•  
  •  
Apri le opzioni

Alessandro Di Robilant

Alessandro Di Robilant è un regista, scrittore, sceneggiatore, co-sceneggiatore, è nato il 23 ottobre 1953 a Pully (Svizzera). Alessandro Di Robilant ha oggi 68 anni ed è del segno zodiacale Scorpione.

La voce della maladolescenza

A cura di Fabio Secchi Frau

Con una manciata di film all'attivo, Alessandro Di Robilant si impone nella cinematografia italiana come uno dei registi meno zuccherosi e più crudi, ma anche uno dei più abili a manipolare suggestioni adolescenziali descrivendo la subcultura giovanile nella sua totalità, dall'amore per il rock al fumetto, attraversando qualsiasi altro elemento connaturato nella loro cultura. Violento, trasgressivo, a volte demenziale, non evita tematiche poetiche, romantiche e decadenti, descrivendo bieche parabole di normalità con uno stile che deve molto al cinema americano, al cromatismo dei videoclip e alla mentalità tipica di chi vive da emarginato e fa di tutto questo il suo punto di forza.
Un perfetto narratore delle gesta di personaggi sgradevoli, ma efficaci sotto il punto di vista del trasporto emotivo. Malavita, primi amori, ragazzi e ragazze... è forse questa la summa di tutti i suoi contenuti, perfettamente allineati in Marpiccolo, nella trasposizione cinematografica del libro di Andrea Cotti "Stupido", presentato nel 2009, alla quarta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, all'interno del quale dirige ottimamente Giulio Beranek, Anna Ferruzzo, Selenia Orzella, Michele Riondino, Nicola Rignanese, Roberto Bovenga e Giorgio Colangeli. Un regista duro, puro, interiore, ferito, pieno di rimpianti e che delinea storie di esseri sognanti di eternità.

Primi lavori
Nato in Svizzera, Di Robilant è il discendente di una famiglia di antica nobiltà piemontese. Cresciuto a Milano, si impegna dapprima nella pubblicità, producendo alcuni spot e cortometraggi, poi nel cinema, diventando l'assistente regista di Mario Monicelli, Alberto Lattuada e Luigi Comencini.

Esordio cinematografico come regista
Nel 1985, debutta cinematograficamente nella pellicola Anche lei fumava il sigaro con Maurizio Donadoni, Alessandro Haber e Hal Yamanouchi.
L'anno seguente, è lo sceneggiatore di un episodio di Caccia al ladro d'autore, poi torna al grande schermo con quella che è considerata la sua migliore opera Il nodo alla cravatta (1981) con Delia Boccardo, storia drammatica di Carlino, un tredicenne cresciuto in una famiglia alto borghese che si ritrova irrequieto in quelli che sono gli steccati morali (o immorali) della sua famiglia.

Il successo de Il giudice ragazzino
Anche se forse incontra il successo e il pubblico con la trasposizione del libro Il giudice ragazzino (1994) di Nando Dalla Chiesa, incentrato sulla biografia del magistrato Rosario Livatino, ucciso barbaramente dalla mafia. La pellicola gli farà ottenere il premio Blue Angel al Festival di Berlino.

Altri lavori inerenti al cinema sociale
Nel 1998, firma il documentario Un paese di sportivi, seguito dalle fiction Vite blindate (1998) e La voce del sangue (1999) entrambe per la Rai. Nel 1999, decide di portare sul grande schermo il racconto "La città dolente" di Agostino Licandro e Aldo Varano, attraversando con uno sguardo più adulto e grottesco le tipologie di una situazione politica, economica e sociale tipiche della nostra Italia.
Sfortunatamente, la pellicola per quanto geniale, è un insuccesso tale da spingerlo, per qualche anno a una lunga pausa. Pausa durante la quale entra in contatto con Maurizio Costanzo, pronto ad affidargli una nuova sceneggiatura cinematografica: Per sempre (2003). Anche qui, l'attenzione del pubblico è minima, così Di Robilant si ritrova a firmare la regia della fiction L'uomo della carità (2007), agiografia del fondatore della Caritas Luigi Di Liegro, seguita dalla pellicola Marpiccolo (2009) con la quale domina ancora una volta quel sottogenere di pellicole italiane dai toni aspri e "di cemento", che con pulizia, dignità e onestà raccontano la vera Italia.

Ultimi film

Drammatico, (Italia - 2009), 93 min.
Drammatico, (Italia - 2003), 100 min.
Commedia, (Italia - 1999), 105 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati