Tutti amano Jeanne

Film 2022 | Commedia, +13 95 min.

Titolo originaleTout le monde aime Jeanne
Anno2022
GenereCommedia,
ProduzioneFrancia
Durata95 minuti
Al cinema43 sale cinematografiche
Regia diCéline Devaux
AttoriBlanche Gardin, Laurent Lafitte, Maxence Tual, Nuno Lopes, Marthe Keller .
Uscitagiovedì 22 settembre 2022
TagDa vedere 2022
DistribuzioneNotorious Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,30 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Céline Devaux. Un film Da vedere 2022 con Blanche Gardin, Laurent Lafitte, Maxence Tual, Nuno Lopes, Marthe Keller. Titolo originale: Tout le monde aime Jeanne. Genere Commedia, - Francia, 2022, durata 95 minuti. Uscita cinema giovedì 22 settembre 2022 distribuito da Notorious Pictures. Oggi tra i film al cinema in 43 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,30 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tutti amano Jeanne tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 21 settembre 2022

Una commedia che affronta con originalità il tema delicato della depressione, mettendo in scena tutti quei "pensieri tossici" che spesso condizionano la vita. In Italia al Box Office Tutti amano Jeanne ha incassato 5,9 mila euro .

Consigliato sì!
3,30/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,10
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Depressione e romanticismo battibeccano con brio in una sad-com toccante e originale.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 16 settembre 2022
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 16 settembre 2022

Tutti amano Jeanne, a parte lei stessa. La sua autostima è precipitata il giorno in cui il progetto di raccolta di rifiuti subacquei, che l'aveva resa famosa, si è rivelato un fiasco, e a nulla è valso il suo tuffo in mare per tentare di salvare la presentazione, se non a renderla ridicola agli occhi del mondo, grazie ad un video divenuto virale. Come se non bastasse, per riprendersi dal disastro economico, le tocca il penoso compito di volare a Lisbona per svuotare l'appartamento della madre morta un anno prima. La sua profonda solitudine e la disperazione che non le dà tregua vengono turbate soltanto dall'incontro casuale con un ex compagno di liceo, il quasi omonimo Jean, che sembra conoscerla meglio di quanto lei non creda.

Scritto, diretto e illustrato da Céline Devaux, Tutti amano Jeanne è un oggetto particolare, una sadcom in tutto e per tutto, una commedia malinconica in cui depressione e romanticismo dialogano tra loro.

È un film in cui un vivace battibecco si traduce, in maniera originale e intelligente, nel battibecco tra Jeanne e la sua cinica vocina interiore, resa come un buffo personaggio animato ricoperto di lunghi capelli.

Autrice di alcuni cortometraggi che si sono fatti notare a Cannes e a Venezia, per il suo primo lungometraggio la Devaux può contare sull'apporto fondamentale dell'ottima Blanche Gardin, e sull'affinità che l'attrice instaura con Laurent Lafitte (della Comédie-Française). E tuttavia, è proprio il suo non assomigliare fino all'ultimo ad una commedia romantica propriamente detta che fa del film un'opera toccante, che ragiona sul dolore di essere figli, ex amanti, ex promesse, e si misura con lo stigma del disagio psichico, senza indulgere nella formula classica del monologo nevrotico.

Nella parole, riferite ad altro, della piccola Théodora, nipote di Jean, Jeanne è "una donna che pilota un aereo, non ha più il radar e dunque si perde": aveva una funzione sociale ma un imprevisto l'ha cancellata e l'ha mandata in crisi. L'elaborazione del lutto, che passa dal ricordo della sua vita precedente, e l'incontro con un uomo incurante di qualsiasi diktat socialmente in vigore, apre in lei una nuova visione delle cose. Come la sua macchina sottomarina, che non cattura la plastica come dovrebbe, ma si rivela lo strumento tramite di uno spettacolo naturale inatteso e imprevedibile, Jeanne lascia entrare infine la luce attraverso le tapparelle abbassate e gli occhiali scuri.

Anche la trasformazione del personaggio, però, è resa con apprezzabile understatement, senza retorica né sentimentalismo. Blanche Gardin conserva la sua faccia senza sorriso, e, come avviene per Buster Keaton, è esattamente questo che ci fa più ridere, specie quando a commentare i fatti è il suo alter ego animato, talvolta (le volte migliori) senza nemmeno bisogno di parole.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 24 settembre 2022
Marianna Cappi
La Voce di Mantova

Le commedie migliori sono tragedie mascherate. Lo sa benissimo la trentacinquenne Céline Devaux, il cui lungometraggio di debutto (dopo una serie di corti premiatissimi) comincia con un personaggio finito: una donna di grandi speranze che ha appena fallito grandiosamente. Si chiama Jeanne (Blanche Gardin) e fino a qualche settimana prima de- gli eventi narrati era sulla copertina di tutti i giornali [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2022
Lidia Saller
Il Giornale

Una donna disperata fugge a Lisbona dopo un imbarazzante fallimento lavorativo. Qui incontra un ex-compagno di liceo fuori di testa che la accompagna durante la permanenza nella città. Tra i due nasce un'amicizia speciale e bizzarra: basterà per salvare la tormentata Jeanne? Una Condizione assai comune trattata con ironia e leggerezza attraverso il buffissimo e irriverente alter ego (cartone animato) [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2022
Chiara Zuccari
Sentieri Selvaggi

Il lungometraggio d'esordio di Céline Devaux è un film naïf, pieno di brio e colori, che s'inserisce perfettamente in un certo tipo di commedia francese (rappresentata sullo schermo dalla presenza di Laurent Lafitte), pur riuscendo a mantenere una veste del tutto personale, data dal tocco creativo della stessa regista attraverso le animazioni. Jeanne (un'imperturbabile Blanche Gardin) è una donna di [...] Vai alla recensione »

sabato 20 agosto 2022
Caterina Bogno
Film TV

Studi all'École des arts décoratifs di Parigi, un César per il miglior cortometraggio animato (Le repas dominical) e un altro corto premiato a Venezia, Gros chagrin: la limpida cura artigianale e il gusto squisito con cui la trentacinquenne Céline Devaux, matita alla mano, trasfigura il quotidiano ne fanno una promessa già mantenuta del cinema animato d'oltralpe.

NEWS
NEWS
martedì 23 agosto 2022
 

Una commedia che affronta con originalità il tema delicato della depressione, mettendo in scena tutti quei "pensieri tossici" che spesso condizionano la vita. Vai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 43 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati