Blueberry

Film 2004 | Western 115 min.

Regia di Jan Kounen. Un film con Vincent Cassel, Juliette Lewis, Michael Madsen, Temuera Morrison, Vahina Giocante. Cast completo Genere Western - Francia, Messico, USA, 2004, durata 115 minuti. Uscita cinema venerdì 15 luglio 2005 - MYmonetro 2,69 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Blueberry tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Liberamente ispirato a Blueberry, il famoso personaggio a fumetti, il film di Jan Kounen rappresenta l'incontro tra l'epicità classica dei film western e un'ambientazione sovrannaturale. Il viaggio iniziatico di un uomo alla ricerca delle proprie radici. In Italia al Box Office Blueberry ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 206 mila euro e 64,5 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,69/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,19
CONSIGLIATO NÌ
Trailer

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un tributo al western all'insegna dell'avventura.
Recensione di Giovanni Idili
Recensione di Giovanni Idili

Liberamente tratto dall'omonimo fumetto del celebre Gir/Moebius. Mike Blueberry è un ragazzo turbolento della Louisiana che viene spedito nel Far West, presso uno zio, per essere raddrizzato. Dopo un confuso quanto tragico evento verrà salvato dagli indiani, che lo accoglieranno come uno di loro. Diventato uomo e sceriffo, Mike, trait d'union tra diverse culture, dovrà fronteggiare i fantasmi del proprio passato: avrà così l'occasione di trovare se stesso affrontando le proprie paure.
In una stagione in cui impazza tra i mercenari del marketing la febbre del "paragonabile solo a" e del "più -aggettivo random- di", meglio chiarire subito: Blueberry sta a C'era una Volta il West come Natural City sta a Blade Runner, e sta a Mulholland Drive come Saw sta a Il Silenzio degli Innocenti. Solo dopo aver acquisito l'amara consapevolezza che qualcuno ai piani alti menta sapendo di mentire, o capisca oggettivamente molto poco di cinema, possiamo passare a parlare del titolo.
Fumoso più che polveroso, pur essendo ambientato nel west Blueberry non è un western, e, zeppo di omaggi formali, può essere considerato al massimo un goffo tributo ad un genere che ha fatto la storia del cinema. Per fortuna non è tutto qui. Sotto la spinta di un ritmo non irresistibile, lunghi flashback scandiranno un intreccio non lineare in senso assoluto, ma a trame abbastanza larghe da renderlo per nulla criptico.
Vendetta, estasi mistica, ricerca di se stessi, sono i temi che si intersecheranno fino a fondersi in un interessante finale alla mescalina, con un cast costantemente disorientato al punto giusto.

Sei d'accordo con Giovanni Idili?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Educato dai pellerossa e ossessionato dai confusi ricordi di un tragico episodio della giovinezza, il "viso pallido" Mike Blueberry, sceriffo di Palomito (New Mexico), cerca di tenere in equilibrio l'appartenenza a due civiltà. La sua "routine" è sconvolta dall'arrivo di avventurieri senza scrupoli attratti dalla leggendaria esistenza di un tesoro indiano. Western francese ispirato a 2 albi - La Mine de L'Allemand perdu e Le Spectre aux balles d'or - dei romanzi a fumetti Blueberry di Jean (Moebius) Giraud e Jean-Michel Charlier, adattati da Gérard Brach, Matt Alexander e dal regista J. Kounen ( Dobermann ). Il colpevole accanimento nell'abuso degli effetti speciali - che soprattutto verso la fine diventa un'emorragia grafica delirante - non è il solo difetto di un film ambizioso e prolisso che pur non manca di passaggi e paesaggi suggestivi (esterni in Messico e Spagna).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 2 settembre 2017
superpicche

Film interessante, è parte della new age dei western USA (Appalosa, Django) e finalmente sotterrano quelle immonde cazzate propinateci dagli anni 50 ai 70 (J.Ford, J. Wayne), vomitevoli. Nel caso si sperimenta il recupero della CONSAPEVOLEZZA con l'aiuto di droghe psicotrope e un maestro - guida, indiano. Cassel assume la droga sotto la supervisione dell'amico indiano per sapere chi [...] Vai alla recensione »

sabato 3 marzo 2012
Dario85

Tutto sommato non male come film da vedere in TV, non un capolavoro, ma la trama, anche se piuttosto improbabile senza essere "mozzafiato" riesce a mantenersi interessante per tutta la lunga durata. Molto aiutano i suggestivi paesaggi gestiti da una fotografia sicuramente non pessima. Anche gli effetti speciali psichedelici, considerata l'epoca, il genere ed il budget non sono poi malaccio, [...] Vai alla recensione »

sabato 15 gennaio 2011
ultimoboyscout

Un tentativo di omaggio ai vecchi western e nulla più. Cassell in lotta contro i fantasmi del suo passato è uno sceriffo disturbato-visionario poco credibile, anche per quel nome (mirtillo...) poco indovinato. Finale davvero indegno.

venerdì 17 giugno 2011
Hilarya

Premetto subito che il film non mi è piaciuto per niente... forse troppo lungo, forse troppo lento o forse semplicemente troppo difficile. Togliendo il fatto che bisogna seguirlo con attenzione perchè altrimenti ci si perde e non si riprende più il filo, trovo che il regista abbia esagerato con le immagini che mostrano i pensieri interiori le sensazioni che provava Blueberry.

martedì 4 febbraio 2020
Wathan

La prima visione mi lasciò piuttosto freddino, tuttavia la sua bellezza è scresciuta in maniera esponenziale con altre visioni. Un film atipico per il suo genere ma mistico e profondo. Buono, voto: 3,5/5.

domenica 11 marzo 2012
vale125j

E' stato uno dei peggiori film che ho visto. Incredibilmente insopportabile.

sabato 10 marzo 2012
vale125j

E' semplicemente una schifezza. Se Monica Bellucci ha visto il film dovrebbe chiedere il divorzio dal marito.

lunedì 13 febbraio 2012
wallofwoodoo

Premetto che sono un grandissimo fans dello straordinario fumetto Blueberry che consiglio vivamente a tutti gli appassionati del genere. Beh Blueberry è un film che "merita" di essere visto come esempio di come sia possibile rovinare un personaggio tra i più riusciti e carismatici della storia del fumetto western.   Raccomando in particolare i 10-15 minuti [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 febbraio 2014
epidemic

Non ci siamo...mi sto chiedendo perchè abbia buttato 2 ore in una storia scontata di vendetta in salsa western. In realtà la risposta la so anche...avevo fiducia nel soggetto, a detta di molti, di valore. Peccato l'abbiano rovinato

martedì 14 febbraio 2012
wallofwoodoo

Un vero disastro. Mi ero avvicinato al film visto il prima visione il giorno del mio compleanno per l'amore per lo straordinario fumetto ed il protagonista Blueberry da cui il film è "ispirato". Blueberry è uno dei personaggi più ricchi per complessità e meglio caratterizzati mai creati nella storia del fumetto.

domenica 7 febbraio 2010
Pasolini85

il regista fu costretto per ragioni di distribuzione a catalogarlo come western ma in realtà non centra nulla: scordatevi le sparatorie, scazottate, cavalcate ecc...in questo film cè spiritualità, tradizioni indiane e molto lavoro di computer grafica....ho apprezzato questa pellicola perchè amo il genere visionario, incomprensibile e qua la dice lunga la scena finale che [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 agosto 2009
Gennaro Morgillo

Di cosa vogliamo parlare? Di un "Western" o del suo stereotipo (che poi è la stessa cosa)? Secondo i canoni tradizionali, Il film è decisamente mediocre. Sono d'accordo. Ma Penso sia così deliberatamente. Una forma di accanito ottimismo mi spinge a credere nell'intelligenza degli autori e una forma di rispetto nei loro confronti mi suggerisce cautela nell'affrettarmi a liquidare questo film come [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2010
vervain

Questo film non è la classica proiezione da guardare e , magari, raccontare. Questo film fa entrare lo spettatore in una sorta di viaggio interiore. E' volutamente lento e introspettivo. Gli effetti grafici appassionano e ipnotizzano, mescolando tradizioni indiane a tecniche moderne. L'esperimento riesce a catturare, facendomi dare un giudizio più che positivo.

Frasi
"Gli animali sono bestie ma gli uomini sono mostri!"
Wallace Sebastian Blount (Michael Madsen)
dal film Blueberry - a cura di Carlo Cavalli
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Oscar Cosulich
Il Mattino

Blueberry, eroe di un fumetto western le cui fattezze sono modellate su quelle di Jean Paul Belmondo, nasce nel 1963, creato dallo sceneggiatore Jean-Michel Charlier, appena tornato da un viaggio nell'ovest statunitense, e dal disegnatore Jean Giraud, che qui firma le tavole come Gir, mentre quando realizza i suoi celeberrimi albi di fantascienza usa lo pseudonimo Moebius.

Massimo Lastrucci
Ciak

Chissà come mai i cowboy di carta, quando traslocano sulla pellicola sconfinano nell’esoterico e nel fantastico. È accaduto per Tex e il Signore degli Abissi e ora per Mike Blueberry (anti-eroe francese di Charlier e Giraud/Moebius). Con la bella faccia grintosa di Vincent Cassel, il nostro giovanotto è inseguito dai suoi fantasmi: una prostituta assassinata probabilmente per colpa di Michael Madsen, [...] Vai alla recensione »

Mauro Gervasini
Film TV

Vagamente ispirato al Blueberry fumetto, quella perla inventata da Moebius, il film conferma quello che dopo Dobermann già sospettavamo. Il regista Jan Kounen fa solo danni. Non solo si serve di un bellissimo personaggio - che peraltro, nell’interpretazione di Vincent Cassel, se solo fosse stata più misurata, poteva davvero rivivere” - per parlare di tutt’altro (sciamanesimo, viaggi lisergici) ma oltretutto [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Ai tempi del muto, molto prima che Sergio Leone creasse lo «spaghetti western», i francesi reinventavano già le praterie americane nei vasti spazi aperti della Camargue. Un prodotto ibrido come «Blueberry» può vantare, insomma, ascendenti remoti, fermo restando che la vicenda si ispira a una famosa serie a fumetti di Jean Giraud/Moebius, che il pistolero Vincent Cassel è uno dei divi più popolari dell'Esago [...] Vai alla recensione »

Claudia Mangano
Il Mucchio

A metà strada tra Un uomo chiamato cavallo e i celebri diari dell’antropologo e etnologo peruviano Carlos Castaneda, Blueberry segna il ritorno dietro la macchina da presa di Jan Kounen, il regista francese di Dobermann. E ancora una volta è Vincent Cassel il protagonista di questo film fantasy-western liberamente ispirato all’omonimo fumetto di Jean Giraud, meglio noto con lo pseudonimo di Moebius. [...] Vai alla recensione »

Enzo Natta
Famiglia Cristiana

L'olandese Jan Kounen sembra essersi specializzato in film tratti da fumetti e realizzati con uno stile da spot pubblicitario. Dopo Dobermann (ispirato alle strisce disegnate di Joel Hussin), eccolo un’altra volta a dirigere Vincent Cassel in Blueberry. Protagonista della storia è Mike Blueberry, uno sceriffo cresciuto e iniziato dai pellerossa. Blueberry ha sempre cercato di mantenere il difficile [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati