Chi-Raq

Film 2015 | Drammatico +13 127 min.

Anno2015
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata127 minuti
Regia diSpike Lee
AttoriTeyonah Parris, Samuel L. Jackson, Jennifer Hudson, Wesley Snipes, John Cusack Nick Cannon, Harry Lennix, Steve Harris, Angela Bassett, Dave Chappelle, Val Warner, La La Anthony, Felicia Pearson, Ebony Joy, Michelle Mitchenor, Anya Engel-Adams, D.B. Sweeney.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Spike Lee. Un film con Teyonah Parris, Samuel L. Jackson, Jennifer Hudson, Wesley Snipes, John Cusack. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2015, durata 127 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Chi-Raq tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film è l'adattamento cinematografico della rappresentazione teatrale greca "Lisistrata" di Aristofane. Al Box Office Usa Chi-Raq ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 2,6 milioni di dollari e 1,3 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
C'è il musical e il dramma nel film di Spike Lee, che adotta a modello la commedia greca e stupisce con la capacità di cambiare piano stilistico.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 17 febbraio 2016
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 17 febbraio 2016

Il rapper Demetrius Chi-Raq Dupree è a capo di una gang all black che vede in quella capitanata da Cyclops i rivali. Le sparatorie sono all'ordine del giorno ma quando viene uccisa una bambina la situazione cambia. Lysistrata, la compagna di Demetrius, decide, assieme ad un'attivista afroamericana e a un sacerdote, di iniziare uno sciopero del sesso fino a quando le armi non verranno messe al bando. I maschi vengono presi in contropiede e cercano in qualche modo di non arrendersi al diktat anche se sanno di non avere molte speranze di prevalere.
Il modello questa volta per Spike Lee è alto: la commedia greca classica e, nello specifico, la "Lisistrata" di Aristofane. Colei che promosse sulle scene il primo sciopero del sesso e che affermava:" La cosa non è punto difficile! Basta pigliarli quando sono in fregola, né si posson sfogare uno con l'altro!" Il terreno più che fertile per una rilettura del tema è offerto dalle statistiche che ci ricordano che negli anni che corrispondono alla guerra in Iraq a Chicago ci sono stati più morti ammazzati che sul fronte mediorientale. Ecco allora il titolo e il nome d'arte di uno dei due capi gang che fonde le due località in un annuncio di morte quotidiana.
Lee sembra avere presente la rilettura dei classici compiuta da Woody Allen con La dea dell'amore in cui si fondevano ironia e competenza in materia. La funzione di coro rigorosamente verseggiante è affidata a un Samuel L. Jackson credibile e a proprio agio nel ruolo anche quando gli viene chiesto di fare un più che allusivo riferimento a un altro classico (questa volta del genere bellico cinematografico) oscarizzato nel passato. Ciò che colpisce positivamente è l'assoluta levità con cui il regista passa da un piano stilistico all'altro. C'è il musical, il dramma, l'invettiva, la satira pesante e perfino il grottesco (con il generale fermo alla memoria dell'esercito confederato) ma ogni modalità di approccio al tema riesce a non stridere con quelle che la precedono o che la seguono.
C'è poi la scelta coraggiosa di far guidare la rivolta a una donna afroamericana ma di affidare la predica/invettiva contro le armi e la National Rifle Association a un sacerdote bianco a cui John Cusack offre, nel corso della cerimonia funebre per la bambina uccisa, una vasta gamma di accenti che vanno dall'accorato al brutalmente accusatorio. Perché Lee non va a cercare la causa della violenza in chissà quale remota congiura ma ci ricorda che della NRA fanno parte bianchi e neri e si concentra sugli afroamericani di Chicago per ricordare ai propri fratelli quanto ci sia di responsabilità individuale in quella cartina degli Usa che apre il film e che la grafica satura di armi di ogni tipo e misura. Un monito che sembra sia stato piuttosto inascoltato dato che il film non ha avuto un grande successo in patria.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
NEWS
BERLINALE
sabato 20 febbraio 2016
Gabriele Niola

Tra i nomi maggiori del Festival di Berlino ci sono almeno 10 registi che in carriera già hanno vinto premi importanti, sono quelli più attesi e seguiti, i più originali e meno conformisti. Per quanto un festival si misuri sulla capacità di attirare [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati