Baby Driver - Il genio della fuga

Film 2017 | Azione +13 113 min.

Titolo originaleBaby Driver
Anno2017
GenereAzione
ProduzioneGran Bretagna, USA
Durata113 minuti
Regia diEdgar Wright
AttoriAnsel Elgort, Kevin Spacey, Lily James, Eiza Gonzalez, Jon Hamm, Jamie Foxx Jon Bernthal, Sky Ferreira, Ben VanderMey, Wilbur Fitzgerald, Flea, R. Marcos Taylor, Jeff Chase.
Uscitagiovedì 7 settembre 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,52 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Edgar Wright. Un film Da vedere 2017 con Ansel Elgort, Kevin Spacey, Lily James, Eiza Gonzalez, Jon Hamm, Jamie Foxx. Cast completo Titolo originale: Baby Driver. Genere Azione - Gran Bretagna, USA, 2017, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 7 settembre 2017 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,52 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Baby Driver - Il genio della fuga
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La storia di un ragazzo che diventa amico di un boss criminale e la sua vita non sarà più la stessa. In Italia al Box Office Baby Driver - Il genio della fuga ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 1,8 milioni di euro e 916 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,52/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,63
PUBBLICO 3,44
CONSIGLIATO SÌ
Tra love e crime story, un saggio raffinato sulle possibilità di rivisitazione di un genere.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 12 luglio 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 12 luglio 2017

Baby, così viene chiamato, è un giovane che alla guida di un'auto è in grado di compiere le più spericolate evoluzioni. Questa sua abilità viene sfruttata da Doc, un criminale dall'aspetto borghese, con il quale ha un conto aperto che deve saldare. Baby deve anche occuparsi dell'anziano invalido che lo ha fatto crescere e si sta innamorando della cameriera di un fast food. Ciò che ora vorrebbe poter fare è staccarsi dal ciclo continuo di rapine che Doc orchestra.

Sin dalla sequenza di apertura Edgar Wright dimostra di essere assolutamente consapevole delle sue potenzialità.

Si apre infatti con una rapina e una fuga spericolata le cui sorti dipendono da Baby, un adolescente apparentemente autistico che vive protetto dalla corazza della musica. Di una difesa ha sicuramente bisogno perché Doc (un Kevin Spacey ingrassato per l'occasione) è estremamente guardingo, pericoloso e vendicativo. Purtroppo Baby non ha rispettato l'antico adagio che invita a non rubare in casa dei ladri ed è costretto a mettersi alla guida delle auto necessarie per le rapine finché non avrà estinto un debito. La musica però lo protegge da una realtà che lo vede al contempo attivo (alla guida) e passivo quando viene costretto a una nuova impresa. Mescolando suoni e voci provenienti dal suo quotidiano si costruisce una colonna sonora della vita che lo aiuta ad andare avanti senza dimenticare colui a cui deve (quasi) tutto. Il quale, non a caso, è sordomuto. Così lo stridio delle frenate, il rombo dei motori e i colpi di arma da fuoco trovano una loro oasi sonora in casa e nei suoi auricolari.
Wright riesce così a lavorare su un livello 'altro' rispetto a quello della crime story di base offrendoci un saggio raffinato sulle possibilità di rivisitazione di un genere. Ivi compreso quando vi innesta la love story che fa da contraltare alla lucida follia del personaggio interpretato da Jamie Foxx. Con un solo elemento negativo: il reiterato ricomparire dell'ultimo rivale di Baby che rischia di mettere in crisi la sospensione dell'incredulità fino ad allora sapientemente giostrata.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 16 settembre 2017
Eugenio

Baby. Un paio di occhiali da sole, cuffiette nelle orecchie, lo sguardo perso nel vuoto e due cicatrici, segno di un trauma fisico e ancor più psicologico. Baby parla poco,  ma ha un’eccellente padronanza alla guida. Filtra le amicizie come la musica, convinto, come un passa-basso, di lasciar da parte i rumori più assordanti che lo fanno soffrire,  rifugiandosi in suoni [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 agosto 2017
Enrike B

Un ragazzo dotato di una incredibile tecnica di guida deve servire un boss a cui deve  una certa somma e per farlo si rende disponibile ad essere pilota in una serie di rapine. L'ultima di queste non va come dovrebbe, ecc.... Un film quasi esclusivamente a tempo di musica e il montaggio in alcuni punti è veramente divertente e piacevole: l'inizio cattura sicuramente! La storia, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 ottobre 2017
CineLady

L’aspetto che mi ha colpita maggiormente di Baby Driver è che si distingue dagli altri film d’azione contemporanei. Infatti non è un film fracassone in cui scene d’azione che sfidano la fisica si susseguono sosta a scapito di trama e personaggi, ma, al contrario, è un film elegante e curato, più realistico e meno esagerato di altri suoi simili.

sabato 23 settembre 2017
maumauroma

Baby driver racconta la parabola esistenziale di un ragazzone dinoccolato,che si fa chiamare Baby, con un passato difficile alle spalle, rimasto  da bambino orfano dei genitori morti in un incidente stradale e adottato da un ineffabile babbo nero sordomuto. Baby presenta un indefinito disturbo di personalita' ( forse autismo) e una grave difficolta' a relazionarsi con il prossimo, [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 settembre 2017
muttley72

Film girato con lo stesso stile delle pubblicità dei chewingum, in cui ad es.  il protagonista si muove per le strade a piedi con un sottofondo musicale,  danzando tra i passanti o che guida nelle rapine con nelle cuffie la sua "colonna sonora". Storia/trama simile a quella dei fumetti e film degli eroi della Marvel, nulla di innovativo.

giovedì 7 settembre 2017
Albe23Htt

Baby Driver è molto più che un film d'azione, risulta essere una pellicola sul cui sfondo scorre il ritratto dell'adolescenza, fase della vita umana che marca indelebilmente l'esistenza di una persona. I genitori, le liti familiari e quindi il rifugio dentro al mondo della musica che fin troppo ha allontanato Baby dal mondo all'interno del quale inaspettatamente si è venuto a trovare.

domenica 17 settembre 2017
ROBERT EROICA

Un Campione del cinema-flipper. Protagonisti stilizzati come sagome. Ritmo adrenalinico tra inseguimenti automobilistici, sparatorie che sfidano la fisica, psicologie di raccordo tra dinamismi assortiti. Prendere o lasciare. Darà modo di far parlare i teorici della fine del cinema e della creazione di una nuova arte applicata, più simile alla playstation.

venerdì 15 settembre 2017
Derbegeistert

Baby Driver narra di un ragazzo giovanissimo che per una curiosa vicessitudine si trova a lavorare come autista per le rapine per conto di un boss della malavita. Caratteristica peculiare di Baby (questo è il suo nickname) è di indossare costantemente le cuffie del suo i-pad ed ascoltare musica. Questa abitudine deriva da un fastidioso fischio alle orecchie che gli è stato procurato [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 settembre 2017
aroma.di.feta

L'intreccio parte in modo classico e si costruisce come ci si aspetta, ma ciò che a mano a mano prende sempre più piede in veste di protagonisti sono i dettagli: la scelta musicale, curata (da elogiare la presenza dei Boards of Canada) e legata alle vicende, le tempistiche, con l'azione a ritmo di musica, e le vicende secondarie, scene o battute non cruciali per lo sviluppo della trama, ma rese speciali [...] Vai alla recensione »

sabato 16 settembre 2017
ANDREA GIOSTRA

 Il film è incalzante, con un ritmo ben sostenuto dalle musiche di Steven Price, sintoniche e in perfetta armonia con la sceneggiatura ben ritmata di Edgard Wright, che ne ha diretto anche la regia. La scelta delle musiche è una componente determinante nella narrazione e nella sequenza delle immagini. E già questo può dirsi un elemento relativamente nuovo.

martedì 19 settembre 2017
elpiezo

 PIZZI MOVIE RECENSIONI: “BABY DRIVER – IL GENIO DELLA FUGA”.   Un giovane asso del volante al servizio di un basista di successo. Una cameriera innamorata e un nugolo di istrionici e folli personaggi dal grilletto facile. Commedia thriller infarcita di scene d'azione e contenuti intelligenti. Un cast di rilievo (Spacey e Foxx su tutti) e una colonna sonora [...] Vai alla recensione »

sabato 12 agosto 2017
tmpsvita

 In un periodo particolare per la musica nel cinema, nel quale questa assume un ruolo fondamentale, dopo Guardian of The Galaxy, Gotg vol2, La La Land ecc ecc, Edgar Wright coglie la palla al balzo scrivendo e dirigendo questo Baby Driver, un film nel quale la musica muove il tutto. Tra omaggi, citazioni e easter egg, il pubblico viene scaraventato in un film divertente, potente, coinvolgente [...] Vai alla recensione »

sabato 16 settembre 2017
astromelia

l'idea era buona ma poi durante la visione tutto scade nella violenza gratuita,un pò esagerata,io avrei eleborato la sceneggiatura più "romanticamente",per usare un eufemismo,mi è sembrato un salto nei film di besson,spacey come sempre nel ruolo da faccia di tolla,bene anche gli altri foxx un pò sottovalutato,buono l'abbinamento action/music e le scene [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 settembre 2017
Andrea Aresu

Non c'è una trama degna di nota se non questo ragazzino che fa rapine non si sa bene per quale motivo.  Nessun raffinato crime story solo inseguimenti e sparatorie

giovedì 10 agosto 2017
Mario Nitti

Visto ad un'anteprima estiva. Inizio davvero scoppiettante, con un inseguimento da antologia e un piano sequenza di grande effetto. Orginale l'idea dell'uomo al volante delle rapine giovane, un po' strano che agisce a ritmo di musica. Anche il suo mondo relazionale ha un certo spessore. Il primo tempo finisce con piena soddisfazione dello spettatore.

giovedì 16 novembre 2017
michelino

    Avevo visto 'l'alba dei morti dementi' Un film del 2004 dello stesso regista  Mi ero divertito un casino Personaggi più che simpatici Sceneggiatura ricca di inventiva   Avevo aspettative simili per questo baby driver Sono salito sulla sua auto Seconda fila Il film è guidato in modo pazzesco Velocità [...] Vai alla recensione »

martedì 19 settembre 2017
erreci8

Pellicola meravigliosa. Dettagli curatissimi e trama travolgente. Sicuramente un film che si fa apprezzare sin dal primo minuto. Quasi da guardare tutto d'un fiato. Chapeau

FOCUS
FOCUS
domenica 10 settembre 2017
Roy Menarini

Ci sono almeno tre aspetti che verosimilmente costituiscono altrettanti punti di forza di Baby Driver e che ne spiegano, almeno in parte, il successo. Il primo e più macroscopico è quello del rapporto tra musica e immagini.

Siamo di fronte a un salto di qualità del rapporto tra film e repertorio delle canzoni rock e pop, che già aveva intensificato la sua presenza negli ultimi anni.

Complice la straordinaria valorizzazione della storia della musica popolare e delle sue nicchie nell'epoca delle piattaforme digitali, anche la presenza accumulatoria di brani provenienti da tutti i generi e le nicchie musicali si è moltiplicata nel cinema contemporaneo (con la professione del music supervisor sempre più importante). In Baby Driver, grazie all'idea del protagonista vittima di acufene e sempre provvisto di cuffie, il repertorio musicale non è più un commento ma il vero protagonista emotivo, sentimentale e relazionale del film. Gran parte delle soluzioni di montaggio e di regia seguono la costruzione musicale dei brani, con piani sequenza più o meno fluidi a seconda del ritmo armonico del pezzo.
Il secondo aspetto è quello dell'azione. Dopo anni in cui il genere action è stato risucchiato all'interno dei blockbuster - insieme alle sue figure distintive, come l'inseguimento e lo scontro - si sta facendo strada (letteralmente) il ritorno di questo cinema, capitanato dalla saga di Fast & Furious ma puntellato anche da produzioni più piccole, e per questo artigianalmente seducenti, come Baby Driver. Chi definisce il film "fracassone" è meglio cambi sala. Queste sono le regole dell'action, piaccia o meno. Meglio astenersi, se il problema sono le sgommate, gli stridii, i tagli di inquadratura sul dettaglio del cambio e del volante, le auto che saltano per aria al rallentatore e le fughe contromano. Il terzo aspetto consegue da quest'ultimo, ed è lo stile. Non è un caso che Edgar Wright, la cui carriera gli permette ormai di fare certe dichiarazioni, abbia menzionato Driver l'imprendibile di Walter Hill come modello cui ispirarsi. Pensare che Baby Driver sia una versione infantilistica - fin dal titolo - della pellicola con Ryan O'Neal non è un insulto. D'altra parte lo stesso Hill ha più volte sposato la dimensione action con l'umorismo e la comicità dei caratteri, come nel seminale 48 ore.

INCONTRI
giovedì 7 settembre 2017
Paola Casella

Baby, così viene chiamato, è un giovane che alla guida di un'auto è in grado di compiere le più spericolate evoluzioni. Questa sua abilità viene sfruttata da Doc, un criminale dall'aspetto borghese, con il quale ha un conto aperto che deve saldare. Baby deve anche occuparsi dell'anziano invalido che lo ha fatto crescere e si sta innamorando della cameriera di un fast food. Ciò che ora vorrebbe poter fare è staccarsi dal ciclo continuo di rapine che Doc orchestra.

"La gente chiede: 'Come si fa a trovare il proprio stile? Io credo che lo stile sia un'amalgama di tutte le cose che ti piacciono e tutte quelle che ti riescono bene. E quel mix di entrambe, più il tuo bagaglio di esperienza personale, diventa il tuo stile".

Nel giorno d'uscita al cinema di Baby Driver - Il genio della fuga, MYmovies.it presenta una video intervista a Edgar Wright, in cui il regista spiega le sue ispirazioni, i motivi che lo hanno spinto a girare un film come questo, il suo rapporto con la musica e la sua personale idea di cinema.

INCONTRI
lunedì 21 agosto 2017
Paola Casella

"L'unica cosa che temo è la stupidità. Per il resto, non ho paura di niente". Non poteva che dirlo Kevin Spacey, uno degli attori più impavidi e più disposti ad interpretare ruoli di cattivo.

Spacey è a Roma sia perché ha appena finito di interpretare il ruolo del miliardario Jean Paul Getty nel film di Ridley Scott All The Money In The World sia per promuovere l'uscita italiana di Baby Driver, in cui ha il ruolo di Doc, il boss criminale che costringe il protagonista a guidare l'auto della fuga di una serie di rapine in banca.

INCONTRI
lunedì 7 agosto 2017
Paola Casella

Bastano i primi sei minuti, ovvero la sequenza che precede i titoli di testa, per accorgersi che Baby Driver non è un film d'azione come gli altri. "È un action movie guidato dalla musica", sintetizza Edgar Wright, il regista e sceneggiatore inglese al volante. Dunque lei non lo definirebbe un musical. Non nel senso tradizionale del termine, ma la musica è fondamentale: non come tappeto sonoro, ma come motore della storia e ritmo di tutte le performance.

Frasi
Questo lavoro è fatto di tre cose: soldi, sesso e azioni!
Una frase di Il boss criminale (Jamie Foxx)
dal film Baby Driver - Il genio della fuga - a cura di MYmovies.it
- Perchè sente sempre la musica?
- Da piccolo ha avuto un incidente, gli è rimasto un ronzio nelle orecchie e mette le musica per coprirlo... e questo lo rende il migliore!
Dialogo tra Doc (Kevin Spacey) - Il boss criminale (Jamie Foxx)
dal film Baby Driver - Il genio della fuga - a cura di MYmoviesl.it
- Mi servi un'altra volta al volante!
- L'ultimo lavoro e ho chiuso!
- L'ultimo lavoro e siamo pari...
Dialogo tra Baby (Ansel Elgort) - Doc (Kevin Spacey)
dal film Baby Driver - Il genio della fuga - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 14 settembre 2017
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

"Voglio andare a Ovest sulla provinciale con un'auto che non ci possiamo permettere e con un piano che non ho". Evviva l'improvvisazione, o meglio, il Sogno Americano che sopravvive nei giovani "diversi", stralunati ma di talento. Già, perché chiamare autistico Baby, l'adolescente protagonista del nuovo film del britannico Edgar Wright (sì, il vate della neo demential comedy inglese su cui spicca La [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 settembre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Per le strade di Atlanta sgomma a tutta velocità un ragazzino alla guida di una Dodge rossa (ma passerà anche a Toyota e Chrysler) dopo aver prelevato dei rapinatori di banca mascherati reduci da un colpo. In gergo è un driver ma in realtà è un ventenne per tutti solo "Baby" e dal bizzarro modus operandi: prima di portare via i malviventi dal luogo del crimine grazie al suo talento da pilota, lo osserveremo [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 settembre 2017
Justin Chang
Los Angeles Times

Nel nuovo film scritto e diretto dal britannico Edgar Wright c'è di tutto: azione, thriller, musical, commedia, romanticismo. L'autore dei morti dementi e di Hot fuzz fa un cinema artigianale e spettacolare di altissimo livello. Per il suo secondo film oltre-atlantico si allontana dalla spietata satira sulla classe media britannica e realizza un esuberante tributo pop al genere dei film di rapina, [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 settembre 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Baby è un giovane asso del volante che, ad Atlanta, pilota la fuga di bande di rapinatori per pagare un debito a un boss chiamato Doc. Per il resto fa vita ritirata, occupandosi del vecchio padre adottivo invalido e muto. Un giorno, in una tavola calda, incontra la cameriera Debora, nella quale riconosce subito l'amore della sua vita. Decide allora di rimettersi sulla retta via; invece Doc lo costringe [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
giovedì 7 settembre 2017
 

Baby, così viene chiamato, è un giovane che alla guida di un'auto è in grado di compiere le più spericolate evoluzioni. Questa sua abilità viene sfruttata da Doc, un criminale dall'aspetto borghese, con il quale ha un conto aperto che deve saldare.

BOX OFFICE
giovedì 10 agosto 2017
Andrea Chirichelli

Poche novità nella top ten italiana in attesa degli arrivi odierni di nuovi film che dovrebbero dare un po' di fiato ad un boxoffice esausto. Ieri l'unica novità è stato il secondo posto di Baby Driver, che in anteprima ha ottenuto circa 70mila euro, [...]

VIDEO
venerdì 14 aprile 2017
 

Il premio Oscar Jamie Foxx torna in un'esilarante commedia che mescola crimine ed inseguimenti in auto, condita da una musica elettrizzante. Protagonista di Baby Driver - Il genio della fuga è Baby, giovane pilota che si presta a fughe criminali, affidandosi [...]

TRAILER
martedì 11 aprile 2017
 

Baby è un giovane pilota che si presta a fughe criminali, affidandosi nella guida al ritmo incalzante della sua musica preferita, per essere il migliore nel campo. Costretto a lavorare per un boss, metterà a rischio la vita, la libertà ed il suo amore [...]

TRAILER
lunedì 13 marzo 2017
 

Un giovane pilota si presta a fughe criminali, affidandosi nella guida al ritmo incalzante della sua musica preferita, per essere il migliore nel campo. Costretto a lavorare per un boss, metteraà a rischio la vita, la libertaà ed il suo amore a causa [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati