Ladri di cadaveri - Burke & Hare

Film 2010 | Commedia 91 min.

Regia di John Landis. Un film Da vedere 2010 con Simon Pegg, Andy Serkis, Isla Fisher, Jessica Hynes, Tom Wilkinson, Ronnie Corbett. Cast completo Titolo originale: Burke and Hare. Genere Commedia - Gran Bretagna, 2010, durata 91 minuti. Uscita cinema venerdì 25 febbraio 2011 distribuito da Archibald Enterprise Film. - MYmonetro 2,98 su 38 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ladri di cadaveri - Burke & Hare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due ladri di tombe del 19° secolo trovano un lavoro lucrativo quando cominciano a fornire di cadaveri una scuola medica di Edimburgo. In Italia al Box Office Ladri di cadaveri - Burke & Hare ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 216 mila euro e 101 mila euro nel primo weekend.

Ladri di cadaveri - Burke & Hare è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,98/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA 2,63
PUBBLICO 2,86
CONSIGLIATO SÌ
Una vivace commedia grottesca, tra genialità e romanticismo.
Recensione di Edoardo Becattini
sabato 30 ottobre 2010
Recensione di Edoardo Becattini
sabato 30 ottobre 2010

Nella Scozia del primo Ottocento, l'Illuminismo europeo si rifrange all'interno di una società in cui il popolo si entusiasma di fronte alle esecuzioni sommarie di piazza e i medici davanti alle dissezioni dei cadaveri negli atenei. I due più importanti anatomisti di Edimburgo, il dottor Knox e il dottor Monroe, hanno approcci scientifici e appoggi politici alquanto diversi. Quando il più tradizionalista Monroe impiega le sue conoscenze per far emanare un'ordinanza che gli accorda l'utilizzo di tutti i cadaveri "freschi" di esecuzione, il dottor Knox si trova costretto a tenere le sue lezioni con i corpi in putrefazione sottratti dai profanatori di tombe. Ma alla domanda di un mercato in crisi risponde l'offerta fornita da William Burke e William Hare, due truffatori provenienti dall'Irlanda del Nord che dapprima vendono a Knox dei conoscenti morti per cause naturali e, successivamente, si improvvisano assassini seriali.
"Questa storia è ispirata a fatti reali, tranne quelli che non lo sono". Fin dai titoli di apertura, il ritorno di John Landis al cinema dichiara la sua sincera disonestà e pone un esergo fulminante per tutti i film autoproclamanti verità storica. In questa semplice frase c'è già un programma di lavoro: un incrocio fra storia e leggenda, scienza e fantasia, in cui si può leggere tanto un omaggio alla migliore tradizione del romanzo gotico britannico, quanto molte delle peculiarità del cinema di Landis. Se, forse a causa del digiuno prolungato dalla produzione per il cinema, il suo stile pare aver perso la concitazione anarchica e dirompente delle sue sequenze d'azione di un tempo, la scrittura di Piers Ashworth e Nick Moorcroft (i due sceneggiatori che hanno rivitalizzato il culto del liceo St. Trinian's in Gran Bretagna) costringe comunque Landis a tenere il passo con situazioni farsesche e aforismi witty.
Dove invece il regista americano può tornare a dare sfogo alla sua folle poetica è nella direzione degli attori. Oltre a un grande dispiego di comparse eccellenti (da Christopher Lee a Ronnie Corbett, da John Woodvine a Ray Harryhausen), da una delle famose sit-com del Regno Unito, Spaced, ruba i due attori-ideatori Simon Pegg e Jessica Haynes, lavorando sulla loro predisposizione alla comicità corale. Al posto del corpulento Nick Frost de L'alba dei morti dementi e Hot Fuzz, sostituisce lo sguardo maniacale di Andy Serkis, riuscendo a farne la perfetta controparte cinica e dissoluta del più romantico Pegg, così come il marito meschino dell'altrettanto perfida Haynes. Attraverso i due attori britannici, gli assassini William Burke e William Hare diventano così una perfetta coppia da buddy movie, dove la grettezza e la genialità corrotta dell'uno vengono compensate dall'ingenuità e dal romanticismo sognatore dell'altro. Una coppia che eleva l'omicidio a impresa capitalista dall'alto valore scientifico, principio di tutte le più grandi scoperte della modernità: la mappatura anatomica, le teorie dell'evoluzionismo, l'arte femminista, la fotografia.
E non è importante domandarsi quali siano a questo proposito i "fatti reali" e quali no. Quel che è importante è che, a quasi trent'anni da Un lupo mannaro americano a Londra, per Landis l'amore è ancora l'unico sentimento positivo in mezzo a tanto esilarante orrore.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
LADRI DI CADAVERI - BURKE & HARE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 6 marzo 2011
Mario Scafidi

Ad eccezione di ciò che è stato inventato... è una storia vera, e di per sè sorprendente. Serviva esattamente l'estro, l'ironia e l'intelligenza di John Landis per raccontare la vicenda di Burke e Hare, serial killer di inizio Ottocento che hanno fatto del cadavere il loro business. Si ride di gusto, nella cornice di un film che gode di un'ottima fotografia [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 marzo 2011
Luca Scialo

Siamo nell'Edinburgo d'inizio ottocento, capitale europea della ricerca medica, città illuminista per eccellenza che però non disdegna tradizioni primitive come le esecuzioni capitali in piazza. Qui due medici-ricercatori, il dottor Monroe e il dottor Knox fanno a gara tra loro studiando il corpo umano mediante esperimenti sui cadaveri.

sabato 26 febbraio 2011
algernon

secolo di fermenti e scoperte, anatomia, fotografia, teatro, femminismo e così via, e insieme un tempo impregnato di pittoreschi e sudici mercati e taverne, di profanatori di tombe, di esecuzioni spettacolo e di popolo plebeo. Landis ci dà un'immagine brillante di questo misto di vecchio e di nuovo, e un po' comica, ma non troppo, dato che i fatti che si raccontano sono tutti veri (tranne quelli che [...] Vai alla recensione »

domenica 27 febbraio 2011
andaland

Buona prova di Landis che mostra un '800 con divertenti ironie che fanno della storia (di per sè drammatica) una gradevole commedia. Il film scorre bene, la sceneggiatura non mostra particolari sbavature e la storia dei due soci maldestri e cinici appassiona fino alla fine. Gradevole la colonna sonora con uno scottish/irish folk mai invadente.

martedì 12 aprile 2011
dario carta

Quando nel 1981 “Un lupo mannaro Americano a Londra” illuminava i grandi schermi di un cinema in attesa di nuovi fermenti,gli anni ’80 si levarono sulle poltrone in una standing ovation alla Black Comedy di un regista che solo l’anno prima siglava il blues urbano con la firma dei due fratelli che ne portavano addosso il nome.

sabato 1 ottobre 2011
nfl 26

Due amici per sopravvivere ed emergere nella società di un'antica Edinburgo, trovano un modo tutto originale per fare soldi:uccidere e vendere i corpi senza vita ad un famoso chirurgo della città ! Questo piano porterà i nostri "innocenti" protagonisti a relazionarsi con veri amori e gente non troppo per bene.... Burke e Hare sono due serial killer realmente esistiti,tutt [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 giugno 2011
Cenox

E' maledettamente difficile riuscire a far sorridere lo spettatore mostrando nel film cadaveri, omicidi e sangue, ma il regista, John Landis, ci riesce attraverso una visione piuttosto umoristica della vita. Questo film, ben ambientato in Scozia, quando ancora il corpo umano e l'anatomia erano un rebus da risolvere, ci cerca di spiegare come anche trafugare cadaveri, poteva rappresentare [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 agosto 2016
ilsettimosamurai

Anni fa un noto appassionato e intenditore di cinema (vorrei evitare di usare il nobile ma abusato termine di critico) mi disse: "leggi, segui una persona di fiducia e poi fatti un tuo giudizio". Fin qui tutto abbastanza normale (forse scontato), il concetto era chiaro: scegliamoci i maestri e mettiamoli anche in discussione. Ok, ma fammi un nome.

venerdì 4 marzo 2011
Fabio6

Di buono in questo film c'è l'idea: 2 squattrinati (Simon Pegg e Andy Serkis, che risultano ben azzeccati per il ruolo) che per fare la bella vita, quasi per caso, iniziano ad uccidere persone per poi vendere i loro corpi all'ambizioso medico ( Tom Wilkinson, che in questo film fa una buona prova recitativa). Purtroppo però il film non prende il volo e l'iniziale comicità grottesca, che per i [...] Vai alla recensione »

sabato 5 marzo 2011
linodig

Nonstante la fama di Joh Landis per la velocità di intreccio e di montaggio, nonostante la bravura dei due attori protagonisti, questo film si presenta decisamente noiso, senza un vero centr di interesse a parte il primo quarto d'ora inziale e qualche vago sprazzo qua e là. Probabilmente un film sbagliato per le corde del regista americano, quasi fosse una sbiadita fotocopia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 marzo 2011
renato volpone

Due uomini nell'Edimburgo ottocentesca tentano di sfuggire alla miseria vendendo cadaveri alla locale scuola di anatomia e una prostituta tenta di redimersi dandosi alla recitazione shakespeariana. illustri luminari della scienza, inoltre, non indugiano, in nome del progresso, ad invitare i due malcapitati a produrre cadaveri freschi.

lunedì 7 marzo 2011
giofredo'

Ne commedia ne macraba paura. Tema scialbo,asettico,film ambientato in pieno illuminismo ,credo nell'epoca pre-vittoriana dove due inventati ladrucoli, una volta intodotti in un cimitero e dissappellito un cadevere,e poi venduto a un esimio dottore per i propri studi in anatomia con i suoi allievi,si lasciano coinvolgere, con richieste sempre piu' esigenti,a uccidere, per procurarsi due corpi alla [...] Vai alla recensione »

domenica 20 febbraio 2011
cargo

Da confrontare col primo film intitolato Le iene di Edinburgo magistralmente interpretato da Peter Cushing.

martedì 1 marzo 2011
hollyver07

Ciao. Sono davvero la persona meno adatta per scrivere un'equa recensione di questo film. In pratica, la "commedia nera" è uno dei miei generi preferiti in assoluto, oltretutto questa è stata condita in pura salsa British; onestamente, non posso quindi essere obiettivo nel mio giudizio. Inoltre, il regista è John Landis (Animal House e Blues Brothers... [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 febbraio 2011
senzaverso

Dopo le storie di pugili in rivincità, drammi per lutti in famiglia, personaggi con difetti fisici vale la pena vedere una commedia basata su un soggetto più arioso. Bella fotografia, attori in grado di reggere il ritmo...andiamolo a vedere...www.mentinfuga.com

domenica 3 aprile 2011
Storyteller

Davvero un film godibilissimo, regia frizzante e interpreti perfetti. Se non tentennasse leggermente prima del finale sarebbe un film da cinque, perché non c'è mai un momento di stanca. Un plauso allo sceneggiatore!

venerdì 4 marzo 2011
ralphscott

Landis centra il bersaglio. Il suo é il tocco leggero di chi non esagera mai,anzi:certe scene potenzialmente restano implose,quasi per pudore di direzionarsi verso una comicità greve. La ricostruzione di Edimburgo inizio ottocento é suggestiva,calda e tangibile. Gli attori,tutte scelte felici,si prestano all'alchimia. Splendida la chioma fiammeggiante della ragazza di Pegg [...] Vai alla recensione »

martedì 1 marzo 2011
re sole

IL film pensavo che fosse più comico invece diventa serio in tante parti la storia e discreta e gli attori recitano bene. film particolare per chi vuole ridere in modo macabro a me è piaciuto anche perchè recita il mio attore preferito Simon Pegg che però sembra meno inserito nel contesto dell'800 invece di Andy Serkins. Si vede chè è un film di Landis

sabato 9 luglio 2011
Liuk

3 stellette e mezzo per quest'ottima commedia nera di Landis. Dopo vari flop del regista non mi aspettavo niente di particolare ed ho visto la pellicola esclusivamente per la presenza del sempre più sorprendente Simon Pegg. Salta invece fuori un prodotto di altissima qualità sotto tutti gli aspetti che si merita di diritto il titolo di migliore opera del 2010 per la sua categoria. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 marzo 2011
leooooo

non so se tre stelle se le merita tutte ma due sono troppo poche. la storia non è gran che, ma come jhon landis riesce a girarla è fantastico. l'unica cosa che non mi piace, ma questo è un fatto personale, è quello che all'inizio e alla fine parla alla telecamera. ne complesso comunque è simpatico e nonostante la trama riesce a far ridere.

giovedì 31 marzo 2011
ultimoboyscout

Che coppia Serkis e Pegg, perfetti, legano magnificamente, esilaranti quanto improbabili assassini. Non è un horror direi piuttosto un noir allegro e brillantissimo dallo humour inglese nerissimo ben diverso e di tutt'altro tenore rispetto ad altre pellicole sulla stessa storia. Questi invece riescono a rendere assurdi ed estremamente comici persino gli omicidi! Nonostante svariati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 maggio 2012
tiamaster

Dal regista di "blues brothers",una commedia nera,spassosa e originale,ben interpretata dagli attori principali (tra cui spicca andy serkis il "gollum" de "il signore degli anelli").Film che abbandona ogni contatto dalla realtà,per farsi ancora più divertente,assurdo e demenziale.I prottagonisti sono la tipica coppia da film comico:due persone che più [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 aprile 2012
Budmud

Commediola divertente  'quasi' splatter (sinceramente si rimpiangono gli effetti speciali di 'Un lupo mannaro americano a Londra' nonostante i 30 e più anni passati, qui i finti cadaveri squartati si vedono eccome!!) leggera per passare una serata senza pensieri. Sicuramente non il miglior Landis ma ottimi costumi in una scenografia se vogliamo troppo accurata.

giovedì 3 marzo 2011
hollyver07

- danascully - Ciao. Faccio una premessa. Mi permetto di risponderti come "recensione" (senza esprimere un ulteriore voto) perchè ho constatato che sui commenti le repliche compaiono molto lentamente (almeno così mi  sembra) quindi proverò a soddisfare la tua legittima curiosità. Per cominciare, non sono strettamente interessato al giudizio espresso [...] Vai alla recensione »

domenica 27 febbraio 2011
hollyver07

- cargo - Ciao. Visto il film "Le iene di Edimburgo" (però in inglese). Il soggetto è ovviamente molto simile, è un film che vagamente ricordavo d'aver già visto parecchi anni fa. Non ero però in grado di dire se fosse connotato verso la commedia nera o in quale altro genere. Ora che l'ho rivisto penso proprio che non vi sia un effettivo [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 marzo 2011
martalari

  CURIOSO ...   LADRI DI CADAVERI (curioso, a tratti divertente e relamente cinico, non però uno dei suoi migliori)

giovedì 10 marzo 2011
giofredo'

No, e tu!!!

mercoledì 2 marzo 2011
Dana Scully

non so cosa veramente non funziona, a dire il vero ... è una commedia simpatica ma i due protagonisti gigionano troppo, la sceneggiatura ha un buon ritmo ma forse è un po' scontata, ci sono tante battute abbastanza simpatiche ma quasi tutte scontate e 'telefonate', la ricostruzione della edinburgo di prima metà dell'800 buona anche se molto finta, insomma .

giovedì 3 marzo 2011
Caroline

Bravi gli attori..il regista..ma il film e'Semplicemente Disgustoso!

mercoledì 2 marzo 2011
hollyver07

- renato volpone - Ciao. Non entro nel merito della tua opinione sul film, non è la cosa che sollecita il mio interesse. Piuttosto, sono perplesso per quello che hai riportato sulla trama del film, cosa che mi suggerisce possibili interpretazioni del tuo scritto - (1) Non Hai visto il film, conosci sommariamente la storia ed hai formulato un giudizio basandoti su concetti pregiudiziali (curioso... [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
mercoledì 23 febbraio 2011
Luca Marra

Più sono semplici, più sono geni", Pino Insegno, doppiatore in Burke & Hare, introduce così John Landis, arrivato a Roma per presentare il suo ultimo film, Ladri di Cadaveri - Burke & Hare, fuori concorso all'ultimo Festival capitolino e in uscita venerdì nelle sale italiane. All'incontro, moderato da Mario Sesti e Valerio Cappelli del Corriere della Sera, erano presenti anche studenti del Liceo Tasso di Roma e del DAMS dell'ateneo Roma Tre.

Frasi
"Una volta mi sono fidato di una scorreggia e mi sono cagato addosso!"
Una frase di William Burke (Simon Pegg)
dal film Ladri di cadaveri - Burke & Hare - a cura di Wally
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

30 annì dopo Un lupo mannaro americano a Londra, John Landis torna a girare nel Regno Unito: negli Usa i soldi non glieli davano. La Storia è nota: nel biennio 1827-1828, William Burke e William Hare commisero 17 omicidi per fornire prezzolati cadaveri da dissezionare al chirurgo Robert Knox. Facendo coppia con i gloriosi Ealing Studios e scegliendo per i due serial killer il comico Simon Pegg e il [...] Vai alla recensione »

Anthony Quinn
The Independent

La storia di Burke e Hare, la coppia di assassini che fornivano cadaveri al dottor Knox, pioniere della medicina nella Edimburgo di inizio ottocento, è stata già raccontata. In particolare da La iena, film del 1945 con Boris Karloff e Bela Lugosi. È la prima volta che la storia viene messa in forma di commedia. La presenza di John Landis dietro la macchina da presa è una delusione, mentre non c’era [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Burke & Hare sono realmente esistiti. Ma non li ha mai diretti John Landis. I due manigoldi misero in piedi un redditizio commercio di cadaveri nell’Edimburgo del 1828 procurando corpi freschi (ben 17) a un luminare della medicina. Come trovavano tanti morti? Uccidevano i vivi. Ladri di cadaveri di Landis ne ripercorre le gesta in modo divertente, spietato e spiazzante.

Cinzia Romani
Il Giornale

Edimburgo, XIX secolo. Le simpatiche canaglie William Burke e William Hare imbastiscono un commercio di cadaveri, rifornendo la locale facoltà di medicina. Ma le richieste aumentano, e i due ipotizzano d'aprire una agenzia di pompe funebri, sperando di mettere la testa a partito. Qualcosa andrà storto, però il regista di Blues Brothers costruisce una commedia nera dai toni gotici e dagli effetti speciali [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Proprio una coppia di simpaticoni, William Burke e William Hare. Oltre a condividere il nome di battesimo, i due avevano in comune il gusto di far fuori il prossimo: «I killer della risurrezione», venivano graziosamente soprannominati. Ne spedirono al Creatore 12, o forse anche di più, nella Edimburgo della prima metà dell’ottocento. E il motivo di tanta frenetica attività, portata avanti con coltellacci [...] Vai alla recensione »

Natalia Aspesi
La Repubblica

Il serial killer che fa ridere è un classico del cinema, e restano per sempre nella sua storia anche film vecchissimi, con i loro gentili sterminatori, come le due dolci vecchiette di Arsenico e vecchi merletti, 1942, o il caro mascalzone che vuole ereditare il titolo di Lord di Sangue blu, 1949. Ma la vera storia di una coppia di crudelissimi ed efficienti assassini irlandesi trapiantati a Edimburgo [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Edimburgo, XIX secolo, tempi di crisi. Brendan Burke e William Hare, dopo tanti fallimenti, progetti improbabili e una vita di espedienti, trovano sollievo nella morte. Non la loro, però. Si può diventare serial killer per aumentare la qualità dell'istruzione del proprio paese? No, e infatti i due simpatici farabutti lo diventarono - la storia è verissima - perché le università i cadaveri, allora, [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
venerdì 26 febbraio 2010
Marlen Vazzoler

Due serial killer del diciannovesimo secolo Si stanno svolgendo in questi giorni ad Edinburgo le riprese del film Burke and Hare diretto da John Landis, basato su due famosi ladri di tombe, William Burke e William Hare, che uccisero ad Edinburgo tra [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati