Another Year

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Another Year   Dvd Another Year   Blu-Ray Another Year  
Un film di Mike Leigh. Con Jim Broadbent, Lesley Manville, Ruth Sheen, Oliver Maltman, Peter Wight.
continua»
Drammatico, durata 129 min. - Gran Bretagna 2010. - Bim Distribuzione uscita venerdì 4 febbraio 2011. MYMONETRO Another Year * * * - - valutazione media: 3,45 su 59 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,45/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Gerri e Tom sono sposati da decenni e hanno un figlio avvocato, Joe, che conduce vita indipendente ma non ha ancora una compagna.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una grande sceneggiatura per un film sulla fragilità delle relazioni umane
Giancarlo Zappoli     * * * 1/2 -
Showtime:
martedì 26 luglio 2016 alle ore 0,40 in TV su LAEFFE
Scopri gli altri film in televisione »

Lo scorrere delle stagioni di un anno accompagna la vita di un gruppo di personaggi. Gerri, psicologa e Tom, geologo, sono sposati da decenni e hanno un figlio avvocato, il trentenne Joe che conduce vita indipendente ma non ha ancora una compagna. Gerri e Tom ospitano spesso Mary, segretaria nella clinica in cui lavora Gerri sempre in cerca di un uomo col quale condividere le proprie tensioni. A loro si aggiungerà Ken, vecchio amico di Tom e ora spesso ubriaco. In autunno Joe porterà un sorpresa che i genitori troveranno molto piacevole: Katie, una terapista occupazionale di cui si è innamorato ricambiato. L'inverno una morte improvvisa colpirà la famiglia.
Mike Leigh, dopo la variazione sul tema di Happy Go Lucky torna ai suoi soggetti preferiti: le persone (non i personaggi si badi bene) colte nel loro quotidiano con i piccoli/grandi problemi del vivere e con le piccole/grandi gioie (i pomodori coltivati nell'orto fuori città). Leigh è innanzitutto un grande sceneggiatore. Non c'è uno dei suoi caratteri che pronunci frasi che suonino false ma quello che soprattutto resta intatto nel suo fare cinema è la pietas nei confronti delle persone che ritrae in frammenti di vita in cui ci si può in tutto o in parte riconoscere anche se si vive a latitudini diverse. Sia chiaro che non si tratta di 'pietismo'. I suoi protagonisti non si piangono addosso. Vivono le loro contraddizioni, ne soffrono, Leigh ci mostra le loro lacrime ma anche i loro sorrisi senza pretendere nè di fare della facile psicologia nè, in questo caso, di analizzare uno spaccato sociale particolarmente definito.
Da quel grande esploratore delle relazioni umane che è, Leigh ci ricorda in questo film che il tempo che scorre su e dentro di noi non può essere controllato ma non va neppure lasciato a se stesso. Siamo noi, ogni giorno, a caricarlo delle nostre aspettative, delle nostre tensioni, del nostro essere vivi. Basta guardarsi intorno e si troverà sempre qualcuno a cui dare e qualcuno da cui ricevere. Basta rinunciare a rinunciare.

Incassi Another Year
Primo Weekend Italia: € 178.000
Incasso Totale* Italia: € 844.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 17 luglio 2011
Incasso Totale* Usa: $ 3.199.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 24 aprile 2011
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
72%
No
28%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Another Year

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Nastri d'Argento
0
1
European Film Awards
0
2
David di Donatello
0
1
BAFTA
0
2
* * * * -

Meglio soli...

domenica 6 febbraio 2011 di PaoloOozy

Ho letto alcune recensioni e alcuni commenti. A nessuno sfugge trattasi di un film che mette in scena in modo credibile e semplice la disperata solitudine della vita quotidiana, come del resto siamo abituati col cinema di Leigh. Ma sembra invece sfuggire a tutti quello che secondo me è il punto centrale di Another year: svelare la cattiveria del buonismo. Ciò avviene nel film in modo graduale, con un punto di vista che rende sempre più gradevole la sciroccata Mary, e antipatici continua »

* * - - -

Se questa è vita...

sabato 12 febbraio 2011 di Writer58

Narrare la quotidianità di un gruppo di persone nella Londra odierna attraverso  quattro capitoli, uno per ogni stagione dell'anno, può essere una buona idea, se  la regia sorregge questa scelta attraverso una buona scrittura e caratterizzazioni efficaci. Invece, "Another year" di Leigh (di cui avevo visto l'ottimo "Segreti e bugie"), mi è parso un film piatto e privo di sussulti, anche se formalmente corretto, in cui la dimensione del continua »

* * * - -

La leggerezza di alcune 'pacche sulla spalla'

domenica 6 febbraio 2011 di Very75

  In Another year non esiste un unico tempo, ma più tempi, quelli dell’anima umana. I personaggi più belli perché più veri (Mary) disperatamente rincorrono il tempo convenzionalmente scandito dalle quattro stagioni e ‘imposto’, superficialmente, da Gerry e Tom. Ma è quell’essere eternamente ‘fuori-tempo’ (o meglio: fuori da QUEL tempo) di Mary a emozionare  e a intenerire e che Leigh magistralmente mette in scena. Sono continua »

* * * * -

C'erano una volta i 400 colpi

mercoledì 9 febbraio 2011 di gianmarco.diroma

C'erano una volta i 400 colpi: c'era una volta il protagonista del capolavoro di Truffaut che in fuga in riva al mare veniva fissato per sempre nel nostro immaginario con un coraggioso e superbo fermo immagine, capace di rendere Jean-Pierre Léaud il vero alter ego di François Truffaut: rimane oggi invece il volto della povera, sola e sconsolata Mary, che, nel finale dell'ultima fatica cinematografica di Mike Leigh, dopo che la cinepresa ha compiuto un giro completo intorno continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Another Year adesso. »
Shop

DVD | Another Year

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 20 febbraio 2013

Cover Dvd Another Year A partire da mercoledì 20 febbraio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Another Year di Mike Leigh con Jim Broadbent, Lesley Manville, Ruth Sheen, Oliver Maltman. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1. Su internet Another Year (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 4,88 €
Prezzo di listino: 6,50 €
Risparmio: 1,62 €
Aquista on line il dvd del film Another Year

SOUNDTRACK | Another Year

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 18 luglio 2011

Cover CD Another Year A partire da lunedì 18 luglio 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Another Year del regista. Mike Leigh Distribuita da Varèse Sarabande. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

APPROFONDIMENTI | Il cinema autoriale contro l'industria americana e i suoi fragorosi blockbuster.

Quante sorprese sugli schermi europei!

martedì 1 febbraio 2011 - Marzia Gandolfi

Quante sorprese sugli schermi europei! Capitani coraggiosi d’America, autobot allunati, pirati oltre i confini del mare, vampiri all’ultimo atto, piranha e panda in 3D, cowboys e alieni sbarcano sul Vecchio Continente e ‘dichiarano guerra’ al cinema europeo. Quello che nel 2011 imbocca la strada squisitamente autoriale e si fa fortino difensivo contro l’industria americana e i suoi fragorosi blockbuster. A guidarlo con orgoglio e fino all’ultimo respiro sarà Jean-Luc Godard che con Film Socialisme, sinfonia in tre movimenti presentato a Cannes nel 2010 e prossimamente in sala, continua ad interrogarsi su ciò che avviene sullo schermo.

   

Che magone la famiglia anche quando è felice

di Natalia Aspesi La Repubblica

I 129 minuti di Another year sono scanditi dalle stagioni, primavera, estate, autunno, inverno, e ogni stagione ha il suo lavoro nell' orto e i suoi eventi, piccoli eventi di vita di tutti: i protagonisti si chiamano Tom e Gerri, invecchiano e imbruttiscono insieme, lui con la pancetta lei con un impressionante doppio mento, e sono armoniosamente felici. Se si va a vederlo, perché il film si sa che è bello e si è in tanti ad amare il quasi settantenne inglese Mike Leigh, che lo ha scritto e diretto con la massima intensità, magari in un momento di particolare scontentezza personale, può darsi che si finisca col pensare: ma non è che anche al meglio, quando hai tutto quello che si deve avere, una bella famiglia serena e unita, un buon lavoro al servizio della comunità, una casa carina, gli amici, una passata giovinezza entusiasmante, la vita che passa e si allontana dall' unica luce, quella della giovinezza, in attesa dell' immancabile buio, sia comunque una schifezza? Forse Leigh non aveva questa intenzione, però mostrandoci lo sperdimento e l' infelicità di chi invecchia in solitudine, non vuole neppure dirci che l' unica soluzione per sopportare la vita sia la famiglia: una famiglia apparentemente invidiabile come quella del geologo Tom (Jim Broadbent) e della psicologa Gerri (Ruth Sheen), più o meno sessantenni, che vivono in osmosi di gusti e di gesti, e del trentenne figlio Joe dalle guance rotonde, avvocato dei poveri, che finalmente trova la fidanzata giusta, una terapista degli anziani, scialbetta ma giovane. »

Crudelmente umano

di Roberto Escobar L'Espresso

Tutto è umano, teneramente e crudelmente umano, in “Another Year” (Gran Bretagna, 2010, 129’). Il film inizia su un silenzio ostinato: quello di Janet (Imelda Staunton, una sessantenne che siede di fronte a Tanya (Michelle Austin). È medico, Tanva, e Janet vuole qualcosa che l’aiuti a dormire. Nel suo sguardo ci sono le ombre d’un passato cupo e d’un presente senza attesa di futuro, Con dolcezza, l’altra cerca di “entrare” nella sua infelicità, ma lei ci si rinchiude, muta. Intanto, la macchina da presa si muove sui loro volti e sui loro corpi. »

Mike Leigh e l'arte segreta di fare buon uso del tempo

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

E se il cinema invecchiando diventasse maestro nella difficile arte di invecchiare, per non dire di vivere? Se questo linguaggio fatto di spazio - ma soprattutto di tempo, anche se il tempo è sempre così difficile da filmare - ci mostrasse una santa volta come fare buon uso del tempo che ci è concesso, e anche di quello che ci siamo ormai lasciati alle spalle? Naturalmente Mike Leigh non “insegna” proprio nulla. Però Another Year e i suoi strepitosi interpreti (ignorati a Cannes anche se meritavano una palma collettiva) ci mostrano con concretezza quasi dolorosa cosa (ci) facciamo quando agiamo in un modo o nell’altro nella nostra vita di relazione. »

Un esperimento esoterico sul corpo degli attori

di Roberto Silvestri Il Manifesto

Passano le stagioni....primavera, estate, autunno, inverno. C’è una famiglia moderatamente agiata e anziana, lui ingegnere geologo, lei consulente medico-psicologo, e ci sono i loro amici. L’amore e la solitudine, la gioia e la tristezza, la speranza e la disperazione. L’evasione e la routine. Gli ospiti desiderati e quelli che si impongono un po’ troppo. Una partita di golf finita sul ridere, i ricordi di un lungo viaggio esotico, forse il top della felicità assieme al festival di Wight 1970 e alle utopie hippies accantonate. »

Another Year | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Nastri d'Argento (1)
European Film Awards (2)
David di Donatello (1)
BAFTA (2)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 |
Link esterni
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità