•  
  •  
Apri le opzioni

Emmanuelle Bercot

Emmanuelle Bercot è un'attrice francese, regista, sceneggiatrice, è nata il 6 novembre 1967 a Parigi (Francia).
Nel 2015 ha ricevuto il premio come miglior attrice al Festival di Cannes per il film Mon Roi - Il mio Re. Emmanuelle Bercot ha oggi 54 anni ed è del segno zodiacale Scorpione.

Malessere adolescenziale francese

A cura di Fabio Secchi Frau

Regista, sceneggiatrice e attrice francese.

Studi
Nata il 6 novembre 1967, a Parigi, dopo aver frequentato per due anni il liceo si iscrive all'École de Danse Serge Alzetta e poi all'École du Spectable, dove scopre la sua passione per il teatro e, quindi, anche per la recitazione. Studentessa ai Cours Florent e alla Fémis (ma solo dopo non essere stata ammessa al Conservatorio), lavora sui palcoscenici francesi sotto la direzione di Robert Hossein e Jean-Luc Tardieu.

Debutto come attrice e regista
Parallelamente, debutta al cinema con Ragazzi (1991) di Mama Keïta.
Nonostante non abbia alcuna cultura cinematografica alle spalle, sente però che solo il cinema è l'unico mezzo d'espressione per raccontare ciò che sente dentro. E comincia a farlo proprio alla Fémis, prima con il documentario True Romanès (1995) e poi con il cortometraggio Les Vacances (1997), Premio della Giuria al Festival di Cannes. Anche se il suo più grande successo rimane il mediometraggio La puce (1999), audace racconto di deflorazione di un'adolescente da parte di un uomo più grande. Entrambi, rivelano la sua attrice feticcio Isild Le Besco, con la quale sembra avere un rapporto quasi simbiotico, forse proprio in virtù della grande somiglianza fisica delle due.
Lavorerà ancora come regista dirigendo il film tv Le Choix d'Élodie (1999) e una puntata di Scénarios sur la drogue (2000).

Lungometraggi
Eclissata a parti di secondo piano dai registi francesi (Bertrand Tavernier le offre una minuscola parte in Ricomincia da oggi, 1999), decide di regalarsi il ruolo da protagonista, rivendicando il suo talento come regista-attrice nel suo primo lungometraggio (girato in digitale) Clément (2001), storia di una trentenne che trova l'amore in un tredicenne. L'opera prima è presentata al Festival di Cannes del 2001, nella sezione Un Certain Regard, e vincitrice di alcuni premi. Comincia così a delinearsi quelli che sono i temi cari del suo cinema, vale a dire l'esplorazione di un malessere adolescenziale, confermato anche dal suo secondo lungometraggio, Backstage (2005), presentato alla Festival del Cinema di Venezia che narra del tormentato rapporto che unisce una popstar (Emmanuelle Seigner) a una giovane fan invasiva (Isild Le Besco). «L'interesse, per me, non sta nell'atto di raccontare storie che descrivono la volontà degli individui nei loro stati d'anima, ma nell'esacerbare le percezioni», dice la regista che dà riprova di queste parole con Student Services (2011).
Dopo la partecipazione al film collettivo Gli infedeli, la troviamo dietro alla macchina da presa per il drammatico Elle s'en va (2013), con Catherine Deneuve, che ritroverà due anni dopo in A testa alta (2015), film d'apertura del Festival di Cannes 2015. Sempre nella stessa edizione del Festival è diretta da Maïwenn Le Besco in Mon Roi - Il mio Re, con Vincent Cassel e Louis Garrel, che le vale il Premio per la Migliore Interpretazione Femminile (ex aequo con Rooney Mara, protagonista del Carol di Todd Haynes). Nel 2016 dirige 150 milligrammi, film ispirato alla vita di Irène Frachon, che denunciò i gravissimi effetti collaterali di un farmaco ampiamente utilizzato in tutto il mondo.

Ultimi film

Thriller, (Francia - 2018), 103 min.
Drammatico, (Francia - 2016), 128 min.

Focus

FOCUS
lunedì 6 febbraio 2017
Emanuele Sacchi

Quello del cittadino semplice e onesto, in lotta contro un sistema acefalo e privo di volto, apparentemente impossibile da scalfire, è un tema eternamente attuale. Il cinema, specialmente quello americano, ne ha fornito esempi di varia natura, declinando la lotta civile in una forma narrativa di sicura efficacia e consolatoria, con un villain destinato a mettere d'accordo tutti (chi può sinceramente schierarsi dalla parte di chi uccide per profitto?)

CELEBRITIES
martedì 1 dicembre 2015
Marzia Gandolfi

Attrice e regista, Emmanuelle Bercot è stata la grande attrazione della sessantottesima edizione del Festival di Cannes. Anima divisa in due, ha aperto le danze col suo film (A testa alta) e si è congedata con il premio all'interpretazione femminile nella passione distruttrice di Maïwenn (Mon roi). Emmanuelle Bercot non è nuova a Cannes, che diciotto anni prima l'aveva ricompensata per Les Vacances, un cortometraggio che anticipa la sua grande ossessione: l'adolescenza

I film più famosi

Drammatico, (Francia - 2015), 120 min.
Thriller, (Francia - 2018), 103 min.
Commedia, (Francia - 2012), 109 min.
Drammatico, (Francia - 2016), 128 min.
Drammatico, (Francia - 2010), 103 min.
Drammatico, (Francia - 2011), 134 min.
Commedia, (Filippine - 2001), 140 min.

News

Attrice e autrice di saldo talento, Emmanuelle Bercot ha sbaragliato l'ultima edizione di Cannes dirigendo A testa alta e...
Gran Premio della Giuria a Son of Saul e miglior regia Hou Hsiao-Hsien.
Fuori concorso l'atteso Mad Max: Fury Road.
In esclusiva su MYmovies le foto del film Premio della Giuria a Cannes.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati