Stranizza d'amuri

Film 2023 | Drammatico,

Regia di Giuseppe Fiorello. Un film Da vedere 2023 con Gabriele Pizzurro, Samuele Segreto, Fabrizia Sacchi, Simona Malato, Antonio De Matteo. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2023, Uscita cinema giovedì 23 marzo 2023 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,36 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Stranizza d'amuri tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 21 marzo 2023

Dedicato a Giorgio e Antonio, vittime del delitto di Giarre, avvenuto nel 1980 in provincia di Catania. Il film ha ottenuto 2 candidature e vinto un premio ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Stranizza d'amuri ha incassato 1,3 milioni di euro .

Consigliato sì!
3,36/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,66
PUBBLICO 3,92
CONSIGLIATO SÌ
Con scelte di regia mai manipolative, Beppe Fiorello evidenzia i pregiudizi mentre rievoca un ambiente autentico ed emozioni vivissime.
Recensione di Paola Casella
martedì 21 marzo 2023
Recensione di Paola Casella
martedì 21 marzo 2023

Sicilia, estate 1982. Nino è il figlio maggiore in una famiglia di creatori di fuochi d'artificio: gente onesta, allegra e laboriosa. Il ragazzo ha appena terminato il liceo con profitto e il suo regalo è stato quel motorino con cui scorrazza gioiosamente attraverso la campagna siciliana. Gianni è un suo coetaneo tornato dal riformatorio che vive in un altro paese con la madre e il patrigno che gli ha dato un lavoro nella sua officina e un tetto sopra la testa, ma che lo tratta con continuo disprezzo. Di fronte all'officina c'è il bar i cui avventori si dilettano a prendere in giro il ragazzo additandolo come omosessuale. Un giorno, mentre Gianni sta andando a consegnare un Ciao ad un cliente, Nino lo sperona con il suo motorino: è la scintilla che accende un'amicizia meravigliosa, che potrebbe condurre a qualcosa di molto più profondo. Ma la Sicilia rurale dei primi anni Ottanta non è il luogo per questo tipo di relazioni dai confini incerti.

Giuseppe "Beppe" Fiorello esordisce alla regia del lungometraggio Stranizza d'amuri, già titolo di una celebre canzone del suo concittadino Franco Battiato, con un progetto che può giungere inaspettato rispetto alla sua immagine cinematografica e televisiva di maschio alfa, quando invece è proprio questo a rendere la sua scelta particolarmente interessante.

Perché il suo punto di vista su una giovane relazione omosessuale, ispirata a fatti realmente accaduti, è quello di un uomo adulto siciliano ed eterosessuale, intenzionato a evidenziare quei pregiudizi dei quali il suo film mostra le radici culturali e la persistenza tenace.

Fiorello ricrea un mondo e un momento nel passato che appartiene alla sua autobiografia con grande onestà e immediatezza, riportandoci ad un'epoca di ottimismo (sottolineata dalla marcia trionfale della nazionale di calcio verso la vittoria nel campionato mondiale) e di relativa spensieratezza che oggi sembrano fantascienza, e soprattutto ricordandoci la luce, i colori, le temperature ambientali ed emotive di quelle estati al sud che sembrava non dovessero finire mai, e in cui i giovani potevano immaginarsi onnipotenti.

Fiorello e i suoi cosceneggiatori Andrea Cedrola e Carlo Salsa tratteggiano tanto i vitelloni omofobi del bar e il patrigno violento quanto i genitori di Nino affettuosi, ironici e aperti agli altri, benché pronti a tramandare tradizioni che appartengono ad un patriarcato millenario. Personaggio pieno di ombre è invece la madre di Gianni, che ha già conosciuto la discriminazione nei confronti del figlio e vive nella paura di non saper proteggere né lui né se stessa dalla crudeltà della società patriarcale siciliana.

Fiorello dirige abilmente un cast di attori in gran parte sconosciuti al grande pubblico, fra cui spiccano i due giovani protagonisti - il luminoso Gabriele Pizzurro e il più oscuro Samuele Segreto - e Simona Malato nei panni di Lina, la madre tormentata di Gianni, ma anche il resto del cast, da Fabrizia Sacchi e Antonio De Matteo nei panni dei genitori di Nino a Enrico Roccaforte in quelli del patrigno, dal piccolo Raffaele Cordiano (il fratellino Totò) a Roberto Salemi (lo zio Pietro). Anche le scelte di regia sono azzeccate, mai manipolative, sempre alla ricerca di una rievocazione autentica di un ambiente ed emozioni vivissime, anche nella memoria di chi racconta, mai banale o meramente estetizzante nelle inquadrature intrise di un sud riconoscibile, pieno di attenzione verso i personaggi e i dettagli. L'unico problema, per gli spettatori non siciliani, sarà capire il dialogo in siciliano stretto, che a volte richiederebbe sottotitoli.

Il risultato è una storia che ci ricorda cosa voglia dire essere maschio in una cultura mediterranea tradizionale, e con garbo gentile ma anche con inattesa crudeltà, fuori da ogni illusione bucolica, ci fa presente che nella Sicilia degli anni Ottanta (e anche oggi, anche a Nord di Crema) non fosse (e spesso ancora non sia) possibile chiamare i sentimenti e le persone con il loro nome, senza pagare per questo un prezzo altissimo.

Sei d'accordo con Paola Casella?

STRANIZZA D'AMURI disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€14,99
€14,99
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 22 settembre 2023
MARIA GIOVANNA LIVECCHI

STRANIZZA D'AMURI !!! Un film di condanna contro l'omofobia, un film di condanna all' ignoranza ed alla cattiveria che ci circondano e, nel contempo un film fatto anche di momenti di umanità dolcezza e tenerezza infinite ! Purtroppo con un triste epilogo ! Da vedere

giovedì 20 luglio 2023
LUCIANO SIBIO

 Diciamo un bel film e consigliato, anche se con molti luoghi comuni, del resto comprensibili data la grande e recente profusione filmica sul tema e su un certo tipo di Sicilia. Un bel film perchè riesce a riscattarsi in senso drammatico per una singolare attenzione psicologica nella definizione del ruolo delle madri e in genere del ruolo delle donne del posto.

mercoledì 5 aprile 2023
angelo umana

     Ragione di fare un film come Stranizza d'amuri – un bel film – potrebbe essere l'osservazione della lunga strada fatta da una parte della società (o del mondo) per accettare apertamente e senza ipocrisia i liberi comportamenti affettivi altrui. L'omosessualità qui raccontata è oggi dalle nostre parti un fatto che non provocherebbe le [...] Vai alla recensione »

domenica 26 marzo 2023
Cesare

L’omosessualità maschile è da tempo nei soggetti cinematografici. Beppe Fiorello si attiene ai fatti, non prende parte né dei protagonisti né del loro contorno familiare e sociale. Tutti hanno le buone motivazioni per agire come agiscono e questo rende quantomai attuale il film. Fiorello scava in ciascuno di loro, spesso lasciando pronunciare poche parole, [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 maggio 2023
ralphscott

L'emozionante opera prima di Beppe Fiorello, crudelmente coinvolgente, tanto da esser noi spettatori lì con Nino e Gianni, catapultati pienamente negli anni '70 e per loro in sofferenza, per loro arrabbiati ed inermi, tocca il suo vertice di poesia nella meravigliosa scena del ballo tra il garzone del meccanico (Gianni) e sua madre Lina, una danza sulle note di Umberto Bindi - e chi [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 aprile 2023
Cristian

Mi sono iscritto proprio con lo scopo di poter dire la mia su questo film sperando di invogliare altri ad andarlo a vedere. Che dire? Il film di Beppe Fiorello è semplicemente sublime, fatto di una umanità che parla anche solo con gli sguardi, lontano anni luce da quella realtà fatta di automi con gli occhi costantemente incollati allo schermo di un telefonino.

domenica 2 aprile 2023

Realistico credibile e vero, come un monito in questi giorni in cui il rischio di tornare indietro è sempre in agguato

giovedì 30 marzo 2023
athos

Film evocativo di un fatto realmente accaduto. Il regista sposta la vicenda di un paio d'anni, cambiando le età dei protagonisti per dare più vigore alla storia. Un film molto bello ed emozionante che con equilibrio racconta la storia di due giovani omosessuali, usando tatto e delicatezza in tutti i frangenti della storia

martedì 10 ottobre 2023
no_data

 Film "Stranizza d'amuri" ... vergognosamente incomprensibile. Espresso per i 3/4 in dialetto siciliano stretto ... forse la strada per auto proclamarsi "regista" di Giuseppe Fiorello è ancora molto lunga, se non è riuscito in primis a porsi la questione che una moltitudine di persone (italiane e non, per non dire la quasi totalità) di coloro che assisterann [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 maggio 2023
Arianna Castiglione

questo film purtroppo non mi è piaciuto per niente. Avevo aspettative molto alte che purtroppo sono state deluse, un tema di tale importanza è stato trattato in modo superficiale e stereotipato con due attori carini esteticamente ma mediocri. Inoltre, devo ammettere che la regia non mi fa purtroppo impazzire

lunedì 3 aprile 2023
lapeperro@gmail.com

Ha il merito di raccontare una storia importante, quella vera di due ragazzi uccisi nel 1980 a Giarre perchè gay, ma ha il demerito di raccontarla con uno sguardo che non approfondice e non emoziona. Peccato, perché invece il libro di origine - Stranizza di Valerio la Martire - è potentissimo ed emozionante. Belle alcune immagini, bravi alcuni attori.

FOCUS
FOCUS
mercoledì 22 marzo 2023
Claudia Catalli

Quando un attore osa il debutto dietro la macchina da presa lo fa generalmente perché spinto da una storia che ci tiene profondamente a raccontare per motivi del tutto personali. È il caso di Giuseppe Fiorello, che a 54 anni firma un film d'esordio di quelli memorabili, pescando tanto nella cronaca quanto nella sua esperienza di vita.

Per narrare lo sconvolgente delitto di Giarre del 1980, in cui due adolescenti gay furono ritrovati uccisi perché 'colpevoli' di amarsi, racconta la Sicilia che ha vissuto in prima persona, con i suoi contrasti paesaggistici (il mare dai colori unici e le ciminiere sullo sfondo, gli spazi sconfinati e le mura domestiche claustrofobiche) e mentali (la generosità dell'ospitalità da una parte, la mentalità chiusa, patriarcale e ancorata a tradizioni secolari dall'altra). Nel mezzo, la purezza contagiosa di una storia d'amicizia e di amore che sboccia all'improvviso, e prosegue con la lentezza di chi ha l'età per assaporare ogni attimo e per scoprirsi, mentre scopre l'altra persona.

Ne esce un film inaspettatamente poetico, delicato, genuino, toccante, che vanta già uno stile autoriale maturo e una scrittura solida, allergica a ogni scelta facile e banale, come a ogni semplificazione manicheista.

Non c'è giusto o sbagliato, non ci sono buoni e cattivi, c'è una storia d'amore travolgente pluridimensionale e vista come pericolosa perché in grado di sovvertire un intero sistema valoriale. Un sistema che oggi definiremmo violento, tossico e omofobo, ma che Fiorello ha il merito di descrivere con onestà e senza retorica, sorvolando sul giudizio e mostrando con estrema onestà quanta discriminazione si consumi nei baretti di quartiere, come tra le mura domestiche.

Malgrado questo, Stranizza d'amuri non vuole essere un film di denuncia, ma un godibilissimo inno alla vita e alla libertà di amarsi, che catapulta chi guarda sul motorino dei protagonisti, con il vento in faccia e il sorriso stampato sul volto di chi a 16 anni si sente finalmente compreso, accettato e amato. 

Il lavoro che Giuseppe Fiorello fa, da attore qual è, sui personaggi è quanto mai scrupoloso e approfondito. Difficile trovare ragazzi protagonisti convincenti come Gabriele Pizzurro e Samuele Segreto nei panni di Gianni e Nino, vince la scelta di un cast che anziché puntare su nomi altisonanti va a caccia delle facce giuste e di attori in grado di rendere credibile e misurata anche la scena più drammatica.

Colpiscono i padri (specie l'ottimo Antonio De Matteo) nelle loro granitiche presenze, nei loro incontrastati ruoli di potere e minaccia machista, ma sono le madri a fare la differenza, con le loro scelte sofferte, con la loro dolente consapevolezza (Fabrizia Sacchi e Simona Malato, una più convincente dell'altra).

Funziona la scelta di Fiorello di stare sempre un passo indietro, senza cedere alla tentazione di autodirigersi, senza girare direttamente a Giarre per discrezione e rispetto, senza imporre narcisisticamente la propria presenza (a differenza di altri suoi colleghi nelle loro opere prime).

Lascia che a parlare sia la sua visione, il suo respiro autoriale, una poetica che nasce con Stranizza d'amuri sulle note di Battiato, e non poteva essere altrimenti. Da grande fan del cantautore siciliano, Fiorello lo omaggia a più riprese e lascia la cura della colonna sonora a chi lo volle a tutti i costi come mentore. Giovanni Caccamo con Leonardo Milani fa un ottimo lavoro nel suggellare scene clou del racconto con le note intramontabili del maestro che insegnò al mondo la "stranizza d'amuri".

Frasi
io non ho odi per te
Nino (Gabriele Pizzurro)
dal film Stranizza d'amuri - a cura di Pasquale
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 17 maggio 2023
Fiaba Di Martino
Film TV

A un certo punto di Stranizza d'amuri, mentre è sulla lunga, silente via di casa, Gianni (Samuele Segreto) viene distratto da uno scoppiettio fuori campo. Sono i fuochi d'artificio che, a una distanza indefinibile, Nino (Gabriele Pizzurro) e suo padre stanno facendo vibrare nel cielo notturno. Forse è la prima volta che li vede, Gianni, o forse è la prima volta che li vede dopo essersi innamorato. Vai alla recensione »

mercoledì 5 aprile 2023
Giovanni Guidi Buffarini
Corriere Adriatico

Un incidente stradale, Gianni e Nino si incontrano così. Nessuno si fa male, si innamorano, ma i gay son guardati storto nella Sicilia del 1982. Beppe Fiorello debutta alla regia rievocando un fatto di cronaca accaduto a Giarre due anni prima, postdatare permette di tirar dentro il Mundial di Spagna, non ce ne lamentiamo. Ma il neoregista, anche autore del copione con Cedrola e Sansa, di cose da imparare [...] Vai alla recensione »

domenica 2 aprile 2023
Massimiliano Schiavoni
Quinlan

Ci sono storie che è necessario raccontare. È una necessità a prescindere, che talvolta può mettere in ombra le precipue specificità cinematografiche. Avvenuto in provincia di Catania agli inizi degli anni Ottanta, il delitto di Giarre è un atroce fatto di cronaca che nell'Italia di oggi è pressoché dimenticato. L'abbiamo dimenticato perché probabilmente ci siamo illusi di essere un paese civilmente [...] Vai alla recensione »

sabato 1 aprile 2023
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Nel 1982, in una località del Catanese, il motorino dell'uno si scontra con quello dell'altro. Così si conoscono due diciottenni: Nino, appena diplomato, è figlio di un artigiano dei fuochi d'artificio; Gianni lavora nell'officina gestita dal compagno della madre. La contrapposizione tra le famiglie è netta: la prima è numerosa, allegra, ospitale; la seconda vive una situazione conflittuale: l'assenza [...] Vai alla recensione »

sabato 25 marzo 2023
Isabella Spagnoli
La Gazzetta di Parma

Sicilia: estate del 1982. Le cicale friniscono senza sosta, i pomodori maturano al sole, la polvere crea mulinelli che invadono strade simili a quelle di un'America rurale abbandonata. Paolo Rossi si prepara a conquistare la coppa del mondo. La spuma servita di fretta nei bar della piazza rinfresca gli animi. Non quelli di due ragazzi che grazie ad un incidente in motorino si incontrano, unendo inevitabilme [...] Vai alla recensione »

sabato 25 marzo 2023
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Ricominciamo dai fondamentali? La tragica vicenda è realmente accaduta, nel 1980 a Giarre, provincia di Catania. Per farla arrivare su uno schermo - prima che agli spetta tori, ben disposti a piangere le loro lacrime di sdegno - serve una sceneggiatura. Un copione che asciughi il superfluo, magari fornisca il contesto, conduca senza noia fino alla fine del film, che dura oltre due ore - ma che vi ha [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2023
Lidia Saller
Il Giornale

Sicilia, 1982. Un incidente in motorino lega fatalmente Gianni e Nino. Tra i due nasce un'amicizia speciale che muta presto in amore, nonostante le maldicenze della gente e i continui soprusi. Esordio alla regia di Beppe Fiorello che porta sullo schermo il delitto di Giarre. E crea personaggi dai contorni netti, a tratti caricaturali. Eccelle nella fotografia: sopranna- turale, sovrasta i protagonisti, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2023
Alessandra De Luca
Avvenire

Sicilia 1982. Mentre le televisioni trasmettono i Mondiali di calcio e gli italiani sperano nella Coppa del mondo, due adolescenti sognano di vivere il loro amore senza paura. Gianni e Nino si incontrano per caso e scelgono di amarsi, ma il loro legame puro e sincero non sfugge al pregiudizio del paese che non comprende e li condanna. Il sentimento che li unisce non sarà compreso nemmeno dalle rispettive [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2023
Federico Rizzo
Sentieri Selvaggi

C'erano una volta due giovani innamorati nella provincia siciliana dei primi anni Ottanta. Non è l'inizio di una favola ma la storia del delitto di Giarre, in cui Giorgio e Antonio, da tutto il paese soprannominati gli "ziti" in senso dispregiativo, sono stati ritrovati morti, mano nella mano, uccisi da un colpo di pistola alla testa. Una vicenda tragica insabbiata in maniera ignobile dall'omertà del [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 marzo 2023
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Nell'ottobre 1980 due ragazzi, Giorgio e Antonio, vengono uccisi a Giarre perché si amavano. Partendo da questo atroce fatto di cronaca, ancora oggi irrisolto, Beppe Fiorello esordisce alla regia con "Stranizza d'amuri", puntuale ricostruzione familiare e d'epoca (spostata in avanti di 2 anni, durante il Mundial vinto in Spagna) che rischia un po' di soffocare la storia intima dei due ragazzi, per [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 marzo 2023
Mattia Pasquini
Ciak

Molti conosceranno sicuramente la canzone di Franco Battiato, ma da oggi Stranizza d'amuri è anche il titolo dell'esordio alla regia di Giuseppe 'Beppe' Fiorello. Un omaggio al Maestro siciliano, la cui musica è grande protagonista del film, ma soprattutto ai due ragazzi ai quali è dedicato, Giorgio e Antonio, vittime del delitto di Giarre, avvenuto nel 1980 in provincia di Catania e che riecheggia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 marzo 2023
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

È un'altra "stranezza", non la svogliatura pirandelliana raccontata dal bel film di Roberto Andò, quella al centro del debutto da cine-regista di Beppe Fiorello, attore e fratello minore.. Il titolo, "Stranizza d'amuri", è preso da una lirica e densa canzone di Franco Battiato risalente al 1979, ma lì si parlava della Seconda guerra mondiale, mentre qui ci si ispira, per reinventarla, a una truce vicenda [...] Vai alla recensione »

martedì 21 marzo 2023
Marco Minniti
Asbury Movies

Non è un lavoro che vada trattato con sufficienza, questo Stranizza d'amuri, esordio dietro la macchina da presa, dopo una lunga carriera da attore e sceneggiatore, per Beppe Fiorello: e ciò non solo per l'indubbia importanza del tema trattato (un delitto impunito, di matrice omofoba, nella Sicilia di provincia dei primi anni '80) o per la relativa vicinanza temporale degli eventi (un quarantennio, [...] Vai alla recensione »

martedì 21 marzo 2023
Rocco Moccagatta
Film TV

Divo di primo piano della fiction, Beppe Fiorello al cinema annaspa. Chi ne sa ponza che non c'è bisogno di pagare il prezzo del biglietto per vederlo sul grande schermo, quando lo si può avere gratis sul piccolo. Al cinema torna ora, ma solo da regista, con un'opera prima che tocca temi urgenti e importanti, in continuità con le sue miniserie e i suoi tv movie, dove spesso è produttore pure con la [...] Vai alla recensione »

martedì 21 marzo 2023
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

All'origine di Stranizza d'amuri c'è il delitto di Giarre, duplice omicidio avvenuto nel 1980 in provincia di Catania. Le vittime erano due fidanzati, il venticinquenne Giorgio Agatino Giammona e Antonio Galatola detto Toni di dieci anni più giovane, da tutti soprannominati "ziti" in senso dispregiativo: scomparsi da casa due settimane prima, furono trovati morti, mano nella mano, uccisi da un colpo [...] Vai alla recensione »

NEWS
HOMEVIDEO
mercoledì 4 ottobre 2023
 

Nastro d’Argento per il miglior esordio alla regia, l'opera è liberamente ispirata a un fatto di cronaca nera. Vai all’articolo »

TRAILER
lunedì 13 marzo 2023
 

Regia di Giuseppe Fiorello. Un film con Gabriele Pizzurro, Samuele Segreto, Fabrizia Sacchi, Simona Malato, Antonio De Matteo. Da giovedì 23 marzo al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 8 marzo 2023
 

Stranizza d'amuri è dedicato a Giorgio e Antonio, vittime del delitto di Giarre, avvenuto nel 1980 in provincia di Catania. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 21 febbraio 2023
 

Regia di Beppe Fiorello. Un film con Gabriele Pizzurro, Samuele Segreto, Fabrizia Sacchi, Simona Malato, Antonio De Matteo. Da giovedì 23 marzo al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 31 marzo 2021
 

A fine estate inizieranno le riprese del primo film diretto da Giuseppe Fiorello Stranizza d'amuri, liberamente ispirato a un fatto di cronaca accaduto in Sicilia alla fine degli anni '70. Il film è prodotto da Iblafilm, Pepito Produzioni con Rai Cinema. [...]

winner
miglior regista esordiente
Nastri d'Argento
2023
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati