Il collezionista di carte

Film 2021 | Azione, +13 112 min.

Titolo originaleThe Card Counter
Anno2021
GenereAzione,
ProduzioneUSA, Gran Bretagna, Cina
Durata112 minuti
Al cinema18 sale cinematografiche
Regia diPaul Schrader
AttoriOscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan, Willem Dafoe, Ekaterina Baker Marlon Hayes, Billy Slaughter, Joel Michaely, Amye Gousset, Alexander Babara.
Uscitavenerdì 3 settembre 2021
TagDa vedere 2021
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,54 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paul Schrader. Un film Da vedere 2021 con Oscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan, Willem Dafoe, Ekaterina Baker. Cast completo Titolo originale: The Card Counter. Genere Azione, - USA, Gran Bretagna, Cina, 2021, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 3 settembre 2021 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 18 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,54 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il collezionista di carte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un giocatore d'azzardo decide di aiutare un ragazzo in cerca di vendetta. In Italia al Box Office Il collezionista di carte ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 369 mila euro e 136 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,54/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,41
PUBBLICO 3,71
CONSIGLIATO SÌ
Un cinema di attesa, riscatto e redenzione che denuncia un modello politico e sociale in cui il marcio non è nelle mele, ma nei cestini.
Recensione di Paola Casella
giovedì 2 settembre 2021
Recensione di Paola Casella
giovedì 2 settembre 2021

William Tell ha trascorso un decennio in prigione, dove si è letto a fondo le meditazioni di Marco Aurelio e ha imparato a contare le carte, ovvero a tenere traccia di ogni carta giocata durante una partita. Una volta uscito mette a frutto la sua abilità girando per i casinò d'America e partecipando a numerosi tornei di poker. Non si fa cacciare dai gestori dei casinò perché sa mantenere obiettivi modesti: punta poco, vince (e perde) poco, e s allontana quando il gioco si fa duro. Ma la prorompente La Linda, finanziatrice in cerca di un mago delle carte, gli propone di entrare a far parte della sua squadra e lo convince ad alzare la posta.

"Il poker è tutta una questione di attesa" e lo è anche il cinema di Paul Schrader, che costruisce personaggi in bilico portandoli fino all'orlo del salto nel vuoto.

Il tema di Schrader, sceneggiatore e regista, è il senso di colpa (calvinista) accompagnato da un desiderio ossessivo di redenzione, e William Tell, che ha il nome dell'eroe nazionale svizzero capace di centrare una mela con una freccia, non fa eccezione. La sua calma apparente nasconde un fuoco interiore difficile da tenere a freno, e la sua colpa è di quelle che non si cancellano, né per un uomo, né per una nazione.

Senza voler rivelare troppo della trama, c'entrano Guanatanamo e un certo fanatismo patriottico yankee, anche al tavolo verde (che fa da sfondo ai titoli di testa), e si parla di responsabilità, individuale e collettiva, nei confronti delle proprie azioni, il cui peso "non può essere rimosso". L'incontro fra William, un ragazzo animato dal suo stesso fuoco vendicatore e La Linda, che risveglia in lui una componente (anche fisica) a lungo tenuta a freno, metterà in moto per William un meccanismo inarrestabile di rivalsa.

Oscar Isaacs si inserisce con insospettabile perfezione nel filone di antieroi solitari iniziato con il Travis Bickle di Taxi Driver (di cui Schrader è stato sceneggiatore per Scorsese, che figura fra i produttori de Il collezionista di carte) e proseguito con il Julian Cole di American Gigolo e il John LeTour di Light Sleeper (il finale di Il collezionista di carte richiama quello di questi ultimi due film).

La sua malinconia esistenziale è quella caratteristica di Schrader, da sempre disincantato rispetto al mondo e in particolare agli Stati Uniti, ma ancora dotato di un profondo afflato romantico che permea il suo film, così come la cupezza all'interno di un mondo fasullo fatto di non-luoghi dalle luci al neon e i soffitti ribassati, che ostenta sicurezza ed allegria quando non possiede nessuna delle due. A corroborare l'atmosfera cupa e straziante è la colonna sonora di Geoff Barrow dei Portishead (qui con Ben Salisbury), cui la comica Tiffany Haddish fa da delizioso controcanto nel ruolo di La Linda: finalmente una protagonista le cui curve generose non sono mai oggetto di ulteriore speculazione.

In particolare Schrader denuncia quel modello politico e sociale in cui, più che le mele, sono marci i cestini, e pur non assolvendo la responsabilità dei singoli, la contestualizza nell'incoraggiamento ricevuto dall'alto a compiere le peggiori nefandezze. I capri espiatori pagano, i loro mandanti naturalmente no, ed è a questo tipo di ingiustizia che il regista-sceneggiatore e i suoi antieroi si ribellano. Tuttavia Schrader non sfugge alla sgradevole realizzazione che chiunque può riconoscere in se stesso l'istinto primordiale verso la violenza e la sopraffazione, a prescindere dagli ordini ricevuti.

Torna spesso anche il tema del debito, in cui tutti (non solo gli americani) siamo immersi, che è non solo monetario ma esistenziale, e mostra come l'esaltazione del sistema capitalistico ignori il fatto che proprio sul debito di molti si costruiscono (e accrescono) le ricchezze di pochi.

Sei d'accordo con Paola Casella?
Colpe disumane e speranza di redenzione sotto i tavoli da poker.
Overview di Giorgio Crico
mercoledì 25 agosto 2021

Stati Uniti, oggi. William Tell è un ex militare americano con un passato terrificante alle spalle: excarceriere ad Abu Ghraib, si è reso colpevole di orrendi maltrattamenti ai prigionieri e fatica a convivere con i suoi demoni. Non averla fatta franca non lo ha aiutato: nonostante abbia pagato il suo debito con la giustizia - otto anni di detenzione ottenuti in seguito alla condanna in tribunale per i suoi crimini - William è distrutto, non riesce ad andare oltre i suoi errori passati. Di conseguenza, non è in grado di darsi pace, né tantomeno ricominciare.

Per non rimanere costantemente in balia dei suoi pensieri, l'ex soldato ha deciso di guadagnarsi da vivere come giocatore di poker professionista, vagando come un cacciatore notturno tra un casino e l'altro. Il dover contare le carte e gestire la tensione delle partite impegna il suo cervello al punto da riuscire a "spegnere" i suoi ricordi di Abu Ghraib. Un giorno, però, il suo passato oscuro torna a tormentarlo in un modo che non aveva previsto: nella città in cui soggiorna, appare il maggiore John Gordo, suo ex superiore che era l'autorità della prigione in materia di interrogatori e di torture. Questa sua "competenza" lo rendeva anche il mentore di Tell e di tantissimi suoi commilitoni. Tra questi, c'era anche un uomo che, tornato negli USA, è diventato violento e tossicodipendente, distruggendo la vita alla sua famiglia: suo figlio Cirk è sulle tracce proprio del maggiore per vendicarsi.

Notando il comportamento di Tell nel corso di un incontro con le forze di polizia proprio tenuto da Gordo a cui partecipa per rimanere alle sue calcagna, Cirk intuisce come il reduce nasconda un passato simile a quello di suo padre e lo avvicina nella speranza di trovare un nuovo alleato. William, a sua volta, intravede nel ragazzo una possibilità di riscatto e si propone di prenderlo sotto la sua ala, sperando di distoglierlo dai suoi foschi propositi di vendetta, e lo prende con sé per proseguire insieme l'avventura sui tavoli da poker professionali, mettendo ben presto nel mirino le World Series di Poker di Las Vegas.

Regista e autore della sceneggiatura de Il collezionista di carte è quel Paul Schrader che è stato uno dei collaboratori più stretti di Martin Scorsese e ha messo lo zampino nei copioni di film come Taxi Driver e Toro scatenato, oltre a girarne oltre venti in prima persona dalla fine degli anni 70 a oggi (tra cui American Gigolò, per citarne uno).

Anche questa sua ultima fatica autoriale è incentrata sui leitmotiv della colpa e su quello della redenzione, due nuclei tematici ricorrenti nella sua carriera che, stavolta, sono intrecciati con tematiche molto ingombranti per la sensibilità americana come quello dei crimini contro i diritti umani nelle carceri militari USA o del rapporto quanto meno ambiguo che gli statunitensi hanno con il gioco d'azzardo.

Per quanto invece riguarda il cast, agli ordini di Schrader c'è un parco attori di altissimo livello: a cominciare dal protagonista Oscar Isaac, per l'occasione accompagnato dal talento cristallino e senza bisogno di presentazioni di Willem Dafoe ma anche dall'astro nascente di Tye Sheridan, appena venticinquenne ma attivo in campo cinematografico sin dall'ormai lontano 2013. L'attrice principale è invece la comica Tiffany Haddish, che sta vivendo una stagione di enorme successo al cinema da ormai qualche anno dopo una gavetta piuttosto lunga.

Sei d'accordo con Giorgio Crico?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 8 settembre 2021
Tom87

Con la sua ultima pellicola, “The Card Counter”, Paul Schrader torna su temi che lo ossessionano da sempre e di cui ha infarcito le sue più belle e migliori sceneggiature, quei capolavori come “Taxi Driver” o “Toro scatenato”, ma anche i film da lui diretti come “American Gigolò” o “Affliction”, e stavolta non scava soltanto [...] Vai alla recensione »

martedì 7 settembre 2021
loland10

“Il collezionista di carte” (The Card Counter, 2021) è il ventunesimo lungometraggio del regista-sceneggiatore del Michigan Paul Schrader. ‘Niente mele marce il problema è la cesta’. ‘Come mai tu e io insieme?’ ‘Punta poco che perdi poco’. Il ‘fuori-onda’ che ingombra e spiega, lima e scurisce, avvicina e scudo di un teatro [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 settembre 2021
Inesperto

Un ex militare, condannato ad otto anni e mezzo di reclusione per gli scandali di Abu Grahib, scopre di esser tagliato per la vita carceraria, il suo ordine e la sua routine. Ivi fa letture alte ed impara a contar le carte; così, quando esce, si procura da vivere girando per i vari casinò e pernottando in modesti motel. Si accontenta di vincere poco al blackjack, in modo tale da non esser [...] Vai alla recensione »

domenica 5 settembre 2021
Thomas Crown

Dramma della colpa, dell' autopunizione e della vendetta. Il protagonista, William Tell, segue coerentemente il principio per cui le colpe si pagano su questa terra, senza compromessi. Un fato beffardo dapprima gli concede la possibilità di redimersi, per poi rimischiare beffardamente le carte - come  a un tavolo da poker -   lasciandolo cosi' in pasto ai suoi demoni. Vai alla recensione »

domenica 5 settembre 2021
Thomas Crown

Dramma della colpa, dell' autopunizione, della vendetta.Il protagonista, William Tell, segue coerentemente il principio per il quale siamo condannati a pagare le nostre colpe su questa terra, senza compromessi.Tuttavia, un fato beffardo lo illude, dapprima concedendogli la possibilità di redimersi, per poi rimischiare beffardamente le carte, come a un tavolo da poker, lasciandolo nudo in pasto ai suoi [...] Vai alla recensione »

domenica 5 settembre 2021
Thomas Crown

Dramma della colpa, dell' autopunizione, della vendetta.Il protagonista, William Tell, segue coerentemente il principio per il quale siamo condannati a pagare le nostre colpe su questa terra, senza compromessi.Tuttavia, un fato beffardo lo illude, dapprima concedendogli la possibilità di redimersi, per poi rimischiare beffardamente le carte, come a un tavolo da poker, lasciandolo nudo in pasto ai suoi [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 settembre 2021
Peer Gynt

 Dramma lento e ossessivo dell’uomo schiacciato da una colpa non perdonabile e che dispera che per lui vi possa essere redenzione, “Il collezionista di carte” (titolo italiano incomprensibile: il protagonista non colleziona ma conta il valore delle carte del piatto, per controllare sempre il gioco) è l’ultimo film del regista Paul Schrader.

mercoledì 8 settembre 2021
athos

 Mi avvicino ai film con la mente e il cuore aperti all’emozione. La storia di questa pellicola è ricca di silenzi malcelati, di emozioni compresse, fino alla scena finale che illumina un mondo sostanzialmente arido. E come un fiore che stenta a sbocciare, inaspettatamente vede una luce che redime ogni anima. Ottima la colonna sonora.  

lunedì 20 settembre 2021
Maramaldo

inneggia il vincitore, nato in Lituania, ora rivestito di stelle e strisce. Slavo cerebrale, sa far due conti per portar via un gruzzoletto ai tavoli di poker. "Parlava" del film, l'ho capito dopo. Agli incolti si impartiscono rudimenti di Texas hold'em. Volenteroso, Schrader inizia anche ai segreti del card counting a blackjack: non ci provate, richiede facoltà non comuni, [...] Vai alla recensione »

martedì 21 settembre 2021
ANGELITAS

interessante commento con un ottica precisa sull'America del gioco.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 5 settembre 2021
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Non si sfugge al proprio destino, e forse nemmeno al proprio cinema. Però si può cercare di capirlo, tirarlo per la giacca, trovargli un senso. Il destino di William Tell, ovviamente un nome d' arte, è nascosto dal vizio del gioco e da quello, più insolito, per le vincite contenute. Al metodico William infatti interessa continuare a vincere. I soldi sono solo un piacevole effetto secondario.

venerdì 17 settembre 2021
Valerio Caprara
Il Mattino

Dalla Mostra di Venezia arrivano buone notizie e qualche speranzella in più si materializza per gli utenti cittadini. La riconquista del piacere del rito della sala resta l' obiettivo numero uno per chi ha a cuore le sorti del cinema ed è chiaro che la disponibilità di titoli diversificati, ambiziosi, appetibili, al di là del giudizio che resta sempre personale, ne costituisce il fattore propulsivo [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 settembre 2021
Massimo Causo
Duels.it

Conosciamo Paul Schrader e il suo rigore morale di stampo calvinista che al cinema si traduce, soprattutto negli ultimi anni, in una severità altrettanto evidente, anzi teorizzata come dall'insegnamento del suo Bresson al quale ha idealmente dedicato quel film così fuori tempo eppure drammaticamente attuale come First reformed tanto acclamato alla Mostra di qualche anno fa e tanto rapidamente sparito [...] Vai alla recensione »

sabato 4 settembre 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

L' abbiamo rivisto - sempre alla Mostra di Venezia - nella parte di Leto Atreides in "Dune" di Denis Villeneuve: comanda una pericolosa missione, con una fissità di sguardo superiore al dovuto. Per lo spareggio bisognerà vederlo nel remake del bergmaniano "Scene da un matrimonio" ( produzione Hbo, dal 20 settembre su Sky). "Collezionista di carte" sta per "Card Counter", giocatore di poker che sa tener [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 settembre 2021
Leonardo Gandini
Cineforum

Il cinema di Paul Schrader è attraversato da figure solitarie e oppresse dai sensi di colpa, che quasi mai riescono a scendere a patti con le imperfezioni morali del mondo. Figure taciturne, chiuse in sé stesse, ascetiche nello stile di vita e nella predilezione per forme confessionali di scrittura, a partire dalla redazione di un diario dove far confluire le proprie impressioni.

venerdì 3 settembre 2021
Francesca Pistocchi
Close-up

Dopo quattro anni di silenzio, Paul Schrader ritorna a Venezia - e lo fa con un romanzo dalle tinte talmente fosche da risultare abbacinanti: The Card Counter, infatti, è il più recente prodotto dell'ormai rodatissima collaborazione fra il regista e Martin Scorsese, qui immortalato nelle vesti di produttore esecutivo, nonché di grande e onnisciente demiurgo.

venerdì 3 settembre 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

C' è un mistero nella vita di William Tell ex detenuto in una prigione militare dove ha imparato a contare le carte. L' abilità conquistata gli permette una volta uscito di rinchiudersi in un altro universo parallelo, quello del gioco d' azzardo tra casinò e motel anonimi dove nulla scalfisce la sua solitudine, gioca quel tanto che basta per vincere bene evitando però di farsi notare.

venerdì 3 settembre 2021
Alessandra Levantesi
La Stampa

Nel frattempo Paul Schrader con The Card Counter - Il collezionista di Carte da oggi nelle sale, ritrova la sua vena migliore. Sotto l' ala produttiva di Scorsese, il settantacinquenne cineasta disegna un altro dei suoi rigorosi ritratti di uomo sulla china dell' autodistruzione in un film dal plumbeo e intenso fascino. Interpretato da un ottimo Oscar Isaac, l' ascetico William Tell è un giocatore [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 settembre 2021
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Sul finale di Affliction, il cinema di Paul Schrader ha conosciuto la sua frattura più profonda. L'ultimo scontro tra il figlio, Nick Nolte, e il padre, interpretato da un James Coburn ai suoi massimi, era il preludio a un nuovo millennio feroce, dove il massacro sostituiva il sentimento, la violenza era l'unico linguaggio conosciuto, in una provincia innevata, con la tragedia alle porte.

giovedì 2 settembre 2021
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

William Tell (!) è un giocatore di carte professionista. Viaggia per le highways d'America, gira per i casinò, tra le luci ipnotiche di Atlantic City o di qualche altra città "folle" e vince a blackjack senza dare troppo nell'occhio. Ogni tanto una puntata ai tavoli da poker e il gioco è fatto. Nessun rischio inutile, nessun'ambizione da grande colpo.

NEWS
MOSTRA DI VENEZIA
giovedì 2 settembre 2021
Paola Casella

La denuncia di un modello politico in cui non sono le mele ad esser marce, ma i cestini. In Concorso a Venezia 78. Vai all'articolo »

OVERVIEW
martedì 31 agosto 2021
Giorgio Crico

Diretto da Paul Schrader, in Concorso a Venezia 78 e dal 3 settembre al cinema. Vai all'articolo »

POSTER
martedì 24 agosto 2021
 

Raccontato con l'intensità che è da sempre il marchio di fabbrica dello sceneggiatore e regista Paul Schrader, il film vede come protagonista Oscar Isaac nel ruolo di William Tell, un ex militare che vive nell'ombra come giocatore d'azzardo di piccolo [...]

CELEBRITIES
venerdì 27 agosto 2021
 

Torna al cinema uno dei veterani del cinema, Paul Schrader, questa volta dietro alla macchina da presa per dirigere Willem Dafoe e Oscar Isaac ne Il collezionista di carte, film in concorso alla 78. Mostra del Cinema di Venezia e al cinema dal 3 settembre. [...]

NEWS
giovedì 5 agosto 2021
 

Un giocatore d'azzardo decide di aiutare un ragazzo in cerca di vendetta. Vai all'articolo »

TRAILER
giovedì 5 agosto 2021
 

Dei fantasmi del passato non ci si libera così facilmente. In Concorso a Venezia 78, il film di Paul Schrader sarà al cinema da giovedì 3 settembre. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati