Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno

Film 1973 | Drammatico 110 min.

Anno1973
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata110 minuti
Regia diMartin Scorsese
AttoriRobert Carradine, Harvey Keitel, Robert De Niro, Cesare Danova, David Carradine, Richard Romanus Victor Argo, Amy Robinson, George Memmoli, David Proval, Jeannie Bell, D'Mitch Davis, Murray Mosten, Ken Sinclair, Harry Northup, Lois Waldon, Lenny Scaletta, Robert Wilder (II).
TagDa vedere 1973
MYmonetro 4,10 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Martin Scorsese. Un film Da vedere 1973 con Robert Carradine, Harvey Keitel, Robert De Niro, Cesare Danova, David Carradine, Richard Romanus. Cast completo Genere Drammatico - USA, 1973, durata 110 minuti. - MYmonetro 4,10 su 30 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Da Martin Scorsese, qui al suo terzo film, uno splendido spaccato della Little Italy.

Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,10/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,90
ASSOLUTAMENTE SÌ
Antesignano della filmografia di Scorsese, vera e propria pietra di fondamento.
Recensione di Marianna Cappi
Recensione di Marianna Cappi

New York, 1973. Charlie è un trentenne diviso tra l'aspirazione all'arrampicata sociale con l'aiuto di uno zio mafioso, l'amore per la cugina epilettica Teresa e la volontà di prendersi cura del cugino di lei, Johnny Boy, un mattacchione insofferente a qualsiasi regola di comportamento. Charlie si muove per le strade del suo quartiere, Little Italy, tra debiti, risse e scorribande notturne, alla vigilia della festa di San Gennaro. Con lui ci sono anche Tony, titolare del bar che funge da ritrovo fisso del gruppo, e Michael, l'arrogante e il permaloso della compagnia, pronto a tutto per di dare una dimostrazione di forza.
Mean Streets è il film che lancia Martin Scorsese, il primo lungometraggio che lo rappresenta intimamente e ne racconta il milieu di origine e le inquietudini che lo muovono. Per un caso fortunato, il sottotitolo italiano "Domenica in chiesa, lunedì all'inferno" è azzeccato e illuminante, poiché è lo stesso Scorsese, nel racconto della sua vocazione, ad ammettere come non fosse facile, per chi era cresciuto a Little Italy, sopravvivere senza cambiare strada, senza diventare né un gangster né un prete.
Nel personaggio di Charlie e nel suo moto contradditorio di affetto e repulsione per quel che gli sta intorno, il regista inscrive, dunque, se stesso; nell'omaggio alla sala cinematografica, nei dialoghi quasi improvvisati, nella leggerezza delle scene di coppia, mette invece la sua novità e i suoi gusti, Nouvelle Vague prima di tutto.
Lo spunto narrativo -il debito contratto da Johnny Boy nei confronti di Michael- non è che un pretesto per il dispiegarsi di un affresco antropologico, dall'impatto diretto e dalla recitazione innovativa.
Antesignano della filmografia che verrà, vera e propria pietra di fondamento, Mean Streets parla già di violenza e tenerezza, morale cristiana e etica del successo, ribellione e acquiescienza, paradiso dell'altrove e inferno della realtà, e lancia gli attori-feticcio del regista di Taxi Driver: Harvey Keitel, nell'abito di Charlie, e Robert De Niro, nei panni sbracati di Jhonny Boy, che lo condurranno dritto all'Oscar per il Padrino-Parte II.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il fragile Charlie è diviso tra la volontà di fare l'arrampicata sociale con l'aiuto di uno zio mafioso, l'amicizia per il mattocchio Johnny Boy e l'amore per la sua epilettica cugina. Ambientato nella Little Italy di New York con l'affetto di chi la conosce come le proprie tasche, il puntiglio di un antropologo, l'occhio attento al neorealismo italiano e l'estro di un narratore di razza, questo film violento e tenero rivelò il trentenne Scorsese e lanciò De Niro verso Il padrino - Parte II e Novecento .

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
MEAN STREETS - DOMENICA IN CHIESA, LUNEDÌ ALL'INFERNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 7 novembre 2009
danilodac

Charlie trascorre la sua vita nel quartiere di Little Italy di New York. Tra mille problemi (uno zio mafioso, l’ambizione di diventare qualcuno, la salvaguardia del suo mattocchio amico Johnny Boy e la difficile relazione con sua cugina ) si interroga sui dilemmi dell’esistenza e i misteri dell’umana sofferenza. Scorsese descrive, con ammirevole puntiglio da antropologo, la tormentata vita di un quartiere [...] Vai alla recensione »

martedì 13 ottobre 2009
Adriano Sgarrino

Paese di prod.: USA Anno: 1973 Di: Martin Scorsese Con: Harvey Keitel, Robert De Niro, Amy Robinson, Richard Romanus, David Proval, Robert Carradine, David Carradine. Charlie (Keitel) vive a Little Italy, trascorrendo le giornate con i suoi amici scapestrati. Suo zio è pronto ad offrirgli un buon posto di lavoro, ma Charlie si fa trascinare troppo dall'amicizia con Johnny Boy (De Niro) e dall'amore [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 maggio 2014
tomdoniphon

A Little Italy Charlie aspira alla vita di "rispettabilità" che gli offre lo zio mafioso, ma nel contempo non riesce a rinunciare ad una vita agra con amici balordi, tra i quali spicca Johnny Boy (De Niro) che alla fine la farà troppo grossa. Il primo film importante di Scorsese, con al centro un tema portante della sua filmografia: il conflitto tra la religione cattolica e [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 giugno 2012
brando fioravanti

Un giovane ragazzo credente e con buoni propositi si trova a lavorare con il suo zio mafioso e a dover continuamente guardare il suo scapestrato amico. Non cè via d'uscita. Alla fine rimarra ferito durante l'uccisione del suo amico dopo una grave bravata. L'ambiente in cui si cresce prevale su tutto. Stile curatissimo, grandioso per i suoi tempi.

domenica 8 dicembre 2013
remma

 senza questo film non ci sarebbe stato Tarantino e probabilmente nemmeno Guy Ritchie. inoltre è interessante vedere i primi passi della carriera cinematografica di De Niro, Keitel e Scorsese. il primo lungometraggio di Scorsese (appunto "mean streets") ha creato un modello di regia per i futuri crime movies, infatti come Scorsese si è ispirato a Rossellini [...] Vai alla recensione »

martedì 20 luglio 2010
mambù

l' esordio di scorsese , un film divertente ben recitato e una trama stupenda e un cast eccezzionale

lunedì 25 ottobre 2010
Taras Bulba

Un Martin Scorsese alle prime armi, un Robert De Niro giovanissimo. Il film sembra che non decolli mai, e se non fosse per il personaggio di De Niro che è bravissimo, sarebbe banale e noioso. Salvo De Niro e la fotografia, spettacolare uso del grandangolo, e le scenografie.

giovedì 8 novembre 2012
break

Primo tassello della celebre filmografia gangster di Martin Scorsese. Un film che diede anche inizio alla collaborazione perfetta Scorsese-De Niro, coronata da grandi successi come Taxi driver, Toro scatenato, Quei bravi ragazzi, solo per citarne alcuni. Mean streets mette la trama quasi da parte per orientarsi principalmente in un ritratto stereotipato degli italo-americani.

sabato 17 marzo 2012
denzel for ever

a em è piaciuto molto.....anche la regia...e poi de niro strepitoso...cmq è un bel film...certo  nn è che decolli molto..a me qst film di mafia piacciono...e poi è stato recitato benissimo

sabato 17 marzo 2012
denzel for ever

a em è piaciuto molto.....anche la regia...e poi de niro strepitoso...cmq è un bel film...certo  nn è che decolli molto..a me qst film di mafia piacciono...e poi è stato recitato benissimo

mercoledì 19 dicembre 2018
Marcloud

La madre di tutti gli stereotipi sull'Italia, insieme a Il Padrino di Coppola, in uno dei film più geniali di Scorsese. Senza peli sulla lingua e pieno di violenza di strada. Harvey Keitel, nell'abito di Charlie, e Robert De Niro, nei panni di Jhonny Boy, recitano magistralmente nel terzo film di un regista che ha fatto la storia del cinema.

venerdì 26 ottobre 2018
Emanuele 1968

Molto bello, però non lo proporrei ad un amico.

sabato 7 marzo 2015
il befe

ottimo

giovedì 16 ottobre 2014
Filippo Catani

Little Italy. Il nipote di un boss locale cerca di prendersi cura di un amico squattrinato e perdigiorno e finirà con l'innamorarsi della cugina epilettica di lui. Storie di vita destinate ad andare più o meno bene vengono raccontate in questo potente affresco dal regista Scorsese. C'è tanto di autobiografico (l'ambientazione e i richiami al cattolicesimo per citare [...] Vai alla recensione »

sabato 1 marzo 2014
Onufrio

Nella Little Italy degli anni 70, giovani criminali si affacciano nel mondo del "lavoro", Charlie cerca di gestire le cose con apparente calma, ma quel compagno un pò pazzerello, tale Johnny Boy, ed il rapporto sentimentale con la cugina Teresa, porteranno il nostro protagonista ad una situazione complicata. Scorsese prende la via con Mean streets, per poi arrivare a Quei Bravi ragazzi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 gennaio 2013
cianoz

Un film di Scorsese, ma non ancora del miglior Scorsese e si vede. Siamo molto distanti dai successivi capolavori Taxi Driver e Quei Bravi Ragazzi (quest'ultimo davvero eccelso). Storia che scorre tra alti e bassi, ma che non decolla mai veramente e che per certi tratti appare eccessivamente prolissa e addirittura noiosa. Accanto ad un Harvey Keitel bravo ma non troppo si aggirano personaggi secondari [...] Vai alla recensione »

Frasi
Ci sono due inferni, quello che si può toccare con un dito e quello che si sente nel cuore.
Una frase di Charlie Cappa (Harvey Keitel)
dal film Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati