Passannante

Film 2011 | Drammatico

Regia di Sergio Colabona. Un film con Fabio Troiano, Ulderico Pesce, Andrea Satta, Alberto Gimignani, Bebo Storti. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2011, Uscita cinema venerdì 24 giugno 2011 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Condividi

Aggiungi Passannante tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Passannante, giovane cuoco lucano, vende la propria giacchetta per otto soldi e compra un coltello per un attentato al Re d'Italia. In Italia al Box Office Passannante ha incassato 22,1 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Fra presente e passato per raccontare con una passione verace e contagiosa la storia di un giovane anarchico lucano ucciso dalla violenza di stato.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Dai tumulti di un'Italia appena formata ai disordini di un'Italia in piena decadenza, la storia dell'anarchico Giovanni Passannante viene riesumata e divulgata grazie al lavoro di tre uomini testardi. Nel novembre 1878, Passannante era un giovane cuoco lucano di umili origini e di fervente animo politico, che acquistò coi pochi soldi che aveva in tasca un piccolo coltello con cui cercò di attentare al Re d'Italia Umberto I. Ma, in quel momento, la neonata monarchia di un paese dai forti dissidi non poteva permettersi di fare di un anarchico meridionale un martire per i sostenitori della repubblica, così che Passannante fu condannato a una prigionia disumana, che lo rese cieco e pazzo fino alla fine dei suoi giorni, mentre il suo paese d'origine, Salvia di Lucania, venne ribattezzato Savoia di Lucania. Il suo cervello e il suo cranio furono oggetto di studio delle teorie lombrosiane e sono stati conservati per più di cento anni nel Museo Criminologico di Roma, finché grazie all'opera di un teatrante, un musicista e un giornalista particolarmente caparbi, quei resti hanno trovato degna sepoltura nel paese che ancora rende omaggio alla casata dei nobili rimpatriati.
"Maledetto è il paese che ha bisogno di eroi", diceva Brecht, ma sciagurato è soprattutto quel paese in cui gli eroi rimangono sconosciuti o fatti passare per pazzi esaltati. Dopo aver riscoperto le grandi contraddizioni dell'Unità d'Italia attraverso l'epopea dei cospiratori perdenti di Mario Martone (Noi credevamo), con Passannante conosciamo un'altra figura tragica e sventurata che ha visto i suoi ideali rivoluzionari sacrificati sull'altare di una patria embrionale da farsi devota alla monarchia. Al contrario del feuilleton di Martone, in cui i moniti al presente restavano visibili in filigrana e pulsavano nel sottotesto politico degli ideali caduti, nel film di Sergio Colabona gli echi fra presente e passato si costruiscono come una sorta di staffetta, un percorso parallelo che intreccia nel modello della docu-fiction la ricostruzione dell'operato sia artistico che civile di Ulderico Pesce, Andrea Satta e di Alessandro De Feo (giornalista dell'Espresso che ha dato visibilità alla loro causa e che qui trova il volto di Alberto Gimignani), con i principali momenti della vita dell'anarchico lucano.
Nel continuo passaggio fra le due dimensioni, si possono leggere tutta la passione per la causa repubblicana e anti-monarchica del ribelle che la violenza di stato costrinse a passare per pazzo, così come tutte le frustrazioni del percorso civile portato avanti dai tre protagonisti. L'esperienza televisiva di Colabona gli garantisce di sapersi orientare fra un'eterogeneità di materiali impiegati (oltre al racconto in costume e alla ricostruzione della battaglia contemporanea, compaiono riprese teatrali, intervalli musicali e sequenze di telegiornali), ma non di saperli gestire in funzione di una sintesi che accolga un'identità propriamente cinematografica. I passaggi fra i vari momenti mostrano un certo disagio nel dare un senso di continuità fra le due storie parallele e donano una connotazione farraginosa alla coscienza politica dell'intera opera. Dalla discreta ricostruzione in costume del personaggio di Passannante e dalle buone interpretazioni di Fabio Troiano e Luca Lionello, si passa a una rappresentazione del presente che mette insieme momenti differenti e qualitativamente discontinui, in cui le suggestioni musicali dei Têtes de Bois si combinano con gli spettacoli di Ulderico Pesce e i siparietti grotteschi ambientati fra le stanze del Ministero di Grazia e Giustizia, in compagnia dei vari guardasigilli che si sono succeduti negli anni Duemila. Sono questi momenti in particolare a esibire un'idea piuttosto amatoriale della satira e a rivelare eccessivamente la missione pedagogica del progetto. E tuttavia, la qualità altalenante del progetto non opacizza la sua passione anti-monarchica, anzi: per quanto il film non abbia certo la potenza evocativa di un'orazione civile, riesce a trasmettere questa ribellione in maniera più verace ed estremamente contagiosa.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?

PASSANNANTE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 26 agosto 2011
garret48

non ho visto il film ma lo compro per tenerlo nella mia cineteca cosa può esserci di più offensivo di seppellire vivo un uomo... dopo averlo visto esprimerò un voto ma sono certo che sarà 5 stelle

lunedì 11 luglio 2011
giovannispada

Finalmente un po' di biasimo in questa festa al risparmio dei 150 anni dell'invenzione della nazione italiana. Non un'altra storia, ma la storia con tutti i suoi protagonisti, i Savoia e i contadini sfruttati dai latifondisti sabaudi, l'esercito regio e i repubblicani, gli esegeti dello Statuto Albertino e gli analfabeti, la regina e le famiglie in manicomio.

mercoledì 29 giugno 2011
Manolo Tocker

Per onorare Passannante sarebbe doveroso cambiare nome al paese e non seppellirvi i resti. leggere: Tommaso Jardella La berretta del cuoco

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Piccino
Il Manifesto

Il nome di Giovanni Passannante è uno di quelli che nei nostri testi di storia non si trova, o quando accade occupa una riga veloce, è colui che ferì, nel 1878 a Napoli, il re Umberto I di Savoia. Voleva ucciderlo ma aveva in mano un coltellino che a sua altezza fece appena un graffio. A leggere i racconti «storici» del fatto fu più il trambusto, la regina Margherita che gridava, la folla impazzita, [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Leggete la recensione di The Conspirator qui sotto, cambiate alcuni nomi (Umberto I di Savoia al posto di Lincoln, Passannante al posto di Booth) e la sostanza non cambia: la storia di un «tirannicidio» e della maledizione politica che coglierà l’assassino. Con la differenza, non da poco, che Giovanni Passannante non era tecnicamente un «assassino», perché il suo attentato (avvenuto a Napoli nel 1878) [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati