King Kong

Film 1933 | Fantastico 100 min.

Regia di Ernest B. Schoedsack, Merian C. Cooper. Un film Da vedere 1933 con Robert Armstrong, Bruce Cabot, Fay Wray, Frank Reicher, Sam Hardy, Noble Johnson. Cast completo Genere Fantastico - USA, 1933, durata 100 minuti. - MYmonetro 4,22 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi King Kong tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Argomenti:  King Kong

Un film che ebbe uno strepitoso successo. La storia è tratta da un romanzo di Edgard Wallace, più noto come giallista. Una spedizione di zoologi scopr...

King Kong è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,22/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,34
ASSOLUTAMENTE SÌ

Un film che ebbe uno strepitoso successo. La storia è tratta da un romanzo di Edgard Wallace, più noto come giallista. Una spedizione di zoologi scopre in un'isola misteriosa King Kong, un gigantesco gorilla. Portato negli Stati Uniti per essere esibito al circo, King Kong fugge con una ragazza di cui si è, a modo suo, innamorato. Alla fine King Kong, arrampicatosi su un grattacielo, dopo una tremenda battaglia, viene mitragliato e ucciso.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Sbarcati nell'isola tropicale del Teschio un regista e la sua troupe - tra cui c'è un'attrice - scoprono l'esistenza di uno scimmione gigantesco che, narcotizzato, viene trasportato a New York. Indiscusso classico del cinema fantastico. La sua fama non è affidata soltanto all'alta efficienza degli effetti speciali (Willis O'Brien), ma a due fattori che sfuggirono a molti critici del tempo: il carattere onirico e il simbolismo erotico che lo rendono aperto a diverse chiavi d'interpretazione. Nato da un soggetto del giallista Edgar Wallace (che poi firmò il pessimo romanzo, desunto dalla sceneggiatura di James Creelman e Ruth Rose per opera di Delos Wheeler Lovelace), è una variazione sull'antico tema della Bella e della Bestia. Negli USA esiste una versione colorizzata. Seguito da Il figlio di King Kong e da molte imitazioni, rifatto nel 1976 e nel 2005. Prodotto da M.C. Cooper per RKO.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Carl Denham, regista di documentari, parte alla volta dell'isola del Teschio (il nome è tutto un programma!) per girare un film. Come attrice ha scelto Ann Darrow, una ragazza povera che ha sorpreso a rubare, affamata, in un mercato. Durante il viaggio, la giovane assapora la gioia del benessere e scopre l'amore accettando il corteggiamento di Driscoll, un aitante marinaio; ma quando la nave getta l'ancora in prossimità della costa misteriosa, un gruppo di indigeni la rapisce con l'intenzione di offrirla in sacrificio al dio Kong che essi adorano e temono, un enorme scimmione che vive nell'interno dell'isola, al di là di una enorme palizzata. Denham, Driscoll ed altri marinai si mettono sulle tracce di Ann e del mostro che l'ha presa con sé e si inoltrano attraverso un paesaggio meraviglioso popolato da spaventose creature preistoriche. King Kong difende la sua preda dai mostri e dagli uomini, ma alla fine, viene circondato e stordito con il gas soporifero. Denham lo trasporta a New York, progettando di esibirlo al pubblico come "l'ottava meraviglia del mondo". Ma King Kong riprende ben presto le forze e la sera dell'inaugurazione dello spettacolo, riconosciuta la "sua" ragazza, spezza le catene che lo tengono prigioniero, devasta il locale e scatena il panico nel pubblico. Il gigantesco animale fugge per le strade di New York a caccia di Ann e quando la raggiunge, la trasporta sulla cima dell'Empire State Building. Si tratta, ormai, dell'ultima fuga. Dall'alto della giungla degli edifici della città, King Kong è in balìa degli aeroplani che gli ronzano intorno: dopo averne abbattuti alcuni a forza di zampate, la creatura lascia che la ragazza si metta in salvo e, quasi rassegnato, attende l'inevitabile fine. "Quando Merian C. Cooper - raccontò Fay Wray - mi disse che come protagonista maschile del film avrei avrei avuto l'attore più alto e più scuro che ci fosse mai stato ad Hollywood, pensai che si riferisse a Cary Grant... Ma poi cominciò ad illustrarmi l'idea di King Kong..." King Kong è una delle poche produzioni che possano vantare come protagonista assoluto uno scimmione meccanico. O'Brien, insieme con i fratelli Delgado, lo costruì utilizzando un modello di 45 centimetri di altezza dotato di scheletro snodabile di acciaio e ricoperto di lattice e pelle di coniglio. Per le riprese in primo piano costruì anche una mano, un piede ed una testa del mostro in grandezza naturale ricoperta da 40 pelli d'orso e manovrata da quattro (ma altre fonti dicono sei) uomini all'interno, due busti di mezzo metro ciascuno ed uno anch'esso di grandezza naturale. Per ottenere il ruggito del mostro si registrò quello di un leone abbassandolo poi di un'ottava. La tecnica della sovraimpressione, l'uso del "trasparente" e l'"effetto Dunning" (sovraimpressione tra positivo e negativo) resero molto realistiche le scene di interazione tra attori e modellini. Alla sceneggiatura parteciparono il romanziere Edgard Wallace, che morì durante la lavorazione (da qui la polemica sull'effettivo suo contributo), James Creelman e Ruth Rose, moglie di Schoedsack. Shoedsack stesso e il produttore Merian C. Cooper si ritagliarono una partecipazione nel film impersonando, rispettivamente, il mitragliere e il pilota dell'aereo che abbatte King Kong. La suggestiva scenografia che sembra spesso ispirarsi alle fantastiche tavole di Doré è opera di Carrol Clark, Alfred Herman, Marco Larringa e Byron L. Crabbe. La palizzata che separa il villaggio indigeno dal regno preistorico di King Kong venne data alle fiamme durante la lavorazione di Via col Vento, per simulare il colossale incendio di Atlanta (... e, restando in tema di Via col Vento, l'attrice di colore Hattie McDaniels interprete di Mamie, governante di Rossella O'Hara, in King Kong fa una breve comparsata). Jean Bouellet non ha esitato a considerare King Kong il più grande film della storia del cinema mondiale, ed anche se il giudizio dello studioso francese può apparire azzardato o animato da intenti provocatori, bisogna riconoscere che King Kong è senza dubbio uno di quei film che hanno fatto storia. A riguardarlo, ancora oggi si resta favorevolmente colpiti dalla qualità del montaggio, della scenografia, degli effetti speciali, e dalle possibili letture che suggerisce. King Kong è un emozionante film di avventure; ma anche un film su un amore impossibile (buon esempio di trasposizione cinematografica della favola della bella e della bestia); una lezione di erotismo (indimenticabili le scene in cui il gigante strapazza con l'unghia il vestito della bella biondina e quella in cui la osserva fuori da una finestra); ed un film "politico", per la tematica del "diverso" e per la denuncia (probabilmente inconsapevole da parte degli sceneggiatori) del sistema capitalistico americano che tutto spettacolarizza e consuma... Quando, verso la fine degli anni '60, King Kong tornò a circolare sugli schermi dei cinema d'essay di Roma, spesso, in platea, si assisteva ad uno strano fenomeno di coinvolgimento: ogni volta che il povero scimmione abbatteva un aereo con una zampata, i giovani spettatori (contestatori come lo si era in quegli anni) prorompevano in applausi fragorosi... Il soggetto ha ispirato il remake King Kong del 1976, seguito, a sua volta, da King Kong 2 del 1986.

KING KONG
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
TIMVISION

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €17,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 4 luglio 2013
Zelig46

Questo era il titolo provvisorio durante la sofferta lavorazione. La Trama: In piena depressione (1933) un bislacco produttore e regista cinematografico (Carl Denham) dopo aver scovato un'atricetta da 4 soldi intenta a  rubare, la costringe a salpare con lui su una nave piena di armi e attrezzature cinematografiche,destinazione: The Skull Island (L'Isola del Teschio), dove alcune [...] Vai alla recensione »

sabato 18 novembre 2017
Dandy

Capolavoro del cinema,non solo horror.Rivisitazione del mito della Bella e la Bestia,con in più il parallelo tra la giungla e la giungla di città per eccellenza,ossia new York,dove Kong  può scalare comodamente i grattacieli come montagne.E oltre a proporre gli elementi tipici del cinema di genere(orrore,esotismo,avventura,romanticismo)il film non lesina critiche sulla spregiudicat [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2009
barnaby

Un produttore di Hollywood parte per un’isola selvaggia con la sua troupe per girare uno dei suoi avventurosi film che attireranno masse di pubblico. Sbarcati sull’isola, oltre a un primo incontro-scontro con gli indigeni, gli americani assisteranno al rapimento della giovane attrice assunta nella parte della protagonista quale vittima sacrificale per l’enorme gorilla che tiranneggia sull’isola, King [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 novembre 2016
Onufrio

C'è un lavoro "Mostruoso" dietro la realizzazione di questo film del lontano 1933 ma con degli effetti speciali davvero sorprendenti che rendono buona parte delle scene abbastanza reali, numerose le lotte che Re Kong farà contro gli animali della foresta per salvare la sua amata umana bionda. King Kong è una pietra miliare del genere, ebbe un successo straordinario [...] Vai alla recensione »

domenica 1 febbraio 2015
il befe

uno dei mostri più famosi

giovedì 10 luglio 2014
g_andrini

E' stata una pellicola molto sentita all'epoca, con Kong controfigura del duce. La guerra era alle porte, e la propaganda americana spingeva per fare uscire allo scoperto i suoi futuri nemici.

Frasi
Sentite, sto per girare il più gran film del mondo, qualcosa di mai visto o sentito: dovranno inventare dei nuovi aggettivi quando tornerò.
Dialogo tra Carl Denham (Robert Armstrong) - Jack Driscoll (Bruce Cabot) - Il capitano Englehorn (Frank Reicher)
dal film King Kong
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mario Gromo
La Stampa

Conoscevamo parecchi «generi» di film, dalla preistorica «comica finale» al non meno preistorico «superdramma a lungo metraggio», dal film musicale a quello pubblicitario, da quelli proibiti ai minori degli anni sedici a quegli altri che proibiti non sono. Oggi si potrebbero inaugurare altre due categorie, film per miopi e film per non miopi; poiché King Kong è fatto per un pubblico affetto da almeno [...] Vai alla recensione »

Tutti i film dedicati al celebre gorilla. Dal primo King Kong del 1933, al remake diretto da Peter Jackson. Il personaggio di King Kong ha anche ispirato Godzilla ed è stato protagonista di alcuni film giapponesi diretti da Ishiro Honda..
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati