C'era una volta a New York

Acquista su Ibs.it   Dvd C'era una volta a New York   Blu-Ray C'era una volta a New York  
Un film di James Gray. Con Marion Cotillard, Joaquin Phoenix, Jeremy Renner, Dagmara Dominczyk, Angela Sarafyan.
continua»
Titolo originale The Immigrant. Drammatico, durata 120 min. - USA 2013. - Bim Distribuzione uscita giovedì 16 gennaio 2014. MYMONETRO C'era una volta a New York * * 1/2 - - valutazione media: 2,93 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,93/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * 1/2 - -
Marion Cotillard e Joaquin Phoenix sono i protagonisti del nuovo film drammatico diretto da Gray, regista di The Yards e Two Lovers.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un melodramma color seppia che vuole spiazzare ma non riesce a mettere a frutto in pieno le sue idee
Gabriele Niola     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

New York, anni '20. L'arrivo di una donna diversa dalle altre ad Ellis Island sconvolge la vita di un imbonitore/showman/impresario/magnaccia, un uomo che vive raccogliendo ragazze sprovvedute con problemi di immigrazione per poterle impiegare prima negli spettacolini e poi nelle camere con i clienti.
Ewa, polacca fuggita in America sperando nell'aiuto della zia già sistemata a Brooklyn, all'arrivo è stata separata dalla sorella messa in quarantena per la tubercolosi. Da quel momento l'unico pensiero della ragazza è recuperare la sorella, mentre l'unico fine dell'impresario è di tenerla vicino a sè nonostante l'ingerenza del cugino illusionista.
In tutto il cinema dell'americano di origini russe James Gray, corre sotto la forma rassicurante del genere, il senso della famiglia come nucleo originario e gabbia, affetto e costrizione. La fuga dalla famiglia appare al cineasta come un atto al tempo stesso necessario e necessariamente portatore di dolore e sventura (è accaduto prima degli eventi di I padroni della notte, sta per accadere in Two lovers). Ma l'intelligenza di Gray sta nel non affrontare mai il tema direttamente lasciandolo in secondo piano a condizionare gli eventi. Come nella vita.
Questa volta il legame che lega una sorella all'altra segna il destino di quella che è riuscita ad entrare in America (attirata dalla possibilità di un aiuto da parte della zia), coinvolgendola in un giro prima di prostituzione e poi di passioni che sfociano nel dolore morale e fisico (nei pianti, nelle botte e poi nel sangue). Nel melodrammone d'epoca che è The immigrant, tutto colorato sui toni del seppia e giocato (come regola vuole per i melodrammi) su volti tempestati di preoccupazione e dolore, sul giudizio della società, sui tradimenti degli affetti cari e sulle ingiustizie subite, quel che conta non è più l'intreccio sentimentale o lo struggimento, quanto il percorso di purificazione.
A sorpresa però, nonostante le apparenze iniziali, il centro sentimentale non è la protagonista femminile come si converrebbe, ma diventa gradualmente il solito Joaquin Phoenix (alla quarta collaborazione con Gray), il più tipico degli uomini dominati da un sentimento incontrollabile per il quale perde tutto quel che ha raggiunto. Il regista però non indugia nell'esibizione del suo dolore o nella vessazione dei suoi sogni, quanto nel suo percorso di sfruttatore che diventa salvatore. Con un'ingenuità insospettabile e con un non casuale contrappunto di chiese e confessioni, The immigrant racconta un uomo che diventa migliore per amore e per questo la sua vita peggiora.
Purtroppo l'elemento più interessante del film è anche il suo punto debole, perchè l'immigrata costretta a tutto per liberare la sorella è un personaggio che perde di interesse al procedere del film, costringendo Marion Cotillard ad una continua reiterazione delle medesime frasi e dei medesimi intenti, un muro che rimbalza gli stimoli degli altri attori.
Dietro i costumi e le pieghe di questo film tutto marrone e ocra scuro come una foto d'epoca e dietro la narrazione come sempre scorrevole e delicata di Gray, si intuisce il cinema migliore, la volontà di usare una forma (il melò) per rinnovarne le finalità e l'applicazione di una morale (quella religiosa) senza i giudizi a cui si accompagna, tuttavia l'impressione è che tutto questo avvenga più per il desiderio dello spettatore che per meriti effettivi dell'opera.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
C'ERA UNA VOLTA A NEW YORK
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+

-
-
-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play
* * * * -

Rincorrendo il sogno americano

lunedì 20 gennaio 2014 di Pascale Marie

Il regista James Gray ha scelto un cast di bravissimi attori per questo film sull'immigrazione. Due sorelle polacche, Eva e Magda fuggono dalla guerra che devasta l'Europa negli anni '2O, e si imbarcano per New York. Ma ad Ellis Island, porto di smistamento, saranno divise perchè Magda è malata e viene trattenuta. Bruno un individuo poco raccomandabile si interessa ad Eva e paga una guardia che le concederà il visto d'entrata. Inizia così una spiacevole continua »

* * * * -

C'era una volta a new york

mercoledì 22 gennaio 2014 di catcarlo

Senza temere né il confronto con un monumento (il titolo originale è uguale a quello de ‘L’emigrante’, Charlie Chaplin nel 1917), né la sfida contro il gusto corrente, che certo non ha una predilezione per il genere, James Gray costruisce attorno a Marion Cotillard un sontuoso melodramma in costume capace di regalare emozioni e bel cinema senza bisogno di forzature o effetti speciali. Le sorelle Ewa e Magda arrivano dalla Polonia a Ellis Island con poche speranze continua »

* * - - -

Un'eroina che combatte numerose avversità

lunedì 20 gennaio 2014 di Flyanto

 Film in cui si racconta di due sorelle polacche che nell'anno 1921 decidono di migliorare la propria misera esistenza emigrando negli Stati Uniti. Sul battello che le conduce verso la città di New York una delle due si ammala di tubercolosi e pertanto, una volta arrivata nell'isola di Ellis, prima dell' approdo vero e proprio, non le viene permesso di sbarcare nella città ma di rimanere confinata nell'isola finchè non guarisce. L'altra sorella, interpretata continua »

* * - - -

Melodramma per spettatori "conniventi"

domenica 19 gennaio 2014 di muttley72

Film girato dando volutamente alle immagini una luce oppressiva, quasi a voler accentuare le atmosfere di inizio secolo ed il clima di malinconia (visto il tema non allegro trattato dal film). Attori noti e recitazione dignitosa non possono cancellare il fatto che la trama ed il tema (per come viene trattato) sono entrambi finalizzati solo al "melodramma": lo spettatore che va a cercarsi questo genere di film è sicuramente in cerca di commozione (sulla scia di "Titanic", anche se qui il film è continua »

Jeremy e Ewa
-Cosa vorresti fare quà?
-Voglio essere felice!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Jeremy e Ewa
-Cosa vorresti fare quà?
-Voglio essere felice!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Bruno
Tu cerchi di vedere la parte buona in tutti ma....
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | C'era una volta a New York

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 19 giugno 2014

Cover Dvd C'era una volta a New York A partire da giovedì 19 giugno 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd C'era una volta a New York di James Gray con Jeremy Renner, Joaquin Phoenix, Marion Cotillard, Dagmara Dominczyk. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet C'era una volta a New York (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 4,99 €
Prezzo di listino: 6,50 €
Risparmio: 1,51 €
Aquista on line il dvd del film C'era una volta a New York

Due sorelle a Ellis Island

di Alberto Crespi L'Unità

Un giorno, avendone tempo e voglia, bisognerà aprire un dibattito sul perché James Gray sia considerato da alcuni un grande regista. Si tratta di un cineasta interessante per motivi che attengono al pre-filmico, a ciò che viene prima (e sta fuori) dei film: racconta da sempre storie legate alla comunità russa ed ebrea di Brookyln, New York, ed è quindi un artista «etnico» senza però la forza polemica e l'originalità espressiva del primo Spike Lee. Ha fatto film dignitosi (soprattutto (padroni della notte), ma si ha sempre la sensazione che gli manchino dieci centesimi per fare un dollaro. »

Cotillard, squillo d'un secolo fa

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Elegante e gelido dramma in costume attorno a una triste storia d'immigrazione. Appena sbarcata nella New York del l92l, la profuga polacca Magda Cybulski è messa in quarantena: tubercolosi. La sorella Ewa, rimasta sola e irretita dal premuroso Joaquin Phoenix, è costretta a prostituirsi. Chissà che l'illusionista Jeremy Renner non la tolga dall'inferno. La malinconica Marion Cotillard batte un record: fa l'antico mestiere senza mostrare neppure una caviglia. Da Il Giornale, 16 gennaio 2014 »

I padroni di Ellis Island tra orgoglio e redenzione

di Giulia D'Agnolo Vallan Il Manifesto

L'esperienza della sua famiglia di ebrei immigrati in America dalla Russia nel 1923, il melodramma hollywoodiano anni trenta/quaranta (Davis, Stanwyck, Crawford....), Puccini (Suor Angelica), Theodore Dreiser (Sister Carrie) e il diario di un curato di campagna di Bresson: questi i punti di partenza a cui si ancora C'era una volta a New York (The lmmigrant), quinto film del newyorkese James Gray e, in un certo senso, il suo più «normalizzato», meno interessante. Dopo i laceranti quadri famigliari di Little Odessa, The Yards, We Own the Night e Two Lovers, il regista e co-sceneggiatore (insieme a Richard Menello) costruisce un intero film su un personaggio femminile, creato appositamente per Marion Cotillard. »

È un puro distillato di melodramma

di Alessandra Levantesi La Stampa

L'incontro fra il David Griffith di Il giglio infranto e Le due orfanelle con il Dostoevskij di Umiliati e offesi o Delitto e castigo; o anche, la miscela di vecchie memorie familiari - i nonni di James Gray erano immigrati ebrei russi - con ardenti empiti operistici. In altre parole, C'era una volta a New York è un puro distillato di melodramma. Protagonista Ewa, polacca in fuga dall'Europa postbellica che nel 1921 approda in America sognando il Paradiso e trova l'inferno. Per riuscire a ricongiungersi alla sorella internata per tisi a Ellis Island, la «sventurata» è costretta ad accettare la protezione del losco Bruno, mezzo impresario e mezzo magnaccia che resta ammaliato dalla di lei indistruttibile purezza d'animo; mentre l'ingresso in scena di un rivale precipita il dramma in tragedia sino a un finale di redenzione. »

C'era una volta a New York | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 16 gennaio 2014
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità