Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneBelgio
Durata130 minuti
Regia diPaul Haggis
AttoriLiam Neeson, Olivia Wilde, Adrien Brody, Moran Atias, James Franco, Mila Kunis Kim Basinger, Maria Bello, Riccardo Scamarcio, Vinicio Marchioni, David Harewood, Caroline Goodall, Isabella Blake-Thomas, Gisella Marengo, Loan Chabanol, Patrick Duggan, Emanuela Postacchini.
Uscitagiovedì 2 aprile 2015
DistribuzioneM2 Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 2,03 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paul Haggis. Un film con Liam Neeson, Olivia Wilde, Adrien Brody, Moran Atias, James Franco, Mila Kunis. Cast completo Titolo originale: Third Person. Genere Drammatico - Belgio, 2013, durata 130 minuti. Uscita cinema giovedì 2 aprile 2015 distribuito da M2 Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,03 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Third Person tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un puzzle, un mistero dove la verità è rivelata a poco a poco, dove gli indizi vengono colti con la coda dell'occhio e dove nulla è veramente come appare. In Italia al Box Office Third Person ha incassato 351 mila euro .

Third Person è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
2,03/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,57
CONSIGLIATO NÌ
Haggis autore si lascia confondere dalla nebbia mentale del personaggio creativo che insegue. Un appuntamento mancato.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 30 marzo 2015
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 30 marzo 2015

Michael è un premio Pulitzer, alle prese con un nuovo libro che non trova la strada. Da tempo non è più lo scrittore duro, vero e folgorante dell'esordio. C'è stato un grande dolore nella sua vita, che sta provando a superare lasciandosi sedurre da Anna, scrittrice a sua volta, ambiziosa e tormentata. Mentre i due bisticciano in un grande hotel di Parigi, a Roma, l'americano Scott perde la testa per una ragazza Rom, Monika, ed è disposto a darle tutti i soldi che possiede per toglierla dai guai. New York, infine, è il teatro della fatica di Julia, ex attrice di soap, per riprendersi la custodia del figlio, dopo un oscuro incidente domestico.
Paul Haggis si è incartato. Càpita. Questo non fa di lui un ex grande sceneggiatore o un regista che non farà meglio la prossima volta, ma semplicemente un autore che, al quarto film, si è ritrovato con una combinazione di carte che gli ha impedito un buon gioco. Le ragioni sono in parte evidenti e in parte chiuse nel segreto personale che lo ha spinto a scrivere quel che ha scritto e a non correggere la marcia strada facendo. È lui stesso, però, a confessare delle incertezze sul finale (in un primo tempo modificato e poi riportato alla misura lunga originale), ma è comprensibile che a quel punto non restasse granché da fare, perché le (mancate) premesse erano tutte già depositate, nel corso del film.
Tre storie legate da un tema troppo denso e universale - l'amore, nella sua declinazione di atto di fiducia - per farsi filo abbastanza sottile da scomparire alla vista nelle cuciture; soprattutto perché Haggis non resiste alla tentazione di unire le tre vicende, per di più in maniera immaginaria, non realmente fattuale, e lì cominciano i guai seri. Lì si fa strada con verosimiglianza l'idea che possa aver concepito il tutto, a monte o solo ad un certo punto, come una passeggiata nella mente del personaggio dello scrittore. Qualcosa del genere: "scrivo di me, della mia storia, o mi appello ad una "terza persona", una storia altra, parallela, ambientata altrove, che poi torna ribelle a far capolino nel luogo e nel momento in cui mi trovo (la stanza d'albergo), perché la distanza del creatore dalla creatura non è mai facile da gestire o addirittura è una chimera?" Domande che spaventano, perché, a meno di non essere Charlie Kaufman o di non frequentare un genere più personale e sperimentale di quanto non sia il melodramma alla Haggis, il rischio di seguire questa pista è quello di smarrirsi nella nebbia della presunzione e della vacuità, trascinandosi dietro la platea intera.
Vittime anche tra i minori: pretestuosi terzi incomodi di queste non storie, motore esterno di un virtuale giro del mondo più faticoso che spericolato.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
THIRD PERSON
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €13,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 24 marzo 2015
Eugenio

Paul Haggis regista premio Oscar per "Crash", dopo l’ultimo non emozionante thriller “The next three days” torna alla regia con un titolo paradigmatico: "Third person". Il tre, simbolo di perfezione ed assoluta purezza, purtroppo non ha un corrispondente nella storia delle tre vite che si incrociano, intersecano, si infittiscono in tre diverse città del [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 aprile 2015
Alex2044

Il film ha tutti gli ingredienti per essere un bel film . Ben girato , ben ambientato , gli interpreti sono corretti , la colonna musicale eccellente , la storia o meglio le storie interessanti ma tutti questi ingredienti mescolati insieme sembrano non dare il risultato sperato .A questo punto il film dovrebbe non essermi piaciuto ed invece ho visto il film con interesse fino alla fine malgrado [...] Vai alla recensione »

sabato 4 aprile 2015
Flaw54

È vero che Curtis Hanson si è in parte "incartato"specialmente nel finale e secondo me nella scena della distruzione dei vasi di rose, ma il film mantiene un suo fascino e crea un'atmosfera accattivante  giocata prevalentemente sulla lentezza dei gesti delle parole. Si rivede inoltre un Liam Neeson accettabile nella recitazione lontano dagli stereotipi del vendicatore [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2016
Filippo Catani

Roma, New York e Parigi sono i tre palcoscenici in cui si sviluppano le storie dei protagonisti. A Roma un uomo si innamora di una ragazza Rom appena conosciuta in un bar. A Parigi uno scrittore cerca di ritrovare la vena creativa e di fare i conti con un tormentato passato e una giovane e complicata amante. A New York una ex attrice deve fare i conti con un passato incidente domestico.

mercoledì 8 aprile 2015
Nino Pell.

Un film sicuramente molto particolare e curato nella regia e nella colonna sonora. Tre storie parallele che denotano un filo comune che le unisce. E soprattutto il personaggio principale, uno scrittore in crisi di ispirazione, che rappresenta la vera chiave di lettura di questo film che affascina e stupisce, nonostante qualche punto debole nella sceneggiatura, soprattutto per ciò che riguarda alcune [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 aprile 2015
no_data

Le pubblicità sono ben confezionate, orologi, automobili, autovetture, computer case di moda e una squadra di calcio, sono ben rappresentate in un film nel quale le storie che dovrebbero Intrecciarsi sono cucite in mal modo, forse organizzando il finale durante le riprese. Leam Neeson non fa molto oltre a lanciare gli occhiali sulla scrivania, cammina in strada con uno sguardo perduto.

mercoledì 8 aprile 2015
Flyanto

 Film in cui sono narrate parallelemente tre storie di tre coppie ambientate in tre città diverse: New York, Parigi e Roma. Nel corso dello svolgimento delle varie vicende i protagonisti risolveranno le proprie situazioni drammatiche, riuscendo a superare (non sempre bene) ed in parte risolvere quello che per loro si verifica come un momento  molto problematico della loro vita.

venerdì 10 aprile 2015
LupoAutarchico

A volte capita allo spettatore di potersi confrontare con la visione dello spettacolo umano,questa possibilità è offerta soltanto da un regista che sceglie il proprio sacrificio. E' questo il caso;Haggis intraprende la strada del racconto reale ed immaginario che colpisce solo chi ha la forza di osservare. Il protagonista del racconto è un solo uomo che si impegna nella [...] Vai alla recensione »

martedì 7 aprile 2015
sandgen

non dico che gli attori non recitino bene e che non sia un bel cast ma....che noia!!!! non accade niente..la storia non si concretizza, nessuna delle 3 storie per dire il vero...a me non è piaciuto..l'ho interrotto dopo un'ora di visione

lunedì 13 aprile 2015
no_data

ma scusate. ma quindi lei se la fa con il daddy? ma quindi lui è un sadico? ma james franco è gay? ma nella lingua zingara c'è una radice anglosassone? 

domenica 19 luglio 2015
stuff

forse non ho seguito bene il film, però chiedo: se Neeson e Wilde sono a Parigi e la Kunis e la cameriera che pulisce la loro stanza (tanto da perdere li l'indirizzo del dibattimento), come fa a prendere un taxi e arrivare dalla Bello a New York? Brody e Atias come arrivano da Roma a Taranto?

giovedì 2 aprile 2015
Andryx

Racconti e aneddoti dolorosi e felici sull'amore. Svilito, maltrattato, osannato, indispensabile AMORE.Quanto siamo disposti a sacrificare noi stessi per amore? Fino a che punto è giusto?

venerdì 6 maggio 2016
Liuk

Il problema di Third Person è che se si leggono recensioni di differenti critici o post in differenti forum, ognuno dà una diversa interpretazione del finale e del senso complessivo della trama. E non è un problema da poco.

venerdì 1 maggio 2015
astromelia

il film non è male,bella fotografia, ma la storia risulta in gran parte confusa o non perfettamente seguibile,la prima parte sembrano scene montate a spezzoni,ma quello che alla fine mi è venuto da pensare è che brody fosse neesom da giovane che rivedesse la sua vita dopo la morte del bambino,molte incongruenze me l'hanno fatto pensare,oppure il film me lo sono fatto io,mah....

sabato 20 settembre 2014
Andrea Marcon

Uno scrittore a corto di idee (L. Neeson) dopo un primo romanzo esaltante, ne sforna altri 4/5 sempre peggiori, fino a quest'ultimo cui sta lavorando nella finzione filmica, imbarazzante tanto è illeggibile. Uno sceneggiatore/regista a corto di idee (P. Haggis) dopo un primo film esaltante (Crash), prova a riutilizzare la stessa formula (storie parallele che magicamente si intrecciano) producendo [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 settembre 2014
Luanaa

Una noia mortale. Immagini e montaggio da spot pubblicitario.Contenuto ZERO

venerdì 10 aprile 2015
andreamovie

Il FIlm è ben scritto, all'inizio si fa fatica a seguirlo perchè bisogna aspettare circa un'ora  per capire il film, quando tutto si risolve e si ricollega  si esce dal cinema increduli, i personaggi sono bellissimi, personaggi felliniani

lunedì 6 aprile 2015
alexia62

Stupendo , uno dei piu bei film di questa stagione, lo andrei a rivedere anche subito.....un cast eccezionale, una trama coinvolgente,ottima regia,....due ore eventi che ti volano via senza accorgertene....non capisco tutte queste critiche negative......e poi il tema trattato...l'amore, in tutte le sue sfaccettature....impossibile non apprezzare questo film.

lunedì 6 aprile 2015
alexia62

Film stupendo, cast eccezionale, trama coinvolgente....il miglior film di Haggis!...due ore e venti che ti volano per quanto ti prende la storia......non capisco tutte queste critiche negative!.....bohhhhh

FOCUS
INCONTRI
lunedì 30 marzo 2015
Marianna Cappi

Avrebbe voluto esordire con Million Dollar Baby, di cui aveva scritto la sceneggiatura, ma quando si è fatto avanti Clint Eastwood ha saputo fare le cosa migliore, consegnandogliela. Ha atteso qualche mese e si è lanciato con Crash - Contatto fisico: basso budget, grandi attori, il successo sperato. Da allora, Paul Haggis ha continuato a scrivere e a girare, contribuendo anche al restyling di James Bond (Casino Royale).

Frasi
"Ami l'amore ma non hai tempo per le persone…"
Elaine (Kim Basinger)
dal film Third Person - a cura di Danila
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Tre magnifiche città, un plotone di divi e un regista di qualità. Chissà che bel film. Invece è una boiata pazzesca, un incomprensibile, già dal titolo, pastrocchio sentimentale, che si divide tra Roma, Parigi e New York. Tre storie diverse. dove s'intrecciano i destini di cameriere, scrittori, turisti e pittori. Tutti con una piva Lunga così. Forse è mal di testa da chiacchiere.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Sceneggiatore d'indiscusso talento premiato con tre Oscar per Crash , Paul Haggis riprende la formula narrativa degli episodi paralleli che s'intersecano. Le storie sono tre, si svolgono in altrettante capitali (Parigi, Roma e New York) e schierano un campionario di attori noti. Liam Neeson è il Pulitzer che, lasciata la moglie, è alle prese con la giovane amante Olivia Wilde, aspirante scrittrice [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati