Advertisement
Top Gun, un film in 2D pensato come un film in 3D

Girato nel 1986 e rivelatosi un autentico blockbuster, il film con Tom Cruise e Kelly McGillis venne convertito in 3D 26 anni dopo. Con ottimi risultati.
di Giancarlo Zappoli

Avatar di James Cameron è indubbiamente il film portabandiera della terza era del 3D al cinema.
venerdì 7 ottobre 2016 - Televisione

Matthew Modine, Patrick Swayze, Emilio Estevez, Nicolas Cage, John Cusack, Matthew Broderick, Sean Penn, Michael J. Fox, Scott Baio, Tom Hanks. E poi Tatum O'Neal, Jodie Foster, Daryl Hannah, Diane Lane, Sarah Jessica Parker, Linda Hamilton. Cosa c'entrano questi attori e queste attrici con Top Gun? Niente. Infatti furono tutti contattati per i ruoli di Maverick e Charlie e rifiutarono. Tom Cruise e Kelly McGillis fecero una scelta diversa e, almeno per uno dei due, si spalancò la porta di un successo che ancora continua.

Sono oltre 20 i film scelti da SKY per raccontare attraverso uno speciale canale tematico - a partire da domani e fino al 16 ottobre - la storia del cinema in 3D dei visionari e sperimentatori che in oltre 100 anni di storia hanno utilizzato il linguaggio narrativo e la tecnologia 3D per finalità cinematografiche differenti. Tra questi: Viaggio nel cinema in 3D (presentato alla 73. Mostra di Venezia), Il delitto perfetto, La piccola bottega degli orrori, Baciami Kate!, La maschera di cera, Amytiville, Il mostro della laguna nera, Terrore alla tredicesima ora e Top Gun.
Giancarlo Zappoli

Top Gun viene girato nel 1986 e si rivela un autentico blockbuster. Tony Scott utilizza tutti i mezzi a sua disposizione all'epoca per immergere lo spettatore nei combattimenti ad alta quota. Tutti, tranne il 3D. Ventisei anni dopo si è pensato che, partendo dai negativi originali ad alta definizione, l'impresa sarebbe stata possibile. Si è attraversata così una nuova frontiera della tecnologia: passare da un film girato in due dimensioni, che avrebbe avuto le giuste potenzialità, alla visione tridimensionale. Ora che di anni ne sono passati trenta anche in Italia è possibile comprendere come di fatto fosse già pronto per il 3D con il suo mix di realismo e di invenzione cinematografica.


SCOPRI DI PIU' SU SKY 3D VINTAGE
In foto una scena del film Top Gun.
In foto una scena del film Top Gun.
In foto una scena del film Top Gun.

Perché, ad esempio, la Marina statunitense autorizzò le riprese del lancio di soli due missili che vennero ripresi da tutte le angolazioni e ampiamente utilizzati nel corso della vicenda. Tutti gli altri lanci sono stati realizzati usando miniature sia degli aerei che dei missili stessi. L'effetto fu così straordinario da spingere la Marina a organizzare postazioni per il reclutamento all'esterno dei cinema ottenendo ottimi esiti (un aumento del 500% delle richieste di iscrizione ai corsi di volo) grazie all'adrenalina prodotta dalle scene di azione che il 3D esalta ulteriormente senza produrre gli spiacevoli effetti causati agli attori che, con l'eccezione di Anthony Edwards, si trovarono tutti a vomitare alla prima esperienza di volo. Se si aggiunge poi che Tom Cruise non era mai salito su una moto e che dovette imparare a starci in sella per l'occasione si può comprendere quanto impegno venne richiesto ad ognuno. Un impegno che comportava anche situazioni di pericolo. Il film è infatti dedicato al pilota stunt Art Scholl deceduto nel corso delle riprese perché inabissatosi nell'Oceano Pacifico a bordo dell'aereo di cui era ai comandi.

Gli spettatori più attenti noteranno poi un cambiamento nell'aspetto dei due protagonisti. A una proiezione test della copia lavoro il pubblico campione considerò negativamente l'assenza di scene d'amore. Cruise e McGillis vennero richiamati sul set per girarle ma erano trascorsi cinque mesi e lei aveva cambiato peso e lui stava girando Il colore dei soldi e aveva capelli più lunghi.
Giancarlo Zappoli

Top Gun è stato anche uno dei primi lungometraggi che abbiano fatto parte del Progetto Cinema 52 il quale prevede che i soggetti che aderiscono vedano lo stesso film una volta a settimana per 52 settimane. Dall'esperimento è emerso un elemento curioso: Tom Cruise batte le palpebre 489 volte nel corso del film. Osservare per credere.


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati