Centochiodi

Acquista su Ibs.it   Dvd Centochiodi   Blu-Ray Centochiodi  
Un film di Ermanno Olmi. Con Raz Degan, Luna Bendandi, Amina Syed, Michele Zattara, Andrea Lanfredi.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+16, durata 92 min. - Italia 2007. - 01 Distribution uscita venerdì 30 marzo 2007. MYMONETRO Centochiodi * * * 1/2 - valutazione media: 3,55 su 143 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,55/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Amicizia, amore e vita quotidiana di un giovane professore alle prese con una nuova, necessaria, vita.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Il testamento autoriale di Olmi
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Un giovane e attraente professore universitario di filosofia si rende improvvisamente irreperibile. È infatti ricercato per un reato del tutto insolito: ha letteralmente inchiodato al pavimento e ai tavoli di una biblioteca ricca di antichi manoscritti e incunaboli quegli stessi volumi preziosi che avevano nutrito la sua formazione. Mentre i carabinieri lo cercano, il professore trova rifugio sulle rive del Po, a Bagnolo San Vito, dove una piccola comunità gli offre riparo e accoglienza.
Ermanno Olmi, classe 1931, ha deciso, da spirito libero quale è sempre stato: Centochiodi è il suo ultimo film di fiction. D'ora in avanti tornerà al primo amore o, meglio, al mezzo espressivo che per primo ha incontrato sulla sua strada artistica: il documentario. Ecco allora che questa 'storia' diventa una sorta di testamento autoriale. Cosa preme di più al settantaseienne autore? Gli preme, ancora una volta, guardare alla Fede attraverso l'uomo. Un uomo liberato dal vincolo del rigore della Legge che, per interessi del tutto umani, si pretende essere metro di tutte le cose. La parola, la parola scritta, codificata nei libri non vale un caffè con un amico. Olmi contro la lettura quindi? Assolutamente no. Olmi contro l'agitare i Libri (di qualsiasi fede e religione) per nascondere dietro quelle pagine, di cui ci si proclama unici e indefettibili interpreti, progetti di egemonia culturale o politica. Il Sacro per il regista è troppo importante per essere chiuso entro limiti. "Ma pur necessari, i libri non parlano da soli" afferma l'epigrafe che apre il film.
Chi parla veramente al cuore e alla mente del protagonista, un Gesù Cristo in autoesilio dal mondo freddo della 'Cultura', sono quegli umili che vivono sulle sponde del Po (fiume amato da Olmi che già ne aveva cantato la magia in un documentario) che sono capaci di accogliere con piena naturalezza (senza neppure far mancare quella carnalità che può anche sfociare nel motteggio volgare) lo Sconosciuto. Magari anche aiutandolo a riparare un tugurio, ricevendo poi in modo disinteressato la sua solidarietà nel difendere quegli argini che il mercantilismo cieco vorrebbe deturpare. È proprio in questa genuina umanità che si rispecchia il senso della vita secondo Olmi ed è un po' un peccato che il doppiaggio delle fasi iniziali del film e quello del valido Raz Degan (a riprova che i Maestri sanno trovare il talento là dove altri hanno visto solo l'esteriorità) in qualche modo ne falsino la compattezza, non solo stilistica ma anche sonora. Meglio sarebbe stato se Degan avesse parlato in quel suo italiano stentato che lo avrebbe fatto diventare un 'Cristo' venuto da lontano e ancor più pronto (rispetto a quello un po' declamatorio che ci offre il doppiatore) a 'imparare' dall'uomo che fa del dialetto il mezzo di comunicazione della sua saggezza popolare. Nonostante questo il film rimane nella mente e nel cuore spingendoci ad attendere il suo ritorno sugli schermi con i documentari che già sta realizzando.

Premi e nomination Centochiodi MYmovies
Centochiodi recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Centochiodi
Primo Weekend Italia: € 407.000
Incasso Totale* Italia: € 2.417.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 23 settembre 2007
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
68%
No
32%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Centochiodi

premi
nomination
Festival di Venezia
1
0
* * * * *

Uno dei miglior film della storia del cinema

mercoledì 25 aprile 2007 di Tiziano1963

Pensavo che il film capolavoro di Olmi fosse "L'albero degli zoccoli" ma evidentemente Ermanno ha superato sè stesso. E' raro che un film al cinema riesca contemporaneamente a suscitare grandi riflessioni e grande commozione, eppure Olmi è riuscito a comporre un capolavoro, vorrei che vincesse tutti i premi possibili: miglior attore protagonista, miglior attrice non protagonista, migliori comparse, fotografia eccezionale, colonna sonora, sceneggiatura, ecc., in sintesi ogni aspetto di questo film continua »

* - - - -

Olmi si è scordato come si fa un film...

lunedì 2 aprile 2007 di lanacaprina

Film testamento di Ermanno Olmi... nel senso che il regista mette la pietra tombale sul buon cinema! Un improbabile Raz Degan, inespressivo e doppiato in maniera imbarazzante, nei panni di un professore universitario di filosofia (i suoi bicipiti mostrano con evidenza gli anni passati sui libri!) che, afferrata la "verità della vita", compie un gesto eclatante e abbandona i suoi studi e tutti i suoi averi (tranne carta di credito con oltre 25.000 euro, computer portatile dalla batteria infinita continua »

* * * * *

Un olmo di nome e di fatto

sabato 31 marzo 2007 di goldy Milano

La metafora è coraggiosa, tanto grande è il rischio del fraintendimento! Il libro cone strumento come utensile: un aratro, un martello, Srumenti per costruire la propria realtà, un proprio percorso che ognuno ha il dovere di perseguire nel rispetto delle proprie capacità e dei propri limiti. Sbagliando se occorre purchè nel rifiuto della falsariga di prescrizioni elaborate da altri. Un libro bello da gioia ma il senso della vita lo si può cogliere anche senza averne mai letto uno. Le regole continua »

* - - - -

Controproducente

venerdì 6 aprile 2007 di Katua

Un film imbarazzante. Sorprende che un bravo regista come Olmi abbia confezionato una favoletta così traballante e melensa, con personaggi e narrazione sviluppati in modo così rozzo da risultare inverosimili anche per gli standard dei cartoni animati. Non funziona niente: il protagonista si esprime esclusivamente per frasi fatte, talmente retoriche da sfiorare il ridicolo; gli abitanti del villaggio sembrano spietate parodie dei contadini dell'Albero degli Zoccoli; il monsignore bibliofilo è la continua »

Raz Degan
Tutti i libri del mondo non valgono un caffè con un amico.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Raz Degan
Nel giorno del giudizio sarà lui [Dio] a dover rendere conto di tutta la sofferenza del mondo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Raz Degan
Se mi volto indietro vedo solo pagine di libri: una vita fatta di carta...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Centochiodi oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Centochiodi

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 22 settembre 2015

Cover Dvd Centochiodi A partire da martedì 22 settembre 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Centochiodi di Ermanno Olmi con Raz Degan, Luna Bendandi, Amina Syed, Michele Zattara. Distribuito da CG Entertainment. Su internet Centochiodi (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Centochiodi

di Giacomo Vallati Avvenire

Piantare un chiodo. Ovvero: «Rifiutare i modelli imposti, fare una scelta di campo e lasciarci alle spalle tutto ciò che ci soffoca e ci opprime». In una parola: dire basta. Con il suo scorrere solenne e indifferente, l'aria sospesa fra gli argini immensi, il Grande Fiume sembra il luogo meno adatto alle scelte drastiche. E invece è proprio qui, sugli argini del Po, nella piatta e luminosa campagna mantovana, che Ermanno Olmi è venuto a «piantare il chiodo». O, meglio, a farlo piantare al protagonista del suo nuovo film (intitolato appunto Cento chiodi), agli ultimi giorni di riprese. »

Olmi d'amore e povertà

di Lietta Tornabuoni La Stampa

«Tutti i libri del mondo non valgono un caffè, una carezza». «Le religioni non hanno mai salvato il mondo». «Nel giorno del Giudizio, sarà Dio a dover rendere conto della sofferenza degli uomini». Magari sono queste idee ad aver bloccato a lungo Centochiodi di Ermanno Olmi, ad aver fatto sì che RAICinema rifiutasse il film a Festival, e neppure lo facesse vedere a chi chiedeva di vederlo. E' un film bellissimo. Olmi ha annunciato che a 76 anni, dopo aver diretto tanti lungometraggi, dopo quasi cinquant'anni di lavoro, non dirigerà più cinema narrativo. »

Il nuovo vangelo mancato

di Marco Lodoli Diario

Chiedo venia agli angeli dei cielo, ai migliori critici cinematografici, ai conduttori televisivi più attenti, a tutti coloro che con sommo gaudio hanno osannato il film di Olmi: vorrei essere nel coro, far sentire anche la mia vocina perfettamente intonata alla laude, ma purtroppo la mia coscienza mi Costringe a dire la verità, anche se suonerà blasfema. Centochiodi non è un bel film. Ecco l’ho detto, passerò da capriccioso signornò, però che posso farci se a me il film non è piaciuto? Capita a volte che un’opera affronti grandi temi, che scaldano, inquietano, su cui si misurano filosofi e teologi, politici ed economisti, e la gente che ascolta, che legge, può approfittare di tanto bendidio, farsi venire la voglia di rileggere qualche testo decisivo, un Vangelo, la vita di San Francesco, il diario intimo di una mistica, e questo ovviamente è una fortuna. »

L'ultima volta di Olmi è un film spirituale e realista

di Roberto Nepoti La Repubblica

Dopo aver trafitto con grossi chiodi i preziosi manoscritti di una biblioteca universitaria, un giovane professore di filosofia dell'università di Bologna fa perdere le proprie tracce; poi si nasconde in un rudere lungo l'argine del Po. Dato alle fiamme il trattato che gli ambienti accademici attendevano da lui, l'uomo (che per tutto il film resterà innominato) intreccia nuovi rapporti con gli abitanti del posto: una piccola fornaia che se se innamora, un postino, i componenti di un insediamento abusivo, gente semplice e benevola per la quale il tempo s'è fermato. »

Centochiodi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 30 marzo 2007
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità