Apocalypse Now

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Apocalypse Now  
Consigliato assolutamente sì!
4,82/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * * *
 critican.d.
 pubblico * * * * -
   
   
   
In Vietnam, il capitano Willard viene inviato ai confini della Cambogia per una missione segreta e delicatissima: dovrà uccidere il colonnello Kurtz che, impazzito, sta combattendo una sua guerra privata.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Coppola si impegna in un ragionamento sul bene e sul male e sulla loro relatività attraverso la metafora della guerra
    * * * * *

In Vietnam, durante il terzo anno di guerra, il capitano Willard viene inviato ai confini della Cambogia per una missione segreta e delicatissima: dovrà uccidere il colonnello Kurtz che, impazzito, sta combattendo una sua guerra privata. Willard risale un fiume e si trova a percorrere tutti i gironi dell'inferno. I suoi compagni di viaggio sono degli squinternati. Quasi nulla è comprensibile: gli attacchi con gli elicotteri al ritmo di Wagner, un ufficiale che fa surf sotto i bombardamenti, battaglie all'insegna del "napalm", che rendono la scena simile a quella di una Disneyland allucinata. Trova Kurtz-Brando in un incontro che il regista carica con toni epici e misteriosi: Brando, monumento più che mai, fotografato nella penombra, sembra qualcosa di più o di meno di un essere umano. Kurtz spiega la sua filosofia: occorre uccidere, distruggere e mutilare, anche donne e bambini, se la causa è giusta. In pratica il colonnello giustifica i propri delitti in nome della difesa della patria. È dunque un eroe o un pazzo sanguinario? Willard compie la sua missione e lo uccide. Il film è ispirato al racconto Cuore di tenebra di Conrad ed è sceneggiato da John Milius. Coppola è senza dubbio il regista che ha segnato gli anni Settanta (Oscar a Il Padrino e a questo film) con la sua regia capace di raccontare con stile, seppure appesantita da qualche virtuosismo. Negli autori che cominciavano allora e che sarebbero diventati grandi (come Scott, Cimino e Cohen) la sua lezione sarebbe stata un riferimento imprescindibile. Senza pretendere di cambiare i destini del mondo, Coppola si impegna in un ragionamento sul bene e sul male e sulla loro relatività. Un uomo che ha la possibilità di esercitare un potere sempre maggiore può non riuscire a fermarsi in tempo e a individuare il confine fra la propria anima ancestrale, violenta e amorale, e quella civile, perdendo di vista la possibilità di convivere con gli altri, se sono più deboli. Naturalmente non era casuale che questa filosofia venisse applicata a quella guerra sciagurata che aveva confuso e stravolto tutti gli aspetti della morale americana. Kurtz, credendosi onnipotente, aveva perso di vista il proprio limite umano. Doveva essere distrutto. Il film sarà ricordato per il grande budget (quaranta milioni di dollari) e per le difficoltà di lavorazione nelle Filippine, per il boicottaggio da parte delle autorità americane, che naturalmente non condividevano la chiave negativa e disperata che Coppola dava della guerra. A tre lustri di distanza, Apocalypse Now si pone come manifesto attendibile di quella vicenda e come film dai grandi valori confermati. Ventidue anni dopo, Coppola ha riproposto il film in una nuova versione: Apocalypse Now - Redux,arricchito da 54 minuti di scene inedite, ma soprattutto con un nuovo finale, è giunto nelle sale nel 2001.

Premi e nomination Apocalypse Now MYmovies
Apocalypse Now recensione dal dizionario Farinotti
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Apocalypse Now

premi
nomination
Premio Oscar
5
12
Golden Globes
2
1
Festival di Cannes
1
0
David di Donatello
1
0
* * * - -

Grandioso ,roboante ,scenografico

lunedì 1 novembre 2010 di weach

Apocalypse Now ,di Francis Ford Coppola, è film complesso ,roboante,estetico, ambizioso, delirante,filosofico, liberatorio, istrione , incisivo, narcotizzante,deviante , teatrale,folle . Contiene tutte queste aggettivi ma anche   quello di contradditorio. Non semba centrale nel film la critica all'orrore della guerra  quanto l'effetto che la stessa ha sull'animo   umano :ricollega l'umano all'archetipo ancestrale della violenza come continua »

* * * * *

Apocalisse mentale

martedì 4 dicembre 2001 di campione

Senza dubbio il più grande film basato sull'introspezione psicologica Coppola va oltre il Vietnam, va oltre la guerra per entrare all'interno degli infiniti meandri dell'animo umano. Non si riconosce il Bene nè il Male c'è solo la volontà del nostro essere di ricercarsi. Colori suoni atmosfere a dir poco oniriche ci travolgono in modo incessante. Apocalypse now: un punto di riferimento inquietante! continua »

* * * * *

Il cuore tenebroso degli anni 70

sabato 15 settembre 2007 di Alessandro

Apocalypse Now,oltre a essere un film sulla guerra del Vietnam,è soprattutto il Vietnam...Apocalypse now è il film che si addentra meglio nelle tenebre,nella psiche nella giungla della mente umana,nella morte,nella pazzia e nella solitudine.Un opera selvatica e imprevedibile:si può affermare che Apocalypse Now sia (molto probabilmente)il film degli anni settanta o almeno quello che li rappresenta meglio.i 70 sono anni dove il cinema Americano ,grazie a nuove ondate di nuovi registi( quali c Scorsese continua »

* * * * -

Apocalypse now:un film contro l'ipocrisia

sabato 9 agosto 2008 di Antonio the Rock

Apocalypse Now come disse lo stesso Coppola "non è un film sul Vietnam è il Vietnam".La crudeltà è imperante molte volte accompagnata dalle musiche di Wagner o dei più recenti Rolling Stones,che invece di rendere meno tragiche le scene non fanno che evidenziarne la loro natura:al ritmo di rock n'roll e di sinfonie d'altri tempi si ammazza senza pensare due volte e riflettere quindi delle proprie azioni.La guerra, è questo su cui pone l'accento il regista, oltre a essere la più drammatica delle esperienze continua »

Il capitano Willard (Martin Sheen), a proposito della guerra in Vietnam
Accusare un uomo di omicidio quaggiù era come fare contravvenzioni per eccesso di velocità alla 500 Miglia di Indianapolis.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il colonnello Kilgore (Robert Duvall)
Mi piace l'odore del napalm di mattina.
(I love the smell of napalm in the morning.)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 12 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il colonnello Kilgore (Robert Duvall) parla con un soldato prima della attacco al villaggio vietcong
Arriveremo a bassa quota con il sole alle spalle, e a un miglio di distanza gli sbattiamo la musica.
La musica ?
Io uso Wagner, fa cacare sotto i Vietnamiti. I miei ragazzi l'adorano!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

SOUNDTRACK | Apocalypse Now

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 16 novembre 2001

Cover CD Apocalypse Now A partire da venerdì 16 novembre 2001 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Apocalypse Now del regista. Francis Ford Coppola Distribuita da Nonesuch.

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Torna il grande film sul conflitto nel Vietnam diretto da Francis Ford Coppola nel 1979, rimasto l'emblema di ogni opera cinematografica sui disastri, sull'inferno e sulla tristezza della guerra. La versione reintegrata e restaurata dura 203 minuti (la prima edizione era di 150 minuti) e presenta sequenze inedite: una visita del protagonista Martin Sheen alla piantagione d'una ricca famiglia di francesi, ex coloni in Indocina; la misera avventura sessuale di due soldati; l'ampliamento dell'incontro finale con Kurtz, che permette a Marlon Brando di arricchire il personaggio. »

La storia dietro la storia di «Apocalypse Now»

di Irene Bignardi La Repubblica

Problemi di budget. La casa a rischio. La depressione e il senso di impotenza. Un finale che non sì trova (e che viene rifatto tre volte). Un tifone. La guerriglia alle porte. L'infarto del protagonista Martin Sheen. I capricci da tre milioni di dollari di Marlon Brando. E via elencando mille difficoltà. È la storia di Apocalypse Now (1979), il grande film di Francis Forti Coppola (Premio Oscar, laureato dai Golden Globe, Palma d'oro a Cannes), che è diventato un monumento della storia del cinema. »

Apocalypse Now | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | alessandro
  2° | il cinefilo
  3° | campione
  4° | conte de la f�re
  5° | brando fioravanti
  6° | filippo catani
  7° | antonio the rock
  8° | great steven
  9° | tomdoniphon
10° | biso 93
11° | ricoric
12° | greyhound
13° | andy11
14° | nicolò
15° | nello
16° | laurence316
17° | jacopo b98
18° | loris kiris
19° | nick simon
20° | madmax86
21° | nexus
22° | hollywood stefano
23° | joker 91
24° | tony montana
25° | nexus
26° | renato c.
27° | al
28° | mr.619
29° | ilpredicatoreneldeserto
30° | lu161
31° | dux
32° | franceso1987
33° | mac
34° | piero
35° | weach
Premio Oscar (17)
Golden Globes (3)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito Ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità