Tramonto

Film 2018 | Drammatico +13 142 min.

Titolo originaleSunset
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneUngheria, Francia
Durata142 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diLaszlo Nemes
AttoriJuli Jakab, Vlad Ivanov, Evelin Dobos, Marcin Czarnik, Judit Bárdos, Benjamin Dino Balázs Czukor, Susanne Wuest, Björn Freiberg, Levente Molnár, Urs Rechn, Sándor Zsótér.
Uscitalunedì 4 febbraio 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneMovies Inspired
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,97 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Laszlo Nemes. Un film Da vedere 2018 con Juli Jakab, Vlad Ivanov, Evelin Dobos, Marcin Czarnik, Judit Bárdos, Benjamin Dino. Cast completo Titolo originale: Sunset. Genere Drammatico - Ungheria, Francia, 2018, durata 142 minuti. Uscita cinema lunedì 4 febbraio 2019 distribuito da Movies Inspired. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,97 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tramonto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ambientato a Budapest, nel periodo precedente la prima guerra mondiale, il racconto di formazione di una donna. In Italia al Box Office Tramonto ha incassato 15 mila euro .

Consigliato sì!
2,97/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,44
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un mistery elegante, virtuoso, visivamente potente ma non privo di qualche irrisolta ambiguità.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 3 settembre 2018
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 3 settembre 2018

Budapest, 1913. L'Europa austroungarica è all'apice del progresso e dello sviluppo tecnologico. La giovane Irisz Leiter, tornata nella capitale ungherese dopo gli anni spesi a Trieste a studiare come modista, vorrebbe lavorare nella leggendaria cappelleria dei suoi defunti genitori. Ha il nome e le abilità per farlo, ma il nuovo proprietario, il signor Brill, la respinge. Sono attesi ospiti reali e non vuole problemi. Irisz, però, non se ne va, specie dopo aver scoperto l'esistenza di un fratello, Kálmán, che vive nascosto per essere stato protagonista di un oscuro delitto. La ricerca di Kálmán la conduce nel cuore di tenebra di una civiltà sull'orlo della propria rovina.

Dagli inferi del campo di concentramento agli stucchi, i nastri, le perle e gli specchi della più raffinata eleganza mitteleuropea. Ma "dietro la bellezza di quei cappelli, si cela l'orrore del mondo", la vigilia della sanguinosissima prima guerra mondiale.

László Nemes, per il suo secondo e atteso lungometraggio, dopo il pluripremiato Il figlio di Saul, s'interroga sul suicidio dell'Europa all'inizio del secolo scorso, in un'epoca, quella odierna, di altrettanto pericolose tensioni, nemmeno così sotterranee. Non ha una risposta, dunque l'indagine avrà per strumento la macchina da presa, per soggetto la protagonista, per genere il mistery.

Il lavoro di Nemes ha un respiro romanzesco (non a caso Irisz Leiter è una giovane orfana) e un'impostazione visiva potente, cui si combina una regia virtuosa. Lo stile di Sunset non soltanto conferma ma replica quello del primo film: la scelta immersiva, il percorso labirintico, l'evocazione di un mondo che è tanto più efficace quanto più questo mondo viene celato alla vista, nascosto da pesanti tendaggi o dal buio complice della notte. E poi il lavoro sul sonoro: ricercato, esibito. Ma è un attimo che la virtù scolori nel virtuosismo. E Sunset, per quanto visivamente affascinante, non è esente da vizi e problematiche di questo tipo.

Se da una parte, infatti, lo stile di regia è giustificato dagli elementi di mistero del racconto, dall'altra parte accomuna strettamente questo secondo film al primo, finendo per mettere (letteralmente) sotto la stessa luce due orrori non comparabili. I fuochi delle fiaccole di Kálmán e compagni e quelli delle fornaci naziste non dovrebbero essere trattati allo stesso modo, non con i tratti pretenziosi e il gusto per lo spettacolo che l'opera seconda lascia trapelare, dietro la denuncia del marcio e della carneficina industriale a venire.

Come fanno i dialoghi, interamente fatti di domande che ricevono sempre e soltanto risposte evasive, il film nel suo complesso svicola abilmente, mascherando debolezze e ambiguità dietro uno stile raffinato e illusionista.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 19 settembre 2018
vanessa zarastro

La storia del Novecento continua ad affascinare scrittori e registi, anche i più giovani.  L’Europa austroungarica era nel massimo del suo splendore e Vienna sembrava essere la capitale indiscussa della cultura: Sigmond Freud per la psicoanalisi, Gustav Mahler per la musica, Arthur Schnitzler per la letteratura, Adolf Loos per l’architettura, Gustav Klimt ed Egon Schiele per [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 settembre 2018
ROBERT EROICA

#Venezia75 - NAPZALLTA - Concorso - 1913. Budapest. Una modista torna nel luogo della sua infanzia e scopre di avere un fratello segreto. La ricerca non sembra dare frutti concreti e intorno alla ragazza la situazione sociale si fa incandescente. Cosa fare al mondo mentre tutto brucia ? Sembra questa la chiave di volta (parafrasando il titolo di Minervini) di un film magmatico e comunque coerente [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 5 febbraio 2019
Emiliano Morreale
Film TV

Il disastro kitsch di Tramonto ha fatto venire a molti dei dubbi retroattivi su quel film, importante e complesso, che era Il figlio di Saul. Un film che faceva fare un salto alla rappresentazione dell'irrappresentabile, che elaborava un dispositivo complesso, innovativo e (fin troppo?) immersivo per uscire dalle secche dell'opposizione tra "spettacolarizzare per non dimenticare" e "non ti farai alcuna [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 febbraio 2019
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Uno spettro si aggira per l'Europa e prende la forma innocente di una elegante modista in Tramonto di Laszlo Nemes. Angelo sterminatore, nemesi storica, spirito del tempo, incede per tutta la durata del film rendendoci partecipi di eventi che stanno per accadere, in un'Europa di inizio Novecento. Siamo nel 1910, la Belle Epoque illumina la vita della Mitteleuropa, di Parigi, di Vienna e di Budapest, [...] Vai alla recensione »

martedì 5 febbraio 2019
Giulio Sangiorgio
Film TV

Una cartolina. Prima la luce del sole, poi il buio, gradualmente. Un tramonto. Didascalia: Budapest, anni 10. La protagonista, in primo piano, è nascosta da un velo. Írisz. Come l'iride, che nel cinema restringe il campo visivo. Fa Leiter, di cognome, che significa "testa". I genitori erano i padroni di una rinomata cappelleria, in cui lei desiderebbe essere assunta.

lunedì 4 febbraio 2019
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Dall'inferno dell'Olocausto, dalla fine dell'uomo, László Nemes fa un passo indietro e ci catapulta all'alba del Novecento, un attimo prima che il Vecchio Continente decidesse di suicidarsi. Ci riporta a Budapest, nel 1913, e si sofferma sulla giovane Irisz Leiter (Juli Jakab). Arriva nella capitale ungherese nutrendo la speranza di lavorare come modista nel leggendario negozio di cappelli un tempo [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 febbraio 2019
Pietro Masciullo
Sentieri Selvaggi

Budapest, 1913. La giovane Irisz Leiter torna nella sua città natale, sfida il suo passato e impone il suo tempo. Insomma ci costringe a vivere in quella fatidica ora del giorno (o della Storia?) quando luce e buio s'impastano inesorabilmente creando nuove forme e nuovi paradigmi di visione: il tramonto, certo, ma di cosa? Andiamo con ordine. Irisz risponde a un'offerta di lavoro che la coinvolge in [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 febbraio 2019
Federico Pedroni
Duels.it

Una giovane donna entra in un lussuoso negozio di cappelli, le commesse le vanno incontro per aiutarla nella scelta: lei però non è lì per comprare («Poteva dirlo prima», si lamenta la ragazza che si era precipitata da lei) ma per cercare un impiego e, allo stesso tempo, rivendicare un ruolo. Quando il proprietario le chiede come si chiama, lei risponde fiera: è Irisz Leiter, figlia dei fondatori dell'azien [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 febbraio 2019
Roberto Manassero
Cineforum

Il suo secondo film l'ungherese László Nemes l'ha girato come il primo, Il figlio di Saul: pellicola 35mm, camera a mano incollata al personaggio principale, piani sequenza elaborati, confluenza nell'inquadratura di un fuoricampo brulicante di voci, rumori, persone, movimenti. Una forma che è già maniera ma che concettualizza la Storia e il suo divenire circolare e profetico.

lunedì 4 febbraio 2019
Anton Giulio Onofri
Close-Up

Quando il cinema non è, come si è soliti pensarlo, un sogno che per due ore ti trasporta in un altro mondo, ma un risveglio dal torpore prosaico e inerte della vita reale e ti trasporta in un altro mondo sul quale hai fantasticato per anni, immaginandotelo in base agli indizi di una cultura avida di conoscerlo e bagnata della nostalgia di non averci mai vissuto personalmente: a questo fa pensare Napszállta [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
giovedì 7 febbraio 2019
A cura della redazione

Budapest, 1913. L'Europa austroungarica è all'apice del progresso. La giovane Irisz Leiter, tornata nella capitale ungherese dopo gli anni a Trieste per studiare come modista, vorrebbe lavorare nella leggendaria cappelleria dei suoi defunti genitori.

NEWS
giovedì 3 gennaio 2019
 

Budapest, 1913. L'Europa austroungarica è all'apice del progresso e dello sviluppo tecnologico. La giovane Irisz Leiter, tornata nella capitale ungherese dopo gli anni spesi a Trieste a studiare come modista, vorrebbe lavorare nella leggendaria cappelleria [...]

[LINK] FESTIVAL
giovedì 20 settembre 2018
 

Budapest, 1913. L'Europa austroungarica è all'apice del progresso e dello sviluppo tecnologico. La giovane Irisz Leiter, tornata nella capitale ungherese dopo gli anni spesi a Trieste a studiare come modista, vorrebbe lavorare nella leggendaria cappelleria [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati