La donna che visse due volte

Film 1958 | Giallo +16 128 min.

Titolo originaleVertigo
Anno1958
GenereGiallo
ProduzioneUSA
Durata128 minuti
Regia diAlfred Hitchcock
AttoriKim Novak, James Stewart, Tom Helmore, Henry Jones, Barbara Bel Geddes, Lee Patrick Raymond Bailey, Konstantin Shayne, Ellen Corby.
Uscitalunedì 21 ottobre 2013
TagDa vedere 1958
DistribuzioneQMI
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 4,89 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Alfred Hitchcock. Un film Da vedere 1958 con Kim Novak, James Stewart, Tom Helmore, Henry Jones, Barbara Bel Geddes, Lee Patrick. Cast completo Titolo originale: Vertigo. Genere Giallo - USA, 1958, durata 128 minuti. Uscita cinema lunedì 21 ottobre 2013 distribuito da QMI. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,89 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La donna che visse due volte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Sofferente di vertigini dopo un incidente in servizio, John "Scottie" Ferguson lascia la polizia e accetta di lavorare per un amico. Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar.

La donna che visse due volte è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,89/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,26
ASSOLUTAMENTE SÌ
Capolavoro assoluto e unanimemente riconosciuto del cinema di Alfred Hitchock, si avvale di una performance perfetta dei protagonisti.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Sofferente di vertigini dopo un incidente in servizio, John "Scottie" Ferguson lascia la polizia e accetta di lavorare per un vecchio compagno di scuola che gli chiede di sorvegliare la moglie Madeleine che in ricorrenti stati di incoscienza sembra posseduta dallo spirito di Carlotta Valdes, sua bisnonna morta suicida un secolo prima. Ferguson resta affascinato dall'infelice donna e quando è costretto a intervenire per salvarla da un tentativo di suicidio in mare tra i due ha inizio una storia d'amore. Ma una tragedia sta per sconvolgere le vite di entrambi.
Capolavoro assoluto e unanimemente riconosciuto del cinema di Alfred Hitchock il film si basa su di un romanzo di Boileau e Narcejac scritto con l'intento di piacere al regista al punto da invogliarlo a comprarne i diritti. L'azione viene spostata dagli Anni Quaranta ai Cinquanta e soprattutto viene anticipata la scoperta dell'intrigo che gli autori avevano collocato nelle pagine finali del libro. "Intorno a me tutti erano contrari a questo cambiamento", confessò Hitch a Truffaut nella celebre intervista divenuta un libro. In realtà, con la perfetta cognizione che il regista aveva della differenza tra l'utilizzo della sorpresa e la funzione della suspense, la scelta risulta vincente. Ma non ci si limita a questo. La performance dei protagonisti è perfetta (anche se Hitchcock non sopportava Kim Novak e non perdeva occasione per parlar male di lei) e innerva il film di quell'erotismo che è spesso sotteso nei film del Maestro e che qui viene giocato con grande maestria. Ci sono abiti che vengono tolti per farli asciugare ed altri che vengono fatti indossare per ricostruire il passato mentre un colore (il grigio) si sostituisce alla tonalità dominante che è quella del verde. La sequenza delle sequoie (sempreverdi) fa da catalizzatore al colore prevalente nell'abito che Madeleine indossa la prima volta che appare sullo schermo così come a quello della sua auto per poi trovare il suo culmine in quello che a Ferguson appare come un 'ritorno' della donna amata.
Hitchocok trova nella sceneggiatura alcuni dei temi che ricorrono nel suo cinema. Su tutti domina quello del Doppio che nel titolo italiano viene esplicitato, cosa che non avviene in quello originale che fornisce una sintesi perfetta sia della patologia sofferta dal protagonista sia del costante senso di instabilità esistenziale e di horror vacui che il film offre allo spettatore.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Capolavoro di Hitchcock sull'identità divenuto oggetto di venerazione.
Recensione di Andrea Carlo Cappi

Sofferente di vertigini dopo un incidente in servizio, John "Scottie" Ferguson lascia la polizia e accetta di lavorare per un amico. Questi gli chiede di sorvegliare la moglie Madeleine, che in ricorrenti stati di incoscienza sembra posseduta dallo spirito di Carlotta Valdes, suicida un secolo prima. Il solitario Ferguson, il cui legame con la disegnatrice di moda Midge non va oltre l'amicizia, resta affascinato dall'infelice Madeleine. E quando è costretto a intervenire per salvarla da un tentativo di suicidio in mare, tra i due ha inizio una storia d'amore. Ma un'altra tragedia sconvolge la fragile psiche dell'ex poliziotto: paralizzato da un attacco di vertigini, Ferguson non riesce a impedire a Madeleine di gettarsi da un campanile. Dopo una lunga cura psichiatrica, Ferguson incontra casualmente Judy, sosia perfetta di Madeleine, e cerca ad ogni costo di trasformarla nella donna che lo ossessiona. Ma così facendo, porta alla luce un intrigo diabolico la cui scoperta lo condurrà a un drammatico finale. Vertigo trasporta il romanzo di Boileau e Narcejac dalla Parigi anni Quaranta alla San Francisco anni Cinquanta senza perderne l'atmosfera amara e malinconica. Ma l'unica sostanziale modifica al percorso narrativo costituisce un grave errore nella costruzione della suspense: nel libro lettore e protagonista scoprono insieme la verità all'ultima pagina, mentre nel film un flashback piuttosto forzato anticipa allo spettatore ogni retroscena. Hitchcock cerca di spostare su Judy l'attenzione del pubblico, scordando che il cardine drammatico è il tentativo disperato di Scottie di far rivivere una morta. Sicché anche la conclusione, opera del caso nel film e del protagonista nel libro, risulta piuttosto innaturale. Ciò non ha impedito al film di diventare oggetto di venerazione e di infinite citazioni. Vi ricorrono temi tipicamente hitchcokiani: la paura dell'altezza, un trauma insanabile, l'ambiguità morale dei protagonisti. Lo straordinario effetto "vertigine" (combinazione di carrello indietro e zoom in avanti), il felice incontro del disegnatore Saul Bass e del musicista Bernard Herrmann nei titoli di testa e nella sequenza dell'incubo, il ritmo lento ("contemplativo", scrive Truffaut) della narrazione rimangono memorabili. Kim Novak, perfetta e sensuale nella sua duplice interpretazione, nonostante il regista per quel ruolo volesse inspiegabilmente Vera Miles.

Sei d'accordo con Andrea Carlo Cappi?
a cura della redazione
martedì 1 agosto 2006

Dopo Il ladro (1956), prodotto dalla Warner e girato in bianco e nero, nel 1957, con La donna che visse due volte Hitchcock tornava al colore e alla Paramount, e cioè alla major di La finestra sul cortile (1954), Caccia al ladro (1955),,La congiura degli innocenti (1955) e L'uomo che sapeva troppo (1956). Il film era tratto dal romanzo D'entre les morts, dei francesi Pierre Boileau e Thomas Narcejac, che pochi anni prima avevano fornito unì soggetto analogo per un film di grande successo di Henni-George Clouzot, I diabolici (1954). La formula produttiva, il soggetto, il colore, l'uso del sistema VistaVision, le riprese in esterni a San Francisco, la presenza di una star affermata come James Stewart e di una nascente quale Kim Novak (seconda solo a Marilyn Monroe nelle classifiche del box office del 1956), facevano prevedere un film che avrebbe incontrato i gusti del grande pubblico.
A causa di una malattia del regista, le riprese subirono qualche ritardo (iniziarono nel settembre del 1957 e terminarono in dicembre); nel frattempo due possibili produzioni internazionali erano state cancellate e Hitchcock ebbe modo di dedicarsi a una storia tutta ambientata in America; tornò così nella California settentrionale, dove non era più stato da L'ombra del dubbio (1943). Qualche problema iniziale Hitch lo ebbe nella scelta dello sceneggiatore: dopo aver "provato" Maxwell Anderson (già sceneggiatore del Ladro) e aver lavorato per un po' con Alec Coppel, si affidò poi con maggior soddisfazione a Samuel Taylor; con lui compì numerosi sopralluoghi a San Francisco alla ricerca dei posti più adatti per le riprese. Alla Donna che visse due volte collaborò la squadra preferita di Hitch: il direttore della fotografia Robert Burks, il montaggista George Tomasini, il compositore Bernard Herrmann, la costumista Edith Head e il produttore associato Herbert Coleman. In occasione di questo film tornò a lavorare per il regista anche la sua assistente personale preferita, Peggy Robertson, che sarebbe poi rimasta con lui fino alla fine della sua carriera. Abbastanza tormentato fu invece il rapporto con Kim Novak, scelta dopo che Vera Miles - a cui inizialmente era stata affidata la parte -, rimasta incinta, aveva dovuto interrompere il lavoro. "La Novak è arrivata sul set con la testa piena di idee che sfortunatamente mi era impossibile condividere", ricorda il regista parlando con Truffaut; naturalmente l'atteggiamento dell'attrice non poteva non contrariare Hitchcock, che dai suoi interpreti pretendeva invece una piena, totale disponibilità ad assecondarlo.
Nonostante l'aspettativa favorevole che si era creata intorno al film - anzi, forse proprio a causa di essa -, La donna che visse due volte non riscosse un grande successo di pubblico. La pubblicità aveva insistito sulle caratteristiche del film che lo rendevano analogo ad altri capolavori hitchcockiani di quel decennio - La finestra sul cortile primo fra tutti -' ma La donna che 'risse due volte era in effetti molto diverso; la mancanza di humour, la rivelazione immediata della vera identità di Judy e soprattutto l'assenza di lieto fine scontentarono molti. In generale i recensori della stampa quotidiana non si espressero negativamente sul film, cosa che fecero invece i critici dei periodici più prestigiosi, biasimando per esempio la scarsa verosimiglianza della trama. In ambito di studi accademici La donna che visse due volte non fu degnato della minima considerazione. La 'rivincita" giunse negli anni '70, quando il film - già apprezzato in Europa dalle nuove generazioni di critici - fu rivalutato anche in America, e negli anni '80, dopo la ridistribuzione della pellicola nel 1983.
Vertigo: vertigine, paura di cadere, di essere inghiottiti dal vuoto, morire. Ma al tempo stesso attrazione verso l'abisso, uno spaventoso piacere di abbandonarsi al nulla e all'oblio, di precipitare riprovando sensazioni antiche, ancestrali. Entrambi questi aspetti sono presenti nell'acrofobia di Scottie Ferguson. È la paura di morire che lo tiene aggrappato alla vita, come nella sequenza iniziale in cui si afferra alla grondaia e si salva. Ma nel suo interesse e nella sua passione per la misteriosa Madeleine, che appare tanto pervasa dalla morte, in preda a un passato che la vuole riportare nel buio, si percepisce che una forza altrettanto intensa lo attrae verso l'opposto di ciò che è vita. Amore e morte, eros e thanatos la duplice natura delle pulsioni umane -, sono al centro della Donna che visse due volte. Tutto il film è costruito su polarità: alla sognante, assente, bianca Madeleine (non priva però di una sensualità morbida e penetrante) si contrappone Judy, che appare all'inizio donna pratica, con i piedi per terra, vistosa e quasi volgare nel trucco pesante, fino a quando, per amore, non è anch'essa risucchiata nel tentativo disperato di Scotti e di ricreare il passato perduto. Agli esterni solari di San Francisco fanno riscontro interni cupi, barocchi, sepolcrali (filtri speciali e illuminazione - come per esempio il neon verde nell'albergo di Judy - contribuiscono alla creazione di un'atmosfera spettrale, "gotica"). E nella stessa attrazione sessuale di Scottie per Madeleine vi è un aspetto di necrofilia, come ha sottolineato anche Hitchcock: solo quando Judy è tornata a essere identica alla donna scomparsa, Scottie può di nuovo baciarla, così come aveva baciato Madeleine sulla scogliera, dopo un dialogo pregno di morte. Ed è ancora il regista a far notare come gli sforzi di vestire e acconcia-re Judy come Madeleine possano essere interpretati come un tentativo di denudamento, a cui la donna si oppone e infine cede. L'incontro fra nudità, sensualità e morte si era già verificato nella scena a casa di Scottie, dopo il fallito annegamento di Madeleine, quando lui l'aveva spogliata dei vestiti bagnati e messa a letto. E poco dopo, quando lei si era riavuta, le loro mani si erano accidentalmente incontrate e Scottie aveva cercato di protrarre il contatto, in una stretta carica di significato. Ancora una volta in un film di Hitchcock si ritrovano presenti paure, desideri e peccati (nella relazione fra Scottie e Madeleine è implicito anche l'adulterio) "originali" e universali.
La donna che visse due volte è un film dal ritmo per lo più pacato, "contemplativo" (Truffaut), quasi sognante (vi contribuiscono lenti movimenti di macchina, carrelli, panoramiche), in cui sono senz'altro più importanti le sfumature psicologiche e i rapporti fra i personaggi che non gli sviluppi narrativi (Hitchcock stesso parlò di "buchi" nel racconto che lo infastidivano). Il tempo filmico è scandito dal continuo vagabondare dei personaggi ("vado in giro" è la risposta di Scottie a Madeleine che gli chiede che cosa fa nella vita), dalle passeggiate, dai percorsi in automobile. Lo smarrimento dell'uomo ricorda l'inquietudine del protagonista della Finestra sul cortile, ma non più esorcizzata da un'attività ansiosa e frenetica come quella del fotoreporter Jeff. Scottie ha lasciato la vita movimentata che conduceva come agente di polizia, ma non può nemmeno fermarsi dietro la scrivania di un ufficio o cercare rifugio nell'abbraccio amorevole ma troppo materno e prevedibile della devota Midge. È alla ricerca di qualcosa che dia senso alla sua vita; nel caos vorticoso dell'esistenza si trova a fare i conti con l'amore e con la morte, con l'illusione e la realtà della vita, con il rimpianto e il desiderio dell'impossibile. E alla fine di un duro percorso, quando la vertigine sembra vinta e la realtà riconosciuta, non vi è premio né consolazione: con o senza vertigine, c'è da affrontare sempre un nuovo abisso.

LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 14 luglio 2013
Luigi Chierico

Chi non ricorda e ricorderà sempre“La donna che visse due volte” un film con titolo in lingua italiana? I film presentati al pubblico in lingua anglo-americana (non ancora in giapponese o cinese), anche se belli,si dimenticano. Non abbiamo noi una nostra lingua? Quanti oggi ricorderebbero il film ,forse più visto al mondo dal 1939, “Gone with the wind”, se non fosse stato tradotto in “Via col vento”?, Ma [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 giugno 2010
il cinefilo

TRAMA: un ex poliziotto(il grande James Stewart)che soffre violentemente di vertigini a causa di un trauma avvenuto tempo addietro si ritrova "invischiato" in una inquietante storia d'amore con la moglie di un suo vecchio amico di scuola che sembrerebbe essere "posseduta" dallo spirito di una donna defunta(la bravissima e "gelida" Kim Novak)ma dietro l'intera vicenda si annida un intrigo di cui non [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 luglio 2017
matteo bettini 15 gennaio

Quando si prova a scrivere riguardo a simili capolavori cinematografici, appare tutto più difficile. Forse perché la penultima opera di Alfred Hitchcock degli anni '50 ('Vertigo', il titolo originale, è del 1958; 'Intrigo Internazionale', a mio parere il miglior film mai girato dal grande regista inglese, risale al 1959) rasenta la perfezione; forse perché [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 dicembre 2010
Renato C.

E' un film stupendo! Parte come una storia paranormale: mistero, defunti che entrano nei corpi dei viventi, ecc. Verso la fine si vede invece che tutto ha una spiegazione logica e razionale! I due protagonisti James Stewart e Kim Novak sono favolosi! Stewart grande come sempre (è stato infatti protagonista di diversi film di Hitchcock) Kim Novak bellissima e misteriosa, adattissima alla [...] Vai alla recensione »

domenica 24 marzo 2013
gorropu

Non sarà facile per me descrivere appieno ciò che penso di questo film. Quando mi chiedono "quale è il tuo film preferito ?" seppur non sia facile per me stilare una classifica defintiva, sempre più spesso mi capita di citare Vertigo. Perché ? Perché, secondo il sottoscritto è il più grande film di sempre non d'amore, ma sull'amore. [...] Vai alla recensione »

sabato 31 maggio 2014
tomdoniphon

Un investigatore, John "Scottie" Ferguson (James Stewart), che soffre di vertigini è incaricato da un ex compagno di scuola di sorvegliare la moglie Madeleine (Kim Novak), che manifesta tendenze suicide. Lui se ne innamora, ma non riesce ad impedire che si butti da un campanile. Qualche tempo dopo compare una donna (Judy) troppo simile alla morta.

mercoledì 12 aprile 2017
Portiere Volante

Adoro i film di Hitchcock,credo di averli visti quasi tutti. Questo resta uno dei migliori anche se il mio preferito resta la "finestra sul cortile" dove la cura dettagli è straordinaria. A memoria non ricordo una protagonista femminile così affascinante ,bella ed ammaliante come la Novak,fossi stato il buon Scottie mi sarei fatto abbindolare alla stessa maniera se non peggio. Da [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 ottobre 2015
Howlingfantod

L’agente della polizia John (Scottie) Ferguson prepensionato e con la fobia del vuoto per un evento traumatico sul lavoro è incaricato da un suo amico di università a seguire la moglie preda sembra di possessione da parte di una bisnonna morta sucida. L’irrompere del paranormale e surreale in questo Hitchcock non toglie niente alla suspense di questo che può essere considerato alla luce della tanta [...] Vai alla recensione »

martedì 10 giugno 2014
jacopo b98

 A San Francisco un detective (Stewart) è incaricato da un suo vecchio amico (Helmore) di seguire la moglie (Novak) poiché si comporta in modo strano, talvolta inquietante. Ma l’investigatore, nel seguire la moglie, si innamorerà di lei. Quando ella si suiciderà da un campanile il protagonista cadrà in depressione, finché non incontrerà un’al [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 marzo 2014
Valetag

 John “Scottie” Ferguson, congedato dal corpo della polizia dopo un incidente, viene assoldato da Gavin Elster, un vecchio amico del college, per seguire la moglie, Madelaine. Ella, infatti, è spesso assente e a tratti depressa: Gavin sospetta che si possa trattare di un collegamento tra lei e la sua bisnonna Carlotta, morta suicida.

giovedì 20 agosto 2015
ElTanker

Sarà che forse al giorno d'oggi,qualsiasi cosa vecchia è meglio di qualsiasi cosa nuova, sarà che Hitchcock è visto e riconosciuto giustamente come una divinità del genere, ma non basta questo per poter etichettare ogni opera come capolavoro; ci troviamo di fronte ad un film che ha fatto scuola, in presenza di scelte di storyline che in vie diverse sono state [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 giugno 2018
78rapoGI

Il poliziotto Scotti e un suo collega sono intenti a inseguire un fuggitivo sui tetti degli alti grattacieli di San Francisco,quando durante l'inseguimento,il collega perde l'equilibrio,rimanendo in bilico con una mano sul cornicione del palazzo.Scotti andrà subito in suo soccorso,cercando di aiutarlo,ma soffrendo di vertigini,nulla potrà fare,se non vedere il proprio collega [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 gennaio 2018
Norman

In una coloratissima San Francisco, Hitchcock mette in scena la sua pellicola più audace ed avveniristica (tanto che all'epoca fu un mezzo fallimento), nonché quella più intimamente sentita dal regista stesso. Egli è sempre stato ossessionato dalla figura della bionda fredda e irraggiungibile, quasi sempre presente nelle sue opere, che qui trova nella bellezza glaciale [...] Vai alla recensione »

martedì 21 novembre 2017
stefano capasso

Il detective John Ferguson è costretto a lasciare la polizia in seguito ad un evento traumatico avvenuto durante un inseguimento che gli procura costantemente delle vertigini. Quando un suo vecchio compagno di studenti lo ingaggia per occuparsi della moglie, a suo dire posseduta dallo spirita della nonna, John finisce per innamorarsi della donna che tenterà di salvare, ignaro del triangolo [...] Vai alla recensione »

martedì 22 febbraio 2011
Chrychry

Non ha senso, perché si è buttata? La domanda chiude il film. Chiude un film in cui Hitchcock riversa la sua immaginazione, creativa più che mai. La donna che visse due volte. Fin dal titolo Hitchcock ci inganna, o meglio, ci trascina. Ci fa immergere nell’impossibile e credere a un paradossale da cui sentiamo in qualche modo di doverci staccare, come John anche noi sentiamo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2009
Paolo Ciarpaglini

That's cinema!!!!!. Trattasi, senza ombra di dubbio, di uno dei più bei film di ogni tempo. In cui si fondono sapientemente l'arte (elevata qui, all'ennesima essenza) del thriller, il sentimento strziante ed il giallo. Nonchè profondissimi e fondamentali risvolti psicologici. Il duo di attori, magistralmente diretti, è d'eccezione: Kim Novak e James Stewart, entrambi in stato di grazia.

mercoledì 13 aprile 2011
mondolariano

“Vertigo” è stato tratto dal romanzo “D’entre les morts”, di Pierre Boileau, a sua volta derivato da alcuni racconti di Edgar Allan Poe (il tema del doppio e l’ossessione di rivivere lo stesso amore in due donne diverse). Ma mentre nel libro il mistero resta insoluto fino alla fine, Hitchcock decide di rivelare già al 94° minuto l’identità della seconda donna.

giovedì 14 maggio 2009
calvero

non si può recensire un film di hitchcock senza conoscere le regole del suspence,x qst m ha sorpreso molto leggere la recensione in prima pagina(la stessa del farinotti).innanzitutto hitchcock ha+volte spiegato ke la suspence è data dal diverso livello d'informazioni d cui sono in possesso spettatore e protagonista,qst maggiore conoscenza,dilatata nel tempo,crea l'attesa nello spettatore e hitchcock [...] Vai alla recensione »

domenica 4 luglio 2010
Mr.619

Il thriller psicologico più importante della storia del cinematografo.La pellicola si delinea come il tracciamento di un moto armonico circolare vorticoso ("Vertigo") le cui principali connotazioni sostanziali e, in relazione ai punti di vista, accidentali (vedesi il finale) trovano la loro reale esistenza nei concetti di spazio e tempo, viventi in base alla soggettività ed [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 marzo 2010
Luca Scialo

Un ex agente di polizia, John "Scottie" Ferguson, è costretto a lasciare la polizia in seguito ad uno shock avuto sul lavoro (la morte di un collega che cercava di aiutarlo su un tetto), soffrendo da allora di vertigini. Un amico però gli affida un incarico di investigatore privato, per pedinare la moglie che da un pò si comporta stranamente.

giovedì 2 luglio 2009
princifiume

Ho visto questo film la prima volta quando avevo otto anni e da allora mi è sempre piaciuto. Bravissimo e bellissimisssimooooo James Stewart...che dire: un capolavoro di Hitchcok, come moltissimi altri, dopotutto!!!!!!!!!!!

venerdì 25 novembre 2011
PulpFictionQT

Inutile cercare di descrivere questo film: scene mozzafiato, vertigini, storia d'amore, giallo, colpi di scena... Voto assolutamente meritato, ma non sono d'accordo con Cappi. Il film è stato fatto apposta così, per cercare di dare spazio, oltre al giallo, a una grande storia d'amore! Assolutamente da vedere.

domenica 26 luglio 2015
Portiere Volante

Capolavoro del maestro del thriller. Lo spettatore viene imprigionato,come il protagonista,in una perfetta tela dell'inganno. La Novak ,oltre che bellissima,e' stratosferica nella sua intrerpretazione. I dialoghi sono raffinati ,le musiche in sottofondo contribuiscono ad enfatizzare l'azione ed ogni singola inquadratura ,con una scelta di "colori" mai fuori posto,contribuisce [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 febbraio 2015
MrMassori

Non solamente un Film, ma un'opera d'arte a 360°. E' un Capolavoro Immortale ed una pietra miliare della storia del Cinema. Senza alcun dubbio è tra i miei 15 film preferiti in assoluto.

giovedì 25 giugno 2009
Elbereth

Sono una ragazza di 16 anni che ama il cinema, ma non ha mai avuto nessun interesse per i classici, ho sempre diffidato da questi pensando che fossero cose teatrali e che le recitazioni fossero talmente finte da far ridere. Un pregiudizio questo, dato da un film che vidi degli anni ‘50 che non mi piacque per niente, pensando così che tutti i film di quel periodo fossero così.

venerdì 5 agosto 2016
street_spirit

Il migliore di HItchcok

domenica 22 marzo 2015
giuseppetoro

Film tipico di alfred h. Un pò strano ma bello e che ti trasporta a tratti.

domenica 10 giugno 2012
el gato

FIlm assolutamente geniale, in cui si intrecciano i fantasmi hitchockiani, le sue metafore(dove le une si intrecciano con gli altri, sempre che non si identifichino, molto spesso). Lo spunto è letterario(la coppia Narcejac-Boileau, certo non banale, già di per sé), ma l'autore-creatore Hitchcock, come sempre, lo  piega allo"specifico filmico"e stravolge dando [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 luglio 2011
LorenzoMnt

Ho preferito Psyco e Gli uccelli,ma anche questo è un sublime film del grande Hitchcock:una sapiente mistura di tensione,erotismo e azione.La parte centrale in cui viene spiegato tutto,poi,è un vero colpo da maestro che non fa che aumentare la piacevolezza del film.C'è solo una piccola cosa che poteva essere lievemente migliorata:la colonna sonora,che lima un tantino la tensione.Il [...] Vai alla recensione »

domenica 20 novembre 2011
tiamaster

Assoluto,come il grandissimo regista inglese Alfred Hitchcock,è la donna che visse due volte,il film per eccellenza sulla crisi d'identita.Questa pellicola è indubbiamente una delle più grandi e complete mai fatte,tutto eccellente:trama,sceneggiatura,attori,colonna sonora.Se ci fosse una classifica dei migliori film della storia questo sarebbe tra i primi,il film è leggermente inquietante come da tradizione [...] Vai alla recensione »

Frasi
Ha una meta particolare?
No: pensavo di andare un po' in giro. Stavo per fare altrettanto. Oh già, l'avevo dimenticato: è la Sua occupazione. Non crede che sia una perdita di tempo per tutt'e due? Girare separatamente?
Eh.
Da soli si può andare in giro, in due si va sempre da qualche parte.
Dialogo tra Madeleine Elster; Judy Barton (Kim Novak) - John 'Scottie' Ferguson (James Stewart)
dal film La donna che visse due volte
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Terrence Rafferty
The New York Times

“I LOOK up, I look down,” says Detective John (Scottie) Ferguson of the San Francisco police, standing nervously on a stepladder in an early scene of Alfred Hitchcock’s “Vertigo.” Scottie (James Stewart) is trying to cure himself of the title affliction, recently discovered during a rooftop chase in which his fear of heights resulted in the death of a fellow officer.

Gian Piero dell'Acqua

Un poliziotto è deputato a sorvegliare una bella e strana signora, morbosamente attratta dal suicidio, come una sua antenata. Piacevole ed elegante giuoco hitchcockiano, condotto con logica impeccabile sul filo dell’assurdo, e messo in scena con perizia, mai priva di risvolti umoristici, fino al beffardo scioglimento.

NEWS
NEWS
mercoledì 7 novembre 2012
Tirza Bonifazi

Si dice che sia stata la paura a spingere Alfred Hitchcock a scrivere e dirigere le storie più terrificanti, rendendo più intenso il cinema. Talmente ha cambiato la maniera di pensare del suo pubblico che lui stesso una volta ammise che se avesse girato [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati