Vivere e morire a Los Angeles

Film 1985 | Poliziesco V.M. 14 116 min.

Titolo originaleTo Live and Die in L.A.
Anno1985
GenerePoliziesco
ProduzioneUSA
Durata116 minuti
Regia diWilliam Friedkin
AttoriWillem Dafoe, William Petersen, John Pankow, John Turturro, Debra Feuer, Dean Stockwell Darlanne Fluegel, Gary Cole.
TagDa vedere 1985
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 3,88 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di William Friedkin. Un film Da vedere 1985 con Willem Dafoe, William Petersen, John Pankow, John Turturro, Debra Feuer, Dean Stockwell. Cast completo Titolo originale: To Live and Die in L.A.. Genere Poliziesco - USA, 1985, durata 116 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,88 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vivere e morire a Los Angeles tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Willem Dafoe in una delle sue più intense interpretazioni.

Consigliato assolutamente sì!
3,88/5
MYMOVIES 3,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,70
CONSIGLIATO SÌ
L'action definitivo degli anni Ottanta, spartiacque di un genere.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 23 agosto 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 23 agosto 2017

L'agente di polizia Richard Chance è sulle tracce del falsario Eric Masters, che ha ucciso il suo partner. Pur di catturarlo è disposto ad abbandonare ogni vincolo etico e reperire i fondi necessari in maniera illegale.

Dopo l'inseguimento in contromano di Vivere e morire a L.A. il cinema action è obbligato a fermarsi, riflettere e confrontarsi con un nuovo standard qualitativo e quantitativo.

Come con Bullitt o Il braccio violento della legge nei decenni precedenti. Quest'ultimo titolo, non a caso, reca la stessa firma di Vivere e morire a L.A., quella di William Friedkin: il confronto con il predecessore è inevitabile, anche se le diversità sono pari ai punti di continuità. Se là il gioco di guardie e ladri era demarcato in maniera netta, qui tutto è menzogna, in una Los Angeles dominata da un unico Dio, come chiarisce un incipit indimenticabile. Sono i soldi, veri o falsi, a determinare i destini, a cambiare proprietario in continuazione, a rendere i contorni di giusto e sbagliato sfumati e inafferrabili. Sono loro l'unico kingmaker: guardie e ladri ora sono solo pedine intercambiabili, tutti devono sporcarsi le mani quando è solo il verde dei dollari a contare. E le guardie devono ricorrere a qualsiasi mezzo se vogliono avere ragione di ladri sempre più onnipotenti e incistati nella società civile. Lo sa Masters - criminale artistoide edonista e amorale, un Willem Dafoe che qui diviene star - con le sue matrici impeccabili, Mago di Oz a cui arrivare attraverso un tortuoso sentiero d'oro; lo sa Richard Chance, che reca il suo destino nel nome, e che di questa tenzone infinita ha fatto prima di tutto una questione personale. E "corporativa", alimentata dalla morte di un collega anticipata dal più ovvio degli stereotipi sul poliziotto in pensione ("Sono troppo vecchio per questo schifo"): ribadire a se stessi di essere un poliziotto significa soprattutto cercare disperatamente di affermare la propria identità, di puntellarla in un mondo che va in frantumi. Si avverte l'influenza del nuovo venuto Michael Mann, che con Strade violente e Miami Vice sta già cominciando a cambiare le coordinate di un genere: Friedkin riprende in mano lo scettro per confezionare l'opera definitiva di un'epoca e, poi, cedere definitivamente il testimone a chi saprà rendere nuovamente vive e pulsanti le strade di L.A. Indimenticabile la colonna sonora white funk affidata ai Wang Chung, così come i colori primari di un'opera che non conosce età.

In una Los Angeles, una volta tanto non da copertina, si combatte la lotta senza esclusioni di colpi tra un falsario assassino (Dafoe) e due poliziotti decisi a eliminarlo a ogni costo. Ma il confine tra il bene e il male appare sempre più sfumato. Ancora una volta Friedkin confeziona un film di grande successo e di azione travolgente, avvincente e violento quanto basta.


VIVERE E MORIRE A LOS ANGELES disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 4 settembre 2012
paride86

Poliziesco degli anni '80 firmato William Friedkin, "Vivere e morire a Los Angeles" è un film emozionante e denso di azione, con personaggi ben scritti e una sequenza d'inseguimento che resterà alla storia. Nella parte del cattivo Willem Dafoe spicca su tutti gli altri attori. Degna di nota anche la bella colonna sonora.

giovedì 17 ottobre 2013
jacopo b98

 L’agente federale Chance (Petersen) si mette sulle tracce del falsario Masters (Dafoe), un feroce criminale che gli ha ucciso il migliore amico, e in questa caccia senza quartiere userà qualsiasi mezzo…legale ed illegale. Scritto dal regista con Gerald Petievich, da un romanzo di quest’ultimo, è da molti considerato il miglior Friedkin di sempre, teso, allucinato, [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 gennaio 2015
APropositodiCinema

Un noir ricco di azione, inseguimenti, violenza e dal ritmo eccellente che ha riscritto le regole del genere poliziesco. Il film riflette inoltre sul rapporto tra bene e male e come a volte questa differenza sia praticamente nulla e lo dimostra attraverso il personaggio del poliziotto Richard (interpretato da William Petersen) che ricorre a qualsiasi mezzo per catturare il falsario Rick (interpretato [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 agosto 2010
enotar56

Niente da dire bel film americano poliziesco, da non perdere per gli affezzionati al genere.

lunedì 17 dicembre 2012
ollipop

forse il miglior film poliziesco del cinema americano  sceneggiatura da oscar per un film mozzafiato con sequenze capolavoro come la falsificazione dei dollari e il'inseguimento per le strade di Los Angeles . tutto diventa lecito per due poliziotti pur di arrivare a incastrare il "cattivo" e il confine fra il bene e il male e' pressoche' impalpabile.

venerdì 31 maggio 2013
Sampei981

Ritengo "Vivere e morire a Los Angeles" (1985) il miglior film poliziesco degli anni 80. Bravo William Louis Petersen che si confermerà anche nel 1986 con Manhunter - Frammenti di un omicidio (peccato che venga ricordato solo per C.S.I. Scena del crimine), lo stesso John Pankow non sfigura, ottimo Willem Dafoe (ma non mi sorprende) nella sua migliore interpretazione, bravissima e sensualiss [...] Vai alla recensione »

Frasi
Lo Zio Sam se ne sbatte delle tue spese, se vuoi del pane scopati un fornaio!
Una frase di Richard Chance (William Petersen)
dal film Vivere e morire a Los Angeles - a cura di kaspasian
NEWS
NEWS
giovedì 27 dicembre 2007
Paola De Rosa

Fra horror e satira State appena iniziando a tirare il fiato dopo lo slalom tra regali, brindisi e pranzi in famiglia? Non vedete l'ora di concedervi qualche momento di relax davanti alla tv, per godervi magari un regalo ricevuto da voi o dai vostri [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati