L'ultima ora

Film 2018 | Thriller V.M. 14 103 min.

Regia di Sébastien Marnier. Un film Da vedere 2018 con Laurent Lafitte, Emmanuelle Bercot, Gringe, Grégory Montel, Pascal Greggory. Cast completo Titolo originale: L'heure de la sortie. Titolo internazionale: School's Out. Genere Thriller - Francia, 2018, durata 103 minuti. Uscita cinema giovedì 4 luglio 2019 distribuito da Teodora Film. Oggi tra i film al cinema in 6 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,06 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'ultima ora tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Pierre Hoffman alla ricerca del perchè alcuni ragazzini, all'interno del rinomato college di Saint Joseph, appaiano così violenti e disillusi. In Italia al Box Office L'ultima ora ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 15,4 mila euro e 9,1 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,06/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,12
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film equilibrato che affronta attraverso i canoni del thriller temi di non secondaria importanza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 21 giugno 2019
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 21 giugno 2019

Un professore del prestigioso collegio privato Saint Joseph si suicida gettandosi dalla finestra durante un'ora di lezione. Viene chiamato a sostituirlo il giovane supplente Pierre Hoffman il quale ha subito la sensazione che nella classe dove è accaduto il fatto ci siano degli alunni particolari. La cosa gli viene confermata dal preside e dai colleghi:si tratta di una classe di allievi superdotati. In particolare sei di loro si rivelano molto uniti. Forse troppo uniti.

Sebastien Marnier è un regista interessato ad esplorare situazioni limite. Nel suo film precedente (Irréprochable), mai arrivato sui nostri schermi, poneva al centro della narrazione una donna decisa ad ottenere ad ogni costo il posto di lavoro che pensa le spetti di diritto.

In questa occasione, in cui è regista e cosceneggiatore come d'abitudine, decide di adottare la struttura del thriller per affrontare temi di non secondaria importanza. Perché lo spettatore è indotto sin dalle prime battute a sospettare, insieme a Pierre, di quei ragazzini troppo seri, troppo sprezzanti nei confronti dei coetanei, incapaci di accettare l'aiuto di chi possa interessarsi a loro.

Marnier ce li descrive come una generazione perduta non nell'alcol o nella droga ma nella paura di un futuro in cui il pianeta, come il professore dell'inizio, si sta suicidando. In direzione ostinata e contraria rispetto a Greta Thunberg (il film faceva la sua prima apparizione alla Mostra del Cinema di Venezia pochi giorni dopo l'inizio della sua protesta silenziosa dinanzi al Parlamento svedese) che vuole che i governi provino la paura del futuro, i sei protagonisti si dirigono verso l'autoestinzione. La paura si è insinuata nelle loro menti e si è trasformata in cupio dissolvi. A scoprirne il lato oscuro (mentre gli altri colleghi sembrano non accorgersi di nulla o, molto più verosimilmente, non vogliono vedere) c'è Pierre che sta scrivendo un libro su Kafka (si può perdonare, anche se davvero molto didascalica, la presenza di scarafaggi nel film) e che sul piano dei sentimenti si trova in una fase di transizione.

Proprio perché non ancora usurato dal mestiere dell'insegnamento non si accontenta di risposte evasive e accompagna lo spettatore nella sua voglia di andare a fondo della questione. Fatto salvo un finale che accontenterà alcuni e deluderà altri il film riesce a mantenersi in buon equilibrio tra la narrazione della vita scolastica in un collegio esclusivo e quel tanto di inverosimile che è però necessario per costruire la suspense.

L'unico vero rischio, che a tratti viene sfiorato, è quello di trasformare il gruppo dei sei adolescenti in una squadra di alieni più che di tragicamente alienati. La loro fredda determinazione, ben rappresentata dai giovani interpreti, è così evidente da far risultare come degli inetti, ognuno a suo modo, tutti i colleghi di Hoffman che sono convinti che un canto in coro o due tiri a un canestro siano sufficienti. "Ciò che accade fuori di qui non ci riguarda" è di fatto il loro motto. Ma la scuola, qualsiasi scuola, può oggi permettersi una simile autarchia? Anche questa è una domanda che proviene dallo schermo. Necessita di una risposta.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 6 luglio 2019
FabioFeli

In una scuola media superiore francese gli alunni sono intenti a scrivere un elaborato. Il professore di circa 60 anni siede alle loro spalle vicino ad una finestra. Scruta a lungo il cielo velato da nuvole diafane dietro le quali il sole ha un bagliore “malato”; poi avvicina la sedia alla finestra, sale sul davanzale e si lascia cadere di sotto.

lunedì 22 luglio 2019
LBavassano

 La prima scena fa ben sperare, sul tutto il resto è meglio tacere

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 7 luglio 2019
Eugenio Arcidiacono
Famiglia Cristiana

L'inizio è scioccante. In un prestigioso collegio privato francese, un professore si butta dalla finestra durante una lezione. E gli studenti che lo vedono a terra morto non sono così sconvolti come ci si aspetterebbe. Al suo posto arriva il giovane supplente Pierre Hoffman. Il preside gli spiega che quella classe è formata da allievi superdotati. Sei di loro, in particolare, appaiono molto uniti. Vai alla recensione »

domenica 7 luglio 2019
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Abbiamo visto molti professori perseguitati da classi di allievi esagitati, ingestibili, aggressivi, carichi di una rabbia che condensa tutte le contraddizioni del presente e del prossimo futuro. Raro è invece il docente alle prese con giovani serissimi, imperturbabili, saccenti, dunque perfino più inquietanti. Tanto più che il loro insegnante si è appena buttato dalla finestra e il supplente chiamato [...] Vai alla recensione »

sabato 6 luglio 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Finalmente un film originale. Ha i suoi difetti di struttura, ad esempio un finale che smarrisce per strada qualche personaggio. Non sarebbe neppure un vera conclusione, di quelle che suggeriscono la parola "Fine": ma ormai sono rarissimi i film che sanno - e vogliono - chiudere per bene una storia. "L' ultima ora" non è il capolavoro che vi svolterà l'estate, ma ha buone idee, ragazzini inquietanti, [...] Vai alla recensione »

sabato 6 luglio 2019
Giuseppe Gariazzo
Duels.it

C'è qualcosa nell'aria, di misterioso o, forse, di ben nitido, che spinge un insegnante di liceo a suicidarsi saltando nel vuoto dalla finestra dell'aula in cui sta facendo lezione; un gruppo di adolescenti, studenti in quella scuola cattolica d'élite, a negare le proprie emozioni, a unirsi in una sorta di setta mettendo in atto riti sado-masochisti e il disprezzo per chi è meno intelligente di loro, [...] Vai alla recensione »

sabato 6 luglio 2019
Michele Gottardi
Il Mattino di Padova

Sei ragazzi, un professore e un poter perverso Inizia come un thriller psicologico, "L'ultima ora" di Sébastien Marnier, presentato all'ultima Mostra di Venezia; con lo scorrere dei minuti si evolve in action movie, spettrale come i fantasmi della mente individuali e collettivi che evoca, analizzando in profondità il lato più oscuro dello spirito dei "Fridays for Future".

venerdì 5 luglio 2019
Alessandra De Luca
Avvenire

In una scuola superiore un professore si getta improvvisamente dalla finestra sotto gli occhi atterriti degli studenti. Il supplente chiamato a sostituirlo, Pierre, nota da subito qualcosa di strano nella sua classe: un gruppo di sei alunni, molto uniti e intelligenti, ha un atteggiamento ostile verso chiunque e sembra stia preparando un piano misterioso.

venerdì 5 luglio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Mistery scolastico, più "pensante" di quel che sembra nella prima ora: perché il piccolo clan di una classe prodigio di scuola privata, battute taglienti, mai un sorriso, sembra al nuovo supplente sempre più una setta e sempre meno una brigata di amici? Investigatore per caso, man mano coinvolto dalle inquietanti riunioni dei ragazzi che incomincia a spiare, il prof (il Lafitte di Elle) cerca un legame [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 luglio 2019
Alberto Savi
Cineforum

Ci sono il sole, il caldo e il sudore. C'è un professore che si getta da una finestra durante un'ora di lezione. C'è una classe, la migliore di tutta la Francia, che osserva in silenzio, senza avere più un maestro, senza una guida. C'è, infine, un supplente che si trova a rimpiazzare il professore scomparso, chiamato ad affrontare ragazzi dall'intelligenza elevata ma dai comportamenti ambigui.

venerdì 5 luglio 2019
Bruno Deruisseau
Les Inrockuptibles

Si entra nel film con un gran botto: un professore di scuola media si butta dalla finestra in piena lezione, davanti ai suoi giovani studenti. da un momento all'altro Pierre (Laurent Lafitte) si trova a seguire questa classe di studenti di élite, alcuni dei quali superdotati. In breve comincia a notare dei fenomeni piuttosto strani. Il più inquietante (che per il prof diventa una specie di ossessione) [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

Tra i riferimenti di Sébastien Marnier per L'ultima ora, il suo secondo film - presentato alla Mostra di Venezia 75 e ora in sala con Teodora - ci sono Carpenter, Lynch, Cronenberg e ai giovani interpreti per prepararsi alle riprese il regista francese ha fatto vedere Il villaggio dei dannati e Il nastro bianco di Hane ke. La sua scommessa (dichiarata) è quella infatti di un cinema politico attraverso [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

Alle spalle dei ragazzi, con gesti calmi e metodici, l'insegnante sposta una sedia sotto la finestra, ci sale su, e si lancia nel vuoto. È l'inizio a effetto dell'opera seconda di Sébastien Marnier, presentata l'anno scorso in una sezione collaterale della Mostra di Venezia. Ambientato in una cittadina su cui incombe una centrale nucleare, dapprima sembra il doppio inquietante dei molti film francesi [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Che l'Ultima ora non sia un film tradizionale, lo si intuisce subito dalla sequenza iniziale, ambientata in una classe di studenti dotati, dove, durante un compito in classe, un professore di lettere sale sul davanzale e si butta nel cortile, tentando il suicidio. Al suo posto, come supplente, viene mandato Pierre (Laurent Lafitte), aspirante scrittore di un libro, mai concluso, su Kafka e dalla vita [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Nell'aula di un prestigioso liceo, un professore sale sul davanzale e si butta di sotto. A sostituire il suicida arriva il quarantenne Pierre, il quale fin da subito trova strano l'atteggiamento di un gruppo di allievi superdotati, che rappresentano il fiore all'occhiello della scuola. Interessante l'idea di Sebastien Marnier di tradurre in una vicenda fra l'assurdo e il fantascientifico l'invalidante [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Valeria Castaldi
Cult Week

Si dice che in un buon film la scena iniziale e quella finale si parlino, o perché si somigliano o per contrapposizione. In L'ultima ora di Sébastien Marnier la prima inquadratura è una soggettiva del professor Capadis che guarda il sole dalla finestra della sua classe, durante un compito. Questa vista è accecante, ma rasserena lo spettatore: in fondo il sole è simbolo di energia, calore, vita.

giovedì 4 luglio 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Un sestetto di inquietanti ragazzini prodigio, un professore ossessionato dal loro freddo distacco terreno, l'apocalisse ambientale dietro l'angolo di casa. Benvenuti a L'ultima ora, un thriller psicologico/ecologico dove echi di Lynch si mescolano al Villaggio dei dannati e allo sguardo colpevolizzante di Greta Thunberg. Di spaccati scolastici critici ne abbiamo visti e registrati parecchi nel cinema [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2019
Antonio D'Onofrio
Sentieri Selvaggi

Un tragico incidente nel prestigioso collegio di Saint Joseph, con uno dei professori che tenta il suicidio, portaPierre Hoffman (Laurent Lafitte), l'insegnante chiamato a sostituirlo, a contatto con una classe di studenti dotati di un'intelligenza molto al di sopra della media ma che insieme alle indubbie qualità nascondono dei lati oscuri molto inquietanti.

giovedì 4 luglio 2019
Marco Minniti
Quinlan

Nel Saint Joseph, prestigioso istituto scolastico privato, un professore si suicida sotto gli occhi dei suoi studenti, gettandosi da una finestra. A sostituirlo viene chiamato Pierre Hoffman, giovane supplente, che subito ha il sentore di un atteggiamento strano tra gli alunni della classe. Questi ultimi sembrano accoglierlo con freddezza, ma anche tra i docenti non mancano i comportamenti eccentrici... [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 luglio 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

In un autorevole collegio privato francese arriva come supplente il giovane professore Pierre. Chiamato a sostituire un collega che durante la lezione si è gettato dalla finestra, scopre che un gruppo di studenti, i più bravi, oltre a mostrarsi arroganti e cinici, sta perfezionando un sistema di prova del dolore sempre più audace. Il rapporto deflagra presto in un gioco al massacro, nell'indifferenza [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2019
Sergio Lorizio
Ciak

Nell'aula di una scuola privata elitaria, un professore si getta dalla finestra sotto gli occhi terrorizzati dei suoi studenti. La tragedia non sembra però toccare emotivamente un gruppo di sei allievi inseparabili, dotati di un'intelligenza precoce straordinaria. Pierre, il giovane supplente chiamato a sostituire l'insegnante deceduto, nota subito l'anomalo comportamento dei sei adolescenti, che si [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2019
Valeria Vignale
Tu Style

C'è una strana atmosfera nel liceo privato di Saint Joseph. Durante una lezione, un prof si butta dalla finestra. Nella sua classe di ragazzi dal quoziente intellettivo altissimo, il supplente Pierre Hoffman nota sei alunni geniali, affiatati tra loro ma ostili con tutti. Parlano sempre di ecologia. A volte hanno lividi in viso e sul corpo. Si ritrovano in segreto e, convinti che "gli adulti hanno [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

Non sorridono mai i ragazzini liceali (troppo) perfetti di L'ultima ora. Sinistri, inquietanti e dolenti, tra Il villaggio dei dannati e Un gioco da bambini (Ballard, esplicitamente citato). D'altronde, un insegnante s'è appena gettato dalla finestra di fronte a loro. Il supplente incaricato di sostituirlo (fragile e irrisolto: non riesce a finire la tesi su Kafka, è omosessuale, ma non lo dice) è [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2019
Gianfrancesco Iacono
La Rivista del Cinematografo

Tratto dal romanzo di Christophe Dufossé e opera seconda di Sébastien Marnier, L'heure de la sortie (titolo originale) segue le inquietanti vicende che avvolgono pian piano la vita del giovane professore di letteratura Pierre Hoffman (Lafitte), supplente in seguito al suicidio del suo predecessore in una classe di liceali dotati di "intelligenza precoce".

NEWS
VIDEO RECENSIONE
lunedì 1 luglio 2019
A cura della redazione

Un professore del prestigioso collegio Saint Joseph si suicida gettandosi dalla finestra durante un'ora di lezione. Viene chiamato a sostituirlo Pierre Hoffman, che ha subito la sensazione che nella classe ci siano degli alunni particolari uniti da un [...]

TRAILER
lunedì 10 giugno 2019
 

In una scuola superiore, un professore si getta improvvisamente dalla finestra sotto gli occhi atterriti degli studenti. Il supplente chiamato a sostituirlo, Pierre, nota da subito qualcosa di strano nella sua classe: un gruppo di sei alunni, molto uniti [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati